Articoli

Il Maestro Daniele Gatti all’Opera di Roma

La bacchetta di Daniele Gatti all’Opera di Roma aspettando Il Barbiere di Siviglia cinematografico con il Teatro Digitale.


Ripercorriamo le ultime inaugurazioni dirette dal Maestro Daniele Gatti: “Tristan und Isolde di Wagner, La damnation de Faust di Berlioz e Les vêpres siciliennes di Verdi.

La programmazione di “Teatro Digitale” prosegue nel segno del Maestro Daniele Gatti.

Il Maestro Daniele Gatti all’Opera di Roma. Aspettando Il barbiere di Siviglia cinematografico per la regia di Mario Martone, che dirigerà per l’apertura della stagione 2020/21, dal 24 novembre al 3 dicembre viene proposta la visione in streaming di tre inaugurazioni andate in scena sempre sotto la bacchetta del Maestro: 

Tristan und Isolde di Richard Wagner nel 2016 per la regia di Pierre Audì (24, 25 e 26 novembre)

La damnation de Faust di Hector Berlioz nel 2017 per la regia di Damiano Michieletto (27, 28 e 29 novembre)

Les vêpres siciliennes di Giuseppe Verdi nel 2019 per la regia di Valentina Carrasco (1, 2 e 3 dicembre).

Con il maestro Daniele Gatti sul podio alla direzione dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma si sfoglieranno indimenticabili pagine d’opera e, nello stesso tempo, si ripercorreranno tre delle tappe che hanno portato uno dei maggiori direttori a livello internazionale, alla carica di direttore musicale della Fondazione Capitolina.

Lo streaming gratuito dei tre spettacoli è disponibile dal sito ufficiale del Teatro, operaroma.itgrazie alla collaborazione con RaiPlay.

Si parte martedì 24 novembre con Tristan und Isolde di Richard Wagner, opera inaugurale della stagione 2016/2017, che ha segnato il debutto del maestro Daniele Gatti all’Opera di Roma.

Lo spettacolo, con la direzione affidata alla bacchetta di uno tra i migliori interpreti wagneriani di oggi e la regia firmata da Pierre Audì, è stato un successo indiscusso, dove a trionfare è stata la musica.

Nel cast Andreas Schager (Tristan), Rachel Nicholls (Isolde), John Relyea (Re Marke), Brett Polegato (Kurwenal), Michelle Breedt (Brangäne).

Il nuovo allestimento, una coproduzione con Théâtre des Champs-Élysées di Parigi e De Nationale Opera di Amsterdam, vede le scene e i costumi di Christof Hetzer, le luci di Jean Kalman e i video di Anna Bertsch.

Maestro del Coro Roberto Gabbiani.

Giorni di programmazione Tristan und Isolde di Wagner: 24, 25 e 26 novembre

https://www.operaroma.it/spettacoli/tristan-und-isolde-2/

CONTENUTI EXTRA TRISTAN UND ISOLDE

Trailer: https://youtu.be/oRgZEJ_QDVE

“Lezione di Opera”: https://www.operaroma.it/spettacoli/lezione-di-operatristan-und-isolde/

Videointervista al direttore Daniele Gatti e al regista Pierre Audì: https://youtu.be/_oKpGIklGxs

“Opera in pillole”: “Il Leitmotiv di Wagner”

“Wagner nell’opera italiana di fine ‘800”

Si prosegue venerdì 27 novembre con La damnation de Faust di Hector Berlioz, opera inaugurale della stagione operistica 2017/18, con cui il Teatro dell’Opera di Roma ha vinto il Premio Abbiati della critica musicale italiana come miglior spettacolo del 2017. 

Damiano Michieletto firma la regia di una messa in scena in pieno accordo con la direzione musicale di Daniele Gatti, dal taglio cinematografico tra salti temporali e immagini oniriche lontane da attualizzazioni e realismo.

Del resto il mito di Faust raccontato da Goethe nell’idea musicale originaria di Berlioz era stato concepito come “leggenda drammatica”, cioè un’opera da concerto. In questa forma vide la sua prima rappresentazione assoluta nel 1846.

Tutto è simbolico e i personaggi non sono delineati così nettamente come nel melodramma.

