Biblioteche di Roma "TBQ Letteratura e Periferia".

Biblioteche di Roma e Teatro Biblioteca Quarticciolo presentano TBQ Letteratura e Periferia sul canale Youtube di Biblioteche di Roma


Biblioteche di Roma e Teatro Biblioteca Quarticciolo presentano TBQ Letteratura e Periferiasul canale Youtube di Biblioteche di Roma e sulle pagine fb@biblioteche.roma, @teatrobibliotecaquarticciolo

Biblioteche di Roma “TBQ Letteratura e Periferia”. Prossimo incontro, 14 aprile ore 18.00

Biblioteche di Roma “TBQ Letteratura e Periferia”. Ragazzini dialettali che si attaccano sui flipper con Giorgio Vasta, autore de Il tempo materiale (minimum fax) e la partecipazione dello scrittore Christian Raimo

#bibliotechediroma #TBQweb #TBQvoices #TiCOnline #teatriincomune #TBQletteraturaeperiferia #TBQLeP #laculturaonline #CultureRoma

Dopo gli incontri che hanno visto protagonisti Antonella Lattanzi e Francesco Targhetta, dagli spazi del Teatro Biblioteca Quarticciolo si prosegue, in diretta sul canale Youtube di Biblioteche di Roma e sulle pagine fb @biblioteche.roma e @teatrobibliotecaquarticciolo,il 14 aprile (ore 18), con l’incontrocondotto da Francesco Pacifico,Ragazzini dialettali che si attaccano sui flipper con Giorgio Vasta, autore de Il tempo materiale (minimum fax) e la partecipazione dello scrittore Christian Raimo.

Il tempo materiale. Nel 1978, in una Palermo preistorica e selvaggia, tre ragazzini pieni di passione e ideologia si affacciano al mondo per la prima volta.

Biblioteche di Roma "TBQ Letteratura e Periferia".
Ritratto_Vasta

Tra loro c’è Nimbo – precoce, impaziente, ferino – che attraversa il geroglifico della città convinto di un essere un eletto. Da Palermo, Nimbo e i suoi amici sentono il vento di Roma nell’annus horribilis della storia repubblicana – le Brigate Rosse e il sequestro Moro – e, disgustati dal provincialismo senza scampo dell’Italia, si scollano lentamente dalla realtà fondando una loro cellula terrorista.

Per Nimbo è l’inizio di una discesa notturna che porterà lui e il suo gruppo a progettare attentati con una disperante lucidità, riproducendo in scala tutto il peso tragico di quegli anni. Il tempo materiale è un romanzo crudele e commovente, che fotografa il nostro paese nell’attimo in cui perse definitivamente l’innocenza;

il racconto di una generazione che, nell’incessante rielaborare la propria esperienza, ha sempre rinviato il momento del dolore. Perché il tempo materiale è anche il tempo mancante, quello in cui si sarebbe dovuto amare, e non lo si è fatto.

TBQ Letteratura e Periferia è un progetto di Teatro Biblioteca Quarticciolo, a cura di Francesco Pacifico, nato durante il primo lockdown.

Dopo le prime due puntate, che hanno visto protagonisti Jonathan Bazzi e Valerio Mattioli, abbiamo deciso di continuare la rassegna con altri sei scrittrici/ttori, avvalendoci questa volta della preziosa collaborazione di Biblioteche di Roma con la quale a gennaio scorso avevamo condiviso l’ideazione e la realizzazione del Giorno della Memoria.

La rassegna nasce per raccontare dei mondi, dei quartieri, delle zone delle città italiane, andando oltre la trama e il destino dei personaggi, per scoprire cosa c’è appena fuori dalla città stessa.

Per noi è importante parlare del romanzo insieme all’architettura, all’urbanistica, alla politica, ecc.

Abbiamo quindi deciso di presentare una serie di romanzi di scrittrici e scrittori italiani e guardare, attraverso le loro scritture, come raccontano il limite della città, le periferie e/o i vari tipi di periferie, o semplicemente dove il centro decide di essere arrivato e dove invece inizia qualcos’altro che non sappiamo bene cosa sia e facciamo quasi sempre fatica a definire.

Gli altri tre incontri sono sempre condotti da Francesco Pacifico, in data e orario in via di definizione. Nicola Lagioia, in dialogocon Antonella Lattanzi, con La città dei vivi (Einaudi)ci conducein un anonimo appartamento della periferia romana per raccontare di due ragazzi di buona famiglia di nome Manuel Foffo e Marco Prato che, a marzo 2016, seviziano per ore un ragazzo più giovane, Luca Varani, portandolo a una morte lenta e terribile; interviene.

Alessio Forgione, insieme a Lisa Ginzburg, con Giovanissimi (NN Editore) racconta la storia di Marocco, quattordicenne che vive con il padre a Soccavo, un quartiere di Napoli, e della sua ferita aperta che non gli dà pace provocata dall’abbandono della madre, senza aver mai ricevuto sue notizie.

Infine Giorgio Falco con L’ubicazione del bene (Einaudi)ci si concentra sull’hinterland milanese dove a venti chilometri in automobile dal lavoro e dal supermercato, come accade ai bordi di ogni metropoli, la città continua e diventa un altro luogo, Cortesforza, un luogo tanto più vero quanto più è immaginario; ospite dell’incontro Nicolò Porcelluzzi.

Info:

Biblioteche di Roma

Ufficio Comunicazione

Maria Teresa Rago

m.rago@bibliotechediroma.it

Ufficio Stampa

Paola Belluscio

p.belluscio@bibliotechediroma.it

Ufficio Attività Culturali

Simona Cives

s.cives@bibliotechediroma.it

Teatro Biblioteca Quarticciolo   

Antonino Pirillo mob: 347 8312141 

e-mail: comunicazione@teatrobibliotecaquarticciolo.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/11/teatro-villa-pamphilj-danza-il-tuo-clown/

https://www.unfotografoinprimafila.it/giovanni-neve-nuovo-singolo-astronavi-da-crociera/

Municipio VIII di Roma “Lazio Street Art”

Municipio VIII di Roma “Lazio Street Art”. Cantieri San Paolo – Dialoghi Nuove sfide urbane per la Roma Contemporanea 14 Aprile dalle ore 11:30 alle ore 13:00 in diretta streaming dallo Spazio Rossellini – Polo Culturale Multidisciplinare del Lazio


Municipio VIII di Roma “Lazio Street Art” . Un progetto del Municipio VIII di Roma – a cura di Dominio Pubblico – realizzato con il sostegno della Regione Lazio nell’ambito dell’Avviso Pubblico Lazio Street Art

Municipio VIII di Roma “Lazio Street Art” “ll tessuto urbano somiglia sempre di più a un patchwork scomposto. Cedric Price negli anni Ottanta lo paragonava alle uova strapazzate. Fino a poco tempo fa le dinamiche della città erano governate da una gerarchia spaziale e dal contrasto fra centro e periferia.

