Articoli

Marco Falaguasta al Teatro Francesco Cilea

Marco Falaguasta al Teatro Francesco Cilea, in “Neanche il tempo di piacersi” sabato 22 gennaio


Marco Falaguasta al Teatro Francesco Cilea. Il suo sorriso è disarmante come i suoi grandi occhi scuri che non celano l’emozione di calcare per la prima volta, il palco del teatro “Francesco Cilea”

Marco Falaguasta al Teatro Francesco Cilea, sabato 22 Gennaio e aprire l’anno nuovo dell’Officina dell’Arte di Peppe Piromalli che, nonostante le difficoltà del periodo, ha scelto di portare avanti la stagione teatrale applicando naturalmente tutte le normative anti Covid19.

L’attore romano Marco Falaguasta sarà il protagonista di un emozionante e divertente one man show, “Neanche il tempo di piacersi”, un monologo di un’ora e mezza dove racconterà la quotidianità di cui siamo protagonisti.

“Sono emozionato e felice di venire a Reggio Calabria e riaprire la stagione dell’Oda.


Marco Falaguasta al Teatro Francesco Cilea
Marco Falaguasta al Teatro Francesco Cilea

Piromalli ha messo in conto i rischi che può portare questa scelta coraggiosa ma piena d’amore avverando un sogno collettivo perché l’arte non può fermarsi.

Certo, dobbiamo stare attenti e rispettare tutti i protocolli anti contagio ma non possiamo smettere di sorridere e vivere l’arte.

Mi confronterò con il pubblico e parleremo di tutto ciò che è cambiato dagli anni ’80 ad oggi – racconta l’istrionico attore romano -.

In quegli anni, eravamo convinti che le cose sarebbero andate ancora meglio: il primo decennio registra gravi fatti di sangue, segna la fine degli “Anni di piombo” e l’inizio di una nuova stagione di fiducia e positività.

I miei anni ‘80 sono stati spensierati, l’Italia aveva vinto i Mondiali, ci si divertiva, ascoltavo musica, vivevo con leggerezza come fanno tutti i ragazzi.

Non credo che i giovani di oggi siano scontenti della quotidianità, certo avranno i loro piccoli problemi, screzi amorosi, preoccupazioni scolastiche come le avevamo anche noi”.

Con estrema naturalezza, Marco analizza quel tempo andato via e il periodo attuale, prova a comprendere i codici dei giovani di oggi e ad andare oltre il giudizio degli adulti che, spesso a causa delle loro certezze, innesca conflitti e difficoltà di interazione.

“E’ uno spettacolo molto interattivo nel quale chiederò al pubblico cosa ne pensa.

Ci divertiremo e ci saranno momenti nei quali racconterò tanto di me. E’ una satira sociale che ci farà ridere ma anche, ci porterà a pensare da dove siamo partiti e dove siamo arrivati – aggiunge il protagonista -. 

Il teatro, la vita stessa è un continuo confronto e questo è quell’elemento che ci fa sentire meno soli e meno impauriti.

Per vincere la paura bisogna dialogare.

Questa terribile pandemia ci ha tolto tanto in questi due anni ma non possiamo permettere più che ci venga negata la possibilità di confrontarci, dare spazio alle nostre emozioni, vivere l’arte e i teatri. E allora, torniamo a sorridere e alleggeriamo questa tensione che ci rende cupi e tristi”.

La stand-up comedy “Neanche il tempo di piacersi” rievoca sane consuetudini di anni non troppo lontani e obbliga lo spettatore ad un riesame del presente ponendo questa domanda: se è inevitabile che i cambiamenti vi siano, è altrettanto giusto accettarli finendo per subirli?

“Assolutamente no – risponde il vulcanico Falaguasta -. I cambiamenti ci sono e ci saranno sempre.

L’evoluzione va affrontata senza troppi turbamenti e con ironia tipica di chi, guardando il mondo con un sorriso, non cede alla malinconia di un qualcosa che non c’è più.

Io farò proprio un’autocritica nei confronti della mia generazione, quella dei cinquantenni, genitori che forse hanno sbagliato in qualche cosa, nel consentire usi e costumi che, ai tempi loro, erano inimmaginabili.

E lo farò con molta ironia, divertendo il pubblico che si ritroverà in tante situazioni, sia come genitori che come adolescenti di una volta”.

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/moda-roma-awards/ https://www.unfotografoinprimafila.it/gabriele-deca-album-la-guerra-della-plastica/

Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”

 

Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”. Ri-partenza, ri-condivisione, ri-appropriazione, ri-costruzione


Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”. Dal 23 al 31 dicembre, performance, letteratura, podcast e nuovi linguaggi per un Natale di riappropriazione al femminile

Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”. Con Chiara Becchimanzi, Paolo Camilli, Giulia Blasi, Le Karma B, Ilaria Palleschi, Eleonora De Nardis e molte altre (e altri)

Centro Culturale Affabulazione – P.zza M. V. Agrippa, 7H, Lido di Ostia RM, Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Dal 23 al 31 dicembre 2021, al Centro Culturale Affabulazione di Ostia (Roma) arriva “Ri-Gener-Azioni_Ri-partenza, ri-condivisione, ri-appropriazione, ri-costruzione”:

Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”
Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”

festival multidisciplinare e gratuito di performance, letteratura, formazione e nuovi linguaggi per un Natale di riappropriazione al femminile, ma anche di condivisione e arricchimento, in compagnia di Chiara Becchimanzi, Paolo Camilli, Giulia Blasi, Le Karma B, Ilaria Palleschi, Eleonora De Nardis e molte altre (e altri).

Una staffetta di 13 appuntamenti che spaziano tra generi, modalità di svolgimento e target, per immergersi, scoprire ed esplorare tematiche care da anni alla compagnia Valdrada:

l’educazione sentimentale, affettiva e sessuale, la riscoperta (e ridefinizione) culturale, sociale e politica del corpo femminile, il tutto condito dal grande pinzimonio dell’ironia, filtro liberatorio e generatore di complicità.

Si parte il 23 dicembre online con “A ciascuna il suo”, podcast erotico-comico – disponibile su spreaker, spotify, e youtube – ispirato al romanzo omonimo, divenuto negli anni un fenomeno web e inserito nella programmazione del Festival Nazionale del Podcasting 2020 e 2021, con tre super ospiti in ognuna delle puntate:

il 23 dicembre sarà ospite del podcast Paolo Camilli, attore, content creator, influencer e comedian;

Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”
Compagnia Valdrada Teatro presenta “Ri-Gener-Azioni”

il 27 dicembre, Giulia Blasi, scrittrice, conduttrice radiofonica e giornalista; il 31 dicembre, Le Karma B – Mauro Leonardi e Carmelo Pappalardo – straordinario duo drag ospite fisso di Propaganda Live. 

