Articoli

“Cena con delitto Rock” al RedRock

“Cena con delitto Rock” al RedRock. Una cena avvolta nel mistero.


“Cena con delitto Rock” al RedRock. Arriva domani al RedRock di Ciampino con Emanuela Petroni

“Cena con delitto Rock”. 12 settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 (Ciampino). Ingresso gratuito

Una serata tinta di giallo, avvolta nel mistero, ma anche divertente quella che il 12 settembre si terrà presso il locale RedRock, in via del Casale Santarelli a Ciampino. 

Ingresso gratuito per una originalissima “Cena con Delitto”, organizzata da ANIME di CARTA e diretta dall’attrice comica Emanuela Petroni.

“Cena con delitto Rock” al RedRock

Dopo le varie esibizioni in tv con Claudio Bisio, Paolo Bonolis e Luca Laurenti, è in attesa dell’uscita del film “Ritorno al Crimine” di Massimiliano Bruno e “Freaks Out” di Gabriele Mainetti.

In questi lavori la vedremo interpretare divertenti personaggi.

Una lunga notte all’insegna del crimine con la possibilità di vivere una serata da protagonisti a caccia del fantomatico assassino.

Enigmi emozionanti che vi renderanno protagonisti nel ruolo di novelli investigatori con tanti fantastici premi.  

A seguire Tributo Muse PLUGIN BABIES. 

Servizio Ristopub, Pizzeria, Fritti artigianali StreetFood.

Ampio parcheggio e tavoli all’aperto.

Importante la prenotazione nel rispetto delle misure di sicurezza per il Covid. Info 06 / 78846359

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/portami-con-te-cinedog-festival-nazionale-cinecitta-world/

“Cena con delitto Rock” al RedRock
“Parientes” Teatro Tor bella Monaca

“Parientes” Teatro Tor bella Monaca. Domenica 13 settembre 2020 alle 18.00


“Parientes” Teatro Tor bella Monaca. Roma Sinfonietta presenta al Teatro Tor Bella Monaca “Parientes” con Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, nell’ambito di Itinerari Musicali.

“Parientes”. Il progetto Itinerari Musicali è vincitore dell’Avviso Pubblico Estate Romana 2020 – 2021 – 2022, fa parte di ROMARAMA 2020 

l palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

L’ eccezionale trio italo-argentino formato da Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax soprano, baritono, clarinetto basso e flauti andini) e Natalio Mangalavite (pianoforte, tastiere e voce) presenta un nuovo progetto intitolato “Parientes”.

«Capita a volte – raccontano – di trovarsi dall’altro capo del mondo e di incontrare inaspettatamente qualcosa che ci appartiene e che forse avevamo dimenticato».

Questo è successo a Girotto, Servillo e Mangalavite, in particolare quando i due argentini hanno riconosciuto nell’incontro una possibilità di ritorno alla propria cultura, condotto senza retorica, ma giocando in prima persona la scommessa di scrivere canzoni “nuove”.

Canzoni “antiche” sono invece quelle vengono da parte dell’italiano Servillo, che può frequentare così classici della musica popolare senza il rischio della ridondanza e della citazione.

“Parientes”. Peppe Servillo è fondatore, cantante e autore dei testi del gruppo Avion Travel.

Con questo gruppo pubblica numerosi album e oltre ad altri numerosi riconoscimenti vincono nel 2000 il Festival di Sanremo.

Oltre ad avere una vasta e varia attività di musicista, si dedica anche al cinema e ha lavorato come attore in vari film, tra cui “La felicità non costa niente” di Mimmo Calopresti, “Tipota” di Fabrizio Bentivoglio, “Passione” di John Turturro e “Into Paradiso” di Paola Randi.

Javier Edgardo Girotto, nativo di Cordoba (Argentina) comincia a studiare il sax all’età di dieci anni, iniziando un percorso che lo porta a specializzarsi a presso il Conservatorio Provinciale di Cordoba, diplomandosi come insegnante di musica sax e flauto traverso.

All’età di 21 anni si trasferisce a Boston (USA) ove si diploma in Professional Music “cum magna laude” al Berklee College of Music.

Fondatore e Leader degli Aires Tango col quale ha registrato 7 CD. La sua musica è un misto di tango, jazz, etnica, caratterizzato da molta improvvisazione, scrittura e arrangiamento.

La formazione Ë composta da piano, basso, percussione e sax.

Parallelamente ad Aires Tango collabora con il quintetto di Roberto Gatto (batteria) col quale suona ormai da 8 anni, ha suonato anche con Rita Marcotull, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluca Putrella,

Bebo Ferra, Antonello Salis, Gianni Coscia, Peppe Servillo, Furio Di Castri, Tony Scott, Arto Tuncbovacivan, Carlo Rizzo, Aldo Romano, Luis Agudo Maurizio Gianmarco, Stefano Battaglia, Michel Godard, Anouar Brahem, Gianluigi Trovesi, e molti altri.

Natalio Luis Mangalavite, argentino. vive da vent’anni in Europa, dove ha lavorato in svariate cornici musicali nell’ambito della musica pop e jazz.

Ha accompagnato per quasi 15 anni Ornella Vanoni nei suoi concerti e ha lavorato al fianco di altri musicisti jazz e world come

Paolo Fresu, Horacio “El Negro” Hernandez, Furio Di Castri, Antonello Salis, Michele Ascolese (progetto tango Luis y Miguel), il dj Pierandrea The Professor (progetto Dna).

I biglietti si possono acquistare al costo di € 10,00 (€ 7,50 per gli over 65; € 5,00 per gli studenti), prenotandoli telefonicamente allo 06 2010579 (lunedì – venerdì dalle 11 alle 19.30).

Accesso consentito con mascherina. Nel rispetto delle prescrizioni È PREFERIBILE PRENOTARE E RITIRARE I BIGLIETTI CON ANTICIPO per evitare assembramenti. 