Municipio VIII di Roma “Lazio Street Art”
Municipio VIII di Roma “Lazio Street Art”

Il nuovo humus metropolitano, fatto di comunità diverse, culture versatili, intuizioni fertili, richiede una visione diversa che restituisca il senso di appartenenza ai residenti e il desiderio di esplorare ai visitatori esterni, in modo da riconnettere l’infrastruttura materiale ai valori sociali della comunità urbana. – Michele Trimarchi – Tools for Culture

Comunità diverse, culture permeabili, territorio e appartenenza: il 14 aprile 2021, Dominio Pubblico presenta “Cantieri San Paolo”, un progetto del Municipio VIII realizzato con il sostegno della Regione Lazio all’ambito dell’Avviso Pubblico Lazio Street Art grazie al quale sono stati selezionati 10 progetti in tutta la Regione.

Intervengono Albino Ruberti – Capo di Gabinetto della Regione Lazio, Amedeo Ciaccheri – Presidente del Municipio VIII, Francesca Vetrugno – Assessora Politiche Educative e Culturali del Municipio VIII, Flavio Conia – Presidente della Commissione Cultura del Municipio VIII, Maria Teresa Marano – Dirigente scolastica – IIS Cine TV Roberto Rossellini.

Presenta Tiziano Panici – direzione artistica Dominio Pubblico e Project Manager “Cantieri San Paolo”

Dialoghi a cura di Michele Trimarchi: Arda Lelo – storica dell’architettura dialoga con Federica Antonucci – economista della cultura; Michele Trimarchi – economista della cultura dialoga con Marta Leonori – Vicepresidente Commissione Cultura e Turismo della Regione Lazio – Greg Jager e Paolo Colasanti (Gojo) – artisti
Proiezione del docufilm realizzato da Dominio Pubblico in collaborazione con gli studenti dell’IIS Cine TV Roberto Rossellini.

La giornata di inaugurazione istituzionale del progetto, curata da Michele Trimarchi, economista della cultura e direttore del progetto Tools for Culture, presenterà ufficialmente Cantieri San Paolo:

la serie di nuovi interventi di arte urbana che dal 25 marzo 2021 ha visto protagonista il quartiere romano di Valco San Paolo, incastonato in un tessuto sociale e urbano su cui riflettere e da ricomporre.

Un’area apparentemente scomposta ma abitata da fermenti e talenti, in cui residenti e studenti si mescolano in una comunità vivace. 

Un’area che dal 25 marzo vede nuove linee e nuovi colori, grazie a “Cantieri San Paolo”, con la costruzione di nuovi percorsi urbani destinati a stimolare flussi di socialità e scambio, attraverso semplici e incisivi segni grafici che ne delineano rinnovate dinamiche spaziali e culturali.

Ad accompagnare l’inaugurazione ufficiale del progetto, è Dialoghi, un momento di incontro e confronto delle istituzioni con gli operatori e attori della riprogettazione del territorio, per dare voce alle istanze artistiche e operative, congiuntamente agli interlocutori sociali che possono veicolare e promuovere rinnovate idee di tessuto urbano e vivibilità di quelle zone cittadine meno centrali ma pulsanti. 

Le sfide della Roma contemporanea saranno l’oggetto di esplorazione e riflessione da parte di artisti, curatori, urbanisti e operatori culturali che si confronteranno in maniera progettuale sul futuro della capitale insistendo sulle sue periferie, per ri-progettarle in particolar modo per i più giovani, per offrire punti di aggregazione sociali in cui fa incontrare culture diverse e generazioni, le tante anime della città nelle sue tante forme.

Cantieri San Paolo si articola su due progetti principali: Tiber Courtyards, dell’artista Greg Jager e a cura di Michele Trimarchi, che vede il re-design di 2 campi da basket disseminati lungo la zona urbanistica di Valco San Paolo, in collaborazione con Dominio Pubblico;

One Take Project dell’associazione Dominio Pubblico che vede la realizzazione di 3 opere murali, realizzate dagli artisti Leonardo Crudi ed Elia ‘900 nel complesso architettonico dell’Istituto Rossellini, a 80 anni dal primo film del regista al quale la scuola è dedicata.

Le opere di Collettivo 900 del progetto, One Take Project, all’interno del complesso Rossellini, sono aperte al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle ore 18:00.

Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 340.96.900.12
Matteo Glendening press@hf4.it 391.13.70.631

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/giovanni-neve-nuovo-singolo-astronavi-da-crociera/

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/11/teatro-villa-pamphilj-danza-il-tuo-clown/

Giovanni Neve nuovo singolo “Astronavi da Crociera”.

Giovanni Neve nuovo singolo “Astronavi da Crociera”. “Sembra una favola ma è tratto da una storia vera”


Giovanni Neve nuovo singolo “Astronavi da Crociera”. Dopo l’ottimo esordio del suo primo singolo Camini, che in sole due settimane dalla sua uscita ha guadagnato importanti risultati come il primo posto della Classifica RADIO AIRPLAY ABSOLUTE BEGINNERS stilata da ROCKOL

Giovanni Neve nuovo singolo “Astronavi da Crociera”. Classifica relativa agli emergenti più passati dalle radio italiane e il settimo posizionamento in classifica RADIO AIRPLAY EMERGENTI relativo ai singoli pubblicati da etichette indipendenti più passati dalle radio

https://music.youtube.com/watch?v=3Tc-Xn2kKhI&list=OLAK5uy_mp8rFCzD7uNuMMDUj8gmqU6bFm0c1OTp8

E’ tempo di un nuovo capitolo musicale per il cantautore marchigiano Giovanni Neve: Astronavi da crociera, in uscita il 9 aprile per Ventidieci e distribuito da Artist First.

Astronavi da crociera è un pezzo che mostra quel sentimento forte e profondo di rinascita proprio della stagione primaverile e allo stesso tempo riesce ad andare oltre, accarezza lentamente anche l’estate. 

Giovanni Neve nuovo singolo “Astronavi da Crociera”.
Giovanni Neve nuovo singolo “Astronavi da Crociera”.

“Ti porto dentro come l’inno nazionale”.

Racchiude la sensazione che attraversa le prime giornate limpide e luminose di aprile, quando inizi a viaggiare con la mente e ad immaginare tutte le cose più belle che solo l’estate alle porte può riservarti.

Un auspicio questo reso ancora più importante visto il presente attuale, fatto ancora di grande preoccupazione per quello che ci riserverà nelle prossime settimane il futuro.

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/10/enzo-salvi-miglior-attore-al-cortinametraggio/

https://www.unfotografoinprimafila.it/canale-cg-tv-bugie-rosse-e-cattive-inclinazioni/

Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”.

Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”, i thriller scandalo di Pierfrancesco Campanella


Canale CG TV (4504) è un canale completamente nuovo e interamente dedicato al meglio del cinema italiano e internazionale, disponibile gratuitamente per tutti i possessori di una Smart TV Samsung, grazie all’applicazione Samsung TV Plus. L’applicazione Samsung TV Plus è disponibile su tutti i modelli di Smart TV Samsung prodotti a partire dal 2016.

Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”. Cliccando su 4504, Samsung TV Plus offre agli spettatori un accesso diretto a top news, sport, intrattenimento e molto altro.

Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”.
Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”.

È 100% gratuita e non sono richiesti download, registrazioni, carte di credito o sottoscrizioni.

