Articoli

E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.

E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis. Un autunno di circo, cinema, danza, teatro, musica e incontri letterari. MeltingPot, KarawanFest, La Città Ideale, Europa InCanto: in rete le realtà del territorio per un nuovo luogo aperto alla città

Tutti i giorni fino al 25 settembre, dalle ore 18:00 alle ore 23:00 Villa De Sanctis, Tor Pignattara, Roma, Ingresso pedonale Via di San Marcellino, Parcheggio Via dei Gordiani, 5

Fino al 25 settembre 2022, a Roma arriva Villaggio De Sanctis: a Villa De Sanctis – all’angolo tra Via Casilina e via dei Gordiani, con ingresso pedonale da via di San Marcellino – una nuova casa” per le realtà del territorio e al tempo stesso nuovo avamposto di cultura.

E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.
E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.

Un progetto di Melting Pot, realizzato grazie al sostegno di Roma Capitale, in collaborazione con con Zètema Progetto Cultura, che apre alla cittadinanza l’area verde sulla Via Casilina proponendo un contenitore poliedrico per ridisegnare il profilo culturale della città nel segno della creatività condivisa.

MeltingPot, dopo l’esperienza dello Spazio Ideale aperto a Tor Pignattara nel 2021 grazie alla vittoria del bando Vitamina G, è riuscita a costruire una convergenza territoriale di diverse realtà culturali che mettono la creatività al centro del loro agire, come Europa InCanto, La Città Ideale e Karawan Fest.

Villaggio De Sanctis di Roma proporrà così – sempre a ingresso gratuito – più di un mese di circo, cinema, danza, teatro, musica e tante esperienze laboratoriali per le nuove generazioni.

Dopo il successo Dialoghi Sinfonici, il format di Europa InCanto che ha visto il maestro Germano Neri e l’EICO Orchestra sviscerare la celebre V° Sinfonia di Beethoven per spiegarne al pubblico i passaggi più affascinanti, Villaggio De Sanctis apre la sua programmazione con il cinema e il circo.

E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.
E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.

Tutti i sabati, fino al 24 settembre, alle 19.00, Villaggio De Sanctis ospita le formazioni di nuovo circo italiano più interessanti del panorama nazionale da Circo Bipolar a Creme & Brulé, passando per Marlon Banda e Circo Verde, con una programmazione pensata per ogni tipo di pubblico.

Le domeniche sono invece dedicate alle nuove generazioni con i laboratori, alle 17:00, a cura di Circo Svago e gli spettacoli per i più piccoli, alle 18:00.

 Il cinema occupa un ruolo di rilievo nella programmazione di Villaggio de Sanctis, grazie alla collaborazione con Karawan Fest (15 – 21 settembre), che presenta il suo ricco programma tra cortometraggi, lungometraggi e incontri di approfondimento: tra i film in programmazione Toubab di Florian Dietrich (Germania, 2021, 96′), RK/RKAY di Rajat Kapoor (India, 2021, 95′) e La Traversée di Florence Miailhe (Francia / Germania / Repubblica Ceca, 2021, 84′).

Ancora sul cinema, un’arena dedicata ai cento anni di Pier Paolo Pasolini (14, 20, 22, 23 e 24 settembre), curata da Raffaele Meale, che vedrà programmati cinque tra i capolavori del cineasta friulano, tra cui Mamma Roma sottotitolato in bengalese, Accattone e Il Vangelo Secondo Matteo.

E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.
E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.

“Per Melting Pot, l’associazione per cui curo la direzione artistica, è davvero un bel traguardo l’essere riuscita a realizzare Villaggio De Sanctis insieme a tanti amici e colleghi come Karawan Fest, La Città Ideale, Europa InCanto, Fortezza Est e molti altri.

Dal 9 settembre al 25 settembre la villa sarà una casa delle arti per le persone, dove potersi incontrare e scoprire ogni sera un’attività diversa, con un programma ricchissimo, diversificato per ogni tipologia d’età e per i gusti più diversi” dichiara Leonardo Varriale, direttore artistico di Melting Pot

“Per La Città Ideale è davvero un piacere vedere questo grande fermento di cooperazione che sta prendendo forma nel Municipio Roma V, il territorio dove il nostro festival insiste dal 2017 e abbiamo aderito con entusiasmo al progetto “Villaggio de Sanctis”; del resto è così che ci immaginiamo la città: a misura di ogni persona, vitale, energica e piena di esperienze creative spropositate, per tutti” dichiara Fabio Morgan, direttore artistico de La Città Ideale.

“KarawanFest ha iniziato il suo viaggio per riportare il cinema nel quartiere di Tor Pignattara esattamente dieci anni fa, tra i primissimi a captare quel fermento culturale che oggi caratterizza il territorio come uno dei più vivaci della capitale.

È per noi una grandissima emozione festeggiare il decennale proprio a Villa De Sanctis che ospita il monumento simbolo del quartiere, il mausoleo di Sant’Elena conosciuto anche come “torre delle pignatte”, in compagnia di tante altre realtà che compongono il variopinto mosaico della scena culturale del Municipio Roma V.” dichiara Carla Ottoni, direttrice artistica di KarawanFest.

ConArena Pasolini per cinque serate riscopriremo il cinema di Pier Paolo Pasolini: Accattone, Mamma Roma con sottotitoli in bengalese, Il Vangelo Secondo Matteo, Uccellacci e Uccellini e Salò o le 120 giornate di Sodoma.

E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.
E’ nato a Roma il Villaggio De Sanctis.

Per raggiungere la location, grazie alla collaborazione con ATAC, si potrà beneficiare di un vagone dedicato del trenino che collega Termini con la villa: all’interno del vagone critici ed esperti introdurranno gli spettatori alla proiezione, incontrando anche le persone del Municipio V che recitarono nei film del poeta friulano.” dichiara Raffaele Mele, curatore di Arena Pasolini.

Accanto a tutto questo molto altro ancora: danza, azioni urbane partecipate, teatro, laboratori, incontri letterari… per scoprire tutto il programma: www.villaggiodesanctis.it

Villaggio De Sanctis è un progetto di Melting Pot realizzato grazie al sostegno di Roma Capitale, in collaborazione Zètema Progetto Cultura.

Ufficio stampa HF4 www.hf4.it

Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 340.96.900.12

Alessandra Zoia alessandra.zoia@hf4.it 333.76.23.013

Valentina Pettinelli press@hf4.it 347.44.99.174

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/bacchetta-magica-il-battesimo-al-club-magico-roma/

https://www.unfotografoinprimafila.it/angelo-branduardi-teatro-romano-ostia-antica/

Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma.

Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma. Il 23 ottobre 2020 sarà il terzo ed ultimo appuntamento per partecipare alle audizioni ed accedere alla Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma.


Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma. La nuova Accademia di RECITAZIONE, CANTO, DANZA con specializzazione in MUSICAL THEATRE, diretta da Gianluca Guidi.

Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma. L’accademia nasce per formare i migliori giovani selezionati che, durante gli studi, saranno valorizzati mediante Stage Formativi, grazie alla collaborazione con il polo di produzione Musical che ha sede nel Teatro Brancaccio e nello Spazio Diamante.

Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma. Al termine degli studi gli allievi più meritevoli potranno essere inseriti nelle produzioni del Brancaccio.

L’Accademia è un fiore all’occhiello di Alessandro Longobardi che, dopo aver creato e diretto il Centro di Produzione del Musical del Teatro Brancaccio, duplica il percorso accademico già avviato con successo nella prosa (Stap Brancaccio), poiché è convinto che la formazione di un vivaio di futuri artisti sia un passo importante per sostenere il Teatro in Italia.

Questa iniziativa ha avuto un principio nella passata stagione con la realizzazione del progetto “Attore di Musical Theatre”, finanziato dalla Regione Lazio.

Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma. Il gruppo docente fu diretto da Piero di Blasio, oggi confermato nel ruolo nella BMA.

La BMA ha una durata triennale ed è rivolta a ragazze e ragazzi dai 18 ai 26 anni; intende formare artisti che possano sviluppare le loro abilità nella recitazione, nel canto e nella danza, doti che solo il musical riesce ad esaltare e condividere perfezionando le loro competenze nelle arti rappresentate.

Gli allievi avranno l’opportunità di studiare e confrontarsi con professionisti affermati che, oltre ad insegnare, lavorano nel mondo dello spettacolo.

Gli studenti saranno accompagnati per gradi al mondo del lavoro offrendo loro la possibilità di essere preparati per sostenere casting delle produzioni nazionali ed estere; frequenteranno workshop e mastertclass diretti da maestri di chiara fama del panorama nazionale e internazionale.

La sede strategica dell’Accademia, lo Spazio Diamante di Roma, permette agli allievi, provenienti da ogni parte d’Italia, di studiare nella capitale offrendo una struttura polifunzionale dedicata alle arti e alla formazione teatrale dotata di ampie sale, un teatro e alloggi confortevoli su richiesta.

La BMA è un’accademia dove l’allievo può e deve sperimentare e apprendere in un ambiente creativo protetto, che lo prepari al meglio per la sua scelta di vita.

Un’opportunità per affrontare con professionalità e competenza la passione per lo spettacolo musicale, in tutte le sue sfaccettature grazie alla caratura degli insegnanti.

Gli allievi selezionati per il corso riceveranno una formazione teorico-pratica completa con particolare attenzione alla recitazione.

Ogni azione scenica deve poter raccontare una storia. Conosceranno i segreti dell’attore in tutte le sue sfaccettature, nel canto, nella danza e nella recitazione.