Il 26 dicembre doppio appuntamento in presenza – alle 16:00 e alle 19:00 – con la lezione drammatizzata per tutte le età “Sogno di un mattino d’inverno” a cura della Compagnia Valdrada: un’antologia delle scene meno conosciute tratte dalle opere più conosciute di William Shakespeare con particolare attenzione ai ruoli femminili.

Mercoledì 29 e giovedì 30 dicembre, “Ri-Gener-Azioni” prosegue il percorso diretto alla “ri-appropriazione” del corpo in tutte le sue possibili espressioni con il “Festival della vagina felice”, a cura di Giulia Manno: due giorni di incontri, laboratori e workshop dedicati alla sessualità e al piacere femminile, con lo scopo di normalizzare il rapporto con la propria intimità grazie ad un dibattito aperto, senza censure né tabù.

Il “Festival della vagina felice” chiude in presenza con la presentazione performativa di “A ciascuna il suo” con Chiara Becchimanzi e con gli interventi dell’illustratrice Ilaria Palleschi, la sessuologa Francesca d’Onofrio, la scrittrice e giornalista Eleonora De Nardis (autrice della postfazione al romanzo) e l’attrice Giorgia Conteduca – co-conduttrice del podcast. Il giorno dopo, 31 dicembre, ultimo appuntamento online di “Ri-Gener-Azioni” con la terza puntata del podcast “A ciascuna il suo”.

Partner del progetto, sostenuto dalla Regione Lazio nell’ambito dell’Avviso Pubblico ripartenza culturale: Affabulazione e Teatro del Lido, l’Asilo nel Bosco, Le Lupe, il Festival della Vagina Felice.

Attività in presenza presso il
Centro Culturale Affabulazione

P.zza M. V Agrippa, 7h

ingresso gratuito prenotazione obbligatoria a prenotazioni.valdrada@gmail.com  (nella prenotazione va specificato l’oggetto come indicato nel programma)

Per partecipare alle attività in presenza è obbligatorio per tuttə gli/le over 12 esibire il green pass.

Evento Fb: https://fb.me/e/2172T8FZc

Ufficio Stampa HF4

Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 340.96.900.12

Alessandra Zoia alessandra.zoia@hf4.it 333 76 23 013

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/room-26-presenta-tommy-vee-special-guest-di-natale/

https://www.unfotografoinprimafila.it/spazio-rossellini-roma-la-bestia-dentro/

Teatro Il Metropilitano “Ricordi, racconti e musica dei Beatles”.

Teatro Il Metropilitano “Ricordi, racconti e musica dei Beatles”. Ricordi, musica, racconti inediti in una serata dedicata ai Beatles con le più belle ed indimenticabili canzoni del famoso gruppo di Liverpool.


Domenica 21 novembre al cine Teatro Il Metropolitano alle ore 18, andrà in scena il live musicale inserito nella stagione dell’Officina dell’Arte di Peppe Piromalli.

Teatro Il Metropilitano “Ricordi, racconti e musica dei Beatles”. In sinergia con il presidente dell’associazione L’Amaca, Antonio Calabrò, ha scelto di omaggiare una delle band più amate al mondo con un repertorio vario che spazia dal rock’n’roll alle ballate più famose.

Sedici brani interpretati dagli eccelsi musicisti reggini Alessandra Vadalà, Roberto Giriolo, Salvatore Annaloro, Mauro Cozzupoli, Franco Amodeo, Pino Marraffa e Fortunato De Stefano.

Insieme alle speaker Adele Briganti e Mary Foti, ricorderanno i magnifici lavori dei ragazzi di Liverpool, in un’atmosfera che spazia dalle sessions elettriche alle rivisitazioni acustiche di alcuni brani storici.

Teatro Il Metropilitano “Ricordi, racconti e musica dei Beatles”.
 
Teatro Il Metropilitano “Ricordi, racconti e musica dei Beatles”

“Sarà una serata all’insegna della musica, del colore, dell’allegria con tante incursioni anche in platea – afferma il presidente Calabrò -.

E’ difficile immaginare la musica moderna senza i Beatles per questo, insieme al direttore artistico dell’Oda, Peppe Piromalli, abbiamo pensato ad un live dedicato al pop rock occidentale angloamericano che ha raggiunto il suo massimo livello artistico proprio con questo gruppo.

Canzoni scolpite nella storia della musica, racconti e memorie di un’epoca irripetibile saranno le chicche di uno show che ripercorrerà in quasi due ore, la storia e la carriera dei Beatles”.

Teatro Il Metropilitano “Ricordi, racconti e musica dei Beatles”. I baronetti di Liverpool hanno unito generazioni lanciando messaggi di pace e fratellanza sulle note di “All You Need is Love”.

Messaggi mai banali, sempre attuali e che, purtroppo, con la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, il mondo ha dimenticato.

“Passano gli anni, ma le generazioni non possono fare a meno dei Beatles perché senza di loro, le persone che abitano questa terra sono decisamente più tristi – continua Calabrò -.

I “Fab Four” (favolosi 4) sono un fenomeno artistico globale, musicale, commerciale e di costume e hanno segnato musicalmente un’epoca.

I Beatles rappresentano un fenomeno duraturo e rappresentativo nella storia della musica contemporanea, interpreti di un periodo storico contraddistinto da innovazione e tensioni sociali nel quale i giovani giocarono un ruolo primario.

Lo avevano capito i quattro ragazzi di Liverpool, tant’è che Paul Mc Cartney più volte affermò che “i Beatles non erano stati i leader di una generazione, ma i suoi portavoce”.

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/larte-urbana-approda-nel-nuovo-mercato-finanziario/

https://www.unfotografoinprimafila.it/messaggio-dei-vescovi-riconciliazione-per-leuropa/

Premio Anima 2021 per il Teatro a Dominio Pubblico.

Premio Anima 2021 per il Teatro a Dominio Pubblico. Valorizzare il contributo apportato da personalità del mondo dell’arte e della cultura alla crescita etica e sensibilizzare imprese e opinione pubblica sull’importanza della responsabilità sociale e della sostenibilità come fattori strategici di sviluppo del nostro Paese.


Questa la principale finalità del Premio Anima, ideato da Anima per il sociale nei valori d’impresa, la non profit promossa da Unindustria e giunto quest’anno alla XX edizione, trasmessa in diretta streaming sul canale di Anima.

Premio Anima 2021 per il Teatro a Dominio Pubblico. I vincitori – nelle categorie Cinema, Fotografia, Giornalismo, Letteratura, Teatro e Premio Speciale 2021 saranno premiati da una Giuria, presieduta da Luigi Abete, e composta da:

Premio Anima 2021 per il Teatro a Dominio Pubblico.
Premio Anima 2021 per il Teatro a Dominio Pubblico.

