Age e Scarpelli 4

Auditorium Parco della Musica FELIX PIANO TRIO “AGE&SCARPELLI SUITE”

Giovedì 25 aprile Auditorium Parco della Musica. Introduce la serata il regista e Presidente dell’ANAC – Associazione Nazionale Autori Cinematografici Francesco Ranieri Martinotti

“Signore e Signori” … ‘Age&Scarpelli Suite’ sceneggiature in musica

Nel Centenario della nascita dei due grandi sceneggiatori Agenore Incroci e Furio Scarpelli, il Felix Piano Trio eseguirà in prima assoluta Quattro Suite con le musiche dei loro film che ripercorrono uno spaccato di storia del cinema e della musica.

Un concerto unico, in formazione inusuale, con le trascrizioni originali arrangiate da Fabrizio Siciliano in tinte di jazz, swing e bossanova. Presto in tour in Italia e all’Estero.

ROMA – Le musiche più belle dei grandi film della Commedia all’Italiana sceneggiati da Agenore Incrocci e Furio Scarpelli (conosciuti come Age&Scarpelli) in Quattro Suite eseguite in prima assoluta in un concerto-evento giovedì 25 Aprile all’Auditorium Parco della Musica per la Rassegna ‘Stagione delle Arti’.

Si chiama ‘Age&Scarpelli Suite – Sceneggiature in musica’ ed è il progetto musicale nato da un’idea del violoncellista Matteo Scarpelli, figlio di Furio Scarpelli, e della pianista Catia Capua per celebrare il Centenario dalla nascita di questi due grandi protagonisti indiscussi della cinematografia italiana, ed in particolare della cosiddetta Commedia all’Italiana.

Il concerto unico nel suo genere, presentato dal regista Francesco Ranieri Martinotti Presidente dell’ANAC (Associazione Nazionale Autori Cinematografici), vedrà l’esecuzione di Quattro Suite, ognuna delle quali composta da diverse colonne sonore arrangiate appositamente da Fabrizio Siciliano per il Felix Piano Trio.

Una formazione inusuale, diversa dalle abituali orchestre per le musiche da film, che alla struttura classica del trio pianoforte, violino e violoncello, unisce contrabbasso e batteria proprio per evidenziare le tinte di jazz, swing e bossa nova volute dall’arrangiatore.

“Per Furio Scarpelli la musica era una faccenda tremendamente seria spiega il regista Francesco Ranieri Martinotti Presidente ANAC (Associazione Nazionale Autori Cinematografici) – soprattutto rispetto al cinema.

 E quando capì che suo figlio Matteo sarebbe diventato un musicista non solo fu felice, ma anche molto orgoglioso. Finalmente qualcuno dei suoi familiari si sottraeva al ‘peso’ della parola scritta, o del disegno, per dedicarsi alla ‘levità’ delle note suonate.”

‘La grande guerra’, ‘Sedotta e abbandonata’, ‘C’eravamo tanto amati’, ‘Riusciranno i nostri eroi’, passando per ‘Signore e Signori’, ‘I soliti ignoti’, ‘La banda degli onesti’, ‘Il Postino’: sono solo alcuni dei film firmati in sceneggiatura da ‘Age&Scarpelli’, accompagnati da altrettanto celebri note di grandi compositori quali Nino Rota, Ennio Morricone, Armando Trovajoli, Alessandro Cicognini, il Premio Oscar Luis Bacalov.

Pellicole e musiche che ripercorrono un notevole spaccato di storia del cinema, della musica e della Commedia all’Italiana un genere che, in questa occasione, viene esplorato nella sua unicità musicale e non, come spesso accade per le musiche da film, inserito in un contesto esecutivo più ampio.

Un progetto musicale e culturale nuovo, di spessore, che dall’Auditorium Parco della Musica partirà verso altre date italiane ed alcune all’Estero, donando lustro al Made in Italy cinematografico e musicale che rende l’Italia famosa ed apprezzata in tutto il mondo.