Tra i film in programmazione Bugie rosse e Cattive inclinazioni, le due pellicole scandalo dirette da Pierfrancesco Campanella, che resteranno poi disponibili nella sezione On demand del canale.

Definito – nel periodo della sua uscita al cinema – a metà strada tra Cruising con Al Pacino e i film di Dario Argento, Bugie rosse è un thriller erotico molto spinto, un micidiale mix di sesso a tinte forti e cruda violenza dove si mescolano perversioni di tutti i tipi a un’avvincente storia gialla, carica di tensione, mistero e colpi di scena.

Quasi una risposta italiana a Basic instinct, il sensuale classico con Michael Douglas e Sharon Stone.

Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”.
Canale CG Tv “Bugie rosse e Cattive inclinazioni”.

Un thriller incentrato sulle scabrose vicende di un cronista televisivo interpretato da Tomas Arana e impegnato in uno scottante reportage su alcuni delitti maturati nell’ambiente torbido di una grande città, il quale resta in qualche modo affascinato da quel mondo, grazie anche all’amicizia “particolare” instauratasi con un “ragazzo di vita” cui presta il volto Lorenzo Flaherty.

Fino al momento in cui, tra un omicidio e l’altro, il protagonista comincia a distaccarsi dalla moglie, ovvero una bellissima Gioia Scola che completa il ricco cast di Bugie rosse insieme ad Alida Valli, Natasha Hovey, Barbara Scoppa, Gianfranco Jannuzzo, Paolo Calissano, Gianna Paola Scaffidi, Carolyn Spence, Rodolfo Corsato e Gianni Franco.

Da Eva Robin’s a Mirca Viola, passando per Elisabetta Cavallotti, Elisabetta Rocchetti, Florinda Bolkan e Franco Nero, altrettanto ricco è il cast di Cattive inclinazioni, che ha fatto molto discutere per l’eccesso di alcune sequenze di uccisione, nonché per la scioccante morbosità delle scene di sesso “particolare”.

Un cast di sfacciata impronta “cult” per un noir “grottesco” con venature surreali mirato ad ironizzare sulla tradizione dei gialli all’italiana destrutturandone l’impalcatura narrativa e rientrante tra i primi lungometraggi italiani girati completamente in digitale e successivamente “trasformati” in pellicola 35 mm per poter essere proiettati nelle sale cinematografiche.

Con una rivelazione finale che lascia emergere una denuncia nei confronti dell’emulazione e della speculazione mediatica.

Un espediente di Campanella per puntare l’indice verso le trasmissioni televisive che, al fine di assecondare le logiche d’ascolto di rete, trattano i casi di cronaca nera sollecitando gli istinti maggiormente bassi di un pubblico sempre più assetato di notizie scioccanti.

Sesso, sangue e tensione, quindi vi aspettano su CG Tv con Bugie rosse e Cattive inclinazioni!

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/09/bodies-corpi-danzanti-tra-virtuale-e-reale/

https://www.unfotografoinprimafila.it/accademia-ucraina-di-balletto-noisiamopronti/

Accademia Ucraina di Balletto #noisiamopronti .

Accademia Ucraina di Balletto #noisiamopronti. Video girato al Teatro Arcimboldi di Milano


Accademia Ucraina di Balletto #noisiamopronti . Gli allievi di Accademia Ucraina di Balletto di Milano, in questo nuovo confinamento, sono stati accolti, come una grande famiglia, nel convitto, ampliato per l’occasione, della sede presso l’Istituto delle Marcelline di via Quadronno: come nei collegi tradizionali, i danzatori sono da qualche tempo isolati dal mondo esterno e studiano, senza mai tornare a casa, nemmeno durante i weekend.

Accademia Ucraina di Balletto #noisiamopronti . Grazie a questi provvedimenti, dopo il grande successo del video della danza con la maglietta da calcio, “DANZA E SPETTACOLO: UN COSTUME DI SCENA PER ESSERE VISIBILI”, girato quasi un anno fa, diventato virale sui social e trasmesso anche su alcune reti principali, grazie alla volontà della Direttrice Caterina Calvino Prina ed ai loro insegnanti, hanno potuto girare un nuovo video, che vuole essere un messaggio di rinascita per il settore dello spettacolo dal vivo.

Accademia Ucraina di Balletto #noisiamopronti .
Accademia Ucraina di Balletto #noisiamopronti .

Accademia Ucraina di Balletto torna, quindi, alla ribalta con un nuovo filmato, dedicato al Lago dei Cigni, e questa volta lo fa in presenza sul Palco del Teatro Arcimboldi, grazie alla gentile concessione degli spazi da parte del Direttore Artistico della sala, Gianmario Longoni.

L’Accademia, scuola professionale per ballerini di danza classica (www.accademiaucraina.it), diretta da Caterina Calvino Prina, a partire da questo anno accademico, svolge infatti una parte della propria attività didattica all’interno del Teatro degli Arcimboldi di Milano, nel pieno rispetto delle regole anti Covid.

Alcune allieve dell’Accademia, si sono ritrovate sul palco del prestigioso teatro per dare vita ad un video, dedicato ad uno dei più famosi balletti di repertorio, il Lago dei Cigni di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Lo spettacolo era pronto per debuttare a marzo del 2020 e sarebbe stato accompagnato dell’orchestra MUSICA IN SCENA diretta da Paolo Marchese, ma la chiusura dei teatri ha rimandato la data del debutto per ben sei volte, bloccando il desiderio di andare in scena degli alunni, che vedono la loro massima realizzazione e soddisfazione su un palcoscenico.

La mancanza delle luci della ribalta ha portato alla realizzazione di questo video, dove i meravigliosi “cigni” della scuola possono finalmente esibirsi, anche se non con il pubblico dal vivo.

La scelta dello spettacolo, tra i vari all’attivo dell’Accademia, non è casuale: questo breve film, realizzato seguendo strettamente i protocolli di sicurezza anti-contagio, vuole evidenziare la voglia di rinascita non sono della danza, ma di tutto il comprato degli eventi dal vivo, fermo da più di un anno, con gravi danni economici, ma anche morali.

Il cigno, simbolo di trasformazione e rinascita, protagonista del balletto più iconico della danza mondiale, vuole essere un messaggio di speranza per tutti gli artisti e gli aspiranti tali, che vogliono uscire dall’invisibilità e tornare ad essere visibili, in un teatro, davanti ad un pubblico.