Giovanni Anversa, Camilla Baresani, Maite Carpio Bulgari, Antonio Calabrò, Angelo Camilli, Innocenzo Cipolletta, Gianluca Comin, Paolo Conti, Silvia De Dominicis, Domenico De Masi, Anselma Dell’Olio, Laura Delli Colli, Isabella Ferretti,

Giampaolo Letta, Annamaria Malato, Pepi Marchetti Franchi, Myrta Merlino, Michele Mirabella, Mirella Serri, Carlo Tamburi, Claudia Terracina, Luisa Todini, Marina Valensise.

Alla Giuria del Premio Anima partecipano di diritto i rappresentanti delle istituzioni locali: Lorenza Fruci, Assessore alla Crescita culturale di Roma Capitale e Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio con delega alle politiche culturali.

Cambiamento climatico, parità di diritti, future generazioni: sono i temi cruciali di questa edizione.

Tematiche che rimandano a scenari differenti ma che possono essere riunite sotto l’unico tema dell’attenzione alle fragilità: quella dell’ecosistema naturale in cui viviamo, quella della tenuta dei nostri sistemi socio-economici e quella delle promesse rivolte alle future generazioni.

Vincitore per il Teatro del Premio Anima 2021 è Dominio Pubblico – La Città agli Under 25: l’11 ottobre alle 18.00 presso la Terrazza Caffarelli in Campidoglio, ritirano il premio il Direttore artistico Tiziano Panici e Fabio Morgan, direttore generale e co-fondatore di Dominio Pubblico.

Per Dominio Pubblico, un riconoscimento alla qualità di un progetto artistico che mette al centro le generazioni future.

Dominio Pubblico (DP) è un progetto di audience development e community engagement rivolto a ragazzi e ragazze Under 25 che vogliano sperimentarsi in un percorso da spettatori attivi, finalizzato alla conoscenza della scena contemporanea e alla produzione, promozione e organizzazione del festival multidisciplinare Dominio Pubblico – La Città agli Under 25, che giungerà nell’estate del 2022 alla sua nona edizione.

Il progetto nasce nel 2013 dall’incontro delle direzioni artistiche di Teatro Argot Studio e Teatro dell’Orologio, due storici spazi off romani, e grazie alla collaborazione con il drammaturgo e regista Luca Ricci, direttore di due dei più importanti progetti di community engagement riconosciuti sia in Italia che all’estero.

Oggi il progetto può contare su una comunità di oltre 800 ragazzi formatasi attraverso gli anni. In otto anni il Festival di Dominio Pubblico è stato in grado di programmare per ogni edizione oltre 30 eventi tra spettacoli – mostre – proiezioni -eventi speciali – workshop e concerti negli spazi del Teatro India – Teatro di Roma e Spazio Rossellini – Polo Culturale Multidisciplinare Regionale, con un progressivo incremento di pubblico e una costante attenzione da parte degli stakeholder nazionali: ogni anno vengono programmati al festival oltre 100 giovani artisti, che spesso affrontano il pubblico per la prima volta.

Il festival ha registrato negli ultimi anni una media di 5.000 presenze. Dominio Pubblico inoltre è promotore della rete nazionale Risonanze – Network per la diffusione e tutela del Teatro Under 30, per cui si impegna a programmare gli spettacoli segnalati dalla vetrina Generazione Risonanze e dal Premio Cantiere Risonanze.

Qui l’elenco di tutti i vincitori del Premio Anima 2021:

PREMIO PER IL CINEMA A “COSA SARA’” – REGIA DI FRANCESCO BRUNI. CON KIM ROSSI STUART, RAFFAELLA LEBBORONI – VISION DISTRIBUTION

Per la delicatezza e la sensibilità con cui affronta il tema della malattia e delle fragilità umane, un prezioso inno alla vita e un incoraggiamento alla ripartenza, ancora più significativi in questo particolare momento storico. Ritira il premio Raffaella Lebboroni.

PREMIO PER LA FOTOGRAFIA A STEFANO UNTERTHINER

Per la qualità di un lavoro che unisce impegno ambientale ed efficacia della narrazione. Ritira il premio Stefano Unterthiner.

PREMIO PER IL GIORNALISMO A FRANCESCA MANNOCCHI

Per la professionalità, la grazia e la sensibilità che caratterizzano il suo lavoro di inchiesta e di reportage nei contesti più difficili. Ritira il premio Francesca Mannocchi.

PREMIO PER LA LETTERATURA: “L’UNICA PERSONA NERA NELLA STANZA” DI NADEESHA UYANGODA –  66THAND2ND

Un riconoscimento ad un’opera che fa riflettere con freschezza e ironia su temi di profonda attualità quali identità, migrazioni e nuove generazioni. Ritira il premio Nadeesha Uyangoda.

PREMIO SPECIALE A ANDREA VIANELLO

Per il percorso professionale e personale caratterizzato dalla costante attenzione e dedizione ai temi sociali e dell’etica, pilastri del Premio Anima. Ritira il premio Andrea Vianello, Direttore di Rai News 24.

MENZIONE SPECIALE:

PER IL CINEMA:LA LEGGE DEL TERREMOTO” – REGIA DI ALESSANDRO PREZIOSI. DOCUMENTARIO – DISTRIBUZIONE CINECITTÀ LUCE

Per la scelta e il coraggio di mantenere alta l’attenzione, sottolineandone gli aspetti umani e sociali, su questi disastrosi fenomeni naturali che hanno segnato e continuano a segnare profondamente la storia del nostro Paese. Ritira il Premio Alessandro Preziosi.

La Presidente di Anima e Vicepresidente di Unindustria con delega al Centro Studi Sabrina Florio dichiara:

Questa edizione del Premio Anima è particolarmente significativa per Anima, perché celebra venti anni di attività e impegno sui temi della sostenibilità, dell’etica e della cultura.

E’ un’edizione in cui passato, presente e futuro, dialogheranno per riflettere insieme sul percorso da intraprendere, concretizzando le sfide poste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e dal Next Generation EU.

Sfide fondamentali per il rilancio di un’economia più capace di futuro, che sappia conciliare benessere socio-ambientale con i temi dello sviluppo, dell’innovazione e della competitività”.

Alla cerimonia di premiazione interverrà in collegamento video Enrico Giovannini, Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e parteciperanno:

il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il Presidente del Premio Anima e della Fondazione Bnl Gruppo Bnp Paribas Luigi Abete, il Presidente di Unindustria Angelo Camilli,

il Presidente di Anima e Vice Presidente di Unindustria Sabrina Florio, l’Assessore alla Crescita Culturale di Roma Capitale Lorenza Fruci, il Presidente del Gruppo tecnico Energia Confindustria Aurelio Regina,

il Presidente della Piccola Industria e del Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria, rispettivamente Fausto Bianchi e Corrado Savoriti.

Tra gli altri, interverrà Silvia De Dominicis, Amministratore Delegato Johnson & Johnson Medical.  Presenterà la serata il giornalista RAI Giovanni Anversa. 

In apertura, canterà Nicky Nicolai e interverrà Federica Gasbarro, attivista per il clima e delegata italiana per Youth4Climate.