Protagonisti Pavel Černoch (Faust), Alex Esposito (Méphistophélès), Veronica Simeoni (Marguerite) e Goran Jurić (Brander).

Le scene sono firmate da Paolo Fantin, i costumi da Carla Teti, le luci da Alessandro Carletti, i movimenti mimici da Chiara Vecchi. Video Roca Film. Maestro del Coro Roberto Gabbiani.

Giorni di programmazione La damnation de Faust di Berlioz: 27, 28 e 29 novembre

https://www.operaroma.it/spettacoli/la-damnation-de-faust-2/

CONTENUTI EXTRA LA DAMNATION DE FAUST

Trailer: https://youtu.be/4VSd4fbCkng

“Lezione di Opera”: https://www.operaroma.it/spettacoli/lezione-di-operala-damnation-de-faust/

Videointervista al direttore Daniele Gatti e al regista Damiano Michieletto:

“Opera in pillole”: “Il Diabolus in musica”

Il percorso proposto con il “Teatro Digitale” si conclude si conclude martedì 1 dicembre con Les vêpres siciliennes di Giuseppe Verdi, opera con cui il maestro Daniele Gatti ha inaugurato la stagione 2019/20 da Direttore Musicale del Teatro dell’Opera di Roma.

La nomina era arrivata al termine della prima replica del Rigoletto inaugurale della stagione precedente, 2018/19. 

Les vêpres siciliennes mancava dal nostro Teatro dal 1997 quando fu per la prima volta eseguita nella lingua originale, come è successo nuovamente in occasione dello spettacolo che riproponiamo.

La regia del nuovo allestimento è affidata a Valentina Carrasco, la scenografia al francese Richard Peduzzi, le luci a Peter van Praet, i costumi a Luis F. Carvalho.

Il Corpo di Ballo dell’Opera di Roma interpreta il balletto “Le quattro stagioni”, parte integrante del terzo atto di questo grand-opéra, per la coreografia di Valentina Carrasco e Massimiliano Volpini.

Tra i principali interpreti Roberto Frontali (Guy de Montfort), John Osborn (Henri), Michele Pertusi (Jean Procida), Roberta Mantegna (Hélène), stella nata nella prima edizione di “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma, che ha poi intrapreso una brillantissima carriera internazionale, e Andrii Ganchuk (Le comte de Vaudemont) e Irida Dragoti (Ninetta) nati invece dalla seconda edizione. 

Maestro del Coro Roberto Gabbiani.

Giorni di programmazione Les vêpres siciliennes di Verdi: 1, 2 e 3 dicembre

https://www.operaroma.it/spettacoli/les-vepres-siciliennes-2/

CONTENUTI EXTRA LES VÊPRES SICILIENNES

Trailer: https://youtu.be/hxf6s5nBohc

“Lezione di Opera”: https://www.operaroma.it/spettacoli/lezione-di-operales-vepres-siciliennes/

Videointervista al direttore Daniele Gatti: https://youtu.be/8Z4W5f7sacM

Videointervista alla regista Valentina Carrasco: https://youtu.be/cVerTCwPYmE

Il programma fa parte del palinsesto di Roma Capitale Romarama.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/yourban-2030-outside-in-di-jdl/

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/il-borgo-di-vitorchiano-si-racconta/

Il Maestro Daniele Gatti all’Opera di Roma
La damnation de Faust al Teatro Costanzi Foto: Yasuko Kageyama-Teatro dell’Opera di Roma
Opera di Roma “Il Barbiere di Siviglia”

Opera di Roma “Il Barbiere di Siviglia”. Un nuovo allestimento apre la stagione 2020/21dell’Opera di Roma, dirige Daniele Gatti, alla regia Mario Martone.


 Opera di Roma “Il Barbiere di Siviglia”. La terza opera in forma scenica realizzata in chiave anti-Covid dal Teatro dell’Opera tornerà in onda su Rai 5 a Capodanno

Opera di Roma “Il Barbiere di Siviglia”. Con una produzione “cinematografica” e il Teatro Costanzi trasformato in un set, il Lirico romano presenta il suo nuovo progetto anti-Covid.

La stagione 2020/21 del Teatro dell’Opera di Roma si inaugura con un nuovo allestimento de Il barbiere di Siviglia, certamente il titolo più famoso e rappresentato di Gioachino Rossini.