In attesa dell’effettiva riapertura delle sale teatrali, in sicurezza, gli alunni dell’Accademia Ucraina di Balletto continuano a studiare ed a mettere in pratica quello che stanno imparando in un video di grande emozione e spessore, in attesa della prima, attesissima, alzata di sipario

Accademia Ucraina di Balletto

Via Quadronno, 15 Milano
c/o I.C.L. Marcelline
Amministrazione e Gestione:
segreteria@accademiaucraina.it
direzione@accademiaucraina.it
Tel.:+39 02 58316396
Orario segreteria:
9.00 – 13.00——14.00 – 17.30

Ufficio Stampa

Silvia Arosio Comunicazione –

Silvia.arosio@gmail.com – Tel.333.3247174

Silvia Arosio
Giornalista e Press Office
Direttore Riflettori su www.silviaarosio.com

Press Office Accademia Ucraina di Balletto – Milano
Press Office Balletto Ucraino
Giornalista e Comunicazione Manini Group
https://maninigroup.it/
Docente Comunicazione Aurora Academy
Giurato Musical Awards 2016
Giurato Premio PRiMO 2016, 2017, 2018, 2019, 2020
Giurato Musical Day 2016, 2017, 2018
silvia.arosio@gmail.com
Cell.333.3247174

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/09/ospedale-gemelli-di-roma-chef-express-caffetteria-panella/

https://www.unfotografoinprimafila.it/premio-bianca-daponte-17-edizione-iscrizioni-aperte/

Premio Bianca D’Aponte 17° edizione iscrizioni aperte

Premio Bianca D’Aponte 17° edizione, iscrizioni aperte, Il contest per cantautrici


Premio Bianca D’Aponte 17° edizione iscrizioni aperte . E “cantico dei matti” di Bianca D’Aponte diventa colonna sonora di un video-manifesto sulla chiusura dei teatri.

Premio Bianca D’Aponte 17° edizione iscrizioni aperte . Le canzoni di Bianca d’Aponte, la cantautrice campana prematuramente scomparsa nel 2003, continuano a raggiungere nuovi importanti traguardi.

La sua “Cantico dei matti”, nella versione di Brunella Selo e Fausto Mesolella, è infatti stata scelta come colonna sonora di “L’artista incontra se stesso”, un video-manifesto, diventato virale, sulla chiusura dei teatri, con la EkoDance Company e la regia di Cosimo Morleo.

Ecco il video, girato alla Reggia di Venaria (Torino): www.facebook.com/PremioBiancaDAponte/posts/2860087450894786

Sono intanto aperte, fino al 30 aprile, le iscrizioni per la 17a edizione del “Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa”, l’unico contest in Italia riservato a cantautrici. Il nuovo bando di concorso è disponibile su www.premiobiancadaponte.it, insieme alla scheda di iscrizione.

La partecipazione è come sempre gratuita.

Premio Bianca D’Aponte 17° edizione iscrizioni aperte
Premio Bianca D’Aponte 17° edizione iscrizioni aperte

Le finali sono previste al teatro Cimarosa di Aversa il 22 e 23 ottobre 2021.

Il lancio del nuovo bando è avvenuto quando purtroppo, a causa dell’emergenza sanitaria, non si è ancora svolta la finale della 16a, edizione, prevista per lo scorso ottobre e che verrà riprogrammata non appena le condizioni lo consentiranno.

In lizza, come già annunciato, ci saranno BamBi da Napoli, Simona Boo da Termoli (Campobasso), Ebbanesis da Napoli, Lamante da Piovene Rocchette (Vicenza), La Zero da Piano di Sorrento (Napoli), Lucrezia da Bologna, Miglio da Brescia, Elena Romano da Firenze, Sara Romano da Monreale (Palermo), Veronica da Aversa (Caserta), Chiara White da Firenze.

Le finaliste del Premio 2021 saranno come sempre selezionate da un nutrito e prestigioso Comitato di garanzia, composto da cantanti, autori e compositori nonché da operatori del settore e giornalisti e critici musicali.

Alla vincitrice del premio assoluto sarà attribuita una borsa di studio di € 1.000, a quella del Premio della critica “Fausto Mesolella” una di € 800.

Riconoscimenti della giuria andranno anche alla migliore interprete, al miglior testo ed alla migliore musica. Sono poi previsti molti altri premi assegnati da singoli membri della giuria o da enti e associazioni vicine al d’Aponte.

Nelle passate edizioni il premio assoluto è andato a Veronica Marchi e Germana Grano (ex aequo, 2005), Chiara Morucci (2006), Mama’s Gan (2007), Erica Boschiero (2008), Momo (2009), Laura Campisi (2010), Claudia Angelucci (2011), Charlotte Ferradini (2012), Federica Abbate (2013), Elisa Rossi (2014), Irene Ghiotto (2015), Sighanda (2016), Federica Morrone (2017), Francesca Incudine (2018), Cristiana Verardo (2019).

Il premio della critica – dal 2017 ribattezzato “Premio Fausto Mesolella” in omaggio allo storico direttore artistico della manifestazione – è stato invece attribuito a Marilena Anzini (2005), Ivana Cecoli (2006), Giorgia Del Mese (2007), Silvia Caracristi (2008), Momo e Giorgia Del Mese (ex aequo, 2009), Paola Rossato (2010), Rebi Rivale (2011), Cassandra Raffaele e Paola Rossato (ex aequo, 2012), Rebi Rivale (2013), Elsa Martin (2014), Helena Hellwig (2015), Agnese Valle (2016), Fede ‘N’ Marlen (2017), Francesca Incudine e Irene Scarpato (2018), Lamine (2019).

Il Premio Bianca d’Aponte, che si avvale della direzione artistica di Ferruccio Spinetti, ospita ogni anno una artista di grande popolarità che assume il ruolo di madrina.

Per la 16a edizione era stata scelta Arisa, che era stata preceduta da: Rachele Bastreghi dei Baustelle, Rossana Casale, Ginevra di Marco, Cristina Donà, Irene Grandi, Elena Ledda, Petra Magoni, Andrea Mirò, Simona Molinari, Nada, Mariella Nava, Brunella Selo, Tosca, Paola Turci, Fausta Vetere.

Per ulteriori informazioni: 336 694666 – 335 5383937; info@biancadaponte.it – info@premiobiancadaponte.itUfficio Stampa: Monferr’Autore monferrautore@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/07/andrea-abbadia-quartet-maschere-wow-records/

https://www.unfotografoinprimafila.it/lux-area-center-artigiani-in-mostra/

Roma Fringe Festival 2021 online

Roma Fringe Festival 2021 online la festa del Teatro Indipendente è online


Roma Fringe Festival 2021 online . Dal Teatro Eliseo e da Teatro Vascello di Roma, dal 18 al 24 aprile, 21 spettacoli da tutta Italia per non fermare il teatro

Roma Fringe Festival 2021 online . Nell’inedita veste streaming online su www.teatro.it, il Roma Fringe Festival, dal 18 al 24 aprile 2021, dal Teatro Eliseo e dal Teatro Vascello, torna con 21 spettacoli da tutta Italia per non fermare il teatro.

Roma Fringe Festival 2021 online . 21 compagnie per altrettante drammaturgie inedite per accendere i riflettori sul teatro indipendente, tutta quella compagine teatrale che non vive di fondi pubblici, di finanziamenti e di supporti istituzionali.

Roma Fringe Festival 2021 online
Roma Fringe Festival 2021 online

Come ogni anno, anche per questo travagliato 2020-2021, il Roma Fringe Festival porta in scena una fetta importante delle tendenze teatrali contemporanee che spesso, negli ultimi mesi, hanno riflettuto sull’attualità, proponendo analisi, visioni e approcci differenti.

