Articoli

CHARLIE ADLARD

Un premio alla carriera per il fumettista inglese, maestro di atmosphere zombie e horror da The Walkng Dead a Vampire State Building il Romics d’oro.


Charlie Adlard riceverà il Romics d’Oro alla carriera nella XXVII edizione di Romics (2/5 aprile 2020, Fiera di Roma), presentando in anteprima Vampire State Building, in uscita per saldaPress.

Nato in Inghilterra nel 1966, Charles Adlard inizia a lavorare come disegnatore di fumetti all’inizio degli anni ’90.

Ha collaborato con le principali case editrici di fumetti del mondo, tra cui Marvel Comics, DC Comics, Image Comics, Soleil e Delcourt.

Verso la fine degli anni’ 90 conosce durante un convegno Robert Kirkman che lo coinvolge nel progetto di The Walking Dead, uno dei principali successi mondiali del fumetto contemporaneo, divenuto anche una fortunatissima serie tv.

Dal numero 7 Charlie Adlard diventa il disegnatore della serie fino alla sua chiusura, avvenuta lo scorso anno con l’albo numero 193 e a Romics verrà presentato in anteprima anche il volume conclusivo della saga in formato compendium, cioè The Walking Dead – Compendium vol.4.

Il successo di The Walking Dead consacra l’importanza di Adlard che diventa così una vera superstar del fumetto mondiale. Il suo tratto, insieme al deciso uso dei neri e delle ombre, hanno impresso una svolta decisiva all’estetica horror e in particolare a quella zombie.

CHARLIE ADLARD THE WALKING DEADIn un mercato come quello del fumetto, dominato dagli albi a colori, la tecnica e i tratti di Adlard sono inconfondibili e fanno scuola.

“Non ho mai disegnato espressamente per il colore, né per la stampa in bianco e nero. Non l’ho mai fatto consapevolmente, almeno.

Sono un disegnatore che normalmente utilizza moltissimo nero e quindi quando togli il colore (dai lavori colorati) non sembra una gran perdita.

Penso che disegnare espressamente per il colore sia un talento e apprezzo chi lo sa fare ma non è il mio modo di lavorare.

Per questo penso che per chi deve, colorare i miei disegni sia una specie di sfida.” (da un’intervista di Ettore Gabrielli su Fumettologica).

Con la fine di The Walking Dead Adlard si è dedicato a diversi progetti, allontanandosi dal territorio familiare degli zombie.

Deciso a misurarsi con progetti nuovi, il fumettista inglese si è lasciato conquistare dal mercato francese, rifiutando alcune proposte provenienti da Marvel e DC.

Nasce così Vampire State Building, scritto da Ange, Patrick Renault e Sebastien Gerard: un divertente horror inchiostrato in digitale, una tecnica differente rispetto a quella utilizzata per The Walking Dead.

Attualmente Adlard è impegnato su Heretic, progetto nato dalla collaborazione con lo scrittore Robbie Morrison (con il quale aveva già lavorato per Guerra Bianca, fumetto, ambientato in Trentino durante la Grande Guerra).

Il protagonista è Cornelius Agrippa, un personaggio realmente esistito durante l’inquisizione spagnola, immerso in un contesto sovrannaturale.

La partecipazione di Charlie Adlard si è realizzata grazie alla collaborazione con saldaPress.

Nel catalogo saldaPress, oltre alla serie The Walking Dead, sono presenti i volumi L’arte di Charlie Adlard, La maledizione del Wendigo, Come una pietra, Guerra Bianca e Vampire State Building, disponibile in anteprima a Romics.

UFFICIO STAMPA: Maurizio Quattrini +39 338 8485333

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-vascello-dio-ride-nish-koshe

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-portaportese-lettera-al-mondo/

CHARLIE ADLARD
Christian De Sica Cinecittà foto di Angelo Redaelli IMG 8576

Christian De Sica vince il “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” per il teatro. Cerimonia di consegna, Teatro delle Rose, Piano di Sorrento, 26 ottobre 2019

Va a Christian De Sica il premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” per il teatro, assegnato con un particolare riferimento allo spettacolo “Christian racconta Christian De Sica”.

Il grande attore romano, profondamente legato alla costiera sorrentina, riceverà il prestigioso riconoscimento il 26 ottobre, a Piano di Sorrento, da Luca Barbareschi, direttore artistico del Teatro Eliseo e presidente della sezione teatro del premio.

Dopo il fortunato debutto romano al Parco della Musica dello scorso aprile De Sica partirà da Verona, il 18 novembre, con il tour di “Christian racconta Christian De Sica” che toccherà molti teatri italiani.

Nello spettacolo di musica e teatro, scritto e diretto dallo stesso De Sica insieme a Raffaello Fusaro.

Il grande showman si esibisce con parole e canzoni, accompagnato da un’orchestra di cinquanta elementi diretta dal Maestro Marco Tiso, narrando gli incontri della sua vita e gli aneddoti della sua carriera.

Un dialogo spumeggiante con Pino Strabioli, brillante attore e raffinato interprete, con lui sul palco nella inedita veste di singolare cerimoniere dello show.

Alternando momenti comici e storie commoventi, Christian De Sica ricorda gli anni accanto al grande papà Vittorio.

Agli inizi della sua carriera e episodi salienti di quel cinema natalizio che ha accompagnato e tratteggiato interessanti spaccati della storia del costume italiano, in particolare dell’ultimo trentennio della sua produzione cinematografica.

Lo spettacolo mostra un De Sica allo specchio, uomo e interprete, nei suoi ruoli più autentici: prima quello di figlio, poi di marito, padre e artista eclettico.