Opera di Roma “Il Barbiere di Siviglia”. Alla direzione dell’Orchestra del Teatro dell’Opera il suo direttore musicale Daniele GattiMario Martone firma regia e scene.

Dopo il Rigoletto al Circo Massimo e Zaide al Costanzi, Il barbiere di Siviglia è la terza produzione d’opera in forma scenica pensata in chiave anti-Covid dal Teatro dell’Opera.

In ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consiglio del 3 novembre, lo spettacolo sarà realizzato a porte chiuse, in assenza di pubblico ma con gli artisti in presenza, e sarà trasmesso da Rai Cultura su Rai 3 sabato 5 dicembre.

Al Teatro dell’Opera di Roma si torna in scena grazie al nuovo allestimento ideato e realizzato in questo momento difficile che permetterà agli artisti di esibirsi in presenza e al pubblico di seguire da casa.

Sono molto orgogliosa di questa modalità inedita grazie alla quale la stagione teatrale 2020/21 potrà essere portata avanti.

L’Opera a Roma non si ferma, così come non si è fermata nei mesi scorsi con l’apertura straordinaria del Teatro al Circo Massimo.

Adesso, grazie a Rai Cultura che trasmetterà il capolavoro di Rossini, potremo tornare idealmente a sederci a Teatro e ammirare i protagonisti dello spettacolo, i dettagli dei costumi, delle scenografie e delle luci ascoltando i brani eseguiti dall’Orchestra.

Una sfida vinta in attesa di ritornare nelle sale dei teatri italiani ad applaudire i nostri grandi artisti”, ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi, presidente della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma.

Potrà essere un’occasione straordinaria per allargare la platea del Costanzi e raggiungere un nuovo pubblico. La regia di Mario Martone sarà realizzata come per un film.

Opera di Roma “Il Barbiere di Siviglia”

Il nostro bellissimo Teatro, vuoto e senza spettatori, sarà la scena dove si ambienterà quest’opera tanto amata, con un uso del tutto innovativo degli spazi del teatro.

Una rappresentazione dell’opera certamente unica, come il tempo nel quale stiamo vivendo” – spiega il sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma Carlo Fuortes.

Che aggiunge: “Sono certo che la Prima di Stagione con questo nuovo Barbiere di Siviglia potrà affascinare e sorprendere i molti spettatori di Rai 3 che la guarderanno”.

Il nuovo allestimento dell’opera su libretto di Cesare Sterbini, dalla commedia omonima di Beaumarchais, avrà i costumi di Anna Biagiotti e le luci di Pasquale Mari.

Il barbiere e factotum Figaro avrà la voce di Andrzej FilończykRuzil Gatin vestirà i panni del Conte d’Almaviva, Vasilisa Berzhanskaya quelli di Rosina.

Ancora nel cast Alessandro Corbelli (Don Bartolo), Alex Esposito (Don Basilio), Patrizia Biccirè (Berta) e Roberto Lorenzi (Fiorello).

Dirige il Coro del Teatro dell’Opera di Roma il maestro Roberto Gabbiani.

Dopo la messa in onda su Rai 3 del 5 dicembre, lo spettacolo sarà trasmesso su Rai 5 la notte di Capodanno.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/donne-e-arrivato-lo-smart-working-opportunita-o-trappola/

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/ara-malikian-contro-la-violenza-sulle-donne/

“Settembre in Musica” Teatro Costanzi

 “Settembre in Musica” Teatro Costanzi. Il Coro dell’Opera di Roma diretto da Roberto Gabbiani nel concerto vi piace Brahms


‘Settembre in musica’ si chiude il 1° ottobre con la Petite messe solennelle

Dopo il successo di pubblico dei primi appuntamenti, ‘Settembre in musica’ al Teatro Costanzi si arricchisce di un nuovo concerto, sempre al prezzo speciale di 10 euro

Domenica 13 settembre, alle ore 19.00, il Coro del Teatro dell’Opera di Roma sarà diretto dal maestro Roberto Gabbiani in una serata dal titolo Vi piace Brahms?, dedicata al compositore tedesco.

Verranno eseguiti Liebeslieder Walzer op.52 e op. 65 intervallati da Sensucht Nächtens op.112. Al pianoforte i maestri Marco Forgione ed Enrica Ruggiero.