Faranno proprie le tecniche canore, scopriranno la propria voce e quella del personaggio.

Alleneranno il corpo al movimento e alla danza, conferendo significato e significante al gesto, oltre che alla parola.

Condivideranno spazi pregni di arte rappresentata.

Scopriranno le contaminazioni e gli strumenti per affrontare ogni tipo di percorso, ma, soprattutto, formeranno vita e carattere attraverso lo scambio sinergico tra insegnanti e allievi.

Brancaccio Musical Academy. OFFERTA FORMATIVA – OBIETTIVI FORMATIVI

Il percorso formativo BMA offre una preparazione didattica specifica per Attore con indirizzo nel Musical Theatre.

L’articolazione didattica ha l’obiettivo di assicurare ai partecipanti la padronanza dei metodi e delle tecniche artistiche specifiche per l’interpretazione del Musical (recitazione, canto, danza), nonché l’acquisizione di specifiche competenze disciplinari e professionali utili agli studenti per poter intraprendere la professione con successo.

Brancaccio Musical Academy. ARTICOLAZIONE DELLE ATTIVITÀ’

Il percorso formativo BMA è articolato con un piano di studio di 1120 ore (oltre gli stage intensivi) caratterizzato da discipline formative per lo studio di base, caratterizzanti e laboratoriali.

Le lezioni comprendono moduli teorici, laboratori, seminari ed esercitazioni.

Ogni modulo didattico sarà articolato in Crediti Formativi (CF) e prevede un esame alla conclusione del monte ore/modulo.

Il percorso si articola in sette moduli didattici per ogni anno accademico:

  1. Recitazione
  2. Dizione
  3. Canto
  4. Danza
  5. teoria musicale
  6. musical theater
  7. stage formativo

DOCENTI 1^ ANNO

RECITAZIONE
Gianluca Guidi: recitazione
Massimiliano Giovannetti: dizione

CANTO
Fabio Lazzara: tecnica vocale nel canto, interpretazione
Dino Scuderi: teoria musicale, storia del teatro musicale, canto corale

DANZA
Cristina Arrò: tecnica di base, jazz, repertorio
Rita Pivano: movimento coreografico nei diversi stili (classico, modern, tip tap)

DURATA E PERIODO DI SVOLGIMENTO

Le lezioni hanno frequenza obbligatoria dal 3 novembre al 25 giugno 2021; 35 ore settimanali dal lunedì al venerdì.

Ogni allievo avrà a disposizione un monte ore per effettuare Stage Formativi individuali, su indicazione propria e dei docenti.

ATTESTATI RILASCIATI

Al termine di ogni modulo didattico è previsto il rilascio, previo superamento dell’esame, di un attestato di frequenza con il dettaglio dei contenuti trattati nel modulo e dei Crediti Formativi (CF) maturati.

Al termine del percorso annuale e triennale verrà rilasciato Attestato di Frequenza con indicazione dettagliata dei CF (Crediti Formativi) maturati nelle discipline affrontate nonché dei moduli didattici trattati con riferimento a tutti gli esami sostenuti e superati.
sono aperte le iscrizioni

per l’anno Accademico 2020/2021

AUDIZIONI 23 OTTOBRe 2020

REQUISITI DI ACCESSO

L’accesso al percorso formativo triennale BMA è riservato a candidati in possesso dei seguenti requisiti:

Possedere diploma di Scuola Secondaria Superiore o altro titolo conseguito all’estero equipollente nel rispetto degli accordi internazionali;

Avere un’età tra i 18 e i 26 anni compiti ed essere in possesso di cittadinanza italiana ovvero per i candidati stranieri essere in possesso di regolare permesso di soggiorno;

Possedere adeguata conoscenza della lingua italiana e di una seconda lingua;

Costituiscono requisiti preferenziali: titoli di studio e percorsi formativi attinenti all’area disciplinare del corso; esperienze professionali documentate in produzioni di Teatro Musicale.

Modalità di iscrizione alle selezioni

I candidati in possesso dei requisiti di accesso, indicati nel bando scaricabile su www.brancacciomusicalacademy.com

Devono compilare la domanda di ammissione online al seguente link: https://brancacciomusicalacademy.com/prenota-audizione/

La sessione di audizioni dal vivo si terranno il 23 ottobre 2020 presso lo Spazio Diamante sito in Roma, Via Prenestina 230B. Le audizioni si svolgeranno nel rispetto di tutte le norme di sicurezza legate alle misure di contenimento del Covid 19.

INFO

Brancaccio Musical Academy

Cell.345 147 4533

Email. info@brancacciomusicalacademy.com

www.brancacciomusicalacademy.com

Ufficio stampa Silvia Signorelli www.comunicazioneeservizi.com    

silvia.signorelli@comunicazioneeservizi.com  Mob. +39 338 9918303

Monica Menna ufficiostampasignorelli@gmail.com Mob. + 328 9448311

Alessandra Teutonico alessandra.teutonico@comunicazioneeservizi.com Mob. +39 392 5089173

Facebook: SiSi communication www.facebook.com/ufficiostampasignorelli

Twitter: @silviasignore Instagram sisi_communication

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/oh-diss-ea-teatro-ghione/

Brancaccio Musical Academy (BMA) di Roma.
Teatro Artemisio (Velletri) “Paesaggi del corpo”

Teatro Artemisio (Velletri) “Paesaggi del corpo”. Si riaccendono i riflettori del Festival Internazionale di Danza Contemporanea Paesaggi del Corpo a Velletri, 16 ottobre 2020 h. 21.00.


Teatro Artemisio (Velletri) “Paesaggi del corpo”. Dopo l’ultimo appuntamento del 4 ottobre scorso.

Teatro Artemisio (Velletri) Gian Maria Volontè due nuovi immancabili appuntamenti, con gli spettacoli della danzatrice e coreografa dalla pluriennale esperienza internazionale Valeria Loprieno e la giovane ma già affermata formazione artistica Uscite Di Emergenza.

Teatro Artemisio (Velletri) “Paesaggi del corpo”. Ad aprire la serata di venerdì sarà DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Best before…uno spettacoloideatoda Valeria Loprieno.

Teatro Artemisio (Velletri). L’artista, insieme a Lucrezia Micheli e Giovanna Rovedo, darà vita a una performance che pone al centro il concetto di scadenza non solo materiale ma anche biologica, affettiva, umana.

Teatro Artemisio (Velletri). Secondo l’artista tutto può essere fragile, ogni cosa fuggevole e infine transitoria.

Lo spettacolo prodotto da Compagnia Atacama – Cie Twain/Nuovi Autori, si avvarrà delle musiche di Giacomo Citro e si rivela un’indagine sul momentaneo, sulla precarietà del possedere e dell’essere, fino ad arrivare ad interrogare la danza stessa, luogo dell’effimero per antonomasia che si consuma nel momento in cui si manifesta.

La seconda parte della serata del 16 ottobre invece vedrà sul palco del Teatro Artemisio di Velletri la compagnia di danza Uscite Di Emergenza conPhysics of Vulnerability

Lo spettacolo, diretto e coreografato da Davide Romeo, approfondirà il concetto di vulnerabilità, non più definibile ormai solamente come una falla nel sistema di protezione di qualcosa.

La performance, accompagnata dalla musica di Micheal Pisano, porterà sulle scene quel momento di sospensione in cui si prende coscienza del proprio stato liquido, pesante, indifeso, quel momento di apnea sul fondo dove non si riesce a definire le regole.

Che succede quando si cade e si finisce “faccia a terra”?

A questa domanda cerca di rispondere Physics of Vulnerability, che racconterà la bolla temporale in cui si sospendono tutte le protezioni, in cui crollano i muri e si ascolta la propria parte più intima per costruire una risalita.

Un viaggio attraverso le nudità della psiche raccontato da corporeità ed emotività.

Il Festival Internazionale di Danza Contemporanea Paesaggi del Corpo ha elaborato, in accordo con le autorità competenti le linee guida anti contagio da attuare per lo svolgimento della rassegna, con l’obiettivo di garantire la sicurezza per tutti gli ospiti e i frequentatori del Festival.

Per evitare code e assembramenti invitiamo il pubblico a prenotare il proprio posto agli spettacoli attraverso l’indirizzo email info@paesaggidelcorpo.it

Per accedere alle location del Festival tutti gli spettatori devono indossare la mascherina (per i bambini valgono le norme generali) e sanificare le mani utilizzando gli appositi dispenser. 

Il personale è provvisto di appositi termoscanner, gli spettatori a cui verrà rilevata una temperatura uguale o superiore a 37,5° non potranno accedere allo spettacolo.

All’interno delle sale la distribuzione dei posti a sedere garantisce il distanziamento interpersonale necessario al rispetto delle normative vigenti.

Programma completo su paesaggidelcorpo.it

Valeria Loprieno | DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Best before…
Concept e coreografie Valeria Loprieno

Di e con Valeria Loprieno, Lucrezia Micheli e Giovanna Rovedo

Musiche Giacomo Citro

Suoni e video Giacomo Citro

Produzione Compagnia Atacama – Cie Twain/Nuovi Autori 

Con il Sostegno del MiBACT-Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, OFFicinaTwaIN14/16_Regione Lazio

Uscite Di Emergenza | Physics Of Vulnerability

Regia e Coreografia Davide Romeo

Danzatori Michael Pisano, Francesca Pizzuti, Gabriele Planamente, Davide Romeo, Luca Vona, Giovanna Zanchetta

Disegno Luci Micheal Pisano / Davide Romeo

Musica Originale di Michael Pisano

Assistenza alla creazione e Indagine Psicologica Dott.ssa Alice Gabellini

Produttore Associazione Culturale Atacama Onlus

Compagnia Uscite di Emergenza Col sostegno di Scuderie Martelive e CorpoMobile Festival

paesaggidelcorpo.it

facebook | instagram: paesaggidelcorpo

info@paesaggidelcorpo.it

Ufficio Stampa

Edoardo Borzi – Luca Cianfoni | Theatron 2.0

stampa.theatron@gmail.com | 331 2344833

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/premio-cinema-giovane-delle-opere-prime/

Teatro Artemisio (Velletri) “Paesaggi del corpo”
BrancaccioDanza: ultime audizioni il 3 ottobre

Brancaccio Danza: ultime audizioni il 3 ottobre. Un’oasi della formazione al centro di Roma per studiare e apprendere i diversi linguaggi della danza.