Questa la scaletta del concerto:

La calesita

Milonga sentimental

Cafetin de Buenos Aires

Parientes

Cambalache

Chiquilin

Come si usa col ragù

Piccolo tormento

Vuelvo al sur

L’amico di cordoba

Figlio d arte

Canta nene’

Il chiacchierone

BIGLIETTI
intero 10 Euro
ridotto 7,50 Euro
studenti 5 Euro
prezzo speciale GIFT CARD 7,50 Euro

info e prenotazioni 062010579

Ufficio stampa dell’Associazione Roma Sinfonietta:

Mauro Mariani – m.mariani.roma@gmail.com – tel. 335 5725816

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/dalla-parte-della-cicala-teatro-marconi/

“Parientes” Teatro Tor bella Monaca
“Parientes” Teatro Tor bella Monaca
“Mileva” Teatro del Lido

“Mileva” Teatro del Lido. CSS Teatro stabile di innovazione del FVG per QuinteScienza Presenta


“Mileva” Teatro del Lido. Ksenija Martinovic in Mileva di Ksenija Martinovic, dramaturg Federico Bellini, con Ksenija Martinovic e Mattia Cason

“Mileva” Teatro del Lido. Produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG con la consulenza scientifica di Marisa Michelini, professore ordinario di Didattica della Fisica, Università degli Studi di Udine

La storia di Mileva, la prima moglie di Albert Einstein, ma anche la prima donna ammessa al corso di fisica del Politecnico di Zurigo.

Il 19 settembre con MILEVA di Ksenija Martinovic con CSS Teatro stabile di innovazione del FVG si conclude la prima edizione di QuinteScienza al Teatro del Lido di Ostia:

4 spettacoli teatrali e 2 lezioni interattive e multidisciplinari, per un programma di fine estate ricco di conoscenza per divulgare attraverso l’intrattenimento intelligente e aperto a tutti la scienza, la sua storia e i suoi protagonisti.

La chiusura del festival è affidata a una produzione d’eccellenza e a uno speciale focus su una figura complessa della scena scientifica di tutti i tempi: la moglie di Albert Einstein.

Un’attrice sfoglia giornali, libri, naviga sul web per raccogliere uno dopo l’altro frammenti di una storia a lungo taciuta. Una biografia ricostruita come un puzzle a cui mancano molte tessere.

La biografia, l’ennesima, di una scienziata la cui intelligenza e le cui scoperte sono state messe in secondo piano, quasi occultate, a vantaggio di un collega uomo.

Ma cosa pensare se lo scienziato in questione è la mente più geniale del XX secolo, Albert Einstein, e lei, la donna scienziata, è Mileva Mari´c, la sua prima moglie, ma anche la prima donna ammessa al corso di fisica al Politecnico di Zurigo? Spazio, tempo e gravità diventano metafore di un amore e delle sue ombre.

“A differenza delle biografie ufficiali di Einstein, dove appare come una pallida ombra a fianco del marito” ha spiegato Ksenija Martinovic, “

da varie fonti apprendiamo invece che Mileva Mari´c non è stata di certo estranea alla straordinaria progressione creativa del compagno; tuttavia, la sua riservatezza e l’aver prematuramente rinunciato al suo impegno di scienziata hanno fatto sì che ancora oggi il suo contributo teorico venga messo in discussione.

La biografia di Mileva Mari´c ci rimanda immediatamente a tutte quelle donne messe in secondo piano, per un’evidente discriminazione di genere; tra le più note possiamo citare Rosalind Franklin, Lise Meitner e Jocelyn Bell.

Di recente questo fenomeno è stato definito Effetto Matilda, e ben si può rilevare nel campo delle scienze”.

Quintescienza, ideato da Associazione Culturale Affabulazione, è vincitore dell’Avviso Pubblico “EurekaRoma” e fa parte di RomaRama, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale.

Ingressi contingentati, prenotazione obbligatoria tramite la piattaforma eventbrite; i link eventbrite saranno disponibili sulla Pagina Fb QuinteScienza e sui siti www.affabulazione.net e www.teatrodellido.it. Per info quintescienza@gmail.com. 

19 settembre, Teatro del Lido – Via delle Sirene, 22 ore 21.00
– ingresso gratuito – Ufficio Stampa HF4www.hf4.it Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 3409690012

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/riparti-amo-guidonia/

“Riparti… Amo Guidonia”

“Riparti…Amo Guidonia”. “Passo a Due Pas de Deux (ovvero: l’amore ha cinque fasi, ma molte coppie si fermano alla terza)


“Riparti…Amo Guidonia”. Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti sono gli attesi protagonisti con il divertente e appassionante “Passo a Due Pas de Deux”

“Riparti…Amo Guidonia”. Arriva a Guidonia Montecelio (RM) l’emozionante e divertente “Passo a Due Pas de Deux (ovvero: l’amore ha cinque fasi, ma molte coppie si fermano alla terza).

Spettacolo di David Conati, con Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti.

“Riparti…Amo Guidonia”. Accanto a loro sul palco La divertentissima Isabella Giannone e gli straordinari Mariachiara Grasso e Stefano Rufini, la regia è curata da Francesco Branchetti, le musiche sono di Pino Cangialosi.

L’amore, secondo alcuni è un groviglio complesso di sentimenti e situazioni che ci fanno perdere la testa, secondo altri si tratta di una serie di reazioni chimiche determinate dai ferormoni che alla fine portano comunque allo stesso risultato.

In letteratura eminenti psicologi, che hanno il vizio di dover “fasificare” e analizzare tutto, si sono scomodati per incasellare, catalogare, dare una struttura più o meno logica per comprendere questo sentimento che nel bene o nel male, volenti o nolenti, ci tocca, ci sfiora, ci coinvolge tutti.