Ai vincitori verrà consegnata un’opera di Maria Cristina Finucci: un ricamo di tappi di plastica che forma la lettera “H”, la prima lettera dell’ormai iconico “HELP” delle monumentali installazioni luminose dell’artista; uno straziante grido di aiuto della Natura ormai sopraffatta dall’uomo.

La cerimonia si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio di Regione Lazio, Roma Capitale, RAI Per il Sociale e con il contributo di Unindustria.

Main sponsor: Bnl Gruppo Bnp Paribas. Sponsor: Enel e Johnson & Johnson Medical, Media Partner: Askanews.

Ufficio Stampa Dominio Pubblico – Marta Volterra – tel. 3409690012 –  marta.volterra@hf4.it
Ufficio stampa ANIMA – Floriana Annunziata – tel. 0684499.319 – 3669637030 – floriana.annunziata@animaperilsociale.it – Ufficio stampa UNINDUSTRIA: 0684499.456

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/peppino-di-capri-premio-alla-carriera/

https://www.unfotografoinprimafila.it/agua-ventosa-presenta-il-suo-nuovo-videoclip/

Teatro Biblioteca Quarticciolo TBQ Letteratura e Periferia.

Teatro Biblioteca Quarticciolo TBQ Letteratura e Periferia. Biblioteche di Roma e Teatro Biblioteca Quarticciolo


Teatro Biblioteca Quarticciolo TBQ Letteratura e Periferia. Presentano 19 febbraio – 7 luglio 2021 sul canale Youtube di Biblioteche di Roma e sulle pagine fb @biblioteche.roma, @teatrobibliotecaquarticciolo

Teatro Biblioteca Quarticciolo TBQ Letteratura e Periferia, un progetto di Teatro in collaborazione con Biblioteche di Roma cura di Francesco Pacifico

Sei appuntamenti per raccontare e immaginare le periferie italiane attraverso i romanzi e le/i loro scrittrici e scrittori.

Prossimo incontro 17 marzo ore 17.00 La piazza era in realtà un parcheggio, con Francesco Targhetta, autore de Le vite potenziali (Premio Campiello 2018, Premio Berto 2018 – Mondadori) e la partecipazione della scrittrice Veronica Raimo

#bibliotechediroma #TBQweb #TBQvoices #TiCOnline #teatriincomune #TBQletteraturaeperiferia #TBQLeP

Teatro Biblioteca Quarticciolo TBQ Letteratura e Periferia.
Francesco-Targhetta

TBQ Letteratura e Periferia è un progetto di Teatro Biblioteca Quarticciolo, a cura di Francesco Pacifico, nato durante il primo lockdown.

Dopo le prime due puntate, che hanno visto protagonisti Jonathan Bazzi e Valerio Mattioli, abbiamo deciso di continuare la rassegna con altri sei scrittrici/ttori, avvalendoci questa volta della preziosa collaborazione di Biblioteche di Roma con la quale a gennaio scorso avevamo condiviso l’ideazione e la realizzazione del Giorno della Memoria.

La rassegna nasce per raccontare dei mondi, dei quartieri, delle zone delle città italiane, andando oltre la trama e il destino dei personaggi, per scoprire cosa c’è appena fuori dalla città stessa.

Per noi è importante parlare del romanzo insieme all’architettura, all’urbanistica, alla politica, ecc.

Abbiamo quindi deciso di presentare una serie di romanzi di scrittrici e scrittori italiani e guardare, attraverso le loro scritture, come raccontano il limite della città, le periferie e/o i vari tipi di periferie, o semplicemente dove il centro decide di essere arrivato e dove invece inizia qualcos’altro che non sappiamo bene cosa sia e facciamo quasi sempre fatica a definire.

Dagli spazi della Casa delle Letterature si prosegue, in diretta sul canale Youtube di Biblioteche di Roma e sulle pagine fb @biblioteche.roma, @teatrobibliotecaquarticciolo,il 17 marzo (ore 17), con l’incontrocondotto da Francesco Pacifico,La piazza era in realtà un parcheggio con Francesco Targhetta, autore de Le vite potenziali (Premio Campiello 2018, Premio Berto 2018 – Mondadori) e la partecipazione della scrittrice Veronica Raimo.

Francesco Targhetta, già protagonista di un piccolo caso letterario con il romanzo in versi Perciò veniamo bene nelle fotografie, si cimenta ora nell’impresa ambiziosissima di ritrarre il nostro presente in continuo divenire, attraverso lo sguardo di un gruppo di trentacinquenni che – con un piede intrappolato nel mondo del web e uno ben piantato nei sobborghi in cemento di quello reale – cercano timidamente di costruirsi un futuro.

Per mezzo di una prosa esatta e al tempo stesso intima, crepuscolare, questo romanzo si interroga su cosa stiano diventando le nostre vite, deviate e attratte ogni giorno da mille potenzialità, e su cosa potremmo diventare noi, chiamati insieme al dovere di essere felici e a quello di accelerare sempre di più la velocità del mondo.

Al centro de Le vite potenziali ci sono tre vite, tre visioni del mondo, tre modi diversi e complementari di sopravvivere alla contemporaneità. Il loro spazio è la Albecom, azienda informatica che sorge alla periferia di Marghera.

Gli altri quattro incontri sono sempre condotti da Francesco Pacifico, in data e orario in via di definizione.

Nicola Lagioia, in dialogocon Antonella Lattanzi, con La città dei vivi (Einaudi)ci conducein un anonimo appartamento della periferia romana per raccontare di due ragazzi di buona famiglia di nome Manuel Foffo e Marco Prato che, a marzo 2016, seviziano per ore un ragazzo più giovane, Luca Varani, portandolo a una morte lenta e terribile; interviene.

Alessio Forgione, insieme a Lisa Ginzburg, con Giovanissimi (NN Editore) racconta la storia di Marocco, quattordicenne che vive con il padre a Soccavo, un quartiere di Napoli, e della sua ferita aperta che non gli dà pace provocata dall’abbandono della madre, senza aver mai ricevuto sue notizie.

Giorgio Vasta, coninterventi diChristian Raimo, con Il tempo materiale (minimum fax)ci spostiamo a Palermo con la storia di Nimbo e dei suoi amici che sentono il vento di Roma nell’annus horribilis della storia repubblicana – le Brigate Rosse e il sequestro Moro – e, disgustati dal provincialismo senza scampo dell’Italia, si scollano lentamente dalla realtà fondando una loro cellula terrorista.

Infine Giorgio Falco con L’ubicazione del bene (Einaudi)ci si concentra sull’hinterland milanese dove a venti chilometri in automobile dal lavoro e dal supermercato, come accade ai bordi di ogni metropoli, la città continua e diventa un altro luogo, Cortesforza, un luogo tanto più vero quanto più è immaginario; ospite dell’incontro Nicolò Porcelluzzi.