Gli ingressi saranno contingentati con una assegnazione dei posti studiata appositamente per assicurare il rispetto della distanza di sicurezza all’interno dei luoghi di aggregazione, in attuazione delle disposizioni per contenere la diffusione della COVID-19.

La serie di concerti ‘Settembre in musica’, che non era presente in cartellone, è stata pensata per la riapertura del Costanzi dopo la stagione estiva all’aperto.

Il nuovo appuntamento si aggiunge a quelli già annunciati grazie ai dati positivi di presenza di pubblico negli scorsi concerti, dedicati ad Antonio Vivaldi e Giuseppe Verdi.

Dopo Johannes Brahms il 13 settembre, toccherà a Gioachino Rossini chiudere il programma giovedì 1 ottobre:

il maestro Jader Bignamini dirigerà nella Petite messe solennelle l’Orchestra e il Coro del Teatro dell’Opera di Roma con i talenti di “Fabbrica”, Agnieszka Jadwiga Grochala, Irene Savignano, Rodrigo Ortiz e Alessandro Della Morte, nei ruoli solisti.

I biglietti per Vi piace Brahms? saranno in vendita presso la biglietteria e sul sito del Teatro dell’Opera di Roma da martedì 8 settembre.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/portami-con-te-cinedog-festival-nazionale-cinecitta-world/

“Settembre in Musica” Teatro Costanzi
Coro Opera di Roma
L’Opera di Roma in concerto alla Nuvola

L’Opera di Roma in concerto alla Nuvola, Gianluca Capuano e Fabio Biondi dirigono i solisti di “Fabbrica” e l’Orchestra dell’Opera di Roma


L’Opera di Roma in concerto alla Nuvola. Esauriti in meno di un’ora i biglietti per i tre concerti alla Nuvola

Il Teatro dell’Opera di Roma informa che i biglietti per i tre concerti alla Nuvola–Roma Convention Center, previsti per i giorni 11, 18 e 23 settembre, sono andati esauriti. 

Dopo l’apertura alle ore 10 di questa mattina, in meno di un’ora non era più disponibile la prenotazione dei biglietti sia presso il botteghino che on line.

Sarà la prima volta che la musica dal vivo entra alla Nuvola con tre concerti gratuiti, di cui sono protagonisti l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma e i cantanti del progetto “Fabbrica” Young Artist Program: 

uno speciale viaggio nella storia dell’opera, da Gluck al belcanto.

Il programma fa parte del nuovo palinsesto di Roma Capitale Romarama

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/la-vita-attorno-a-un-tavolo-teatro-quarticciolo/

Le Quattro Stagioni e Gloria, Teatro Costanzi

Le Quattro Stagioni e Gloria, Teatro Costanzi . Il programma del Teatro dell’Opera di Roma


Le Quattro Stagioni e Gloria, Teatro Costanzi. Programma che si arricchisce, già da agosto, di una serie di concerti con l’Orchestra e il Coro del Teatro dell’Opera di Roma.

Le Quattro Stagioni e Gloria, Teatro Costanzi. Con la partecipazione dei cantanti di “Fabbrica” Young Artist Program, a un prezzo speciale di 10 euro.

Venerdì 28 agosto, alle ore 20, il primo appuntamento con i concerti è dedicato ad Antonio Vivaldi con Le quattro stagioni, direttore e solista Vincenzo Bolognese, e il Gloria, diretto dal maestro Roberto Gabbiani.

Ne sono protagonisti il Coro e l’Orchestra, con la partecipazione di tre giovani provenienti dalla terza edizione di “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera: 

Agnieszka Jadwiga Grochala, Marianna Mappa e Irene Savignano.

Gli ingressi del pubblico al Teatro Costanzi saranno contingentati con una assegnazione dei posti studiata appositamente per assicurare il rispetto della distanza di sicurezza all’interno dei luoghi di aggregazione, in attuazione delle disposizioni per contenere la diffusione della COVID-19.

I successivi appuntamenti:

Giovedì 3 e sabato 5 settembre l’Orchestra e il Coro del Teatro dell’Opera, diretti dal maestro Paolo Arrivabeni, protagonisti di Tutto Verdi, un programma dedicato ad alcune delle pagine più popolari del compositore di Busseto: da “Si ridesti il Leon di Castiglia” fino al “Va pensiero”.