Chi perché, come Diogene, lo cerca per tutta la vita senza trovarlo, chi perché fa di tutto per sfuggirgli, chi perché non può vivere senza e chi perché vorrebbe non averlo mai incontrato

Chi perché lo venera, chi perché, come nelle fiabe, sogna il suo amore ideale con tanto di “e vissero per sempre felici e contenti”.

Coloro che si sono presi la briga di analizzare “La costruzione di un amore” osservandola nelle sue diverse sfumature, evoluzioni e involuzioni, hanno stabilito che questo percorso ha cinque fasi.

Fasi ben identificabili per una serie di comportamenti e di stati d’animo che le caratterizzano in modo inequivocabile: Infatuazione, Innamoramento, Disillusione, Consapevolezza, Complicità.

Per esporre meglio il concetto in questo percorso teatrale alla scoperta delle fasi dell’amore, una serie di quadri le ripercorrono tutte, partendo dal Simposio di Platone passando per Amore e Psiche, arrivando fino ai giorni nostri.

Il viaggio tra le schermaglie amorose di epoche e stili teatrali diversi ci permette di osservare e immedesimarci nell’evoluzione del gioco delle relazioni nel quale le diverse coppie sono coinvolte loro malgrado.

Alla fine di questo percorso forse saremo in grado di capirne un po’ di più e potremo ripetere comunque gli stessi errori ma stavolta in modo più consapevole.

Le musiche di Pino Cangialosi, le luci e gli interventi di Mariachiara Grasso e Stefano Rufini creeranno incantate atmosfere e daranno un apporto fondamentale a questo viaggio nel mondo dei rapporti tra uomini e donne.”

DOMENICA 13 SETTEMBRE

SPETTACOLO ORE 21:00

ARENA IN PIAZZA 2 GIUGNO (Rassegna RIPARTIAMO GUIDONIA)

Piazza 2 Giugno, 00012 Guidonia Montecelio (RM)

È gradita la prenotazione fino a riempimento posti.

info e prenotazioni:

3477462465 (dalle ore 17:00)

sulla pagina Facebook del Teatro Imperiale: https://www.facebook.com/GMSEventi/

o tramite email: teatroimperiale@gmail.com

biglietti: € 10,00

Ufficio Stampa Compagnia: Alessia Ecora – 338.7675511 – lessia.ecora@gmail.com

Isabella Giannone 3337000725 – isagia@alice.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/dr89/it/jazz/festa-campestre-reloaded-da-peppe

“Canzoni francesi, chansons italiennes”

“Canzoni francesi, chansons italiennes”. Una Striscia di Terra Feconda XXIII Edizione,


Direzione artistica Paolo Damiani e Armand Meignan martedi 8 settembre 2020 ore 21,00, Parco della Casa del Jazz

“Canzoni francesi, chansons italiennes”. Danilo Rea, pianoforte

Produzione originale

“Canzoni francesi, chansons italiennes”. Sandrine Bonnaire e Erik Truffaz

‘La clameur des lucioles’ di Joël Bastard

Sandrine Bonnaire, voce recitante

Erik Truffaz, tromba

L’edizione 2020 di Una Striscia di terra feconda si chiude, martedì 8 settembre con la produzione originale, “Canzoni francesi, chansons italiennes”.

Si chiude con Danilo Rea al pianoforte e l’altra produzione originale “La clameur des lucioles” di Joël Bastard con Erik Truffaz, tromba e Sandrine Bonnaire , voce recitante.

Danilo Rea è non soltanto uno dei più notevoli pianisti del jazz mondiale, in grado di collaborare con Konitz e Baker, fino a Ramin Bahrami.

Un impareggiabile partner di leggende della canzone italiana, da Mina a Gino Paoli, che grazie al suo talento hanno scoperto nuovi percorsi espressivi.

Nessuno quindi meglio di lui per inventare un viaggio sublime nella canzone italiana e francese, sposando De Andrè, Paoli e Mina con Brel e Gainsbourg ma soprattutto reinventando tutto alla luce della propria infinita creatività.

Questo incontro è incredibile: in scena due artisti francesi, un’attrice tra le più note e amate al mondo, e un musicista di assoluto livello espressivo.

Questo è certamente uno dei progetti più originali e intriganti presentati dal Festival sin dalla sua creazione:

Sandrine Bonnaire ed Erik Truffaz sul palco si ascoltano, si guardano, cercano un filo comune per restituire- grazie al magico respiro della tromba di Erik, e della sensuale e coinvolgente presenza e vocalità di Sandrine.

Il suono dei testi dei più grandi poeti francesi!

Una magia all’insegna dell’oralità e del racconto, di cui tutti potranno godere, non solo chi ama il cinema e il jazz!

Sito: https://associazioneteatrodellascolto.it

Email: unastrisciaditerrafeconda@gmail.com

Facebook: https://www.facebook.com/UnaStrisciaDiTerraFeconda

Instagram: @unastrisciaditerrafeconda

Gli spettatori sono pregati di attenersi alle disposizioni ufficiali del Protocollo Sanitario Conferenza Stato/Regioni – Emergenza Covid-19 del 22/05/2020 per gli spettacoli dal vivo ed il cinema.

Prevendit : www.ticketone.it

Ingresso 10 euro

La biglietteria a Casa del Jazz è aperta al pubblico dalle ore 18:30 fino a 40 minuti dopo l’inizio dello spettacolo Si consiglia arrivare con congruo anticipo per adempiere alle prescrizioni sanitarie post Covid_19

L’ingresso per il concerto del 30 luglio nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica è 18 euro

Ufficio stampa: Maurizio Quattrini 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/una-striscia-di-terra-feconda-2/

“Canzoni francesi, chansons italiennes”
Danilo Rea
Maurizio Battista, “Ma non doveva andare tutto bene?”

