Elena Bonelli

La Feltrinelli Red Elena Bonelli presenta il suo libro. Enrico Vanzina presenta il libro di Elena Bonelli “Dallo stornello al Rap”

La Feltrinelli Red Elena Bonelli presenta il suo libro. L’artista romana Elena Bonelli, Voce di Roma, continua la sua mission: quella di raccontare e riportare in auge il grande patrimonio della canzone romana.

La Feltrinelli Red Elena Bonelli presenta il suo libro. Dopo i successi ottenuti dalle sue tournèes nel mondo con concerti di canzoni romane e dalla stagione teatrale che l’ha vista attrice nei ruoli di Anna Magnani e Gabriella Ferri.

La Feltrinelli Red Elena Bonelli presenta il suo libro. Elena Bonelli prosegue il lancio della sua prima esperienza editoriale con il libro “Dallo Stornello al Rap”.

Il saggio narra la storia della musica di Roma e del Lazio, dall’antica tradizione degli stornelli fino alla nascita della vera canzone romana e alla sua evoluzione arrivando ai giorni nostri ed al rap, facendoci scoprire che lo stornello di ieri non è nient’altro che il rap di oggi, analizzandone ogni connessione.

L’uscita di questo libro, edito da Arcana del gruppo LIT EDIZIONI, è stata accompagnata da un intenso calendario di eventi/presentazioni nelle quali l’artista ha incontrato il pubblico tenendo la sua Lectio Magistralis, dal titolo omonimo sugli argomenti trattati nel volume.

Grande riscontro delle folle entusiaste per l’operazione che ha toccato le principali città del Lazio da Cerveteri a Bracciano fino a Ladispoli, Ostia ed altre oltre alle Università di Roma e del mondo, dalla Luiss Tor Vergata, fino in FloridaGeorgiaAngolaCina e Giappone e che per la terza volta sarà presentato a Roma.

Ero sicura che questi incontri avrebbero interessato molto il pubblico che è affascinato dalla storia della canzone romana. I più giovani e i meno giovani rendono ogni appuntamento un bel successo” afferma la Bonelli.

Il prossimo appuntamento per questo tour di presentazione è quindi il 20 febbraio alle ore 18:30 presso La Feltrinelli RED di Via Tomacelli 23 a Roma dove sarà accompagnata dalla presentazione di Enrico Vanzina, grande conoscitore della romanità.

Sarà l’occasione per ascoltare in un’ora, come in un viaggio attraverso i secoli, la storia della canzone romana e dello stornello ed il perché quest’ultimo non è altro che il progenitore del rap di oggi.

Un meraviglioso quanto particolare evento che sorprenderà i più giovani e che interesserà i meno giovani, aprendo agli uni e agli altri diverse chiavi di lettura sulla canzone romana e sulla comprensione dei due generi musicali.

Alla conclusione dell’appuntamento Elena Bonelli sarà lieta di firmare le copie del libro e salutare il pubblico.

Ogni informazione, notizia e tutte le date della presentazione del libro sul sito www.elenabonelli.com e sui canali Instagram e Facebook dell’artista romana.

Francesco Fusco

Ufficio stampa

3384980862

www.francescofuscopress.com 

francesco.fusco81@gmail.com

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/san-valentino-rose-rosse-e-messaggi-dei-poeti-ti-amo/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/abarico-teatro-sweet-home

SFE Fuso LAlfabetoDellaMateria PIATTO 2

 Piccolo Eliseo “L’Alfabeto della materia”. Viaggio nel mondo degli elementi chimici di Silvano Fuso


Piccolo Eliseo. Confermando un’antica intuizione, la scienza ha dimostrato che tutto ciò che esiste deriva dalle possibili combinazioni di un numero limitato di sostanze semplici: gli elementi chimici.

 Piccolo Eliseo “L’Alfabeto della materia”. Gli elementi chimici sono il costituente di tutto.

Quelli conosciuti sono poco più di cento (118 per l’esattezza, di cui 92 si trovano in natura) e dalle loro combinazioni derivano tutti i possibili composti che, a loro volta, formano qualsiasi cosa sia fatta di materia.

Quindi io, lei, il mio libro, il computer con cui sto scrivendo, la Luna, il Sole, i pianeti e qualsiasi altra cosa ci venga in mente è fatta di elementi. Piccolo Eliseo.

Se facciamo riferimento, ad esempio, al corpo umano, è stato stimato che esso è costituito dal 65%, in massa, di ossigeno, dal 18% di carbonio, dal 10% di idrogeno, dal 3% di azoto, dall’1,5% di calcio, dall’1% di fosforo, dallo 0,35% di potassio, dallo 0,25% di zolfo, dallo 0,15% di sodio, dallo 0,05% di magnesio,

più tracce di rame, zinco, selenio, molibdeno, fluoro, cloro, iodio, manganese, cobalto, ferro, litio, stronzio, alluminio, silicio, piombo, vanadio, arsenico, bromo e persino di cobalto, mercurio, arsenico, uranio e altri.