Il percorso che quest’anno propone il Roma Fringe Festival è uno specchio fedele e interpretato attraverso il teatro e l’arte degli ultimi 12 mesi: si parla di donne, di chiusura, di maternità, di sud, di nuovi futuri e ambiente, digitale e orizzonti.

Lo fa attraverso uno sguardo lucido che passa attraverso sperimentazioni e inediti linguaggi, tra tradizione e ricerca, proponendo originali forme e inaspettati messaggi.

Tra le grandi novità del Roma Fringe Festival 2021, oltre allo streaming, c’è la sezione Fringe Tube, che ospita solo progetti di nuove drammaturgie pensati non per lo spazio scenico tradizionale ma per la rete, un luogo ancora tutta da esplorare e da non confondere con lo spettacolo dal vivo che vive di altri sentimenti.

La dimostrazione che il Teatro ha sempre le antenne alzate sul tempo che stiamo vivendo.

Il Teatro è vivo e vegeto e continuerà ad esserlo nonostante tutto.

Roma Fringe Festival 2021 online
Roma Fringe Festival 2021 online

Il programma fitto proporrà ogni giorno 3 spettacoli, in scena al Teatro Eliseo di Roma, da fruire in streaming a partire dalle ore 19.30, con la finale che si svolgerà al Teatro Vascello il 26 aprile.

“Il Fringe di Roma è la festa del teatro indipendente” ha dichiarato il direttore artistico Fabio Galadini, “un Festival che parte dal basso perché si basa soltanto sulle proprie forze e sulla convinzione che tutti, al di là del sostegno pubblico possano e debbano creare ogni giorno per tutto l’anno.

Un atto di creatività che non si ferma, che non si arrende e che con tenacia, continua superando tutti gli ostacoli restando fedele a se stesso.

Per il vincitore del Roma Fringe Festival c’è una grande opportunità: una tournée teatrale di 12 date nei teatri che compongono la rete di Zona Indipendente, una rete di Teatri dislocati su tutta la penisola, che si sono messi in gioco per creare una rete Fringe nazionale.

Ringraziamo Luca Barbareschi per averci ospitato al Piccolo Eliseo e a Manuela Kustermann presidente di una Giuria composta da personalità di alto profilo che ospita, ormai da tre anni, al Teatro Vascello la finale del Roma Fringe Festival 9° edizione.

Un grazie a Ferruccio Marotti, al quale noi tutti dobbiamo molto, che guiderà anche quest’anno la sezione Fringe Talk, luogo di dibattito e di confronto sulle politiche del Teatro indipendente e alla Fondazione Alessandro Fersen che assegnerà il premio Fersen ricerca e innovazione. Il 2021 è l’anno delle grandi difficoltà e delle grandi idee”.

Il Roma Fringe Festival 2021 sarà in streaming gratuito su www.teatro.it tutti i giorni dal 18 al 24 aprile.

Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterramarta.volterra@hf4.it 340.96.900.12
Matteo Glendeningmatteo.glendening@hf4.it 391.13.70.631

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/02/autistic-fc-romulea-facciamoungolperlautismo/

https://www.unfotografoinprimafila.it/premio-twain-v-edizione-periferie-artistiche/

Lux Area Center “Artigiani in mostra”,

Lux Area Center “Artigiani in mostra”, nella Coffee House di Palazzo Colonna: il 10 e 11 aprile 2021 lo shopping di alto artigianato


Lux Area Center “Artigiani in mostra” . Nuova spring edition di Lux Area Center con il format “Artigiani in Mostra” in collaborazione con Officine Creative Market.

Lux Area Center “Artigiani in mostra” . Dopo il grande successo dello scorso marzo torna l’esposizione di alto artigianato italiano il 10 e 11 aprile 2021 ancora una volta nella Coffee House di Palazzo Colonna.

Lalocationsettecentescasituatain Piazza SS. Apostoli 67, a pochi passi dalla centralissima Piazza Venezia, ospiterà ben venti artigiani provenienti da ogni parte d’Italia.

Sabato 10 e domenica 11 aprile 2021 dalle 11,00 alle 19,30 sarà possibile acquistare articoli di selezionati creativi di alto artigianato in un contesto davvero unico ed esclusivo, straordinariamente aperto al pubblico con accesso gratuito per l’occasione in totale sicurezza e nel pieno rispetto delle normative anti-covid 19.

LUX AREA CENTER vi invita a visitare lo Spring Market, lo Showroom di primavera dedicato allo shopping artigianale di moda, bijoux, accessori, complementi di arredo.

Nel week end di shopping di aprile sarà possibile trovare esclusivi ed originali articoli moda uomo/donna selezionati per il pubblico da alcuni noti brand di artigianato italiano.

Tra gli altri creativi in mostra: dalle passerelle internazionali due grandi nomi di alta moda: Anton Giulio Grande, stilista di haute couture con le sue splendide creazioni intrise di fascino e glamour e Alessandra Cappiello, talentuosa stilista del brand Morfosis, in esposizione con una serie di capi dedicati alla primavera/estate 2021.

Per la parte dedicata al gioiello Emanuela Vannini Design ilbrand diincantevoli gioielli contemporanei dallo stile unico e inconfondibile.

Lux Area Center “Artigiani in mostra”,
Lux Area Center “Artigiani in mostra”,

Ed ancora Indigeno Jewels il brand ideato da Andrea Montelli, Beniamino Masucci e Simona Falanga.

Un marchio Made in Italy, originale e dal carattere unico, che in occasione di Sanremo 2021 ha realizzato i gioielli indossati da La Rappresentante di Lista.

Ad allietare l’esposizione moda ci saranno anche gli splendidi ed originali dipinti dello stilista Massimo Bomba dedicati ad allegorie femminili e personaggi storici.

Presenti anche le splendide borse Le cose di Thea, originali creazioni realizzate con tessuti d’alta moda. Per la parte accessori Buttons Creazioni con i particolari bijoux realizzati dal recupero di bottoni vintage di grandi firme come Chanel, Yves Saint Laurent e i gemelli da polso.

Massimiliano Caterini, artigiano del bijoux, con le sue contemporanee creazioni in ottone, metallo e rame.

Agua Jewels il brand di bijoux in edizione limitata che si ispira al suono dolce di ciò che scorre. In esclusiva al Lux Area Center i complementi d’arredo in plexiglass di Plex Art di Donato Pompa.

Per il design gli originali complementi d’arredo di Art Doc di Alfredo Lalli, lampade, tavolini, sculture in legno in resina, quadri in resina su ferro e oggettistica realizzata rigorosamente a mano con materiale riciclato.

Ed ancora da Pescara la qualità dei tessuti tessili abruzzesi promossa da Monica Patricelli con la sua linea di chemisier e camicie da donna “Tutte dicono I love you” e Marvin Gelber dal 1962 la tradizione artigianale delle camicie da uomo.

Sempre dall’Abruzzo Manuela Fiadone, artista del restauro e pittrice in esposizione con particolari complementi d’arredo.

Lux Area Center “Artigiani in mostra”,
Emanuela-Vannini-Design

Malachica che propone felpe e t-shirt glam rock. Sarà presente anche Eire Mota, nota fashion expert, per dei consigli sugli outfit da indossare questa primavera/estate.