Maurizio Battista. Cavea Auditorium Parco della Musica ripartiamo con “Ma non doveva andare tutto bene?” sabato 29 e domenica 30 agosto 2020 ore 21,00


Dopo il grande successo delle precedenti date di luglio e agosto, Maurizio Battista con il suo nuovo spettacolo “Ma non doveva andare tutto bene?”  

Maurizio Battista. Torna in scena, sabato 29 e domenica 30 agosto, nel rispetto delle disposizioni vigenti, nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Reduce dal successo record del Teatro Olimpico che ha registrato oltre 47000 presenze in cinque settimane.

Dopo la magistrale prova d’attore nella trasmissione per RaiDue “Poco di tanto”, in cui abbiamo potuto ammirarlo in una veste diversa dimostrando una maturità a tutto tondo.

Questo nuovo spettacolo di Maurizio Battista rappresenta un ritorno alle scene e alla vita, in cui l’artista e il suo pubblico si riappropriano degli spazi live per una serata divertente in massima sicurezza.

Roma è la linfa da cui Maurizio trae la forza che dona a sua volta al proprio pubblico per questo ancora una volta è proprio dalla Capitale che riparte con slancio.

Grazie alla sua proverbiale ironia affronterà i temi che hanno cambiato il mondo e le vite di tutti, per farne oggetto di riflessione, ma sottolineando gli aspetti grotteschi e contraddittori che, pur nel disagio, hanno costituito motivo di ilarità.

Lo spettacolo incorniciato da una imponente struttura di led, su cui gireranno contributi video significativi, ha un tema di fondo attualissimo.

Fin dal titolo si intuisce come ogni argomento dalle campagne di sensibilizzazione ai dibattiti televisivi fatti di mille voci contrastanti, dalle “dirette” social alle soluzioni fai da te, sono un’occasione per farci divertire con intelligenza.

Ogni aspetto dello spettacolo, grazie anche all’uso delle musiche e quello dei contributi video originali, è utile per alternare momenti riflessivi a momenti di maggiore spensieratezza.

Battista in un continuo confronto tra Italia e Resto del Mondo è pronto per farci passare una sera che ricorderemo per molto tempo con gioia.

Perché attraverso gli occhi del comico il mondo sembra più familiare, più bello o almeno più umano e perché con arguzia e semplicità Maurizio porta in scena una vera e propria filosofia di vita.

Lo spettacolo è organizzato da Ventidieci.

Biglietti già in vendita nei circuiti TicketOne.  

Ufficio  Stampa Ventidieci

Maurizio Quattrini 338/8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/le-quattro-stagioni-e-gloria-teatro-costanzi/

Maurizio Battista “Ma non doveva andare tutto bene?”
Maurizio-Battista
“Fabrizio De André” Il Mito e il sogno

Fabrizio De André “OSTIA ANTICA FESTIVAL 2020” Il Mito e il Sogno 5a edizione


Fabrizio De André. Il teatro in ogni sua forma, dal classico al comico, la rivisitazione della grande musica rock e d’autore della rassegna Anthology, lamusica classica

Sono questi gli elementi che caratterizzano la quinta edizione del Ostia Antica Festival – Il Mito e il Sogno che quest’anno si dipana lungo tre mesi di eventi – fino alla fine di settembre.

Il festival presenta un ricco cartellone composto da prestigiosi nomi della scena nazionale La quinta edizione di Ostia Antica Festival “Il Mito e il Sogno” è organizzata daI consorzio di imprese Antico Teatro Romano, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica.  

Anthology, la rassegna dedicata ai grandi nomi della musica pop, rock e d’autore del ‘900, prosegue con grande successo di pubblico, incassando anche un sold out con l’omaggio ai Queen dei Bohemian Symphony O.Q.T.  

Il 7 agosto, alle ore 21.30, la rassegna ospita un concerto tributo a Fabrizio De André.

Sul palco insieme a Hotel Supramontedue ospiti di eccezione: Michele Ascolese (chitarra acustica elettrica e bouzouki) ed Ellade Bandini (batteria), storici collaboratori di Faber. 

7 agosto – ore 21.30

Hotel Supramonte in “Omaggio a Fabrizio De André”

con Michele Ascolese ed Ellade Bandini

 Luca Cionco voce

Antonello Pacioni Chitarra mandolino, bouzouki

Alessandro Famiani fisarmonica

Edoardo Fabbretti batteria

Glauco Fantini basso

Simone Temporali pianoforte, tastiere, pod

Roberto Vittori fiati

Serena Di Meo violino

Giorgia Zaccagni voce

con

Ellade Bandini batteria

Michele Ascolese chitarra acustica, elettrica, bouzouki

Venerdì 7 agosto, quarto appuntamento di Anthology.

A riproporre i capolavori del cantante genovese saranno gli Hotel Supramonte che per l’occasione si esibiranno insieme a due storici musicisti, il chitarrista Michele Ascolese e il batterista Ellade Bandini, per anni al fianco di Faber.

La band, riconosciuta ufficialmente dalla Fondazione de André, nasce nel 2013, e negli ultimi anni si è affermata come una delle formazioni più accreditate nella diffusione della musica di De André.

ORARIO DI INIZIO DI TUTTI GLI SPETTACOLI: ORE 21.30 – BIGLIETTI IN VENDITA SU TICKETONE.IT

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/federico-tomei-in-suo-ricordo-un-defibrillatore-allasd-savio/

Michela Murgia “Dove sono le donne?”

Ostia Antica Festival 2020 Parco Archeologico. Monologo di e con Michela Murgia “Dove sono le donne?”


Michela Murgia “Dove sono le donne?”. Drammaturgia sonora eseguita dal vivo da Francesco Medda Arrogal Illustratore Edoardo Mass


Dopo i grandi classici con Francesco Montanari il 31 luglio e i trasformismi di Arturo Brachetti il 2 agosto, la stagione teatrale di Ostia Antica Festival prosegue, tra gli altri, l’8 agosto con l’appuntamento dal vivo con Michela Murgia e il suo Dove sono le donne?