Info:

Biblioteche di Roma

Ufficio Comunicazione

Maria Teresa Rago

m.rago@bibliotechediroma.it

Ufficio Stampa

Paola Belluscio

p.belluscio@bibliotechediroma.it

Ufficio Attività Culturali

Simona Cives

s.cives@bibliotechediroma.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/14/re-inventaria-2020-annunciati-i-vincitori/

https://www.unfotografoinprimafila.it/in-altre-parole-rassegna-internazionale-di-drammaturgia-contemporanea/

Teatro Piccolo Eliseo “Roma Fringe Festival 2021”.

Teatro Piccolo Eliseo “Roma Fringe Festival 2021”. Bando aperto per il 2021, con la nona edizione dall’11 al 24 aprile al Teatro Piccolo Eliseo e il nuovo FringeTube


Teatro Piccolo Eliseo “Roma Fringe Festival 2021”. Si svolgerà dall’11 al 24 aprile 2021 al Teatro Piccolo Eliseo, con serata finale il 26 aprile al Teatro Vascello, la nona edizione del Roma Fringe Festival che dal 19 febbraio apre il bando di partecipazione a compagnie teatrali, associazioni e singoli artisti.

Teatro Piccolo Eliseo “Roma Fringe Festival 2021”. Rigorosamente destinato al teatro indipendente, sempre, ancora una volta, senza tradire la sua mission, il Roma Fringe Festival si prepara così a tornare e a confermarsi, anche in tempo di covid, come uno dei fenomeni di spettacolo dal vivo più eclettici.

Un punto di riferimento per tutti gli artisti indipendenti che quest’anno dovranno confrontarsi anche con il digitale e l’introduzione della nuova sezione Fringe Tube dedicata alle nuove forme di drammaturgia che utilizzano i nuovi media e le neotecnologie Streaming.

Dal vivo e online, il Roma Fringe Festival conferma il Comitato Artistico dello scorso anno, presieduta da Manuela Kusterman e composta da Raffaella Azim, Pierpaolo Sepe, Valentino Orfeo, Italo Moscati, Pasquale Pesce, Antonio Rezza, Flavia Mastrella, Ferruccio Marotti, con l’aggiunta di un nuovo importante nome:

Luca Barbareschi, che per la nuova edizione ha messo a disposizione il Piccolo Eliseo, lo storico teatro romano, testimone di un secolo di arte italiana e internazionale.

Dal 2018 con la Direzione Artistica di Fabio Galadini, anche per il 2021 viene confermata l’adesione dei Teatri di Zona Indipendente.

Teatro Piccolo Eliseo “Roma Fringe Festival 2021”.
Teatro Piccolo Eliseo “Roma Fringe Festival 2021”.

Si consolida così il circuito di teatri indipendenti dislocati in tutta Italia che ospiteranno in stagione la compagnia vincitrice del fringe.

Zona indipendente costituita da 12 teatri, tra cui il prestigioso Teatro Vascello di Roma, rappresenta un’inedita proposta italiana alla circuitazione del Teatro Indipendente.

Un progetto destinato a crescere negli anni a venire e che rappresenta una concreta possibilità per le compagnie indipendenti di far conoscere in tutta Italia il proprio lavoro.

La finale, prevista al Teatro Vascello di Roma il 26 aprile, decreterà il vincitore dell’edizione 2021.

Quest’anno è stata introdotta una nuova sezione Il Roma Fringe Festival si svolgerà presso Il Teatro Piccolo Eliseo dall’11 al 24 aprile 2021 e la finale è prevista il 26 aprile al Teatro Vascello di Roma. 

Per partecipare alla IX edizione del Roma Fringe Festival 2021 scaricare il bando sul sito www.romafringefestival.it

Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterramarta.volterra@hf4.it 340.96.900.12
Matteo Glendeningmatteo.glendening@hf4.it 391.13.70.631

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/20/le-lotte-e-lutopia-1968-1970/

https://www.unfotografoinprimafila.it/off-off-theatre-facciamo-luce-sul-teatro/

QUID CHANNEL “Musica, Teatro, Intrattenimento, Cultura”.

QUID CHANNEL “Musica, Teatro, Intrattenimento, Cultura”. Dal palco chiuso per Covid nasce la WebTV del Quid


QUID CHANNEL “Musica, Teatro, Intrattenimento, Cultura”. #QuidChannel Video Spot: https://www.youtube.com/watch?v=Yf6ikO6ot0w&t=17s

QUID CHANNEL “Musica, Teatro, Intrattenimento, Cultura”. In tempo di pandemia accade anche questo: che un palco destinato alla musica dal vivo e attivo da circa quattro anni si trasformi in una WebTV.

QUID CHANNEL “Musica, Teatro, Intrattenimento, Cultura”.
Andrea-Cavazzini-e-Agnese-Lorenzini

È il caso del Quid, locale di Roma che, durante il lockdown, ha dato inizio al suo processo di trasformazione per dar vita ad un canale televisivo online il cui nome è Quid Channel e la cui mission, è quella di essere a disposizione della cultura.

#QuidChannel è il nuovo spazio digitale dedicato agli artisti per veicolare musica, teatro, intrattenimento e cultura sulla rete, come mostra lo spot del canale condiviso sui social: https://www.youtube.com/watch?v=Yf6ikO6ot0w&t=17s . Il progetto televisivo virtuale nasce da un’idea di Fabio Perozzi, Francesco Saverio D’Aquino e Daniele Frontoni.

Tre i format che aprono la programmazione del canale. Si parte con “Quarta Parete, Maschere e Volti del Teatro”, approfondimento dedicato al mondo scenico, curato dal giornalista Andrea Cavazzini che incontra gli interpreti della scena teatrale e i suoi addetti ai lavori; un coro a più voci per raccontare in modo garbato e salottiero, il piacere e la bellezza di un’arte che continua a mancare.

Ospiti di “Quarta Parete”, sono: Roberto Ciufoli, Alda D’Eusanio, Francesca Nunzi, Agnese Lorenzini, Carmen Di Marzio, Pino Ammendola, Francesco Giuffrè, Marco Morandi, Claudia Campagnola, Ottavia Bianchi e Giorgio Latini.

La musicatornerà a fluire con “Quid Live Studio”, il programma che suona forte, sempre condotto da Cavazzini, coadiuvato da Andrea Borrelli (Four Bars) nella rubrica “Quattro Battute” storie di musica, di luoghi e di eroi.

Il format rcconta la musica nelle sue declinazioni, attraverso note di vita di chi da sempre la vive. Tra i tanti musicisti coinvolti ci sono, tra gli altri: Marco Rinalduzzi, Fabio Pignatelli, Pasquale Innarella, Claudio Prosperini, Roberto Guarino, Danilo Cherni, Maurizio Galli e Adika Pongo, a cui seguono gli emergenti Beatrice Gatto, I Sospetti, Nannarao, Marco Vena, Simone Di Leo, Moga e Simona Colonnese.