Accompagnato al piano dal Maestro Riccardo Biseo, Christian racconta De Sica emozionando, divertendo, ed entusiasmando la platea.

Dal teatro al cinema. A novembre 2019 De Sica tornerà sugli schermi dei cinema italiani con “Sono Solo Fantasmi”, di cui è regista e protagonista.

A febbraio 2020 uscirà “La mia Banda suona il Pop” per la regia di Fausto Brizzi. Il suo ultimo film “Amici come prima”, diretto e interpretato da De Sica, è il primo incasso della stagione 2018/19.

IL PREMIO PENISOLA SORRENTINA ARTURO ESPOSITO

È stato fondato nel 1996 come appuntamento legato alla poesia: tra gli storici vincitori Maria Luisa Spaziani (la celebre “Volpe” del Nobel Eugenio Montale), Michele Sovente (Premio Viareggio), Giovanni Raboni ed Alberto Bevilacqua.

Oggi il Premio è un evento cross mediale ed uno spettacolo culturale, riconosciuto dal Parlamento Europeo per la rilevanza internazionale.

Si premiano attori, interpreti, protagonisti della cultura ma anche filiere, prodotti culturali, progetti dedicati all’Italia della cultura.

Ufficio stampa di Roma Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito 2019: brizzi comunicazione – c.brizzi@brizzicomunicazione.it tel 0639038091-39030347- 3341854405

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-degli-audaci-va-in-scena-oh-dio-mio/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-olimpico-canto-libero-omaggio-a-battisti-e-mogol/

Christian De Sica Cinecittà foto di Angelo Redaelli IMG 8576

Teatro Brancaccio. Miglior Attrice Anna Foglietta,

Teatro Brancaccio. Miglior Attrice Anna Foglietta, miglior Attore Alessandro Haber, premio speciale a Margherita Buy, Teatro Brancaccio.

Teatro Brancaccio. Si è conclusa ieri la IX edizione del Premio de La Pellicola D’Oro che si è tenuto al Teatro Brancaccio di Roma condotta da Roberta Serdoz con la presenza di un parterre di ospiti illustri.

Promosso ed organizzato dall’Associazione Culturale “Articolo 9 Cultura & Spettacolo” e dalla “Sas Cinema” di cui è Presidente lo scenografo e regista Enzo De Camillis (ideatore del Premio), La Pellicola d’Oro”.

Un riconoscimento che ha come obiettivo l’importanza di portare alla ribalta quei “mestieri” che hanno un ruolo fondamentale per la realizzazione di un film e allo stesso tempo, sconosciuti o non correttamente valutati dal pubblico che frequenta le sale cinematografiche o guarda i film sui canali televisivi.

Teatro Brancaccio. Miglior Attrice Anna Foglietta,
Teatro Brancaccio. Miglior Attrice Anna Foglietta,

I premi assegnati: Margherita Buy (premio attività artistiche); Alessandro Haber – In Viaggio con Adele (miglior attore protagonista); Anna Foglietta – Un Giorno All’Improvviso (miglior attrice protagonista); Loro di Paolo Sorrentino (premio qualità); Claudia Cravotta –Dogman (direttore di produzione); 

Andrea Doria – Moschettieri del Re – La Penultima Missione (operatore di macchina); Daniele Verdenelli– Euforia (capo elettricista); Paolo Bovi – Otzi e il Mistero del Tempo; Roberto Serafini – La Befana Vien di Notte; Antonella Bachini –Moschettieri del Re – La Penultima Missione (sarta di scena); 

Fabio Traversari – La Befana Vien di Notte (tecnico di effetti speciali); Tirelli Costumi – Moschettieri del Re – La Penultima Missione (sartoria cineteatrale); Massimo Chessari – La Befana Vien di Notte (capo costruttore); Giuseppe Liotti – Dogman (storyboard arstist);

Marco Stefanelli – Moschettieri del Re – La Penultima Missione (maestro d’armi); Stefano Grosso – Il Ragazzo Invisibile – Seconda Generazione (creatore effetti sonori). 

Il Premio alla Carriera al produttore Bruno Altissimi e al direttore della fotografia Roberto Girometti. Una targa ricordo della serata a nome delle troupe italiane è andato anche a Christopher Lambert presente in sala con la sua attuale compagna, l’attrice Camilla Ferranti.

Durante la serata, tra una premiazione e l’altra il pubblico ha assistito allo straordinario spettacolo con momenti emozionanti che ci hanno regalato la Banda della Marina suonando musiche tratte da film e il corpo di ballo coreografato da Manolo Casalino.

 Tra gli ospitiLino Banfi, Margherita Buy, Anna Foglietta, Alessandro Haber, Pino Quartullo, Neri Parenti, Francesco Rutelli, Gianni Quaranta, Paolo Masini, Ivan Bacchi, Marta Zoffoli, Annalisa Arena, Elena Bonelli, Beppe Convertini, Milena Stornaiuolo, Ottavia Fusco Squitieri Paco De Rosa e Simona Cerruti, Mavina Graziani, Gabriele Pignotta, Giovanna Rei, Alina Person, la scrittrice Debora Scalzo.

“La Pellicola d’Oro” ringrazia per la loro adesione e/o patrocini il MIBACT (Ministeri Beni Culturali – Direzione Cinema), l’Associazione For Cinema, l’APT, l’Anica e Roma Lazio Film Commission. Un ringraziamento particolare all’UnipolSai, Laborfin e al Teatro Brancaccio.

Distinti saluti,

Francesco Fusco

Press Agent

3384980862

http://www.francescofuscopress.com/francesco.fusco81@gmail.comAdriano Di Benedetto