Se arrivassero gli alieni domattina e cercassero di farsi un’idea del genere umano guardando ai luoghi della rappresentazione pubblica, probabilmente penserebbero che un virus misterioso abbia colpito tutte le persone di sesso femminile d’Italia, rendendole mute o incapaci di intendere e volere.

Il governo, i dibattiti televisivi e le prime pagine dei quotidiani traboccano di interventi maschili. Eppure le donne non sono una sottocategoria socioculturale ma più della metà del genere umano.

Dopo aver interpretato in scena il premio Nobel Grazia Deledda nello spettacolo ‘Quasi grazia’, Michela Murgia, autrice tra le più impegnate nelle battaglie civili, porta per la prima volta in teatro il suo punto di vista sulla ‘questione femminile’ in un lucido monologo che supera per sempre gli angusti confini delle quote rosa.

Gli appuntamenti teatrali per Ostia Antica Festival 2020 di Sava Produzioni proseguono con L’alfabeto delle Emozioni con Stefano Massini, 5 settembre;

Dal vivo sono molto meglio con Paola Minaccioni, 6 settembre; Best of con Lillo e Greg 12 settembre; Ma tu sei felice? lettura-spettacolo dal libro di Federico Baccomo con Claudio Bisio e Gigio Alberti, 17 settembre.

La quinta edizione di Ostia Antica Festival “Il Mito e il Sogno” è organizzata daI consorzio di imprese Antico Teatro Romano, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica.

Biglietto 25 euro, prevendite su Ticketone e Ooohevents. 2 agosto, ore 21.00, Teatro Romano / Ostia Antica Festival 2020, Parco Archeologico – Viale dei Romagnoli 717 – 00119 – Ostia Antica – Roma http://www.ostianticateatro.com – info@ostianticateatro.com

8 agosto, Ostia Antica Festival. Parco Archeologico
Viale dei Romagnoli 717, ore 21.00Ufficio Stampa Spettacoli HF4www.hf4.it Marta Volterra marta.volterra@hf4.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/canto-libero-ostia-antica-festival/

Michela Murgia “Dove sono le donne?”
Michela Murgia
Canto Libero “Ostia Antica Festival”

Canto Libero “Ostia Antica Festival” Il Mito e il Sogno 2020 dedicato a Mogol e Battisti


Canto Libero. Il 30 luglio “Il Mito e il Sogno” entra nel vivo con il primo appuntamento della rassegna musicale “Anthology”.


30 Luglio: Canto Libero Omaggio alle canzoni di Battisti e Mogol 25 euro

Il teatro in ogni sua forma, dal classico al comico, la rivisitazione della grande musica rock e d’autore della rassegna Anthology, la musica classica:

sono questi gli elementi che caratterizzano la quinta edizione del OSTIA ANTICA FESTIVAL – Il Mito e il Sogno che quest’anno si dipana lungo tre mesi di eventi – fino alla fine di settembre – presentando un ricco cartellone composto da prestigiosi nomi della scena nazionale.

Dopo il sold out della pre-apertura con l’omaggio a Ennio Morricone da parte dell’Orchestra Sinfonica Città di Roma, il 30 luglio alle ore 21.30 l’ Ostia Antica Festival

Il Mito e il Sogno entra nel vivo, con il primo appuntamento della rassegna Anthology, sotto la direzione artistica di Gilda Petronelli e Stefano Saletti, che propone 5 concerti dedicati alla grande musica d’Autore, Pop e Rock del Novecento.

Si parte il 30 luglio con l’omaggio del Canto Libero a Lucio Battisti,

per proseguire il 5 agosto conBohemian Symphony – Orchestral Queen Tribute,

il 6 agosto con gliESTRO e il repertorio dei Genesis del periodo 1970/1976,

il 7 agosto conMichele Ascolese, Ellade Bandini e Hotel Supramonte e le canzoni di Fabrizio De Andrè econcludere

l’11 settembre con Tony Esposito e Gente Distratta per ricordare Pino Daniele.

Una musica che è ormai nella storia, che viene studiata e insegnata, e che, a mezzo secolo dalla sua creazione e dopo aver attraversato tre generazioni, è sempre di più un “classico”.

E in questa veste viene riproposta da ensemble che la reinterpretano sia fedelmente come una partitura o rileggendola con personalità e sensibilità musicale.

Apripista della rassegna “Canto Libero”, non un semplice concerto, ma un grande spettacolo che omaggia il periodo d’oro della storica accoppiata Mogol – Battisti.  

Sul palco un grande ensemble di musicisti affiatati (e già rodati nel corso di lunghe carriere) che nel 2015 riceve la “benedizione ufficiale” da Mogol in persona.

Uno spettacolo che va ben oltre la semplice esecuzione di cover dei brani dei classici del repertorio, sempre però mantenendo una certa aderenza, facendo emergere tutta l’anima blues e rock che Battisti aveva.  

Con passione e determinazione il Canto Libero fa rivivere allo spettatore la magia di quelle canzoni che hanno davvero segnato la storia della musica come “La canzone del sole”, “Una donna per amico”, “Ancora tu” “E penso a te” oltre a tanti altri grandi successi di Battisti.

Come afferma il frontman Fabio “Red” Rosso:Non si tratta di fare delle belle cover di pezzi che amiamo.

È uno spettacolo studiato nei minimi dettagli, nulla è lasciato al caso, arrangiamenti curatissimi, dinamiche e scenografie, video proiezioni. Insomma, ci abbiamo messo il cuore”.

Dopo aver riempito piazze e teatri in giro per l’Italia e l’Europa, il primo grande riconoscimento del valore artistico del Canto Libero arriva a fine 2015 con uno spettacolo sold-out al Teatro Rossetti di Trieste che vede anche la partecipazione straordinaria di Mogol.

