Articoli


Stagione Teatro Vascello 209/2020 “Mai più soli danza” va in scena il balletto di Roma in “Sogno, una notte di mezza estate.

Dal 25 febbraio al 1° marzo 2020, dal martedì al venerdì h 21 – sabato h 19 – domenica h 17 balletto di Roma in “Sogno, una notte di mezza estate al Teatro Vascello.

Coreografia di Davide Valrosso, Luciano Carratoni, Direzione Artistica Francesca Magnini, Atto unico per 8 danzatori: 4 uomini e 4 donne, In co-produzione con il Festival Oriente Occidente – CID Centro Internazionale della Danza

“Sogno di una notte di mezza estate” è una delle opere più affascinanti di William Shakespeare, una commedia immersa in un’atmosfera fantastica, capace di suscitare emozioni e meraviglia.

Teatro Vascello. In principio l’opera fu destinata a rappresentazioni private, mentre più tardi il testo fu riadattato come spettacolo pubblico.

In bilico tra questa dimensione intima e collettiva, tra surrealismo e folklore, la Compagnia del Balletto di Roma dà origine alla storia fantastica e tenebrosa di coppie d’innamorati che si perdono e s’inseguono in un bosco labirintico, fatto d’insidie e seduzioni.

La creazione di Davide Valrosso riflette su due temi fondamentali: la magia e il sogno. Teatro Vascello.

Magia non è altro che l’amore, simboleggiato nella commedia dal succo di un fiore magico che agisce sugli occhi: è, infatti, con lo sguardo che ci s’innamora per la prima volta scrutando l’oggetto del desiderio.

Altro tema è il sogno, preponderante a tal punto che realtà e fantasia arrivano a confondersi, amplificando lo sguardo su un accadimento a-temporale.

L’elemento onirico è reso dalla presenza di corpi vivi e impalpabili che danzando animano Puck, creatura irreale ma sempre presente che muove, a volte anche senza volerlo, i fili delle relazioni umane.

Puck è vitalità e caos, gioco e divertimento, senza cattiveria. Puck è l’infante irruento e scherzoso che è dentro ognuno di noi.

In termini coreografici la cifra chiave è da ricercarsi in un passaggio fluido da elementi accademici a una danza più materica: tracciati ambivalenti che si nutrono l’uno dell’altro, in un migrare continuo dall’etereo al corporeo.

Attraverso un focus intermittente su situazioni scelte, le azioni si sovrappongono come in una dissolvenza incrociata, inglobando sguardi densi d’immaginazione, in un’esperienza di visione che invita continuamente a “giocare di fantasia”.

Danzatori in colori pastello e scena di un bianco sognante s’immaginano immersi nella stessa sostanza, fatta di materiali sottili che sussurrano e non descrivono.

La coreografia dei duetti e delle parti di gruppo amplifica una densità di presenza voluminosa abbastanza da donare al corpo e alla scenografia una consistenza tangibile e insieme immateriale: saranno gli spiriti irreali dei personaggi a concretizzarsi in un mondo del tutto surreale, ma che ci parla da vicino.

Shakespeare ci fa intuire quanto noi esseri umani siamo insignificanti di fronte a cose che non possiamo in alcun modo controllare.

Ci fa riflettere su come il caos possa essere artefice del nostro destino, poiché nulla possiamo fare – almeno apparentemente – per contrastarlo.

Attraverso la danza del suo “Sogno, una notte di mezza estate” Valrosso ci suggerisce di coltivare il senso trasformativo di questo caos fatto d’inganni, gelosie e tenerezze, accogliendo il potere che pensieri, parole e gesti hanno di farci abbandonare inesorabilmente alla bellezza.

Botteghino info e prenotazioni:

Danza € intero € 20, ridotto over 65 € 15, ridotto under 26 € 12

Abbonamenti e card a partire da 60 euro

Ponentino card € 60,00 a 5 spettacoli a scelta, tra le proposte di teatro, musica e danza giorno e posto libero.