Giovedì 1 ottobre, la Petite messe solennelle di Rossini verrà eseguita dall’Orchestra e dal Coro del Teatro dell’Opera di Roma.

Con loro protagonisti i talenti di “Fabbrica”: nei ruoli solisti canteranno Agnieszka Jadwiga Grochala, Irene Savignano, Rodrigo Ortiz Alessandro Della Morte. Dirige il maestro Jader Bignamini.

Tutti i concerti inizieranno alle ore 20.

I biglietti sono in vendita presso la biglietteria e sul sito del Teatro dell’Opera di Roma

Per informazioni: operaroma.it

Il programma fa parte del nuovo palinsesto di Roma Capitale Romarama.

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/dr89/it/evento/queen-tribute-band-le-terrazze-live

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/le-rovine-di-adriano-subiaco-rocca-dei-borgia/

Le Quattro Stagioni e Gloria, Teatro Costanzi
Il Barbiere di Siviglia l’Opera al Circo Massimo

Dopo il tutto esaurito di Rigoletto prosegue l’Opera al Circo Massimo: Stefano Montanari dirige Il Barbiere di Siviglia.


 Il Barbiere di Siviglia. Alla prima del 22 luglio sarà invitato il personale sanitario


Il Barbiere di Siviglia l’Opera al Circo Massimo. Dopo il Rigoletto di Verdi diretto da Daniele Gatti per la regia di Damiano Michieletto che ha registrato il tutto esaurito per le tre recite.

Il programma della stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma al Circo Massimo prosegue con il secondo titolo, Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini.

L’opera, tra le più popolari in assoluto, è eseguita in forma di concerto con il maestro Stefano Montanari alla direzione dell’Orchestra dell’Opera di Roma e al clavicembalo, e avrà i sovratitoli in italiano e inglese. 

Alla prima di mercoledì 22 luglio saranno riservati 400 posti per il personale sanitario che ha lavorato in prima linea per combattere l’epidemia Covid-19.

D’intesa con il sovrintendente Carlo Fuortes, – ha dichiarato la sindaca di Roma e Presidente della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma, Virginia Raggi – 

Ho deciso di dedicare la prima rappresentazione de Il barbiere di Siviglia, al personale sanitario e di invitare una rappresentanza dei tanti medici e paramedici che, con generosità, abnegazione e professionalità, hanno impegnato tutte le energie nella ricerca scientifica e nelle cure di tanti cittadini colpiti dal coronavirus, senza mai trascurare i pazienti affetti da altre patologie”.

L’opera buffa rossiniana, andata in scena per la prima volta al Teatro Argentina di Roma il 20 febbraio 1816, potrà essere riascoltata per sette serate nel nuovo scenografico spazio del Circo Massimo dal 22 luglio al 13 agosto.

Il barbiere e factotum ha la voce di Davide LucianoGiorgio Misseri è il Conte d’Almaviva, Chiara Amarù e Miriam Albano (8, 11, 13 agosto) si alterneranno nel ruolo di Rosina.

Ancora nel cast Marco Filippo Romano (Don Bartolo), Nicola Ulivieri (Don Basilio) e Francesca Benitez (Berta). 

Alessandro Della Morte, giovane talento proveniente da “Fabbrica” – Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma, giunto quest’anno alla sua terza edizione, è Fiorello.

Dirige il Coro del Teatro dell’Opera di Roma il maestro Roberto Gabbiani.

A fare da cornice ai numeri musicali dell’opera, un progetto visivo a cura di Gianluigi Toccafondo.

Gianluigi geniale pittore, illustratore e film maker che con le sue immagini poetiche e dense di colori, accompagna tutte le attività delle ultime stagioni del Teatro dell’Opera.

Dopo la prima di mercoledì 22 luglio, sono previste ben sei repliche: mercoledì 29 luglio, sabato 1, martedì 4, sabato 8, martedì 11, giovedì 13 agosto. Tutte le rappresentazioni inizieranno alle ore 21.

I biglietti per la stagione estiva 2020 al Circo Massimo sono in vendita presso la biglietteria e sul sito del Teatro dell’Opera di Roma.