L’esperienza si ripete ad aprile 2017, quando Mogol torna sul palco con la band nella data udinese per l’ennesimo sold out al Teatro Giovanni da Udine, e ad agosto 2017 a Grado, riconfermando un rapporto di stima e collaborazione che si ripeterà più volte in futuro.

Uno spettacolo con alle spalle già 3 tour, con quasi 40000 spettatori, realizzati nei più importanti teatri italiani:

dal Dal Verme di Milano al Del Monaco di Treviso, al Ristori di Verona, l’Archivolto di Genova, il Duse di Bologna, il Politeama Genovese di Genova al Ponchielli di Cremona, al Teatro Olimpico di Roma…

Il gruppo è formato da Fabio “Red” Rosso voce solista, Giovanni Vianelli al pianoforte e alla direzione musicale, Emanuele “Graffo” Grafitti e Luigi Di Campo alle chitarre, Alessandro Sala al basso e alla programmazione computer, Jimmy Bolco alla batteria, Marco Vattovani alle percussioni e batteria, Luca Piccolo alle tastiere, completato dalle splendide voci di Joy Jenkins e Michela Grilli, i video di Francesco Termini e dall’ingegnere del suono Ricky Carioti (già al mixer con Elisa, Jack Savoretti, Fedez, Amici di Maria De Filippi).

La quinta edizione di Ostia Antica Festival “Il Mito e il Sogno” è organizzata daI consorzio di imprese Antico Teatro Romano, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica. Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 21.30.

TEATRO ROMANO / OSTIA ANTICA FESTIVAL 2020 – “IL MITO E IL SOGNO – Va EDIZIONE”

PARCO ARCHEOLOGICO – VIALE DEI ROMAGNOLI 717 – 00119 – OSTIA ANTICA – ROMA

http://www.ostianticateatro.cominfo@ostianticateatro.com

Ufficio stampa Ostia Antica Festival: Fabiana Manuelli – stampa@fabianamanuelli.it – 3478263425

PROGRAMMA COMPLETO

biglietti in vendita su Ticketone.it
inizio spettacoli ore 21.30

PRE-APERTURA Martedì 14 LUGLIO: Orchestra Sinfonica Città di Roma in “Il Grande Cinema in Concerto”

Giovedì 30 Luglio: Rassegna Anthology: Canto Libero Omaggio alle canzoni di Battisti e Mogol

Venerdì 31 Luglio: Francesco Montanari rilegge i Menecmi di Plauto. La prima commedia degli equivoci”

Sabato 1° Agosto: Max Giusti in “Va tutto bene 2020”

Domenica 2 Agosto: Arturo racconta Brachetti

Mercoledì 5 Agosto: Rassegna Anthology: Bohemian Symphony – Orchestral Queen Tribute

Giovedì 6 Agosto: Rassegna Anthology: Estro plays Genesis Anthology

Venerdì 7 Agosto: Rassegna Anthology: Hotel Supramonte con Michele Ascolese ed Ellade Bandini Omaggio a Fabrizio De Andre’

Sabato 8 Agosto: Michela Murgia in “Dove sono le donne?”

Venerdì 28 Agosto: Riccardo Rossi in “That’s life. Questa è la vita!”

Sabato 29 Agosto: Antonio Giuliani in “Evergreen”

Martedì 1° Settembre: Francesco Gabbani “Inedito acustico”

Giovedì 3 Settembre: Samuel

Venerdì 4 Settembre: Andrea Perroni Dal vivo!

Sabato 5 Settembre: Stefano Massini in “L’alfabeto delle emozioni”

Domenica 6 Settembre: Paola Minaccioni in”Dal vivo sono molto meglio”

Giovedì 10 Settembre: Carmina Burana di Carl Orff

Venerdì 11 Settembre: Rassegna Anthology: Gente Distratta con Tony Esposito – Omaggio a Pino Daniele

Sabato 12 Settembre: Lillo e Greg in “Best of “

Domenica 13 Settembre: James Senese

Giovedì 17 Settembre: Claudio Bisio e Gigio Alberti in “Ma tu sei felice?

Venerdì 18 Settembre: Orchestra Europa Incanto diretta dal M° Germano Neri

Sabato 19 Settembre: Andrea Iacomini (Portavoce Comitato Italiano per l’UNICEF) in La mossa di Tetsuya

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/alessio-boni-ludwig-la-musica-nel-silenzio/

Canto Libero “Ostia Antica Festival”
Alberto Farina all'Ombra del Giardino di Dany"

Alberto Farina, il primo artista che si è esibito a questa nuova serie di spettacoli nel nuovo parco all’Ombra del Giardino di Dany”


Alberto Farina si è esibito con successo sotto un cielo stellato e circondato d’amore, così è partita la prima edizione de “All’Ombra del Giardino di Dany”. Sul Palco con lui Fabio Baldieri.

Alberto Farina all'Ombra del Giardino di Dany"
Alberto-Farina

Alberto Farina all’Ombra del Giardino di Dany”. La rassegna solidale tra comicità e magia che fa beneficenza con il buonumore, che dal 24 luglio ogni venerdì e sabato ore 21.00 a Ponte di Nona, via Mattè Trucco.

La rassegna ospiterà comici ed illusionisti in memoria di Daniele Pacifici, il giovane che a soli 27 anni ha perso la vita dopo aver lottato a lungo contro un male incurabile.

Tanta emozione al taglio del nastro da parte di papà Aldo Pacifici, insieme al Consigliere Municipale Dario Nanni.

Poi le risate hanno prevalso con l’arrivo sul palco dell’esplosivo Alberto Farina, con le sue battute a raffica e ironia tagliente.