ACQUISTA ON LINE QUI https://www.vivaticket.it/ita/event/ponentino-card/138602

FAI UNA DONAZIONE al TEATRO VASCELLO lascia una dedica sulla tua poltrona preferita effettuando un unico bonifico bancario

a favore di Coop. La Fabbrica dell’Attore (ONLUS) BANCA INTESA SAN PAOLO ag. Via G. Carini 32 di Roma c/c 3842 abi 03069 cab 05078 iban IT89V0306905078100000003842, inserendo la causale “dedica” importo minimo  300€ con detrazione fiscale per le persone fisiche del 15% ART BONUS https://www.teatrovascello.it/wp-content/uploads/2019/06/art-bonus.pdf

TEATRO VASCELLO STRUTTURA DOTATA DI ARIA CONDIZIONATA

Via Giacinto Carini, 78 – 00152 Roma

Tel. 06.5881021/06.5898031

www.teatrovascello.it promozione@teatrovascello.it

IL Teatro Vascello si trova nello splendido quartiere di Monteverde vicino al Gianicolo sopra a Trastevere a Roma, con i suoi 350 posti, la platea a gradinata e il palcoscenico alla greca permette un’ottima visibilità da ogni postazione.

Il Teatro Vascello propone spettacoli di Prosa, Spettacoli per Bambini, Danza, Drammaturgia Contemporanea, Eventi, FestivaL, Rassegne, Concerti, Laboratori

Come raggiungerci con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/salone-margherita-ecchime-qua

https://unfotografoinprimafila.it/nuova-fiera-di-roma-una-cuccia-in-sospeso/


Ultima data del Privé Tour per Flautissimo 2019 Avion Travel live a Roma al Teatro Vascello

Il 24 novembre ore 18,00 gli Avion Travel saranno in concerto al Teatro Vascello di Roma nell’ambito del Festival Flautissimo.

A distanza di 15 anni dal loro ultimo album di inediti “Poco Mossi gli altri Bacini”, risalente al lontano 2003, gli Avion Travel sono tornati a maggio 2018 con “Privé”.

Privé un disco fedele allo spirito di produzione indipendente e alle atmosfere della trilogia.

Triologia composta da “Bellosguardo”, “Opplà”, “Finalmente Fiori” e realizzato dopo aver ricostruito lo staff operativo dei loro inizi, con Mario Tronco nel ruolo di produttore artistico e supervisore, oltre che di arrangiatore e musicista.

Gli Avion Travel si sono ricongiunti in formazione originale per quello che è stato il Retour nel 2014, poi protrattosi fino agli inizi del 2017.

Nell’estate dello stesso anno dopo la scomparsa di Fausto Mesolella e un periodo di esitazioni e riflessioni, il tour è ripreso in quintetto con la new entry di Duilio Galioto alle tastiere.

Peppe Servillo a proposito del disco afferma:

“Due figure abitano questo disco: una amara e l’altra dolce. La prima sfugge alla canzone, la seconda la insegue.

Una, diffida delle parole e l’altra si consegna alle parole stesse. Sembra che alcune canzoni si muovano sospettose, offendendo le altre che invece accolgono, consolano e scaldano.

Le ultime si affidano alle parole, alla loro precisione, alla capacità di queste di rappresentare il mondo, ma le prime restano a smentire ciò, recitando oscuramente pulsioni e sensazioni.

E’ doppia la natura di questo lavoro, come da sempre la natura di questo gruppo che in questi mesi ha rigenerato parte di se, come un piccolo animale dalla lunga vita, riaffidandosi a se stesso, alla sua storia, alla propria varia identità.

Corrono gli Avion Travel tra sentimenti opposti, generando con questo movimento il contrasto secondo la legge del dramma e a questa legge si votano in modo vitale e scomposto per un pugno di canzoni nuove”.

Il concerto sarà anche l’ultima data del Privé Tour, che da oltre un anno e mezzo ha visto la band campana suonare su alcuni principali palchi di tutta Italia.

“Vive un teatro in una splendida contrada, il teatro Vascello, un teatro che ci vuole bene e ci ospita ad un anno e mezzo dall’uscita di Privé, dice Peppe Servillo a proposito di questa data.

Gli Avion Travel tornano a suonare al buio, tra le quinte, dopo una lunga estate calda, tornano a suonare piano, a pesare le parole, come in una questione privata.

Forse per mettere le cose in chiaro, tracciare una linea, e chissà, di là da questa, ricominciare altrove”.