Con l’autore e scrittore Valerio Molinaro, il Quid Channel trasmette le “Interviste Molinareske”, fugaci chiacchierate che mettono in luce i protagonisti dalla rete al resto del mondo.

Foto, video e curiosità sveleranno i percorsi di tanti beniamini del web e showbusiness, tra cui:

QUID CHANNEL “Musica, Teatro, Intrattenimento, Cultura”.
Roberto-Ciufoli

Luca Vecchi, Lele Sarallo, Riccardo Pirrone, Leonardo Bocci, Alessandro Meta, Andrea De Rosa, Arturo Mariani, Valentino Campitelli, Lorenzo Farina, Claudio “Greg” Gregori e Nicky e Riccardo Cotumaccio.

Quid Channel è il posto che non c’è, dove l’arte si manifesta fisicamente per partire verso la rete, grazie all’utilizzo della sempre più frequente tecnologia streaming.

La voglia di fare e di mettersi in gioco – senza troppo prendersi sul serio – ha portato la crew del Quid ad infrangere (nel senso buono del temine) tutte le regole della televisione così come la conosciamo, nel segno della cultura attiva e della condivisione.

Tanti i progetti in lavorazione, primo fra tutti quello che sarà realizzato sul nuovo green screen montato all’interno del Quide intitolato all’attore Enzo Cerusico.

La tecnologia green screen, presente in misura inedita per Roma, con una metratura di oltre 25 mq,permetterà di viaggiare con la fantasia grazie ad ambientazioni più inaspettate e riprodotte in digitale sul fondale verde.

Ne è un esempio il format nascente dedicato all’intrattenimento e allo spettacolo dal vivo, condotto dai giovani attori Agnese Lorenzini (volto della fiction “Un posto al sole”) e Valerio Riondino, della compagnia Nogu Teatro.

Da segnare in agenda il format per il mare e gli attivisti di Sea Shepherd Italia, oppure quello dedicato alla cucina, con il pizzaiolo e creativo Daniele Frontoni.

Un flusso di cultura e passione che trova la sua sorgente a Roma, in Via Assisi, per poi sfociare nel grande oceano del web.

UFFICIO STAMPA CARLA FABI E ROBERTA SAVONA
Carla: carlafabistampa@gmail.com , 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
FB: https://www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/ – IG: https://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona/?hl=it

SOCIAL MEDIA MANAGER

Paolo: paolo.dicaprio@gmail.com – 333 7763341 / Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789

image006

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/wp/2021/01/19/mago-heldin-torna-in-tv-con-la-magia/

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/free-patrick-zaki-una-maratona-musicale/

Bando Individuazione di 2 Residenze Artistiche.

Bando Individuazione di 2 Residenze Artistiche. Dedicate al Teatro per le nuove generazioni


Bando Individuazione di 2 Residenze Artistiche. Dalla sinergia tra Assitej e TRAC nasce un bando finalizzato all’individuazione di 2 residenze rivolto a compagnie che intendano sviluppare un progetto produttivo per le nuove generazioni.  

Bando Individuazione di 2 Residenze Artistiche. I progetti selezionati saranno ospitati in residenza presso due Poli del TRAC (quello di Novoli e quello di Taranto) tra febbraio e marzo 2021.

Bando Individuazione di 2 Residenze Artistiche. Le Residenze sono previste in presenza, compatibilmente con le disposizioni relative al contenimento dell’emergenza sanitaria in atto.

In caso contrario si prevedrà la modalità da remoto, con la possibilità di un’organizzazione ibrida (immaginando un primo periodo da remoto e un secondo periodo in presenza).

Assitej e TRAC, in sede di valutazione, si riservano di considerare come elementi di premialità ai fini dell’individuazione dei vincitori del bando: i progetti di spettacolo rallentati o bloccati a causa dell’emergenza sanitaria in atto.

I progetti di spettacolo di soggetti cosiddetti trampolino, ovvero non precedentemente scritturati da altre realtà; i progetti che prevedano un incontro con la comunità in forma di anteprima, prova aperta, studio, incontro con fasce specifiche di cittadini o con gruppi di pubblico.

Per partecipare al bando gli artisti/compagnie dovranno candidarsi inviando una mail con oggetto “CANDIDATURA_TRAC PER LE NUOVE GENERAZIONI” all’indirizzoemailinfo@assitej-italia.it entro e non oltre la mezzanotte del 15 gennaio 2021.

I risultati della selezione verranno comunicati entro il 31 gennaio 2021 ai vincitori e successivamente pubblicati sui siti www.assitej.it e  www.tracresidenzeteatrali.it.

Per informazioni inviare una mail con oggetto “INFORMAZIONI BANDO TRAC PER LE NUOVE GENERAZIONI” alla mail info@assitej-italia.it entro il 10 gennaio 2021.

Requisiti e modalità di partecipazione al bando sono consultabili sul sito: www.tracresidenzeteatrali.it/bando-residenze-artistiche-assitej-italia/

assitej

Responsabile Ufficio Stampa Theatron 2.0

Edoardo Borzi | 331 234 4833  

Assistente Ufficio Stampa

Roberta Figliola | 349 837 9056

stampa.theatron@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/wp/2020/12/24/campidoglio-si-illumina-palazzo-senatorio/

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/ambrogio-sparagna-e-i-solisti-dellorchestra-popolare-italiana/

Sembrava quasi che ce l'avessimo fatta.

Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta. Sembrava che potessimo ripartire.


Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta. Teatri, cinema, spettacoli dal vivo sembravano poter ricominciare un poco a vivere e invece siamo stati costretti ad una nuova chiusura, ad un’altra serrata drastica e totale.

Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta. Migliaia di persone hanno perso il lavoro e stanno tentando di reinventarsi. 

Resistiamo tutti, in modi diversi, ma resistiamo: per qualcuno forse è più facile, ma per moltissimi è difficilissimo.

Torneremo ad incontraci in un Teatro, torneremo ad abbracciarci, torneremo a condividere emozioni ed impressioni.

Il sipario si alzerà nuovamente e potremo tornare alla vita, la nostra vita.

Nella speranza che questo possa accadere il prima possibile, auguro a tutti voi un sereno Natale e uno spumeggiante anno nuovo!

Flaminio Boni 

Sembrava quasi che ce l'avessimo fatta.
Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta.

Intervista a Lidia Schillaci: da Operazione trionfo alla vittoria a Tale e quale Show 2020

“Una vera sfida è stato interpretare Mina perché è da sempre la mia cantante preferita, non avrei mai voluto renderle omaggio nel modo sbagliato, per cui è stato parecchio impegnativo e soprattutto un lavoro intenso ed interiore con me stessa.

Questa esperienza mi dà la carica per continuare a credere in me stessa e per proseguire nel mio percorso artistico, sicuramente è stato un percorso bellissimo ed una grande palestra.