Farina ha dispensato buonumore alla platea da “tutto esaurito”, ma in linea con le misure di sicurezza post covid.

Alberto Farina all'Ombra del Giardino di Dany"
Alberto-Farina

Alberto Farina è un comico (romano), ha raggiunto il successo grazie alla sua partecipazione al programma comico Colorado.

La sua faccia un po’ scanzonata, gli occhi da furbetto e quei capelli ricci fanno di lui un ribelle che piace tanto alla gente, un personaggio che da subito ha appassionato il pubblico.

Dopo la fantastica serata di venerdì sera, sabato tutti di nuovo “All’Ombra del giardino di Dany” con l’ennesimo grande artista ma soprattutto un grande ragazzo di cuore Raffaele Corti

Comicità e magia si uniscono sul palco per la seconda serata con la magia di Raffaele Corti con “Facce sta Magia”, dal programma tv “Colorado” alla rassegna “All’Ombra del Giardino di Dany”.

Talento, originalità e un mondo di risate a Ponte di Nona in memoria di Daniele Pacifici.

Alberto Farina all'Ombra del Giardino di Dany"
Raffaello-Corti

Daniele Pacifici avrebbe voluto così, lui che nutriva una gioia profonda per la vita ed aveva sempre un pensiero per tutti.

La rassegna è organizzata dall’Associazione culturale No Profit “Il Giardino di Dany” che, dopo numerose richieste, ha ricevuto in adozione da Roma Capitale.

L’area verde, situata tra via Mattè Trucco e via Luigi Gastinelli, curata dai familiari e dagli amici del giovane che hanno falciato l’erba, piantato alberi e acquistato alcune panchine grazie ad una gara di solidarietà.

La kermesse formato famiglia, la cui direzione artistica è stata affidata alla giornalista Federica Rinaudo, si propone di dispensare una ricca dose di risate.Alcuni ospiti

Alcuni ospite hanno assistito alla serata divertendosi: l’imprenditore Michel Emi Maritato, la cantante Carol Maritato, l’attore Pietro Romano, il giornalista Antonello De Pierro con la sua fidanzata.

Alberto Farina all'Ombra del Giardino di Dany"
Raffaello Corti

Ad alternarsi sul palcoscenico saranno:

Magico Alivernini, Massimo Bagnato & Friends, Raffaello Corti, Carmine Faraco, Alberto Farina, Matteo Fraziano, Gigi Miseferi, Pietro Romano, I Sequestrattori, Sandro Scapicchio. 

Vi aspettiamo tutti venerdì con un grande comico, un artista dalle qualità uniche Carmine Faraco, e sabato 1 agosto la magia comica di Magico Alivernini, grande artista poliedrico.

Non perdete l’appuntamento con questi due grandi artisti, passerete due serate in serenità facendo anche della solidarietà.

L’ingresso per ogni serata sarà gratuito ad offerta libera fino ad esaurimento posti. Info line 3294626910

Federica Rinaudo
Giornalista
Ufficio stampa e comunicazione
Mobile +39 327 7851570
www.federicarinaudo.it

Indirizzo Google maps https://goo.gl/maps/SazihNzU9ufRkZzw9

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/arturo-racconta-brachetti-ostia-antica-festival-2020/

“All’Ombra del Giardino di Dany” comicità e magia
“All’Ombra del Giardino di Dany” comicità e magia
Passo a Due Pas de Deux al Teatro Marconi

Passo a Due Pas de Deux (ovvero: l’amore ha cinque fasi ma molte coppie si fermano alla terza)


Debutta in prima nazionale assoluta il 29 luglio al Teatro Marconi di Roma, l’emozionante e divertente Passo a Due Pas de Deux (ovvero: l’amore ha cinque fasi ma molte coppie si fermano alla terza).

Passo a Due Pas de Deux. Commedia di David Conati, con Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti.

Accanto a loro sul palco La divertentissima Isabella Giannone e gli straordinari Mariachiara Grasso e Stefano Rufini, la regia è curata da Francesco Branchetti, le musiche sono di Pino Cangialosi.

L’amore, secondo alcuni è un groviglio complesso di sentimenti e situazioni che ci fanno perdere la testa, secondo altri si tratta di una serie di reazioni chimiche determinate dai ferormoni che alla fine portano comunque allo stesso risultato.

In letteratura eminenti psicologi, che hanno il vizio di dover “fasificare” e analizzare tutto, si sono scomodati per incasellare, catalogare, dare una struttura più o meno logica per comprendere questo sentimento che nel bene o nel male, volenti o nolenti, ci tocca, ci sfiora, ci coinvolge tutti.

Chi perché, come Diogene, lo cerca per tutta la vita senza trovarlo, chi perché fa di tutto per sfuggirgli, chi perché non può vivere senza e chi perché vorrebbe non averlo mai incontrato, chi perché lo venera, chi perché, come nelle fiabe, sogna il suo amore ideale con tanto di “e vissero per sempre felici e contenti”.

Coloro che si sono presi la briga di analizzare “La costruzione di un amore” osservandola nelle sue diverse sfumature, evoluzioni e involuzioni, hanno stabilito che questo percorso ha cinque fasi.

Fasi ben identificabili per una serie di comportamenti e di stati d’animo che le caratterizzano in modo inequivocabile: Infatuazione, Innamoramento, Disillusione, Consapevolezza, Complicità.

Per esporre meglio il concetto in questo percorso teatrale alla scoperta delle fasi dell’amore, una serie di quadri le ripercorrono tutte, partendo dal Simposio di Platone passando per Amore e Psiche, arrivando fino ai giorni nostri. 

Il viaggio tra le schermaglie amorose di epoche e stili teatrali diversi ci permette di osservare e immedesimarci nell’evoluzione del gioco delle relazioni nel quale le diverse coppie sono coinvolte loro malgrado.