L’OPERA AL CIRCO MASSIMO

Il barbiere di Siviglia 22, 29 luglio, 1, 4, 8, 11, 13 agosto 2020

Per informazioni: operaroma.it

Il programma fa parte del nuovo palinsesto di Roma Capitale Romarama.

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/la-valigia-dellattore-dedicata-a-gian-maria-volonte/

Il Barbiere di Siviglia l’Opera al Circo Massimo
Il Barbiere di Siviglia l’Opera al Circo Massimo
David Garrett riprogrammato nel 2021 alle Terme di Caracalla

David Garrett il concerto sarà riprogrammato alle Terme di Caracalla nella stagione estiva 2021. I biglietti acquistati restano validi per il 2021


Il grande appuntamento con David Garrett annunciato per la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma alle Terme di Caracalla sarà riprogrammato nella stagione estiva 2021.

Lunedì 26 luglio 2021, il violinista e rockstar sarà a Roma con il suo “UNLIMITED – LIVE 2021″.

David Garrett emozionerà i suoi fan con un mix di pezzi inediti, arrangiamenti unplugged e le versioni più appassionanti delle sue hit di maggiore successo.

Che si tratti di un pezzo pop o di musica classica, David Garrett stupirà ancora una volta con la sua strabiliante virtuosità.

“Non vedevo l’ora di esibirmi nelle meravigliose Terme di Caracalla, quindi sono profondamente addolorato che il concerto debba essere riprogrammato a causa della pandemia Covid-19.

Ma sono molto felice di essere riuscito a trovare una nuova data per il 2021 e non vedo l’ora di tornare a Roma e suonare per tutti voi ragazzi. Abbiate cura di voi stessi – spero di rivedervi presto di nuovo felici e in salute!”

Sin dagli esordi della sua carriera, David Garrett non ha mai permesso ai limiti dei vari generi musicali di contenerlo.

Pertanto “UNLIMITED” è ben più del titolo di un tour: è la sua filosofia musicale, una passione per la creatività senza confini.

Non solo è riuscito a creare un pubblico totalmente nuovo per il crossover e la musica classica, ma ha reso il violino lo strumento principale nella musica rock.

David Garrett ha già stregato milioni di fan in tutto il mondo con le sue interpretazioni inebrianti di successi rock come “Purple Rain” o “Smells Like Teen Spirit”

I suoi struggenti adattamenti d’inni come “Nothing Else Matters” o “November Rain”, la sua interpretazione di brani pop celebri in tutto il mondo, come “Viva la vida” o “Hey Jude”.

Arrangiamenti di melodie classiche come la “Sinfonia n. 5” di Beethoven o “Clair de Lune” di Debussy.

In più di un decennio di carriera crossover internazionale, David Garrett ha continuato a superare se stesso.

Il Paganini delle pop star, il Jimi Hendrix dei violinisti, David Garrett è il “Violinista del Diavolo” dei nostri tempi, una superstar internazionale in grado di offuscare i confini tra Mozart e Metallica.

Osannato per essere stato il pioniere del crossover contemporaneo, e per il suo modo di suonare eccezionalmente virtuoso, David è perfettamente a suo agio nell’eseguire dalle più complesse composizioni classiche con i migliori direttori d’orchestra.

David si è trovato a suo agio con le orchestre del mondo, ai successi rock più apprezzati dal pubblico degli stadi.

Ammirato da milioni di fan in tutto il mondo, David Garrett ha già venduto milioni di biglietti e vinto 24 dischi d’oro e 16 di platino in ogni angolo del mondo:

da Hong Kong alla Germania, dal Messico a Taiwan, al Brasile e molti altri ancora. Sa combinare il carisma di una rock star con il virtuosismo innato solo ai migliori strumentisti dei nostri giorni.

Il tour è organizzato in collaborazione con International Music and Arts.

I biglietti acquistati restano validi per il 2021 (recupero del 27 luglio 2020).

Biglietti da 40 a 120 euro (più diritti di prevendita 15%) in vendita da lunedì 6 luglio.

Per informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Cosimo Manicone

Ufficio Stampa

cosimo.manicone@operaroma.it

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/eventi/torino-jazz-festival-ottava-edizione/

David Garrett riprogrammato nel 2021 alle Terme di Caracalla