Sembrava quasi che ce l'avessimo fatta.
Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta.

PICCOLA BOTTEGA DEGLI ORRORI – CHRISTMAS EDITION

Con questo hashtag la Compagnia de “La Piccola Bottega Degli Orrori” vuole inviare, nel modo che conosce meglio, un augurio per queste feste un po ‘… particolari.

Giampiero Ingrassia e Fabio Canino, diretti dal regista Piero Di Blasio, hanno ripreso le redini di questo cavallo sciolto per fare quadrato e dare forza a tutti i Lavoratori dello Spettacolo, affinché si possa dire: #nonostantetuttobuonefeste

Si sono riuniti, in sicurezza e secondo le prescrizioni, in un teatro chiuso, la Sala Umberto di Roma, ospitati dal suo direttore artistico e produttore Alessandro Longobardi, per girare un video per queste feste 2020.

Sembrava quasi che ce l'avessimo fatta.
Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta.

SU IL SIPARIO – Il nuovo progetto fotografico di Sabrina Dattrino dedicato al mondo del Teatro

Dal 21 dicembre è disponibile on line il nuovo progetto fotografico di Sabrina Dattrino dal titolo Su Il Sipario dedicato al mondo del Teatro.

Su Il Sipario è una celebrazione della bellezza, artistica e umana, ma anche un messaggio di denuncia ed un inno alla resilienza e resistenza.

Sembrava quasi che ce l'avessimo fatta.
Sembrava quasi che ce l’avessimo fatta.

Online fino al 25 dicembre FUGA, A TRE VOCI

Project xx1 crea una nuova esperienza immersiva che si sviluppa su due piani diversi ma complementari: l’audio e la performance dal vivo.

Un rifugio, un telefono, una valigia, la cioccolata e una bici. 

Tre voci distinte, i loro pensieri, le loro sensazioni si intersecano perfettamente in un disegno dalle frequenze binaurali sullo sfondo suggestivo di Villa Pamphilj.

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/il-gospel-di-natale-big-soul-mama/

https://www.buonaseraroma.it/wp/2020/12/23/vasco-rossi-e-sting-sono-i-premi-tenco-2020-artisti/

Teatro Tor Bella Monaca “Variazioni enigmatiche”.

Teatro Tor Bella Monaca “Variazioni enigmatiche”. Dal 28 novembre al 3 dicembre 2020


Teatro Tor Bella Monaca “Variazioni enigmatiche”. Una partita a scacchi, un thriller psicologico, un incontro-scontro tra due uomini legati alla figura di una donna

Teatro Tor Bella Monaca. Glauco Mauri e Roberto Sturno, riportano sulle scene italiane a distanza di vent’anni il loro grande successo Variazioni enigmatichedi Eric-Emmanuel Schmitt. 

Matteo Tarasco è il regista di questo nuovo allestimento, coprodotto dalla Compagnia Mauri Sturno con la Fondazione Teatro della Toscana; la traduzione e l’adattamento sono di Glauco Mauri, le scene di Alessandro Camera, le musiche di Vanja Sturno.

Per molti anni insegnante di filosofia all’università Schmitt il più rappresentato drammaturgo e il più tradotto romanziere di lingua francese, è anche attore e regista teatrale.

Teatro Tor Bella Monaca Variazioni enigmatiche il più autobiografico dei suoi testi è rappresentato ininterrottamente da un quarto di secolo in tutto il mondo.

Teatro Tor Bella Monaca “Variazioni enigmatiche”.
Glauco Mauri e Roberto Sturno

Tra le sue opere teatrali messe in scena in Italia: Il visitatore, Il libertino e Il Vangelo secondo Pilato; quest’ultimo testo messo in scena dalla Compagnia Mauri Sturno nel 2008 è stato portato in tournée per due intere stagioni teatrali.

Variazioni Enigmatiche è una partita a scacchi, un intreccio psicologico, un incontro-scontro tra due uomini legati alla figura di una donna.

Abel Znorko, premio Nobel per la letteratura, per fuggire gli uomini e la volgarità del mondo, si è rifugiato in un’isola sperduta nel mare della Norvegia.

In questa solitudine mantiene vivo, attraverso una corrispondenza amorosa che ormai dura da vent’anni, l’amore per una donna misteriosa mentre Erik Larsen, giornalista, ha addotto il pretesto di un’intervista per poter incontrare lo scrittore. 

Ma qual è il vero motivo dell’incontro?

E perché il grande Abel Znorko, quest’uomo solitario e misantropo, ha accettato per la prima volta di ricevere uno sconosciuto giornalista?

Come in un thriller dei sentimenti, ritmato da drammatici colpi di scena, due uomini si scontrano in un’alternanza di crudeltà e di tenerezza, di ironia feroce e di profonda commozione: Un’intervista che presto si trasforma in un’affannosa, affascinante scoperta di verità taciute.

Evento in streaming

BIGLIETTO UNICO 5 EURO + 1 EURO COMMISSIONE ACQUISTABILE SOLO SU VIVATICKET AL LINK  https://www.vivaticket.com/it/biglietto/variazioni-enigmatiche/154596   

Teatro Tor Bella Monaca – Via Bruno Cirino angolo Via Duilio Cambellotti

Prenotazioni: tel 06 2010579   Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30

Ufficio promozione: ore 10-13.30 e 14.30-19 promozione@teatrotorbellamonaca.it

www.teatrotorbellamonaca.itwww.teatriincomune.roma.it

Direttore artistico: Alessandro Benvenuti

Direttore del teatro: Filippo D’Alessio

Ufficio stampa: Brizzi comunicazione Cecilia Brizzi c.brizzi@brizzicomunicazione.it – Tel 06 39038091 – 39030347 334 1854405

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/il-trac-residenze-digitali-compagnie-e-artisti-pugliesi/

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/napoli-nel-cuore-dedicato-alla-cultura-napoletana/

Teatro Tor Bella Monaca “Variazioni enigmatiche”.
Glauco Mauri e Roberto Sturno
Peppe Piromalli e Gennaro Calabrese messaggio di speranza.

Peppe Piromalli e Gennaro Calabrese messaggio di speranza. “È un momento difficile per tutto il Paese, la gente ha paura, è stanca e preoccupata ma dobbiamo resistere.


Peppe Piromalli e Gennaro Calabrese messaggio di speranza. Solo rispettando le tre regole fondamentali, distanze sociali, indossare la mascherina e igienizzarsi le mani, possiamo sconfiggere il Coronavirus“. 

Gli attori reggini Peppe Piromalli e Gennaro Calabrese stemperano i toni delle accese manifestazioni nelle piazze italiane del comparto artistico e non solo, e dalla riva dello Stretto, lanciano un messaggio di speranza per continuare tutti insieme la battaglia contro la pandemia che ha messo in ginocchio un Paese.