Brancaccio Danza. Oasi destinata ad accogliere bambini/e ragazze/i dai 4 ai 24 anni con una scuola e un triennio professionale dove incontrare coreografi e danzatoridi fama internazionale.

Un centro specializzato, creato per coltivare e trasmettere l’amore per la danza e l’arte performativa: Brancaccio Danza nasce dalla volontà di Alessandro Longobardi, direttore artistico del Teatro Brancaccio, di promuovere la danza non solo in forma didattica ma favorendo l’accesso al lavoro.

Brancaccio Danza: ultime audizioni il 3 ottobre. La doppia direzione artistica affidata ad Alessia Gatta, coreografa della [RITMI SOTTERRANEI] contemporary dance company nonché docente internazionale, e ad Alessandro Rende, docente di danza classica e danzatore del teatro dell’Opera di Roma, connota la qualità della proposta.

Brancaccio Danza: ultime audizioni il 3 ottobre. Formare un danzatore completo, colto, versatile, che sappia muoversi in un panorama variegato di linguaggi differenziati e che, seppur specializzato nel classico o nel contemporaneo, venga fin dalla scuola abituato a studiare e a confrontarsi con diversi stili e forme di comunicazione, avendo cura del suo benessere psicofisico.

La formazione, motore pulsante di tutta l’attività, è articolata su più livelli e diversificata nei programmi e negli intenti.

La scuola, fino ai 18 anni, offre programmi e corsi distinti per disciplina e intensità: danza baby, propedeutica, modern e break dance per adolescenti, fino ad arrivare a un ciclo di studi di otto anni, indirizzo classico e contemporaneo, in grado di fornire ai giovani una formazione adeguata per inserirsi in ambito lavorativo o per proseguire gli studi nel triennio professionale.

Il corso triennale W.O.M. – where opposites meet (dove gli opposti si incontrano) è riservato a danzatori dai 18 ai 24 anni, ed è volto ad assicurare un’adeguata padronanza di metodi e tecniche in ambito coreutico, nonché l’acquisizione di specifiche competenze disciplinari e professionali, lavorando sulla ricerca, la sperimentazione, l’intersezione e lo scambio di differenti linguaggi.

Un corso professionale, dove danzatori classici e contemporanei condivideranno lo studio delle discipline fondamentali e delle materie teoriche, per poi continuare a formarsi ciascuno nel proprio ambito.

Un luogo unico nel suo genere con programmi di formazione innovativi e trasversali, docenti altamente qualificati e un respiro internazionale che guideranno lo studente a scoprire una propria identità artistica che sia riconoscibile e matura, anche attraverso workshop e masterclass.

Al termine del progetto formativo, Brancaccio Danza si prenderà cura dei propri allievi, tutelando l’inserimento nelle produzioni di spettacoli e performance, attivando network professionali e favorendo esperienze formative con artisti e organizzazioni affermate nel panorama nazionale e internazionale.

Tecnica, versatilità, nuovi linguaggi, socializzazione, benessere psicofisico e sensibilizzazione alla cultura sono gli obiettivi principali per le nuove generazioni del BrancaccioDanza.

Brancaccio Danza rispetta i protocolli previsti dal Servizio Sanitario Nazionale in materia di Covid-19.

Audizioni corsi pre-professionali e Audizioni triennio professionale W.O.M:3 ottobre al Teatro Brancaccio

Programma, costi e convenzioni su www.brancacciodanza.com; per maggiori informazioni chiamare 377 5515549 o scrivere a info@brancacciodanza.com.

Presentazione video BrancaccioDanza: https://youtu.be/r-5kntVTAW8

Per le immagini del video si ringrazia Archivio BrancaccioDanza, Federica Capo e Danilo Notaro e Ferdinand Studio.

www.brancacciodanza.com

facebook | instagram: Brancaccio Danza

info@brancacciodanza.com

377 5515549

Ufficio Stampa

Edoardo Borzi | Theatron 2.0

 stampa.theatron@gmail.com | 331 2344833

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/teatro-golden-stagione-2020-2021-in-sicurezza/

FIND 38 Festival Internazionale Nuova Danza

FIND 38 Festival Internazionale Nuova Danza “All we can do is dance”


Festival Internazionale Nuova Danza. Dal 29 settembre al 30 ottobre 2020, Cagliari, Orto dei Cappuccini I Teatro Massimo I Giardini sotto le mura  

Dal 29 settembre al 30 ottobre torna a Cagliari il FIND Festival Internazionale Nuova Danza, che saluta la sua 38ª Edizione. Nonostante le difficoltà e le restrizioni imposte dalla pandemia, FIND è nuovamente pronto a interagire e a coinvolgere diversi luoghi e spazi della città con un programma ricco ed estremamente interessante curato da Cristiana Camba a cui è affidata la direzione artistica dell’intera kermesse.

Festival Internazionale Nuova Danza. Perché “All we can do is dance”: “tutto quello che possiamo fare è ballare”, come recita lo slogan di questa edizione che punta a essere uno spazio di rinascita sia per la creazione artistica che per il pubblico… e allora che Danza sia con performance, residenze, incursioni artistiche in diversi luoghi della città.

Grazie a uno sforzo ulteriore, con la passione che contraddistingue il progetto FIND, in cartellone accanto ai i nomi della coreografia italiana, Camba porta in Sardegna anche artisti europei che si affiancheranno a giovani autori e progetti in collaborazione con network nazionali.

L’obiettivo di FIND – organizzato da Maya Inc (Sardegna) e realizzato con il sostegno di MiBACT, Regione Sardegna (Assessorati alla Cultura e Turismo), Comune di Cagliari e Fondazione Sardegna – è infatti quello di offrire al pubblico una fotografia del presente attraverso i linguaggi della nuova danza, forma d’arte in movimento in grado di cogliere l’attimo e di proiettarlo nel futuro.

Per questo, la manifestazione accoglie anche quest’anno protagonisti storici, nuove certezze e artisti emergenti della danza contemporanea in un programma vivace e articolato.

Si inizia il martedì 29 settembre a Cagliari nello splendido scenario dell’Orto dei Cappuccini alle ore 19,30 con una Serata Breaking 8 Festival Internazionale Videodanza:

un concertodi INCONTRI MUSICALI (SARDEGNA) con la direzione di Giacomo Medas, 9 videoproiezionie un estratto dalla coreografia “MAMMAI MANNA” FIGLI D’ARTE MEDAS (SARDEGNA), con Chiara Mameli e Luca Massidda, riadattamento coreografico di Luca Massidda.

Non mancheranno anche per questa edizione 2020 le incursioni a sorpresa, a partire dal 30 settembre tra le ore 17,30 e le ore 20 (riproposte anche nelle giornate 1-3-7-10-14-17-21-24 ottobre):

le vetrine dei negozi del centro cittadino si animeranno grazie alle performances di ASMED (SARDEGNA) dal titolo “SHOWINDOWS 2020” con le coreografie di Lucas Delfino e Valeria Russo.

Nella stessa giornata l’Orto dei Cappuccini ospita alle ore 19.30 il secondo appuntamento con Serata Breaking 8 Festival Internazionale Videodanza:

protagonista in danza ASMED (SARDEGNA) con “ZATÒ E YCHI”, coreografia firmata a quattro mani da Valeria Russo e Lucas Delfino per la regia Senio G.B. Dattena, con Valeria Russo, Lucas Delfino e i percussionisti Marco Caredda e Cinzia Curridori.

Lo spettacolo sarà in replica a serata intera anche venerdì 16 ottobre alle ore 20.30 ai Giardini sotto le Mura di Cagliari.

 Da Giovedì 1 ottobre alle ore 20.30 FIND si sposta al Teatro Massimo di Cagliari: in questa prima serata ben quattro proposte coreografiche intervallate da uno sfizioso aperitivo: CIE TWAIN (LAZIO) con “NOTHING TO DECLARE”, coreografia Yoris Petrillo, un solo danzato da Caroline Loiseau;

a seguire ASMED (SARDEGNA) con  “ZATÒ E YCHI” con la regia di Senio G.B. Dattena e coreografia di Valeria Russo e Lucas Delfino; il BALLETTO TEATRO DI TORINO (PIEMONTE) con “TIMELINE” coreografia Ella Rothschild, con  Lisa Mariani, Viola Scaglione, Nadja Guesewell, Flavio Ferruzzi, Emanuele Piras, Paolo Piancastelli;

in chiusura C&C COMPANY (EMILIA ROMAGNA) –con “LES MISERABLES”, una coreografia di Carlo Massari, con Martina La Ragione, Carlo Massari, Alice Monti, Daniele Palumbo.