Non ci sarà solo lo shopping ma anche uno sguardo alla solidarietà, in particolareverso le popolazioni africane, i malati di leucemia e i nostri fedeli amici a quattro zampe.

In occasione del market di primavera verrà ospitata l’Associazione Mondo Solidale Onlus che da anni si occupa di aiutare non solo i bambini, ma anche tutta la popolazione africana più debole fornendo degli aiuti reali e concreti.

La Presidente della Onlus Rita Leo Valentini, sarà presente alla manifestazione con un’originale linea di borse in tessuto riciclato il cui ricavato servirà per assistere i più bisognosi.

Non mancherà anche l’AIL Roma (Associazione Italiana contro la Leucemia e i Linfomi Onlus) www.ailroma.it che proporrà articoli moda uomo/donna il cui ricavato sarà destinato alla ricerca scientifica e Un Tesoro di Cane Onlus che si occupa del recupero e dell’adozione dei cani abbandonati nei canili del Sud Italia.

In un’atmosfera salottiera e informale, nel pieno rispetto delle normative anti covid-19, con ingressi scaglionati e distanziati si potrà vivere un’esperienza di shopping davvero esclusiva in uno dei più bei palazzi storici italiani.

Mai come quest’anno è importante sostenere il nostro Made in Italy fortemente provato dalla crisi economica e sanitaria.

Aziende artigiane che lavorano con creatività ed entusiasmo portando con orgoglio il nome italiano nel mondo.

La moda è un settore emblema dell’eccellenza italiana, dell’arte del bello e del saper fare, ammirata globalmente.

“Artigiani in mostra” di Lux Area Center mira a valorizzare proprio le realtà moda nazionali di assoluto prestigio.

L’esposizione dei designers sarà valorizzata dalla bellezza architettonica e scenografica di Palazzo Colonna, tra le residenze artistiche e storiche più importanti del nostro patrimonio italiano.

Officine Creative Roma, da anni, si conferma essere leader per l’organizzazione delle vendite moda in contesti particolari e prestigiosi.

La birra artigianale Gilac e i centri fitness H2o Concept e H2o Fitness di Romasono Partner dell’iniziativa.

Per maggiori informazioni:

Sabato 10 e Domenica 11 aprile 2021 ore 11.00-19,30

Coffee House Palazzo Colonna: Piazza SS. Apostoli 67, Roma

(accanto il Museo delle Cere)

Ingresso gratuito

Chi volesse prenotare uno spazio espositivo può inviare un’e-mail a luxareacenter@yahoo.com   #LUXAREACENTER www.officinecreativemarket.com/p/luxareacenter.html 

Facebook: Lux Area Center

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/premio-twain-v-edizione-periferie-artistiche/

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/02/autistic-fc-romulea-facciamoungolperlautismo/

Premio Twain V° edizione "Periferie Artistiche".

Premio Twain V° edizione “Periferie Artistiche”. Avviso per la presentazione di progetti per residenza artistica per Artisti e Artiste under 35 con contributo di produzione e circuitazione


Premio Twain V° edizione “Periferie Artistiche”. TWAIN Centro di Produzione Danza Regione Lazio e struttura capofila di PERIFERIE ARTISTICHE Centro di Residenza Multidisciplinare del Lazio indice, sotto la direzione di Loredana Parrella.

Premio Twain V° edizione “Periferie Artistiche”. Il Bando per la V edizione del Premio Twain_direzioniAltre, con sostegno alla produzione, residenza artistica e circuitazione per Artisti Under35.

I Progetti vincitori delle precedenti edizioni sono: ReReality di Anna Giustina, Non Ricordo di Simone Zambelli (Menzione Speciale), Beast Without Beauty di Carlo Massari, Wallpaper di Sara Angius, Manbhusa di Pablo Girolami, Fermo Immagine di Manolo Perazzi, Alessandria Eschate di Mattia Cason.

Premio Twain V° edizione "Periferie Artistiche".
Premio Twain V° edizione “Periferie Artistiche”.

“Una missione che portiamo avanti da molto tempo e in cui crediamo fermamente.

Oggi, più che mai, siamo consapevoli del grande compito di responsabilità che abbiamo nei confronti dei nostri giovani artisti per i quali questo tempo sospeso è vitale come l’aria che respirano”. L.P.

Tutte le info su: www.cietwain.com/bando-premio-twain-direzioni_altre-2021

A chi è rivolto

Sono invitati a partecipare tutti gli autori italiani ed europei, che non abbiano compiuto 36 anni al 31 dicembre 2021; nel caso di più autori i 2/3 di essi devono essere under 35.

Progetti ammissibili

Sono ammessi progetti legati alla danza contemporanea, in fase di studio o allestimento e che non abbiano debuttato in forma completa, ma solo in forma di studio. 

Verranno selezionati fino a 6 progetti che saranno presentati nella loro forma scenica (non inferiore a 5 minuti e non superiore a 15 minuti), ad una commissione di esperti e operatori presso il Supercinema di Tuscania (VT) il 21 Agosto 2021 (a porte chiuse per la sola Commissione) e il 22 Agosto 2021 (serata aperta al pubblico e premiazione del Vincitore).

I Finalisti riceveranno un rimborso spese, ospitalità nelle foresterie del Centro, scheda tecnica di base con assistenza tecnica.

Il Premio

Il progetto vincitore riceverà un sostegno alla produzione per la Stagione 2021/2022 così definito:

Residenza Artistica all’interno di PERIFERIE ARTISTICHE Centro di Residenza Multidisciplinare del Lazio presso il Supercinema di Tuscania per un totale di 15 giorni da svolgersi nel periodo Gennaio-Agosto 2022;

Contributo economico da un minimo di € 1.200 ad un massimo di € 7.000 lordi (a seconda del numero di artisti coinvolti nel progetto con obbligo di presentazione di certificato di agibilità per le 15 giornate di Residenza);

Affiancamento di un “Tutor” scelto dalla Direzione Artistica (drammatugo, coreografo, operatore teatrale ecc.) durante le fasi della residenza;

Programmazione di una replica nella stagione di Twain Centro Produzione Danza 2021 con un cachet fino ad un massimo di € 1.000,00 lordi.

Programmazione di una replica Festival Tendance 2021 con cachet massimo di 1000,00€ da concordare con la Direzione Artistica del Festival.

INOLTRE uno o più progetti Finalisti potranno essere inseriti (con la versione presentata per il Premio Twain) nella programmazione di Dominio Pubblico – La Città agli Under 25 che si svolgerà a Roma a Giugno 2021, con le medesime condizioni economiche che verranno riconosciute agli autori per le finali del Premio direzioniAltre.

Possibilità di inserimento in Residenza in Tuscania Danza/Progetti per la Scena organizzato da Vera Stasi.

Possibilità di inserimento in Residenza presso il Teatro di Bucine/Diesis Teatrango con modalità e tempistiche concordate con la Direzione Artistica del Teatro.

Possibilità di inserimento nella Programmazione 2022 del Festival Quartieri dell’Arte con modalità e tempistiche concordate con la Direzione Artistica del Festival.