Riccardo Bonaccini, violino
Matteo Scarpelli, violoncello
Catia Capua, pianoforte
con la partecipazione di
Pietro Pompei, batteria
Maurizio Raimondo, contrabbasso

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

GIOVEDÌ 25 APRILE – Ore 21,00 – TEATRO STUDIO BORGNA

Viale Pietro de Coubertin 30

PER INFORMAZIONI E INTERVISTE:

COMUNICAZIONE & UFFICIO STAMPA
FRANCESCA NANNI

ufficiostampa@nannimagazine.it
+39/393.9462695

 

 

Firma accordo def

Il Bioparco di Roma sigla un protocollo d’intesa con la Riserva Navegna Cervia per salvare gli anfibi rari

Salvare dall’estinzione anfibi rari come l’Ululone appenninico, il rospo dal ventre giallo e nero a rischio di estinzione.

Questo l’obiettivo del protocollo triennale siglato tra Fondazione Bioparco di Roma e Riserva Naturale Monti Navegna e Cervia (Rieti), in partnership con l’Università Roma Tre.

L’Ululone appenninico (Bombina pachypus) è una specie endemica dell’Italia peninsulare classificata dalla IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) come ‘vulnerabile’.

Deve il suo nome al fatto che per richiamare le femmine emette un verso simile all’ululato; inoltre, quando si avvicina un predatore, produce sostanze disgustose dal forte odore di aglio e fa il morto a galla mostrando la pancia gialla e nera, colori molto vistosi che fanno desistere dall’attacco.

“Il progetto di conservazione dell’ululone riveste una grande importanza – sottolinea il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti – visto che questo anfibio rischia di scomparire.

I nostri keeper specializzati in anfibi allevano i piccoli dal momento della schiusa delle uova all’interno di una struttura dedicata esclusivamente all’allevamento di questa specie fino al momento del rilascio nella Riserva, che avverrà tra circa un anno”.

Nella foto della sigla dell’accordo (Archivio Bioparco): da sinistra Yitzhak Yadid, Responsabile zoologico Bioparco, il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, il Presidente Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia, Giuseppe Ricci e Andrea Pieroni, biologo della Riserva.

 Credit foto ululone: Archivio Bioparco – Massimiliano Di Giovanni

MDG 4225 tgl OK RID

Giornata mondiale della danza

IL 29 aprile si festeggia la XXXVII Giornata Mondiale della Danza, promossa dall’International Dance Council dell’UNESCO.

IN tutti i paesi del mondo si festeggia la dea Tersicore, in ogni sua espressione.

A Roma domenica 28 aprile, presso la struttura SGM Conference Center, l’associazione Stefano Francia Enjoy Art promuove e sostiene il dialogo e lo studio nella danza.

 Ha organizzato un convegno dal titolo “Danza come Impresa”: analisi sulla gestione, capacità, risorse e strategie per creare una scuola di ballo di successo.

 Secondo l’agenzia di stampa adnkronos, sullo stivale ci sono 17mila scuole di danza con oltre 1 milioni di aspiranti ballerini.

Come si sceglie una scuola di danza? Da cosa è dovuto il successo di una scuola di danza?

Oggi la popolarità di una scuola dipende in gran parte dalla percezione che il pubblico ha riguardo al brand.

Durante il convegno, dance manager e formatori spiegheranno come creare un brand di successo, cosa significa studiare un logo vincente, come creare e registrare un marchio per iniziare a promuovere la propria attività.

Spiegare soprattutto a studiare come gestire la scuola, quali sono i ruoli indispensabili da assegnare, quali strategie scegliere per uscire dallo schema “Also me” e entrare nel mondo competitivo dell’eccellenza e innovazione con la formula “Just me”.