Venerdì 2 ottobre alle ore 20.30 il Teatro Massimo ospita NATURALIS LABOR (VENETO) con “THE RITE”, regia Luciano Padovani, coreografia e interprete Elisa Spina e ZEBRA CULTURAL ZOO (VENETO) che presenta “GRACES” una coreografia firmata da Silvia Gribaudi, in scena insieme a Siro Guglielmi, Matteo Marchesi e Andrea Rampazzo.

Sabato 3 ottobre appuntamento dalle ore 20.30 per la Serata Explò – Anticorpi XL con i coreografi PABLO GIROLAMI (FRIULI VENEZIA GIULIA) che firma “GIANNI PASQUALE” con Giacomo Todeschi.

A seguire DANIELE SALVITTO (EMILIA ROMAGNA) che presenta “KSAMA”, MATTEO VIGNALI (UMBRIA) con “ANOTHER WITH YOU”, anche interprete con Noemi Dalla Vecchia.

Infine E-MOTION/LA RISONANZA-ASSOCIAZIONE HENDEL (ABRUZZO) con “VOGLIO LA LUNA” di Francesca La Cava, con Francesca La Cava, Stefania Bucci e il violoncello di Rebecca Fois.

Domenica 4 ottobre dalle ore 19.00 sarà la volta della COMPAGNIA DANCEHAUSPIÙ (LOMBARDIA) con la coreografia “OVER/UNDER” di Matteo Bittante con Barbara Allegrezza, Carlo D’Abramo e Nicolò Castagni mentre la seconda parte della serata ospita la prima compagnia europea dell’edizione 2020:

la COMPAGNIA ART MOUV’ (FRANCIA) con “EN ATTENDAND JAMES B.” con la regia Hélène Taddei Lawson.

Un lavoro collettivo di e con Alex Benth, Jean-Claude Guilbert, Dominique Lesdema, Dominique Lisette, Juha Pekka Marsalo, Charly Moandal, Hélène Taddei Lawson.

Da giovedì 8 ottobre FIND 38 si trasferisceai Giardini sotto le mura a Cagliari.

Il primo appuntamento vede protagonista DAVIDE VALROSSO (TOSCANA) alle ore 20.30 con lo spettacolo “WHO IS JOSEPH”: un solo breve ma accattivante in cui si stagliano una serie di figure gestuali capaci di evocare un susseguirsi di immagini visive che ripercorrono l’ultimo secolo della Storia del mondo.  

Joseph nasce dall’urgente desiderio di interrogarsi sul passato e sul presente, ponendo domande che diventano gesti, a volte simbolici, a volte liberamente intagliati nell’armonia di una danza, cercando di dar voce a quel vivido silenzio che fa da sottofondo alla nostra contemporaneità. 

Dal Belgio arriva venerdì 9 ottobre ore 20.30 il progetto AS PALAVRAS/CIE CLAUDIO BERNARDO che propone per FIND 38 “UN INSTANT DANS LA MAISON D’AUTRUI”,

In prima nazionale: un originale assolo-conferenza danzata di Claudio Bernardo, una cartografia poetica e giocosa tra le mura di una casa padronale, un viaggio tra parole, gesti e il rispettoso silenzio di gratitudine all’artista Maurice Béjart.

Sabato 10 ottobre alle ore 20.30 è la volta di EQUILIBRIO DINAMICO (PUGLIA) con “HOME SWEET HOME” e “SIMPLE LOVE”, una coreografia di Roberta Ferrara con Serena Angelini, Tonia Laterza e Nicola De Pascale:

Un lavoro per quattro donne per corpo, voce e videoinstallazioni in cui Ferrara indaga il rapporto uomo/natura in maniera poetica ma allo stesso tempo cruenta. 

Domenica 11 ottobre alle ore 19.00 si alterneranno sul palco la compagnia ARTEMIS DANZA (EMILIA ROMAGNA) con la coreografia “SOLO DANTE #INFERNO” di Monica Casadei con Mattia Molini, Alessia Stadiotti e Samuele Arisci e NICOLAS GRIMALDI CAPITELLO (CAMPANIA) con “KURUP”, coreografia Nicolas Grimaldi Capitello, anche interprete insieme a Valeria Nappi.

Venerdì 16 ottobre alle ore 20.30 il CATERINA DI RIENZO (LAZIO) propone invece una singolare e interessante conferenza “Immaginare la danza”.

A seguire il FINDER, Giovani autori dell’Accademia Nazionale di Danza: Francesca Rapicano, Maria Cardone, Zulimire Sawuti.

FABRIZIO FAVALE (TOSCANA) firma “THE HALLEY SOLO” con Vincenzo Cappuccio in scena sabato 17 ottobre alle ore 20.30:come a imitare la traiettoria di un corpo celeste periodico, questa danza in forma di assolo si proietta all’infinito in un ciclico ritorno.

Un assolo che ricama nell’aria la sua cifra, ora fluida, ora disarticolata, in un’intensità che nel controllo, nel rilascio e nella complessità del movimento vede il suo incedere.

Gli appuntamenti ai Giardini sotto le mura si chiudono domenica 18 ottobre alle ore 19.00 con LUCIDOSOTTILE (SARDEGNA) con LUGHENTE E SÙTILE LUGHE”, coreografia Tiziana Troja e Valentina Puddu che ne è anche interprete:

“Lughente e Sùtile Lughe” è Elena, una donna che possiede il dono sovrannaturale di modificare la sorte delle persone, strappandole dalle braccia della morte e concedendo loro una nuova opportunità di vita.  Elena, dal greco” Elène” fiaccola, scintillante, splendente, è anch’essa avviluppata nel suo stesso destino: il filo della vita.

Gran finalecon ben tre repliche mercoledì 28, giovedì 29, venerdì 30 ottobre alle ore 21 al Teatro Civico di Sinnai con ASMED BALLETTO DI SARDEGNA che presenta “FOUR”, coreografia e danza di Olimpia Fortuni, Matteo Marchesi, Manolo Perazzi e Sara Pischedda:

quattro giovani autori, coreografi e interpreti, in un progetto di quattro diverse coreografie ispirate ai significati della quadruplicità.

Informazioni

FIND 38 – XXXVIII Festival Internazionale Nuova Danza

Maya Inc

Traversa via della Pace, 2, 09044 – Quartucciu

festivalnuovadanza@gmail.com | +39 342 7838614 | 070/4671139

www.findfestival.org | Twitter | Facebook instagram

Direzione artistica

Cristiana Camba | direzione.find@gmail.com

Ufficio Stampa

Anna Brotzu | annabrotzu30@gmail.com – cell. 328/6923069

Biglietti

da 4 a 10 euro

Abbonamenti

25 euro intero – 20 euro ridotto studenti e scuole di danza

PARTNERSHIP

Partner Commerciali:

CTM Spa –  Trasporto Pubblico Locale (Cagliari)

Consorzio Cagliari Centro Storico – Centro Commerciale Naturale (Cagliari)

Università e scuole:

Accademia Nazionale di Danza (Roma)

Ist. Comp. Statale N. 6 (Quartu Sant’Elena)

Partner culturali:

Compagnia LucidoSottile (Cagliari)

Compagnia B (Cagliari)

CEDAC Circuito Multidisciplinare Sardegna (Cagliari)

Associazione Enti Locali per Lo Spettacolo (Cagliari)

Tersicorea Officina della Arti Sceniche (Cagliari)

Figli d’Arte Medas

L’Effimero Meraviglioso

Incontri Musicali

Nymphaea Rubra

Reti:

Network Anticorpi XL – Danza Urbana XL – CollaborAction

Med’Arte (rete internazionale, 25 partner)

Agis – ADEP (nazionale, 20 partner)

Agis Sardegna

Festival internazionali:

Screendance Festival (Svezia)

Festival Videomovimiento (Colombia)

Panorama Videodance (Francia)

Movimiento en Movimiento (Messico)

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/focus-giovani-2020-twain_centro-produzione-danza/

Focus Giovani 2020 TWAIN_Centro Produzione Danza

Focus Giovani 2020 TWAIN_Centro Produzione Danza 2-4 ottobre ore 21:00 Supercinema – Tuscania (VT)


Focus Giovani 2020 TWAIN. Superare l’ostacolo, ricominciare, guardare oltre. Questo l’incipit della stagione 2020 di TWAIN_Centro Produzione Danza sotto la direzione artistica di Loredana Parrella:

Focus Giovani 2020 TWAIN. Danza, teatro e performance abiteranno il Supercinema di Tuscania (VT) dal 2 al 4 ottobre,con un evento speciale.

Focus Giovani 2020 TWAIN, tre giorni dedicati alla nuova autorialità in cui verranno presentati presso il Supercinema di Tuscania, in collaborazione con Vera Stasi e ATCL, i lavori a cura di sei giovani realtà artistiche under 35 e del coreografo Manfredi Perego, ospite d’eccezione riconosciuto e apprezzato in Italia e all’estero.

Il weekend di danza si aprirà venerdì 2 ottobre con Sara Lupoli che presenterà Off-Cells, opera crossmediale che invita gli osservatori ad attivare la propria capacità cinestetica e percettiva attraverso un esperimento che investe i neuroni legati alla vista, una produzione Art Garage;

Continueranno Paglialunga/Mattogno con lo spettacolo Shape of moving waves, un dialogo tra danza e musica ispirato alla fisica del suono e alla sua propagazione molecolare nell’aria e Antonio Formisano con DependEsports primo studio, prodotto da Borderline Danza che si colloca al confine tra benessere e malessere derivanti dall’uso dei videogames.

La performance racconta la fascinazione oscura per la relazione con il computer da gioco, in un’immersione totale nella dipendenza dalla realtà virtuale.