Premio Twain V° edizione "Periferie Artistiche".
Premio Twain V° edizione “Periferie Artistiche”.

Crediti d’obbligo

I progetti finalisti dovranno riportare nei crediti: “Finalista Premio Twain_direzioniAltre”.

Il progetto vincitore dovrà riportare nei crediti: “Vincitore Premio Twain_direzioniAltre” e “Con il Sostegno alla produzione Twain_Centro di Produzione Danza e PERIFERIE ARTISTICHE_Centro di Residenza del Lazio ”.

Modalità di partecipazione

I candidati dovranno inviare all’indirizzo mail direzionialtre.twain@gmail.com:

Domanda d’iscrizione compilata in ogni suo punto (vedi form in calce al Bando) e firmata.

E in allegato i seguenti documenti:

  • Scheda Artistica progetto (max 2 cartelle)
  • Cv autore/i (max 2 cartelle)
  • Cv interpreti (max 2 cartelle)
  • Credits produzione ed eventuali altri sostenitori
  • Link video (youtube o vimeo) minimo 5 minuti max 15 minuti del lavoro proposto (sono accettati anche video di prove in sala)
  • Eventuali link video a precedenti lavori svolti

Le domande incomplete o non firmate saranno automaticamente escluse.

Termine ultimo di presentazione delle domande

Tutte le proposte dovranno pervenire via e-mail all’indirizzo direzionialtre.twain@gmail.com, entro e non oltre il 10 Maggio 2021.

Le candidature ricevute oltre tale data non verranno accolte. Entro il 31Maggio 2021 verrà data comunicazione alle compagnie selezionate per la finale.

Modalità di selezione

I progetti verranno valutati, a giudizio insindacabile, dalla Direzione Artistica di Twain. 

Verranno selezionati un massimo di 6 progetti che verranno invitati a presentare in forma scenica il loro progetto il 21 e 22 Agosto 2021 presso il Supercinema di Tuscania (VT). I candidati si esibiranno il 21 in presenza della sola giuria di esperti che decreterà il vincitore e il 22 in presenza del pubblico al termine della quale verrà annunciato il vincitore).

Le compagnie avranno a disposizione una scheda tecnica standard e assistenza.

Per le finali alle compagnie prescelte verrà riconosciuto – previa presentazione di agibilità Ex-Enpals e regolare fattura – un cachet di € 200 per i soli, € 300 per i duetti, € 400 per trio e quartetti, ai finalisti verrà inoltre garantita l’ospitalità nelle foresterie del Teatro.

I finalisti saranno ospitati per tutta la durata del festival a partire dal 18 Agosto. Qualora non sia possibile è richiesto l’arrivo entro e non oltre la serata del 20 Agosto.

Le prove tecniche della Finale avranno inizio alle 9.00 del giorno 21.

Per informazioni: 338.2051200 // direzionialtre.twain@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/04/02/autistic-fc-romulea-facciamoungolperlautismo/

https://www.unfotografoinprimafila.it/anna-maria-piccoli-cucina-e-cultura/

Anna Maria Piccoli è un personaggio poliedrico,

Anna Maria Piccoli “Cucina e Cultura”. “Anarchy in The U Kitchen – Easter Special Edition

Anna Maria Piccoli “Cucina e Cultura” di e con Anna Maria Piccoli idee musicali di Carlo Amato

Lunedì 5 aprile 2021, alle ore 12, va in onda sulle pagine social del Teatro Villa Pamphilj, “Anarchy in The U Kitchen Easter Special Edition”.

Dopo essersi destreggiata tra frittate e polpette durante le prime due stagioni, Anna Maria Piccoli  – protagonista (e ideatrice) del format che ha raggiunto decine di migliaia di visualizzazioni durante le precedenti edizioni – torna tra i fornelli per una puntata speciale, in cui proporrà il suo particolare menu fatto di “cucina & cultura”, pensato per una Pasquetta in zona rossa e sottolineato dalle note di Carlo Amato (Tetes de Bois) che da sempre condisce musicalmente ogni ricetta di Anarchy.

Anna Maria Piccoli è un personaggio poliedrico,

Anna Maria Piccoli è un personaggio poliedrico,

Tra gli ingredienti troveremo le immancabili uova, ma anche cipolle, fave, carciofi e piselli mescolati con le parole di due immensi poeti come Emily Dickinson e Pablo Neruda, citazioni della Sora Lella e un testo dell’indimenticabile Francesco Di Giacomo letto da Francesco Amato, Matilde Biciocchi, Valerio Bucci, Caterina Calabretta, Adele ed Aldo Castagna, Eugenio Saletti, Stanislao e Gea Satta e Nina Solfiti, un gruppo di bambini e ragazzi tra i 4 e i 23 anni, dalla scuola dell’infanzia, all’Università, poiché nessuno più di loro rende il senso dell’inesorabile Primavera

Anna Maria Piccoli è un personaggio poliedrico, trasgressiva bassista punk e performer nei favolosi anni ’80, ha trascorso tutta la sua vita professionale ad organizzare spettacoli e a fiancheggiare artisti di ogni genere e livello.

La sua grande passione è fare frittate e polpette, non importa dove e con cosa.  

Carlo Amato bassista, arrangiatore e compositore, è uno dei fondatori e membri storici del gruppo musicale Tetes de Bois.

“Anarchy in the U Kitchen. Ester Special Edition” è una produzione Teatro Villa Pamphilj (Dir. Artistica Veronica Olmi) a cura di Anna Maria Piccoli e rientra nel programma Roma Culture. 

Teatro Villa Pamphilj – Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 – P.zza S. Pancrazio 9/a, Roma 
Orario segreteria: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18
Info tel. 06 5814176     – scuderieteatrali@gmail.com

www.teatrovillapamphilj.it  –  promozione@teatrovillapamphilj.it

Facebook (www.facebook.com/TSVCorsini/),

Instagram (https://www.instagram.com/teatrovillapamphilj/?hl=it)
Youtube (https://www.youtube.com/channel/UCZ8HUCEiJqOu7i_AorUmklA/about)

Emanuel Alessi e il suo libro "La presa di Orfeo".

EMANUEL ALESSI ESCE IL LIBRO “LA PRESA DI ORFEO”. Il racconto di una storia d’amore “diverso”


Esce “La presa di Orfeo”, il primo romanzo dell’autore toscano Emanuel Alessi, una storia d’amore “diverso”… assoluto. Un percorso dal buio alla luce, un luogo sospeso irreale. Una presa tenace al cuore.

Emanuel Alessi e il suo libro “La presa di Orfeo”. La Presa di Orfeo è un romanzo di formazione che vede protagonista un adolescente alle prese con la scoperta della propria sessualità e del sentimento dell’amore.

Emanuel Alessi e il suo libro "La presa di Orfeo".
Emanuel Alessi e il suo libro “La presa di Orfeo”.

Completamente disarmato e innocente, il ragazzo di affaccia sulla vita, scevro di pregiudizi e di esperienze, con la voglia di costruirsi una dimensione fuori dal contesto familiare, dove ha sempre vissuto.