● AVION TRAVEL – formazione:

> Peppe Servillo, voce

> Mimì Ciaramella, batteria

> Peppe D’Argenzio, sax

> Flavio D’Ancona, tastiere

> Duilio Galioto, piano e tastiere

> Ferruccio Spinetti, contrabbasso

● MORE:

> https://www.facebook.com/Avion-Travel-Pagina-Ufficiale-263406990716/

> https://open.spotify.com/album/66bmgHoJuINoXeLPjxv3Ex

DOMENICA 24 NOVEMBRE – ore 18

AVION TRAVEL IN CONCERTO

Festival Flautissimo

TEATRO VASCELLO

Via Giacinto Carini, 78 – ROMA

Biglietti: https://bit.ly/2JNCnZa

Per ulteriori informazioni e interviste:

Ufficio Stampa:

Chiara Giorgi

Cell. +39 347 3351416

Email: chiagiorgi@gmail.com

INFO & SEGRETERIA FLAUTISSIMO 2019:

ACCADEMIA ITALIANA DEL FLAUTO.

Tel +39 06 44703290 – segreteria@accademiaitalianadelflauto.it

Biglietti Vascello: intero € 20 / ridotto over 65 € 15 / ridotto under 26 € 12

Ufficio stampa Flautissimo: Fabiana Manuelli – tel 347 8263425 –  stampa@fabianamanuelli.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/web2016/it/blog/adriano-benedetto/teatro-brancaccio-%E2%80%9Celeonora-princess-magic%E2%80%9D

https://unfotografoinprimafila.it/una-festa-da-oscar-al-palazzo-del-gallo/

Il 25 e il 26 maggio 2019, sarà in scena al Teatro Vascello l’intenso spettacolo scritto e interpretato da Luigi Belpulsi e diretto da Alessandro Prete

 Ci sono giorni in cui basta poco per stravolgere tutto o per mettere in ordine ogni cosa. Teatro Vascello

 “Tutto inizia in una giornata di giugno”. Blu Tramonto è pronto a prendere la sua tazza di caffè come ogni mattina.

 Ma quella mattina qualcosa cambia. Il caffè non c’è. E nulla va esattamente come ogni mattina.

 Blu Tramonto è un nome. Il nome di uno scrittore.

Blu Tramonto è il nome di un ragazzo che ha il sogno di scrivere e di esprimere la sua fantasia, la sua creatività e tutti i mondi che vede in ogni secondo della sua vita.

Si sveglia una mattina e scopre con stupore che il caffè è finito e, per iniziare una giornata degna di rispetto, è costretto ad uscire per comprarlo. In un’azione così semplice quanta vita si nasconde?

Blu Tramonto gioca nell’intreccio folle di pensieri, desideri e paure.

Attraverso un continuo flusso di pensieri il protagonista compie il tragitto verso il supermercato, ma ci sono giorni in cui ogni input percepito potrebbe essere la goccia che fa traboccare un vaso.

A sua volta rappresenta qualcosa di più grande! Così la passeggiata su un marciapiede si snoda passo per passo nella ricostruzione di un’altra verità.

Teatro Vascello – Sala Studio

Sabato 25 e domenica 26 maggio 2019

Sabato ore 21.30 domenica ore 18.30

Di Luigi Belpulsi

Regia Alessandro Prete

Con Luigi Belpulsi    

Produzione Associazione Festa Fun

Teatro Vascello

Via Giacinto Carini 78 Monteverde Roma

Info e prenotazioni 06.5881021 – 06.5898031

Biglietti

Prezzo unico 10 euro

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-marconi-culturecreative-presenta-nuovo-premio-teatro-traiano/

https://unfotografoinprimafila.it/sala-umberto-di-roma-la-ma-ga-mat-srl-presenta-gabriele-cirilli-in-mi-piace/

Sarà in scena sabato 18 maggio alle 21.30 e domenica 19 maggio alle 18.30 al Teatro Vascello-Sala Studio

“Riccardo III. Suite d’un mariage” alla Sala Studio del Teatro Vascello a Roma.

Lo spettacolo è scritto e diretto da Auretta Sterrantino, regista e drammaturgo, con alle spalle una lunga collaborazione con la Fondazione INDA, per la quale tuttora insegna storia del teatro e messinscena tragica all’ADDA.

La pièce è interpretata da Michele Carvello e Giulia Messina, entrambi provenienti dall’Accademia del Dramma Antico della Fondazione INDA di Siracusa.

Le musiche sono di Filippo La Marca – compositore, direttore d’orchestra, insegna pianoforte presso istituti di alta formazione e conservatori – e Vincenzo Quadarella – quest’ultimo, scrittore, compositore di musiche per il teatro.

Quadarella ha all’attivo tre album, è ingegnere del suono e responsabile audio alla Fondazione Inda.

L’allestimento è di Valeria Mendolia; la produzione è di QA-QuasiAnonimaProduzioni; le foto di Giuseppe Contarini.