La serata del 3 ottobre, organizzata da Vera Stasi in collaborazione con Network Anticorpi XL, vedrà esibirsila coreografa e danzatrice Barbara Berti con la creazione Bau#2, dalla serie BAU.

Coreografia del pensare, in cui viene sviluppato un metodo di lavoro incentrato sull’esplorazione delle connessioni invisibili fra corpo e mente, tra subconscio e percezione cosciente del reale.

Una pratica in cui movimento e parola vengono creati in tempo reale durante la performance, traducendo le informazioni e i processi che intercorrono tra pubblico e performer.

La stessa sera il trio Zanni/Feltre/Cisternino, autore di DOYOUWANNAJUDGEME, presenterà una performance, prodotta da Company Blu, che concretizza i “frammenti coreografici” derivati da un’analisi visiva e puramente personale dell’affresco ’Giudizio universale’ di Michelangelo Buonarroti.

Partendo da una serie di sperimentazioni suggerite dalla varietà di forme e dettagli che caratterizzano l’opera pittorica, il lavoro si sviluppa attraverso la costruzione di una partitura coreografica suddivisa in “frames”.​

Domenica 4 ottobre, Manfredi Perego e Paolo Rosini riscalderanno il pubblico di Tuscania con il loro estro creativo.

Perego con Primitiva, produzione TIR Danza, coproduzione Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, proporrà al pubblico una ricerca sugli elementi primari che abitano la corporeità, un viaggio mnemonico all’interno della più antica percezione di sé, quella animalesca e al contempo impulsiva e fragile.

Lo spettacolo è programmato in collaborazione con ATCL. Mentre Rosini (vincitore Premio TenDance 2019) porterà in scena la performance Oriri, una meditazione sul fluire mutevole della vita e sulla sua inafferrabilità;

Un luogo dove l’abbandono allo scorrere degli eventi, diventa nuovo punto di partenza per un’esistenza apparentemente priva di sostegno, quasi abbandonata a

2/10/2020

Sara Lupoli | Off Cells

Coreografia, performer, autrice Sara Lupoli

Sound design Matteo Vinti con la collaborazione di Francesco Giangrande aka Göreme

Produzione Art Garage

Supporto N+N Corsino (Marseille), Casa del contemporaneo, L’asilo, Körper , Pianobe (Marseille), Marosi stromboli

Enrico Paglialunga/Giacomo Mattogno | Shape of moving waves     

Idea InCapsula

Musica Originale (live) Giacomo Mattogno

Coreografia e performance Enrico Paglialunga

Antonio Formisano | DependEsports      

Coreografia e danza Antonio Formisano

Assistente alla creazione Luigi Aruta

Produzione Borderline Danza

3/10/2020 

Barbara Berti | Bau#2         

dalla serie BAU – Coreografia del pensare

Concetto, coreografia, danza, testo Barbara Berti

Con un inserto di Carlo Rovelli

Drammaturgia Carlotta Scioldo

Luci Thomas Cicognani

Assistente luci Liselotte Singer

Spettacolo vincitore ex aequo Premio Scenario 2017

Zanni/Feltre/Cisternino | DOYOUWANNAJUDGEME

Coreografia, regia, editing video, interpreti Nicola Simone Cisternino, Maria Vittoria Feltre e Luca Zanni

Prodotto da Company Blu

In residenza artisticapresso Company Blu e Kinkaleri | spazioK. Prato centro di residenza regionale nell’ambito del progetto “ARTISTI NEI TERRITORI – Rt.43 D.M. Luglio 2017

Con il sostegno di MiBACT, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze” con il primo studio “Frames”

Sostenuto da Spazio Atelier delle Arti di Chelo Zoppi | Livorno; Vetrina della giovane danza d’autore Network Anticorpi XL 2019

4/10/2020 

Manfredi Perego | Primitiva           

Coreografie/danza Manfredi Perego

Musiche Paolo Codognola

Luci Giovanni Garbo

Produzione TIR Danza in coproduzione con la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza

In Collaborazione con Centro Nazionale di Produzione della Danza Scenario Pubblico CZD, Teatro delle Briciole/Solares Fondazione delle Arti, MP.ideograms, ResiDance XL

Artista Associato presso il Centro Nazionale di Produzione della Danza Scenario Pubblico/CZD.

Paolo Rosini | Oriri

Un progetto di Paolo Rosini

Interpreti Chiara Tosti e Paolo Rosini

Musiche Michele Mandrelli

Luci Massimiliano Monsù

Realizzato con il sostegno di CapoTrave/Kilowatt, Home Centro Coreografico, Teatri di Vita

Una co-produzione di BAMBULAproject, Balletto Civile e Rosa Shocking/Festival TenDance

Vincitore Premio TenDance 2019

Info e Prenotazioni

info@cietwain.com | www.cietwain.com

3382051200 | 3203120850

facebook | instagram: @twaincentroproduzionedanza

Ufficio Stampa e Comunicazione

Edoardo Borzi | Theatron 2.0

 stampa.theatron@gmail.com | 331 2344833

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/non-solo-selfie-della-blogger-elenia-scarsella/

Focus Giovani 2020 TWAIN_Centro Produzione Danza
Le Quattro Stagioni di Giuliano Peparini

Le Quattro Stagioni di Giuliano Peparini. Torna ad alzarsi il sipario sul balletto al Teatro Costanzi

Le Quattro Stagioni di Giuliano Peparini . Il Corpo di Ballo dell’Opera di Roma in scena tutte le sere dal 22 al 27 settembre

Le Quattro Stagioni di Giuliano Peparini . ‘Autunno 2020’, il nuovo programma di spettacoli al Teatro Costanzi, si apre martedì 22 settembre alle 20.00 con il balletto Le quattro stagioni, firmato nella regia e nella coreografia da Giuliano Peparini.

Le Quattro Stagioni di Giuliano Peparini . Il coreografo romano riprende la sua terza creazione per la compagnia capitolina, dopo il recente successo al Circo Massimo, per il palcoscenico del Teatro dell’Opera di Roma.

Tutte le sere dal 22 al 27 settembre potremo rivivere, nello spazio intimo del Teatro, il racconto delle naturali “stagioni” della coppia

Dai primi sguardi che si incrociano con pudore (la Primavera), ai fuochi della passione (l’Estate) e al loro progressivo spegnimento (l’Autunno), fino ad arrivare al gelo dei rapporti (l’Inverno).

Intorno alle coppie principali, Rebecca Bianchi e Claudio Cocino (Primavera), Marianna Suriano e Giacomo Castellana (Estate), Susanna Salvi e Michele Satriano (Autunno), Sara Loro e Alessio Rezza (Inverno), ci sarà il nostro Corpo di Ballo che Peparini farà danzare ancora una volta rispettando le norme di sicurezza obbligatorie.

Sarà la voce recitante registrata di Alessandro Preziosi a fare da intermezzo tra una stagione e l’altra con E poi fate l’amore di Alda Merini, un estratto da Il profeta di Kahil Gibran, Crescita d’amore di John Donne, 

Estate di Cesare Pavese, Autunno di Vincenzo Cardarelli e Le foglie morte di Jacques Prévert. Le celebri Quattro stagioni di Vivaldi, su base registrata, sono eseguite dall’Orchestra del Teatro dell’Opera con Vincenzo Bolognese, violino solista.

Tra i brani musicali registrati anche la Sonata in fa minore K. 466 di Domenico Scarlatti, eseguita al pianoforte da Antonio Maria Pergolizzi

Nancy (with the laughing face) di Jimmy Van Heusen e Phil Silvers, cantata da Frank Sinatra; Summertime di George Gershwin, Edwin DuBose Heyward, Ira Gershwin; Les feuilles mortes di Yves Montand, Jacques Prévert e Joseph Kosma cantata da Ives Montand.

Completano la creazione, scene e costumi improntati ad un’essenziale linearità, rispettivamente firmati da Andrea Miglio e Anna Biagiotti. Fondamentale l’apporto delle luci di Marco Vignanelli e dei video di Edmondo Angelelli e Giuliano Peparini.

Dopo la prima rappresentazione di martedì 22 settembre, ore 20.00Le quattro stagioni torna in scena tutti i giorni in cinque repliche: mercoledì 23 alle 20.00, giovedì 24 ore 20.00, venerdì 25 ore 20.00, sabato 26 ore 18.00, domenica 27 ore 16.30.

Domenica 20 settembre alle 19 è in programma l’Anteprima Giovani riservata ai minori di 26 anni.

Gli ingressi saranno contingentati con una assegnazione dei posti studiata appositamente per assicurare il rispetto della distanza di sicurezza all’interno dei luoghi di aggregazione, in attuazione delle disposizioni per contenere la diffusione della COVID-19.

‘Autunno 2020’ è stata pensata a seguito dell’annullamento della stagione in corso. Il programma di opera e balletto in forma scenica, è stato ridefinito tenendo conto delle regole anti-covid-19, per garantire la sicurezza di artisti, tecnici e spettatori.

Dopo il balletto Le quattro stagioni ‘Autunno 2020’ prosegue con Zaide di Mozart dal 18 al 27 ottobre, nuovo allestimento in collaborazione con Circuito Lirico Lombardo (Teatro Sociale di Como/Aslico, Teatro Ponchielli di Cremona Teatro Fraschini di Pavia e Teatro Grande di Brescia), firmato da Graham Vick; 

La traviata di Verdi dal 4 al 10 novembre, con la regia di Sofia Coppola e i costumi di Valentino, ma in una versione adattata alle restrizioni anti-Covid che saranno in vigore a novembre. Attenzione: 

La traviata in programma prima dell’inizio dell’emergenza sanitaria dal 3 al 13 novembre è stata annullata.