Alla fine di questo percorso forse saremo in grado di capirne un po’ di più e potremo ripetere comunque gli stessi errori ma stavolta in modo più consapevole.

Le musiche di Pino Cangialosi, le luci e gli interventi di Mariachiara Grasso e Stefano Rufini creeranno incantate atmosfere e daranno un apporto fondamentale a questo viaggio nel mondo dei rapporti tra uomini e donne.”

TEATRO MARCONI

Viale Guglielmo Marconi 698 E www.teatromarconi.it

MERCOLEDÌ 29 LUGLIO 2020   ORE 21:30            

Parcheggio Interno

INFO E PRENOTAZIONI Tel. 06 5943554    info@teatromarconi.it

Prezzo biglietti: Intero € 16,00 – Ridotto € 13,00

(I prezzi dei biglietti sono comprensivi di prevendita)

Ufficio Stampa Compagnia: Alessia Ecora – 338.7675511 – alessia.ecora@gmail.com

Isabella Giannone 3337000725 – isagia@alice.it

Ufficio Stampa Teatro: Rocchina Ceglia  – 346.4783266 rocchinaceglia@rocchinacegliacomunicazione.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/microfono-doro-10-edizione-di-fabrizio-pacifici/

Passo a Due Pas de Deux al Teatro Marconi
Nathalie-Caldonazzo-e-Francesco Branchetti
Teatro Romano di Ferento “Il Diario di Adamo ed Eva”

Teatro Romano di Ferento “Il Diario di Adamo ed Eva” con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti sono gli attesi protagonisti al


Teatro Romano di Ferento (VT) giovedì 30 luglio alle 19:30 per una serata di grande teatro con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti.


Teatro Romano di Ferento. Accanto a loro sul palco ci saranno anche i mimi Umberto Bianchi e Raffaella Zappalà, la regia è curata da Francesco Branchetti, le musiche sono di Pino Cangialosi.

“IL DIARIO DI ADAMO ED EVA” (Recital a due voci) da Mark Twain, con la traduzione ed elaborazione di Maura Pettorruso, torna in scena dopo aver debuttato al Festival Teatrale di Borgio Verezzi nell’estate 2018 e dopo una lunga tournée.

Teatro Romano di Ferento. Lo spettacolo proseguirà poi il 3 agosto a San Marco in Lamis (FG) e l’8 agosto a Calvi dell’Umbria:

“Mark Twain, attingendo al mito della Creazione, – spiega Francesco Branchetti –  narra come siano andate le cose tra l’uomo e la donna in una chiave ironica, umoristica ma anche fiabesca e romantica e racconta come possa essere nata l’attrazione tra i due sessi.

Il testo a due voci inizia con l’apparizione di Eva, che Adamo vede come una creatura bizzarra e fantasiosa; Adamo si ritrova un bel giorno a dover fare i conti con questa nuova   strana creatura «Questo nuovo essere dai capelli lunghi…

Non mi piace, non sono abituato ad avere compagnia». Nel racconto le due voci si avvicendano in modo commovente e allegro.

Eva una creatura molto bizzarra e fantasiosa ma anche romantica, vanitosa e chiacchierona, sempre interessata a dare nomi agli animali, alle piante e al creato.

Adamo invece è un uomo rude e facilmente irascibile, un solitario, innervosito dalla continua presenza di Eva, che lo segue imperterrita e incuriosita, parlando ininterrottamente.

Adamo però è molto affascinato da Eva. Il loro incontro sembra destinato al disastro.

Poi Eva mangia la mela e inizia la caduta: entrano così nel mondo della morte, dei figli, del lavoro, della conoscenza; arrivano i figli Caino e poi Abele, esseri che Adamo per molto tempo non riconosce come umani, ma crede siano una nuova specie di animali.

Le due voci si susseguono fino a che i due nonostante le diversità, si rendono conto che si amano.

E’ l’incontro tra l’uomo e la donna, in questo giardino dell’Eden con tutti gli aspetti e le caratteristiche dell’uomo e la donna moderni.

La regia intende restituire al testo attraverso le voci degli attori e la fisicità dei mimi, la straordinaria capacità d’indagare l’animo umano e le tortuose relazioni che abbiamo talvolta con noi stessi e poi con gli altri;

ansie, paure, malesseri, malinconie, gioie, curiosità, attrazioni, dolori, solitudini e sentimenti si alternano e si confondono in una danza meravigliosa di voci, corpi, suoni e colori, che lascia spazio alla malinconia ma anche all’ironia e alla tenerezza.

Le musiche di Pino Cangialosi, le luci e gli interventi dei mimi creeranno magiche atmosfere e daranno un apporto fondamentale a questo viaggio nel mondo dei rapporti tra uomini e donne.”

giovedì 30 luglio 2020 ore 19:30  

Teatro Romano di Ferento “Il Diario di Adamo ed Eva”

TEATRO ROMANO DI FERENTO

Antica Città Romana di Ferento Strada Ferento, 2 – Ferento, 01100 Viterbo VT

Info spettacoli 393 9041725

Info biglietteria 328 7750233

www.teatroferento.it   https://www.facebook.com/teatroferento/

Prevendite online www.ciaotickets.com

Punti vendita biglietti:

Viterbo: Underground 0761 342987 – Ufficio turistico 0761 226427

Tabaccheria Iperconad 0761 251896 – Tabaccheria Gianary 0761 305233

Terni: New Sinfony 895 9697911

Civitavecchia: Leandro Viaggi 0766 500904

 Prezzo biglietti:

Intero € 16.00 +2.50 di prevendita

Ridotto €14.00 +2 euro di prevendita (under 26 /over 65)

Ufficio Stampa Compagnia: Alessia Ecora – 338.7675511 – alessia.ecora@gmail.com

Isabella Giannone 3337000725 – isagia@alice.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/la-valigia-dellattore-dedicata-a-gian-maria-volonte/