L’apertura dei lavori, alle 10.30, con i saluti del Dott. Fabrizio Silvestri Presidente ASD&C Stefano Francia, A seguire gli interventi di: Gaetano Sentina, Dance Manager del Mister MABO di Roma e Antonello Argiolas creatore del format “Danza Impresa”.

Nella seconda parte, ore 14.30, avranno inizio due percorsi diversi in aule separate.

Nell’Aula AFare, creare e vedere la danza” tavola rotonda con prestigiosi esponenti dell’arte tersicorea i quali si confronteranno sul concetto di creatività, realizzazione e progettualità coreutica.

Mentre nella Aula B il Dottor Calogero Alaimo conduce il corso di BLS-D, primo soccorso di manovre salvavita. In Italia ci sono più morti per arresto cardiaco che per alcol, droga, obesità e incidenti stradali messi insieme.

Secondo stime diffuse dal Ministero della Salute, ogni anno vengono colpite da arresto cardiaco più di 60mila persone, circa 164 ogni giorno con percentuali di sopravvivenza vicino allo zero senza un intervento immediato.

Conoscere e saper usare le manovre BLS aumenta di tre volte la sopravvivenza di una vittima: lo scopo principale del corso, è diffondere la cultura del primo intervento, insegnando alcune semplici manovre di rianimazione che possono essere decisive per salvare una vita umana.

Partecipando al corso, si apprenderanno le tecniche di base a supporto delle funzioni vitali, per affrontare una situazione di emergenza utilizzando il defibrillatore semiautomatico esterno AED, secondo quanto previsto dalle raccomandazioni ILCOR 2015, in attesa dell’arrivo del 118.

L’ultima parte della giornata, ore 17.30, è dedicata alla consegna dei diplomi EurEthiCS Etsia, alla presenza del prof. Giovanni Gordiani, sulla formazione coreografica sostenuta con il Maestro LaVelle Smith coreografo di Michael Jackson.

La festa della giornata mondiale della danza si chiude con uno Showcase di giovani danzatori di ogni disciplina.

28 APRILE 2019 SGM CONFERENCE CENTER VAI PORTUENSE 741 ROMA

Contributo istituzionale di partecipazione:

15 euro per il Convegno

100 euro per il Corso BLS-D

La partecipazione è a numero chiuso.

Prenotazione tramite Whatsapp +39 335435168 oppure email: info@stefanofrancia.com

ASD&C “Stefano Francia EnjoyArt”  www.franciastefano.com   info@stefanofrancia.com     +39335 435168

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-comunale-le-fontanacce-presenta-i-sequestrattori-in-roma-a-misura-duomo/

https://unfotografoinprimafila.it/teatrosophia-presenta-viaggio-nella-divina-commedia-linfero/

Giornata mondiale della danza

Agovino Petr Museo

Stipulata una convenzione per sensibilizzare il pubblico sulla conservazione delle specie vegetali e animali minacciate, Bioparco di Roma e Carabinieri Forestali

Prosegue la sinergia tra i Carabinieri Forestali e la Fondazione Bioparco di Roma. Il Gen. C.A. Angelo Agovino, Comandante delle Unità forestali, ambientali e agroalimentari Carabinieri (C.U.F.A.)

e il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma Francesco Petretti hanno siglato una nuova convenzione che amplia la già stretta collaborazione tra le due istituzioni.

L’accordo prevede l’ideazione di attività volte alla sensibilizzazione nei confronti del pubblico su tematiche legate alla conservazione delle specie vegetali e animali minacciate. 

Tali azioni verteranno sulla sensibilizzazione sui crimini ambientali, come il commercio illegale di fauna e flora in via d’estinzione, sui danni arrecati alla conservazione della biodiversità, sulle attività illecite e sulle azioni di prevenzione, vigilanza e repressione che il C.U.F.A. e le altre istituzioni preposte attuano in questi ambiti.

Inoltre saranno avviati corsi di formazione congiunti nel campo della biologia e dell’educazione ambientale.