Peppe Piromalli e Gennaro Calabrese messaggio di speranza. “Siamo preoccupati ma fiduciosi che questa grave crisi sanitaria, economica e sociale sia sconfitta.

Ci vuole ancora un po’ di tempo e, soprattutto, dobbiamo tutti rispettare le normative ed essere responsabili – afferma il direttore artistico dell’Officina dell’arte Piromalli -.

Tutelare la salute e il lavoro dei cittadini è un dovere che lo Stato deve garantire al suo popolo ma non dobbiamo lasciare che la rabbia, la paura e la delusione di una nuova chiusura prenda il sopravvento sul raziocinio.

Dobbiamo fare un ulteriore sforzo, accettare le disposizioni del nuovo DPCM del Governo per mettere all’angolo definitivamente un virus che ci ha tolto la nostra quotidianità, il nostro lavoro, i nostri affetti, la possibilità di abbracciarci”. 

L’attore e numero uno dell’Oda aveva già programmato la nuova stagione artistica al “Cilea”, sarebbe dovuta partire a Gennaio 2021 ma “per il momento è rimandata anche se, continueremo a pianificare e a mettere in campo idee da realizzare appena riapriranno i teatri”. 

Il comico e imitatore Calabrese sa bene che “un nuovo lockdown sarà un’ulteriore batosta per il mondo della cultura, dello spettacolo, dello sport, del mondo imprenditoriale ma dobbiamo resistere e continuare ad essere coscienziosi per non mandare in fumo tutti i sacrifici fatti sino ad oggi”. 

“Non è semplice in questo particolare momento storico, conciliare il diritto al lavoro con il diritto alla salute ma non possiamo eliminare questo terribile virus continuando a fare resistenza o a non indossare i dispositivi di protezione – continua Calabrese -.

Io come tanti altri colleghi vivo di arte, di teatro, di spettacoli e mi manca il calore e il contatto con il mio pubblico ma credo che sia necessario adesso, fermarci per salvarci, salvare i nostri cari da questo virulento virus.

Comprendo la protesta di tutti i professionisti e le difficoltà di un Governo che nell’immaginario collettivo, dovrebbe fare sempre meglio, ma dobbiamo stare attenti e rispettare le disposizioni.

Io sfrutterò questo periodo per studiare, scrivere nuovi spettacoli, migliorarmi nell’attesa di poter nuovamente calcare il palco. Facciamo tutti un altro piccolo sforzo per poter tornare a vivere serenamente, riaprire i nostri splendidi teatri e regalare finalmente un po’ di serenità”. 

Peppe Piromalli e Gennaro Calabrese

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/costanzo-non-registra-da-noi-teatro-parioli/

Off/Off Theatre Teatri chiusi un grido di dolore.

Off/Off Theatre Teatri chiusi: “Da sempre chi lavora in teatro è un supereroe e noi, come i supereroi, ritorneremo in difesa di un bene primario, come lo è la cultura in scena”, dall’OFF/OFF Theatre di Roma arriva il messaggio di fiducia e attesa per il ritorno nelle sale.

Off/Off Theatre Teatri chiusi. “Da sempre chi lavora con il teatro è un supereroe, e noi, come i supereroi, ritorneremo in difesa di un bene primario, come lo è la cultura in scena”, con queste parole il Direttore artistico, Silvano Spada lancia un messaggio positivo di resistenza per il ritorno dell’OFF/OFF THEATRE che è solo rimandato al prossimo primo dicembre 2020 – quando avrà termine il periodo restrittivo di questo mese di novembre.

Off/Off Theatre Teatri chiusi. Il programma 2020-2021, realizzato nel segno di grandi nomi della cultura e dello spettacolo, si sarebbe aperto il prossimo 6 novembre con Enrico Lucherini, protagonista di “C’era questo, c’era quello”, con Nunzio Bertolami per la regia di FIlippo Contri.

Off/Off Theatre Teatri chiusi. Alla presentazione stampa il Programma ha suscitato grande interesse dei media e del pubblico (con spettacoli già prenotati e biglietti già venduti) con la conferma dell’OFF/OFF THEATRE come uno dei luoghi più significativi del panorama teatrale romano, dove la sperimentazione artistica e la vivacità giovanile si fondono alla tradizione teatrale.

Off/Off Theatre Teatri Chiusi. Nel Programma, Prosa, Concerti, Cinema, Burlesque ed Eventi tra cui spiccano i nomi di Milena Vukotic, Roberto Herlitzka, Mascia Musy, Galatea Ranzi, Iaia Forte, Francesco Di Leva.

Personaggi dello spettacolo e della TV, come Pino Strabioli, Alda D’Eusanio, Urbano Barberini e Danilo Rea, Mita Medici, Santino Fiorillo, Roberto Ciufoli, insieme a molti giovani autori, attori e registi, fino a concludersi con il ritorno al teatro dopo dieci anni, di Maurizio Costanzo, con “Abolite gli armadi.

Gli Amanti non esistono più”.

La stagione dell’OFF/OFF, ripartirà quindi con uno dei protagonisti del teatro italiano, Roberto Herlitzka in “Donna di Porto Pim”, testo omaggio all’autore Antonio Tabucchi, a cura di Teresa Pedroni (1-3 dicembre).

Dal 4 al 6 dicembre uno spettacolo di Silvano Spada: “Maria José – L’ultima Regina d’Italia” con Elena Croce e, a seguire, ancora 30 spettacoli fino al 10 maggio 2021.

A grande richiesta verrà riprogrammato in gennaio lo spettacolo, protagonista Enrico Lucherini con i suoi aneddoti di 60 anni di carriera e, a maggio, lo spettacolo con Milena Vukotic, “Milena ovvero Emilie du Châtelet”, per la regia di Maurizio Nichetti, con Vukotic nella figura della controversa du Châtelet, geniale mente matematica, con uno spirito libertino e amante di Voltaire.

Off/Off Theatre Teatri Chiusi. Analogamente previsto, in altre eventuali date, il ritorno in scena di Iaia Forte e Roberto Ciufoli.

Tra le altre iniziative culturali in programma, saltate per l’emergenza sanitaria, saranno riprese sicuramente  nei mesi successivi:

Outsight_Landscapes, mostra collettiva di artisti italiani e tedeschi, a cura di Yvonne Andreini, in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania e l’Ambasciata d’Italia a Berlino, nata nell’ambito del festival di arte contemporanea IN/SU/LA, svoltosi a Ventotene, oltre alla serata di consegna del Premio Claudio Nobis, a cura della fondazione omonima, ad un attore/attrice under 35 votato dal pubblico nella stagione 2019-2020 del teatro di Via Giulia.

UFFICIO STAMPA CARLA FABI E ROBERTA SAVONA
Carla 338 4935947 carla@fabighinfanti.it
–  Roberta 340 2640789 savonaroberta@gmail.com
www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavonahttps://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/ristoro-immediato-per-arti-musica-cultura-e-spettacolo/