I biglietti acquistati prima del 12 agosto 2020 non sono validi per le recite riprogrammate dal 4 al 10 novembre 2020. Per maggiori informazioni contattare la Biglietteria del Teatro dell’Opera all’indirizzo ufficio.biglietteria@operaroma.it o al numero di telefono 0648160255.

Nel rispetto del Decreto-legge “Cura Italia”, anche il Teatro dell’Opera di Roma rilascia i voucher secondo le modalità di rimborso per i biglietti acquistati di spettacoli sospesi o annullati nell’ambito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

L’articolo 88 del d.l. 17 marzo 2020, n. 18 (convertito dalla legge 24 aprile 2020, n. 27) prevede il rimborso tramite “l’emissione di un voucher di pari importo al titolo di acquisto, da utilizzare entro diciotto mesi dall’emissione” (salvo ulteriori proroghe normative).

Chi ha acquistato alla biglietteria dell’Opera di Roma potrà ottenere il voucher, che sarà valido per tutti gli spettacoli della Fondazione, consegnando i biglietti al botteghino del Teatro entro il 30 settembre 2020.

Chi ha acquistato i biglietti on line su Ticketone può richiedere il voucher di rimborso seguendo le procedure indicate sul sito https://www.ticketone.it/campaign/covid-19/.

Il programma fa parte del nuovo palinsesto di Roma Capitale Romarama.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/ciak-si-suona-2020-giardini-monte-mario/

Danza Contemporanea, Casa della Cultura Velletri

Danza Contemporanea, Paesaggi del Corpo Festival Internazionale di Danza Contemporanea nella Casa della Cultura e della Musica a Velletri


Danza Contemporanea, Casa della Cultura Velletri. 19 settembre 2020 h 17 | Casa delle Culture e della Musica – Velletri (RM)

La grande danza contemporanea approda per tre mesi nella città di Velletri (RM) a partire dal 19 settembre, giorno di inaugurazione di Radici, titolo dell’edizione 2020 di Paesaggi del Corpo Festival internazionale di danza contemporanea.

Con l’obiettivo di intessere una rete di relazioni con il territorio, la città, le comunità e i cittadini che li abitano, il Festival vuole mettere in primo piano la danza ovvero l’arte che predilige il corpo per raccontare l’uomo nella sua fragilità, grandezza e diversità.

Dalle ore 17, presso la Casa delle Culture e della Musica, è previsto un incontro pubblico di presentazione del Festival in cui interverranno

Il Consigliere regionale Daniele Ognibene, il Sindaco di Velletri Orlando Pocci, l’Assessora – Bilancio e Politiche Culturali di Velletri Romina Trenta, Patrizia Cavola Direttrice Artistica del festival e il Maestro Claudio Micheli, Direttore di FONDARC.

A seguire, dalle 18, si succederanno tre imperdibili appuntamenti per gli amanti delle arti performative, tre performance site-specific che abiteranno differenti spazi all’interno della Casa delle Culture e della Musica.

Aprirà le danze del Festival Pia della Compagnia Motus di Simona Cieri, progetto che racconta una violenza domestica ingiusta e cruenta come quelle che si registrano ogni giorno nel nostro Paese.

Un corpo di giovane donna costretto nello spazio di un castello-prigione, aggredito e scaraventato dalla finestra, costituirà il fulcro del progetto coreografico ed è ragione stessa della ricerca gestuale.

Si proseguirà con il giovane e portentoso coreografo e danzatore Manolo Perazzi che presenterà Crossover, spettacolo prodotto da Gruppo e-Motion.Crossover è l’incrocio fra danza e musica elaborata dal vivo attraverso un violoncello, un synt e una loop station.

All’interno della performance la musica crea spazi che non hanno luoghi di provenienza né destinazioni, non hanno passato né futuro, si manifestano improvvisamente e vivono dell’istante, costringendo i corpi a fare altrettanto.

Concluderà la prima serata del Festival la compagnia Uscite Di Emergenza con Imprinting Esporsi non sarà più la stessa cosa, regia e coreografia di Davide Romeo, spettacolo prodotto da Ass. Cult. Atacama Onlus.

Lo spettacolo vuole risvegliare i nostri imprinting sensoriali per trasportare il performer e chi lo segue in una fase sensibile, capace di poter stampare nel proprio modo di vivere l’esperienza immagini suoni contatti e movimenti.

La capacità di creare legami di sequela e la disponibilità ad esporsi sono i concept fondamentali di un lavoro in continua evoluzione.

Il Festival è realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte, sotto la Direzione artistica di Patrizia Cavola, con il contributo della Regione Lazio, in collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri e con ilpatrocinio del Comune di Velletri.

Programma completo su paesaggidelcorpo.it

19 settembre 2020 h 17 | Casa delle Culture e della Musica – Velletri (RM)

Compagnia Motus | Pia

Coreografie Martina Agricoli

Soggetto Rosanna Cieri

Con Martina Agricoli, Ilaria Fratantuono, Mattia Solano

Musica Autori vari

Regia Rosanna e Simona Cieri

Produzione Motus

Gruppo e-Motion – Manolo Perazzi | Crossover

Regia e Coreografia Manolo Perazzi

Interpreti Manolo Perazzi

Musica dal vivo e Regia del suono Flavia Massimo

Produzione Gruppo e-Motion

Uscite Di Emergenza | Imprinting Esporsi non sarà più la stessa cosa

Regia e coreografia Davide Romeo

Interpreti Michael Pisano, Francesca Pizzuti, Nives Arena, Luca Vona, Giovanna Zanchetta Produzione Associazione Culturale Atacama Onlus

paesaggidelcorpo.it

facebook | instagram: paesaggidelcorpo

info@paesaggidelcorpo.it

Ufficio Stampa

Edoardo Borzi | Theatron 2.0

 stampa.theatron@gmail.com | 331 2344833

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/parientes-teatro-tor-bella-monaca/

Paesaggi del Corpo Festival Internazionale, Velletri
Paesaggi del Corpo Festival Internazionale, Velletri

Paesaggi del Corpo Festival Internazionale di Danza Contemporanea


Paesaggi del Corpo Festival Internazionale, Velletri. Dal 19 settembre al 12 dicembre 2020, si svolgerà a Velletri, il Festival internazionale di danza contemporanea Paesaggi del Corpo con l’obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza della danza contemporanea in tutte le sue declinazioni con particolare attenzione a quei lavori che si collocano in un crocevia dove si incontrano le arti, innovando e dando vita a nuovi linguaggi.

Paesaggi del Corpo Festival Internazionale, Velletri. Radici, titolo evocativo dell’edizione 2020 del Festival, rimanda all’aspirazione del progetto a radicarsi e a intessere una fitta rete di relazioni con il territorio, la città, le comunità e i cittadini che li abitano mettendo in primo piano la danza ovvero l’arte che predilige il corpo per raccontare l’uomo nella sua fragilità, grandezza e diversità e il suo tempo, grazie alla sua forza poetica.

Il Festival verrà realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte, sotto la Direzione artistica di Patrizia Cavola, con il contributo di Regione Lazio Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili, in collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri e con ilpatrocinio del Comune di Velletri.

Paesaggi del Corpo vuole dialogare con un pubblico ampio e trasversale che includa varie generazioni, invitando i cittadini a riscoprire i luoghi attraverso la poesia della danza.

Il progetto trimestrale prevede vari interventi e differenti modalità di presentazione e incontro con il pubblico: spettacoli, performance site specific e di danza urbana, residenze artistiche, laboratori con esiti pubblici, incontri, progetti speciali a carattere multidisciplinare rivolti ai giovani e agli studenti, volti a creare momenti di relazione tra la danza e altre arti, come l’arte visiva, la scrittura, la musica, le nuove tecnologie.

La rassegna, interamente dedicata al contemporaneo, cerca di raccogliere al suo interno una rosa ampia di proposte artistiche differenti, ognuna caratterizzata dalla propria ricerca stilistica e poetica e dal proprio linguaggio innovativo, per dare una visione ampia e variegata, che vuole comprendere stili e percorsi di ricerca diversificati.

Il programma prevede produzioni di compagnie italiane, internazionali e di autori e coreografi emergenti anche under 35.

Tra le molte partecipazioni, si annoverano nomi di punta nel panorama italiano come Compagnia Zappalà Danza, EgriBianco Danza, Gruppo e-Motion, Compagnia ASMED Balletto di Sardegna, DNA, Megakles Ballet – Petranura Danza, Ariella Vidach AiEP, Compagnia Atacama ela coreografa Adriana Borriello e formazioni internazionali di grande prestigio tra cui Compagnie Irene K, Cia Pe Mellado ed EnClave Danza & ES.ARTE.

Tutto incentrato sulle differenti declinazioni dei linguaggi della danza contemporanea, il Festival raccoglie al suo interno diverse sezioni tematiche che si sviluppano a partire dall’interesse per la multidisciplinarietà e per il dialogo fra le arti e per l’apertura all’internazionalità e alla relazione fra le culture.

Per approfondire la ricerca sul dialogo tra corpo/danza e architetture/ beni culturali /paesaggi urbani le compagnie saranno invitate a far entrare in relazione le loro creazioni con i luoghi non convenzionali che abiteranno all’interno della Casa delle Culture e della Musica, dialogando con le architetture e gli spazi naturali.