La collaborazione si è concretizzata nella realizzazione del Museo Ambiente e Crimine (M.A.CRI.), collocato all’ingresso del Bioparco.

La struttura, unica nel suo genere in Europa, è nata nel 2104 con l’obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico su diverse tipologie di reati, da quelli che deturpano il patrimonio ambientale, a quelli perpetrati nei confronti delle specie protette, nonché sui reati commessi in danno alla fauna selvatica e nell’ambito agroalimentare.

Il museo è intitolato al grande etologo e scienziato Danilo Mainardi, per il suo prezioso contributo allo studio del comportamento animale e alla diffusione della cultura del rispetto e della salvaguardia della natura.

Dalla sua edificazione, il Museo è stato visitato da circa due milioni di persone, tra famiglie e scolaresche.

 Nelle foto (CREDIT FOTOGRAFICO: Archivio Bioparco – Massimiliano Di Giovanni)

il Gen. C.A. Angelo Agovino, Comandante delle Unità forestali, ambientali e agroalimentari Carabinieri

con il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti.

 

Massimo Venturiello 1

Dante e Bach, con Massimo Venturiello all’Auditorium “Ennio Morricone” due dei massimi artisti di ogni tempo, intessono un misterioso e affascinante dialogo tra poesia e musica, creando una misteriosa assonanza tra arti ed epoche lontane e diverse, ma unite dalla forte tensione verso il trascendente

Mercoledì 13 marzo alle 18.00 per i concerti di Roma Sinfonietta presso l’Università di Roma “Tor Vergata” (Auditorium “Ennio Morricone”, Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) la grande poesia e la grande musica si incontrano. Massimo Venturiello legge tre canti della Divina Commedia di Dante Alighieri.

Il decimo dell’Inferno, il trentesimo del Purgatorio e l’undicesimo del Paradiso, con l’incontro tra il poeta e San Francesco. Il violinista Leonardo Spinedi suona la Terza Partita BWV 1006 di Johann Sebastian Bach.

I sette movimenti di uno dei massimi capolavori di Bach si alternano ai versi di Dante e scattano le segrete e misteriose affinità tra due dei massimi artisti della civiltà occidentale, che a quasi cinque secoli di distanza intessono un dialogo profondo.

Massimo Venturiello prosegue dunque questi incontri tra Dante e Bach, iniziati nelle scorse stagioni di Roma Sinfonietta e sicuramente si ripeterà anche questa volta il fascino di quest’incontro tra poesia e musica.

L’introduzione critica di Rino Caputo, professore dell’Università di Roma2 “Tor Vergata”, faciliterà un’approfondita comprensione del testo dantesco.

 Massimo Venturiello ha lavorato per il cinema, il teatro e la televisione, diretto da grandi registi quali Ettore Scola, i fratelli Taviani, Giuseppe Bertolucci, Gabriele Salvatores, Carlo Lizzani, Carlo Vanzina, Gabriele Lavia, Maurizio Scaparro, Sandro Bolchi e tanti altri.

 Leonardo Spinedi ha vinto nel 2014 il Premio Salieri di Legnago, ha collaborato come primo violino solista con numerose orchestre ed è il primo violino del Quartetto Orfeo, con cui ha realizzato il cd “El Otro Astor”, una monografia su Astor Piazzolla per la Brillant Classics.

Si esibisce anche in ambito jazzistico, sia come violinista che come chitarrista.

Biglietti: euro 12,00. Ridotti: euro 8,00. Studenti: euro. 5,00

Acquistabili anche nell’atrio dell’Auditorium “E. Morricone” prima del concerto

Info per il pubblico: tel. 06 3236104, 339 8693226 – romasinfonietta@libero.itwww.romasinfonietta.com

Ufficio stampa dell’Associazione Roma Sinfonietta:

Mauro Mariani – m.mariani.roma@gmail.com – tel. 335 5725816