La ricerca di un lavoro, come unica possibilità di emancipazione, lo porterà a mettersi alla prova e a lasciarsi alle spalle una vita che ormai non gli basta più.

Adele, una cara amica di famiglia, sarà la sua complice e una nuova casa, chiamata dagli abitanti del paese “la casa che non si vede”, sarà il suo nuovo mondo, fatto di ombre, di ricordi e di finestre chiuse.

Qui conoscerà l’amore. Un amore assoluto e totalizzante, che lo segnerà e lo farà crescere.

Un uomo che vive nel buio da anni potrà insegnargli a vivere, solo dopo avere imparato da lui a fidarsi di nuovo.

In un tempo indecifrato, in un luogo indefinito, questa storia sembra sospesa, un percorso dal buio alla luce, una stretta tenace al cuore, che ci fa riflettere sul potere dei sentimenti, sull’irrilevanza che hanno identità di genere, ruoli sociali, connotazioni anagrafiche, davanti all’impeto inarrestabile dell’amore.

Francesco Fusco

Ufficio stampa

3384980862

www.francescofuscopress.com 

francesco.fusco81@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/30/30-marzo-riapre-il-bioparco-di-roma/

https://www.unfotografoinprimafila.it/reverse-un-film-di-mauro-john-capece/

REVERSE un film di Mauro John Capece.

REVERSE un film di Mauro John Capece. Con Corinna Coroneo, Adrien Liss, Iago Garcia, Klaudia Pepa, Simonetta Ingrosso, Lorenzo Tarocchi e Gabriele Silvestrini


REVERSE un film di Mauro John Capece, dal 21 Aprile 2021 su Sky Prima Fila, Chili, The Film Club, Rakuten, AppleTV, Google Play

REVERSE un film di Mauro John Capece . Dal produttore del docu-film Cecchi Gori, Una Famiglia Italiana e produttore associato di Non essere cattivo, e dal regista di La Danza Nera e SFashion, Mauro John CapeceReverse è un legal thriller fitto di colpi di scena, dal sapore retrò,disponibile dal 21 aprile su Sky Prima Fila, Chili, The Film Club, AppleTV e Google Play .

In Reverse, vittima e carnefice si sovrappongono in un gioco di morte e colpevolezza, finzione e violenza psicologica, con un crescendo emotivo che si snoda sulle note della colonna sonora firmata dal producer Marco Korben Del Bene.

Nel cast, tra gli altri,  Iago Garcia (Matalobos di Jorge Saavedra, Il Segreto di Olmo Mesia, Bentornato Presidente di Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi) Corinna Coroneo (La Scultura di Mauro John Capece, Sfashion di Mauro John Capece, La danza nera di Mauro John Capece, La casa del sabba di Marco Cerilli, Nati morti di Alex Visani,), Adrien Liss (Still Chicago di Eric Rhodes e Shenita Etwaroo, La danza nera di Mauro John Capece), Klaudia Pepa (Amici, trasmissione TV di Maria De Filippi, La repubblica delle donne, trasmissione TV di Piero Chiambretti), Simonetta Ingrosso (Figli di MAAM di Paolo Consorti,  Cenere di Simone Petralia).

REVERSE un film di Mauro John Capece.
REVERSE un film di Mauro John Capece.

Prodotto da Giuseppe Lepore, su soggetto e sceneggiatura di Guillaume Pichon.

Le immagini del film sono disponibili al link
https://www.dropbox.com/sh/rdrgwjylknlp0wm/AAAU8L77mV3I2tjt280HlLu1a?dl=0

Giulia Montelli, 35 anni, è una poliziotta investigatrice di Roma.

Il suo capo l’ha mandata in missione da sola presso una clinica psichiatrica del centro Italia per interrogare Matteo Muzzi, un serial killer di 36 anni che è accusato di ripetuti omicidi in Italia, Svizzera e Francia.

Il soprannome di quel Muzzi è “il killer del coltello blu” perché firmava ogni suo delitto con un coltello blu piantato nel corpo della vittima.

Dopo il suo arresto avvenuto qualche mese prima in Italia, Muzzi fu dichiarato schizofrenico dagli psichiatri e di fatto non perseguibile penalmente perché incapace di intendere e volere.

Ma diventerebbe perseguibile se facesse quello che gli americani chiamano Reverse, ovvero una confessione in stato lucido.

La missione di Giulia è quindi ottenere quel Reverse, affinché Muzzi sia processato da una corte penale.

Reverse è un film molto importante nella mia carriera di regista” spiega Capece.

“Girato in piena pandemia da covid-19, è stato per me un’importante occasione per tornare a girare nonostante i vari interminabili lockdown.

Dopo la mia trilogia della riflessione composta da La SculturaSFashion e La Danza NeraReverse è il primo di una nuova personale trilogia, quella dei film della sensazione.

Passare dal film d’autore a quelli più cari al pubblico è una novità molto importante per la mia carriera e per farlo non potevoche scegliere un legal Thriller pieno di colpi di scena. 

Lo sceneggiatore francese Guillame Pichon ha scritto un film che funziona e ho deciso di abbracciare il progetto senza indugio, circondandomi delle solite meravigliose persone con cui realizzo spesso i miei film.

Lo stile di Reverse non poteva che essere classico e old fashioned. Certo, come sempre capita nei miei film, ci sono diverse rivisitazioni sperimentali sul genere e sulla tecnica ma in generale l’approccio classico era la soluzione migliore per narrare questa storia che ha, soprattutto nel finale, il sapore del cinema degli anni settanta e ottanta.

Come da recente usanza, ho deciso di dedicare anche questo film a un grande regista della storia del cinema: in questo caso all’intramontabile Sidney Lumet.

Titolo: REVERSE

Regia: Mauro John Capece

Nazionalità italiana, 100 mins, thriller

Soggetto e Sceneggiatura: Guillaume Pichon

con: Corinna Coroneo, Adrien Liss, Iago Garcia, Klaudia Pepa, Simonetta Ingrosso, Lorenzo Tarocchi, Gabriele Silvestrini

e l’amichevole partecipazione di: Flora Baldi, Carlotta Barolo, Sara Bernardinello, Nata Colesnic, Alessia Conti, Giada Salvi, Angelica Scaglione, Alessia Tresoldi, Guia von Wunster

Fotografia: Mauro John Capece

Musiche Originali: Marco del Bene

Montaggio: Demetra Diamantakos

Fonico di Mix: Gianfranco Tortora

Laboratorio Sviluppo e Stampa: Sud Sound Studios

Prodotto da: Giuseppe Lepore

(una produzione Bielle Re ed Evoque Art House)

Reverse è un progetto realizzato da Bielle Re Srl nel rispetto della propria Politica “ambientale e di inclusione delle diversità”.

Ogni fase di lavorazione dalla ideazione e sviluppo, alla realizzazione e finalizzazione ha rispettato quanto definito dal proprio sistema di gestione conforme alla norma ISO 14001:2015 predisposto in materia di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 340.96.900.12
Matteo Glendening matteo.glendening@hf4.it 391.13.70.631

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/30/30-marzo-riapre-il-bioparco-di-roma/

https://www.unfotografoinprimafila.it/assolo-festival-popolare-italiano/