Per il Focus Cile, sezione dedicata all’incontro tra danza e poesia e letteratura con uno sguardo sull’internazionalità e l’incontro tra le culture, sarà ospite del festival la compagnia cilena Cia Pe Mellado che presenterà in streaming lo spettacolo La Bailarina dedicato alla poetessa cilena Gabriela Mistral; mentre la Compagnia Atacama porterà in scena la nuova creazione La Danza della realtà, ispirata all’autore cileno Alejandro Jodorowsky.

Accompagneranno gli spettacoli due incontri pubblici. Sul versante arte e nuovi media, EnClave Danza & ES.ARTE, e-Motion e Ariella Vidach AiEP esploreranno l’utilizzo dei media interattivi in relazione al corpo e al movimento, interagendo con video mapping e proiezioni, facendo delle nuove tecnologie un punto di ricerca espressiva attento all’innovazione del linguaggio.

Il Festival dedicherà uno spazio anche alla nuova generazione di autori per favorire la creatività emergente e garantire il ricambio generazionale dell’offerta presentando realtà artistiche di grande talento come Uscite Di Emergenza, DNA, Valeria Loprieno, Manolo Perazzi e Irene Fiordilino.

Inoltre Paesaggi del corpo tenterà di dialogare anche con un pubblico di bambini e ragazzi ai quali è dedicato Of Feet and Paws della compagnia belga Irene K e Perseo e Medusa della Compagnia ASMED Balletto di Sardegna che viene proposto anche in matinée per le scuole.

Le attività di Paesaggi del Corpo si svolgeranno in differenti spazi, scelti per valorizzare il patrimonio culturale della città: il Teatro Artemisio Gian Maria Volonté,  sede degli spettacoli; la Casa delle Culture e della Musica, struttura seicentesca dell’ex Convento del Carmine, luogo denso di attrattive storiche e artistiche, che all’interno offre diversi spazi:

l’Auditorium, il corpo centrale dell’ex chiesa medievale, il Chiostro, quadrangolare, coperto da un porticato con volte a crociera dove viene allestito un palco, il Giardino adornato da colonne ottocentesche, la Sala degli Affreschi, ex refettorio attualmente trasformato in spazio espositivo e sala conferenze.

L’intera struttura è un luogo di ritrovo cittadino, pensato per ospitare eventi a sfondo culturale ed esso stesso monumento alla cultura da vivere quotidianamente nel silenzio del chiostro o del giardino, in un sereno sodalizio tra arte e natura.

Accanto alla programmazione di spettacoli, il Festival metterà in atto progettualità speciali e attività di laboratorio e didattica per creare nuove opportunità per avvicinarsi alla danza contemporanea, assimilarne i nuovi linguaggi e processi creativi con il preciso scopo di formare nuovi artisti e nuovi spettatori.

Tra le altre attività culturali organizzate volte a educare e promuovere il pubblico il programma prevede la messa in atto di Progetti Multidisciplinari Speciali indirizzati ai giovani in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Roma, sede di Velletri, che coinvolgerà studenti e docenti delle triennali di Pittura e Grafica Editoriale nelle attività del festival e con l’IISS C. Battisti di Velletri.

Programma completo su: paesaggidelcorpo.it

paesaggidelcorpo.it

facebook | instagram: paesaggidelcorpo

info@paesaggidelcorpo.it

Ufficio Stampa

Edoardo Borzi | Theatron 2.0

 stampa.theatron@gmail.com | 331 2344833

CALENDARIO EVENTI

19 settembre 2020 h 18 | Casa delle Culture e della Musica

Compagnia Motus | Pia

Gruppo e-Motion – Manolo Perazzi | Crossover

Uscite Di Emergenza |   Imprinting Esporsi non sarà più la stessa cosa.

26 settembre 2020  h 17:30| Casa delle Culture e della Musica

Compagnie Irene K (Belgio) | Of Feet And Paws

Compagnia EgriBiancoDanza | Lo Spazio dell’Anima

27 settembre 2020 h 17:30 | Casa delle Culture e della Musica

Compagnie Irene K (Belgio) | Mains D’Or

Compagnia Movimento Danza – Irene Fiordilino | Self – Portrait In Yellow Shades

Ariella Vidach AiEP | 10 Giardini da non perdere

3 ottobre 2020 h 17:30| Casa delle Culture e della Musica

Megakles Ballet Petranura Danza  | Respiro

DNA |  Materica

EnClave Danza & ES.ARTE (Spagna) |  IA*La Edad Pos Humana Intuición Artificial (estratto)

4 ottobre 2020 h 18 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

EnClave Danza & ES.ARTE  (Spagna) |  IA*La Edad Pos Humana Intuición Artificial

16 ottobre 2020 h 21  | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Valeria Loprieno  |  Da Consumarsi Preferibilmente Entro best before…

Uscite Di Emergenza | Physics Of Vulnerability

31 ottobre 2020 h 21 | Auditorium Casa delle Culture e della Musica

Compagnia Adriana Borriello |  La conoscenza della non conoscenza

8 novembre 2020 h 17:30 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Asmed Balletto Di Sardegna |  Perseo e Medusa

9 novembre 2020 matinée h 10 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Asmed Balletto Di Sardegna  |   Perseo e Medusa

20 novembre 2020 h 19:30 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Incontro in streaming con la compagnia su “Gabriela Mistral. Poesia e Danza”

h 21  | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Cia Pe Mellado (Cile) | La Bailarina  (streaming)

22 novembre 2020 h 17:30 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Compagnia Atacama |  La Danza della realtà

A seguire incontro con la compagnia su “Alejandro Jodorowsky. Danza e letteratura”

24 novembre 2020 matinée h 10 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Compagnia Atacama |  La Danza della Realtà

5 dicembre 2020 h 21 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Compagnia Zappalà Danza | Romeo E Giulietta 1.1. La Sfocatura Dei Corpi

12 dicembre 2020 h 21 | Teatro Artemisio Gian Maria Volontè

Gruppo e-Motion | Voglio La Luna

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/la-voce-della-terra-spoleto/

Paesaggi del Corpo Festival Internazionale, Velletri
Audizioni Accademia Ucraina di Balletto (4)

Audizioni Accademia Ucraina di Balletto. Anno Academico 2020/2021 sabato 6 giugno ore 9.00


Audizioni Accademia Ucraina di Balletto. Dopo il successo del video DANZA E SPETTACOLO: UN COSTUME DI SCENA PER ESSERE VISIBILI (https://youtu.be/ysfotzBlcWY )

Accademia Ucraina di Balletto apre le porte per le audizioni per il prossimo anno Accademico, 2020/2021.

Audizioni Accademia Ucraina di Balletto. Molte realtà stanno organizzando le audizioni online, ma la Direttrice Caterina Calvino Prina crede fortemente sia fondamentale poter vedere i ragazzi in una sala di danza.

La scelta di cominciare a frequentare una realtà professionale comporta un cambiamento di vita radicale sia per l’allievo che per la sua famiglia.

Tutto si deve svolgere con la massima serietà, dando la possibilità ai docenti di fare una scelta attenta e valutando i candidati non attraverso foto o video, ma dal vivo.

E’ importante sottolineare che, nell’ottica dell’osservanza dei protocolli anti COVID-19, le audizioni si svolgeranno con una modalità diversa rispetto al solito.

Saranno esaminati dei mini gruppi e sarà previsto un numero di esercizi più limitato, ma mirato per poter valutare esattamente l’idoneità.

Questo permetterà di evitare assembramenti all’interno della struttura.

L’Accademia metterà in atto tutti i protocolli di sicurezza e qualche giorno prima, verranno inviate le modalità dettagliate delle regole da seguire.

Sempre rispettando il distanziamento di sicurezza, i candidati avranno poi la possibilità di parlare anche con i responsabili della scuola e del convitto.

L’audizione si terrà quindi sabato 6 giugno dalle ore 9 alle ore 18.30

E’ ancora possibile partecipare all’audizione facendone richiesta all’indirizzo segreteria@accademiaucraina.it o chiamando la segreteria dell’Accademia (02.58316396).

La scuola professionale dell’Accademia Ucraina di Balletto ha aperto la sua sede stabile presso il Teatro delle Erbe di Milano il 23 settembre 2005.

Forte di tradizione e prestigio risponde alle esigenze di una formazione professionale di alto livello.

Dall’anno scolastico 2006/07 parte la collaborazione con un’Istituzione di prestigio come l’ISTITUTO delle MARCELLINE, con l’obiettivo di offrire ai propri studenti un ambiente completo per la loro crescita professionale, umana e culturale.

“L’UNICA ACCADEMIA PROFESSIONALE IN ITALIA CHE OFFRE ALL’INTERNO DI UN’UNICA SEDE LEZIONI DI DANZA, LEZIONI SCOLASTICHE E CONVITTO/RESIDENZA (maschile e femminile)“

Le lezioni di si tengono nelle sale dell’Istituto di via Quadronno e chi vuole può frequentare la scuola secondaria di primo grado e il liceo linguistico pomeridiano sia come alunno esterno sia come alunno interno.

E’ indubbio il vantaggio di avere nello stesso edificio la possibilità di frequentare la scuola

Le lezioni di danza, nonché di poter usufruire di un internato senza doversi sottoporre a stressanti trasferimenti, soprattutto per chi abita lontano da Milano.

Il progetto si distingue per:

Alta formazione coreutica grazie al valore della Metodica Vaganova e ai docenti provenienti dai più famosi teatri dei paesi dell’Est ed europei.