Un lavoro teatrale di grande enfasi estetica che esplora e riesce a far dialogare corpo-voce e luci-suoni-musica è questa opera di Auretta Sterrantino, che ha riscosso grande consenso da parte della critica specialistica: un duello erotico, un gioco-conflitto per amore.

L’autrice e regista dichiara: «Ho cercato di lavorare sul contrasto di fondo che anima la grande contraddizione di una vittima che sceglie di amare il proprio carnefice.

La stabilità diventa un goffo tentativo di sopire sentimenti troppo contrastanti e dolorosi che vanno scoperchiati attraverso il rispecchiamento e ogni possibile e sincero artificio retorico».

Il rituale del matrimonio diviene messa in morte e un mantra ossessivo che esibisce la destrutturazione del potere ambito.

Una piccola scalinata sulla scena scarna è trono, tomba, inginocchiatoio, letto nuziale, baratro. Lady Anne è Riccardo III e viceversa.

L’opera chiama in causa il ruolo del teatro nell’odierna onnipotenza social del dolore, al di là del genere, su spietate musiche tecno.

18-19 maggio 2019 sabato h 21,30 domenica h 18,30 Sala Studio 

Con Michele Carvello (Riccardo III) – Giulia Messina (Lady Anna)

Regia e Drammaturgia Auretta Sterrantino

Musiche originali Filippo La Marca e Vincenzo Quadarella

Allestimento Valeria Mendolia

Ufficio Stampa Vincenza Di Vita

Fotografo Di Scena Giuseppe Contarini

Qa-Quasianonimaproduzioni

Teatro Vascello – Sala Studio

Via Giacinto Carini 78 – Monteverde Roma  http://www.teatrovascello.it/

Info e prenotazioni   06 5881021 – 06 5898031 promozione@teatrovascello.it

Biglietti Prezzo unico 10 euro

https://unfotografoinprimafila.it/sta-uscendo-in-tutte-le-librerie-ed-in-internet-il-libro-di-mario-cartelli-il-buio-dellanima/

https://unfotografoinprimafila.it/torna-ad-aprilia2-ettore-il-riccio-viaggiatore-alla-scoperta-del-patrimonio-artistico-del-nostro-paese/

Il 4 e 5 maggio 2019 sul palcoscenico del Teatro Vascello (Sala Studio) approda l’emozionante storia dell’incontro tra il celeberrimo premio Nobel per la fisica Richard Feynman e Jimmy, un giovane con la sindrome di Asperger, a cui questo incontro cambierà la vita.

“L’uomo che fece sparire l’infinito”

è uno spettacolo teatrale che svela le strabilianti vicende biografiche del premio Nobel che inventò la bomba atomica e, allo stesso tempo, permette di esplorare con un tocco delicato e poetico il mondo dell’autismo a cui lo stesso Feynman fu molto vicino.

LA TRAMA – JIMMY, un ragazzo asperger stanco della vita e di tutte le difficoltà che la sua sindrome comporta, sta per buttarsi giù da un’alta impalcatura quando un eccentrico signore di mezza età, il premio Nobel per la fisica RICHARD FEYNMAN.

Richard si avvicina a lui perché lo scambia per il musicista con cui dovrebbe suonare quella sera.

Il banale errore si rivela ben presto un’occasione attraverso la quale Jimmy potrà conoscere a fondo la vita di Feynman:

il ragazzo scoprirà non solo che il premio Nobel è stato un ladro di porte al MIT, uno scassinatore di casseforti a Los Alamos, un suonatore di bonghi al carnevale di Rio.

Un pittore di successo e un accanito frequentatore di allibratori ed entraîneuse, ma anche che è molto più vicino al mondo dell’autismo di quanto pensi.

Dopo aver incontrato una personalità così affascinante, la vita di Jimmy non sarà più la stessa.

Teatro Vascello – Sala Studio

Sabato 4 e domenica 5 maggio 2019

Sabato ore 21.30 domenica ore 18.30

di Valentina Fratini

con Claudio Zarlocchi e Giuseppe Abramo

regia Claudio Zarlocchi

Produzione Spazio Asperger Onlus

Teatro Vascello

Via Giacinto Carini 78 – Monteverde Roma

http://www.teatrovascello.it/

Info e prenotazioni

06 5881021 – 06 5898031

promozione@teatrovascello.it

Biglietti

Prezzo unico 10 euro