Preparazione scolastica di altissimo livello garantito dall’esperienza in campo didattico dell’Istituto delle Marcelline

Convitto maschile e femminile interno con possibilità di usufruirne durante alcuni weekend prestabiliti

Collaborazione con il Teatro Arcimboldi per gli spettacoli messi in scena dall’Accademia e per lo svolgimento delle lezioni in alcuni periodi e giorni specifici.

Caterina Calvino Prina

Direzione AUB

Ulteriori Informazioni e iscrizioni all’indirizzo segreteria@accademiaucraina.it
#accademiaucrainadiballetto #aubdoesntstop

Accademia Ucraina di Balletto

www.accademiaucraina.it

Via Quadronno, 15 Milano
c/o I.C.L. Marcelline

Leggi anche:https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/aranciera-di-san-sisto-di-roma-ha-presentato-il-festival-della-moda-a-roma/

SOGNO balletto di Roma Teatro Vascello

Teatro Vascello “Sogno, una notte di mezza estate” “Mai più soli danza” va in scena il balletto di Roma.


Teatro Vascello “Sogno, una notte di mezza estate”. Dal 25 febbraio al 1° marzo 2020, dal martedì al venerdì h 21 – sabato h 19 – domenica h 17 .

Teatro Vascello “Sogno, una notte di mezza estate”. Coreografia di Davide Valrosso, Luciano Carratoni, Direzione Artistica Francesca Magnini, Atto unico per 8 danzatori: 4 uomini e 4 donne, In co-produzione con il Festival Oriente Occidente – CID Centro Internazionale della Danza

“Sogno di una notte di mezza estate” è una delle opere più affascinanti di William Shakespeare, una commedia immersa in un’atmosfera fantastica, capace di suscitare emozioni e meraviglia.

Teatro Vascello. In principio l’opera fu destinata a rappresentazioni private, mentre più tardi il testo fu riadattato come spettacolo pubblico.

In bilico tra questa dimensione intima e collettiva, tra surrealismo e folklore, la Compagnia del Balletto di Roma dà origine alla storia fantastica e tenebrosa di coppie d’innamorati che si perdono e s’inseguono in un bosco labirintico, fatto d’insidie e seduzioni.

La creazione di Davide Valrosso riflette su due temi fondamentali: la magia e il sogno. Teatro Vascello.

Magia non è altro che l’amore, simboleggiato nella commedia dal succo di un fiore magico che agisce sugli occhi: è, infatti, con lo sguardo che ci s’innamora per la prima volta scrutando l’oggetto del desiderio.

Altro tema è il sogno, preponderante a tal punto che realtà e fantasia arrivano a confondersi, amplificando lo sguardo su un accadimento a-temporale.

L’elemento onirico è reso dalla presenza di corpi vivi e impalpabili che danzando animano Puck, creatura irreale ma sempre presente che muove, a volte anche senza volerlo, i fili delle relazioni umane.

Puck è vitalità e caos, gioco e divertimento, senza cattiveria. Puck è l’infante irruento e scherzoso che è dentro ognuno di noi.

In termini coreografici la cifra chiave è da ricercarsi in un passaggio fluido da elementi accademici a una danza più materica: tracciati ambivalenti che si nutrono l’uno dell’altro, in un migrare continuo dall’etereo al corporeo.

Attraverso un focus intermittente su situazioni scelte, le azioni si sovrappongono come in una dissolvenza incrociata, inglobando sguardi densi d’immaginazione, in un’esperienza di visione che invita continuamente a “giocare di fantasia”.

Danzatori in colori pastello e scena di un bianco sognante s’immaginano immersi nella stessa sostanza, fatta di materiali sottili che sussurrano e non descrivono.

La coreografia dei duetti e delle parti di gruppo amplifica una densità di presenza voluminosa abbastanza da donare al corpo e alla scenografia una consistenza tangibile e insieme immateriale: saranno gli spiriti irreali dei personaggi a concretizzarsi in un mondo del tutto surreale, ma che ci parla da vicino.

Shakespeare ci fa intuire quanto noi esseri umani siamo insignificanti di fronte a cose che non possiamo in alcun modo controllare.

Ci fa riflettere su come il caos possa essere artefice del nostro destino, poiché nulla possiamo fare – almeno apparentemente – per contrastarlo.

Attraverso la danza del suo “Sogno, una notte di mezza estate” Valrosso ci suggerisce di coltivare il senso trasformativo di questo caos fatto d’inganni, gelosie e tenerezze, accogliendo il potere che pensieri, parole e gesti hanno di farci abbandonare inesorabilmente alla bellezza.

Botteghino info e prenotazioni:

Danza € intero € 20, ridotto over 65 € 15, ridotto under 26 € 12

Abbonamenti e card a partire da 60 euro

Ponentino card € 60,00 a 5 spettacoli a scelta, tra le proposte di teatro, musica e danza giorno e posto libero.

ACQUISTA ON LINE QUI https://www.vivaticket.it/ita/event/ponentino-card/138602

FAI UNA DONAZIONE al TEATRO VASCELLO lascia una dedica sulla tua poltrona preferita effettuando un unico bonifico bancario

a favore di Coop. La Fabbrica dell’Attore (ONLUS) BANCA INTESA SAN PAOLO ag. Via G. Carini 32 di Roma c/c 3842 abi 03069 cab 05078 iban IT89V0306905078100000003842, inserendo la causale “dedica” importo minimo  300€ con detrazione fiscale per le persone fisiche del 15% ART BONUS https://www.teatrovascello.it/wp-content/uploads/2019/06/art-bonus.pdf

TEATRO VASCELLO STRUTTURA DOTATA DI ARIA CONDIZIONATA

Via Giacinto Carini, 78 – 00152 Roma

Tel. 06.5881021/06.5898031

www.teatrovascello.it promozione@teatrovascello.it

IL Teatro Vascello si trova nello splendido quartiere di Monteverde vicino al Gianicolo sopra a Trastevere a Roma, con i suoi 350 posti, la platea a gradinata e il palcoscenico alla greca permette un’ottima visibilità da ogni postazione.

Il Teatro Vascello propone spettacoli di Prosa, Spettacoli per Bambini, Danza, Drammaturgia Contemporanea, Eventi, FestivaL, Rassegne, Concerti, Laboratori

Come raggiungerci con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/salone-margherita-ecchime-qua

https://unfotografoinprimafila.it/nuova-fiera-di-roma-una-cuccia-in-sospeso/

Anagni, Dance Explosion Competition

Anagni, Dance Explosion Competition giunge alla 10° edizione che si terrà il 14 e 15 marzo 2020 ad Anagni come di consueto.


Anagni, “Dance Explosion Competition”. Tante già le adesioni da parte delle scuole di danza e dei danzatori dai baby agli adulti. Una competizione che scalda il cuore della Città dei Papi e dei tantissimi amanti di questa bellissima disciplina. Dance Explosion Competition

Anagni, “Dance Explosion Competition”. La competition è stata ideata ed organizzata da Marco Franceschetti, da sempre promotore di eventi dal forte impatto artistico e, per questa decima edizione, ha voluto accanto a se, oltre all’oramai collaudata coppia Gaetano d’Onofrio e Annamaria Ranelli alla conduzione, una nutrita giuria di professionisti della danza di livello internazionale con la direzione artistica di due grandi nomi ed amici:

Anagni, Dance Explosion Competition. Gaetano Porto per la giornata dedicata alla sezione Urban Street e Michele Moretti per la giornata dedicata alla sezione Dance.

Anagni, “Dance Explosion Competition”. Ma andiamo a conoscerli meglio iniziando dal direttore artistico della prima giornata del 14 marzo:

Anagni, “Dance Explosion Competition”. Gaetano Porto, Insegnante e coreografo che ha danzato nella tappa di Napoli del Lovumba Tour del re del reggaetone Daddy Yankee. Dance Explosion Competition

Collabora con Orlando Moltoni nei progetti La Familia, Buddha G Community, coreografo della Indafamily Crew (World Of Dance, The Flow) finalisti ad ITALIA’S GOT TALENT.

Ha aperto il concerto di Clementino, Marracash, RTL Pizza Village di Napoli ed è direttore artistico di diversi eventi sul territorio nazionale e, soprattutto, della WildStyleProjectDanceLab, una delle organizzazioni più attive della scena hip hop che ospita artisti nazionali ed internazionali durante tutto l’anno.

Tra gli impegni oltralpe è anche insegnante per HipHopInternational in Portogallo e per Next Level convention in Belgio.

Direttore artistico del settore Danza nella giornata del 15 marzo sarà Michele Moretti il cui amore per la coreutica lo porta a trasferirsi sin da giovanissimo a Roma e raggiunge la popolarità con il noto programma Amici di Maria De Filippi 2005.

Da quel momento gli si aprono tante porte nel mondo dello spettacolo, con collaborazioni per diversi show televisivi e teatrali, in Italia e all’estero.

Continua a studiare e perfezionarsi tra Londra, New York e Los Angeles.

Danza e collabora con diversi e noti coreografi internazionali e tra i suoi lavori più importanti ricordiamo:

video clip con Jackson Wang for FENDI, Amici, tour con Renato Zero, Eurovision Song Contest, diverse edizioni del festival di Sanremo, Vacanze Romane, Wind Music Awards, Divina Commedia, I miglior anni, Ciak si canta, Tu si que vales, Enrico Brignano, Vengo anch’io e tanto altro.

Due grandi capitani per una squadra che è più che altro una famiglia composta da persone innamorate della danza e dello stile di vita che essa impone.

Una vita di sacrifici e soddisfazioni nella massima unione tra musica ed espressione corporea.

Per info danceexplosion@libero.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/al-san-francesco-di-orvieto-bartender/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-hamlet-angeli-di-cartone/