Piccola Eliseo. L’idea che tutto ciò che esiste sia formato dalla combinazione di poche sostanze semplici è molto antica.

Nell’anno che l’unesco ha dedicato alla tavola periodica degli elementi, ideata centocinquant’anni fa da Dmitrij Mendeleev, il volume, tra curiosità storiche e scientifiche, personaggi straordinari, idee geniali e riferimenti alla vita quotidiana, racconta come sia nata e si sia evoluta l’idea di elemento dall’antichità a oggi.

Dalle quattro “radici” di Empedocle e dall’atomo di Democrito, passando per il moderno concetto di elemento di Lavoisier, fino a quelli di antimateria e di materia oscura, senza trascurare Primo Levi e il suo “sistema periodico”, si scoprirà che gli elementi costituiscono proprio tutto, compresi noi umani e il libro che avete tra le mani.

Silvano Fuso è chimico e divulgatore. Per Carocci editore ha pubblicato Chimica quotidiana (6a rist. 2018; vincitore del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2014, per la sezione Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali),

La falsa scienza (2a ed. 2017), Naturale=buono? (2a rist. 2016; vincitore del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2016, per la sezione Scienze della Vita e della Salute), Strafalcioni da Nobel (2018).

È stato intitolato a suo nome l’asteroide 2006 TF7, in orbita tra Marte e Giove.

PICCOLO ELISEO

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Lunedì 3 febbraio 2020 ore 18.30

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Prenotazioni sulla piattaforma Eventbrite:

https://eliseo-cultura-alfabeto-della-materia.eventbrite.it

UFFICIO STAMPA TEATRO ELISEO

Maria Letizia Maffei

335.6467974 ml.maffei@teatroeliseo.com

Antonella Mucciaccio

347 4862164 a.mucciaccio@teatroeliseo.com

Leggi Anche:

https://unfotografoinprimafila.it/havana-kyrie-di-paolo-consorti/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-le-sedie-la-paura

SFE Fuso LAlfabetoDellaMateria PIATTO 2
Stani Amori

Di’Gay Project presentazione del libro “Strani Amori”. Presentazione del libro “Strani Amori”

Di’Gay Project presentazione del libro. Venerdì 17 gennaio ore 18 al Di’Gay Project Via Costantino 82 (Metro) Basilica San Paolo

Presentazione del romanzo di Fabio Croce

Introduce Maria Laura Annibali

Lettura Duska Bisconti

Interverranno Imma Battaglia e Fabio Croce

Edizioni Croce

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-lo-spazio-omaggio-a-federico-fellini

Stani Amori
INVITO PRESENTAZIONE LIBRO SU ALDA MERINI

Libreria Tomo Alda Merini – L’eroina del caos. Cairo editore Alda Merini – L’eroina del caos di Annarita Briganti


Libreria Tomo Alda Merini – L’eroina del caos. Fin dalla sua uscita nella Top Ten di categoria ibs in tempi record già alla seconda ristampa

Libreria Tomo Alda Merini – L’eroina del caos. Nel decimo anniversario della scomparsa di Alda Merini, la giornalista e scrittrice Annarita Briganti ci racconta di lei in una biografia che entra nelle pieghe della vita di un’anima tormentata

Una poeta, non una poetessa. Rock, ribelle, sopra le righe, contro ogni forma di convenzione e d’ipocrisia.

Due matrimoni, quattro figlie, e una guerra mondiale, ricoveri in manicomio, telefo­nate notturne, amori celebri e indimenticabili fu­rori, cicche di sigaretta, scrittura, solitudini. Alda Merini è impossibile da contenere entro i bordi di una pagina perché i suoi versi e la sua storia eson­dano, invadono la vita.

Questa è una sua storia, narrata per le strade di Milano, tra le pareti della sua casa, nelle pieghe di decenni in cui le donne cambiavano, e con loro l’Italia.

Grazie ad affasci­nanti ricostruzioni dell’epoca e a molte preziose interviste – agli amici, ai colleghi artisti, al fedele fotografo, alla figlia Barbara e a tanti altri.

Le voci di chi c’era si uniscono a quella dell’autrice per raccontare gli aneddoti, i pensieri, i retroscena, in presa diretta.

Annarita Briganti ci offre su Alda Merini uno sguardo originale, ricco di sfumature e di det­tagli.

E ne illumina la vita con un taglio sghembo e partecipe, come il sole che tramonta sui Navigli cari all’artista, facendo brillare l’acqua e regalan­do ai nostri giorni ordinari una nuova magia.

Perché una biografia di Alda Merini? Perché non c’era, riordinata, sviscerata, completa.

“In L’eroina del caos (Cairo), – dichiara l’autrice – ho ricostruito la vita e il cerchio magico della poeta, come si definisce lei, al maschile.

Una donna vera, una madre alla quale tolgono le quattro figlie, una poeta candidata al Nobel, che è diventata Alda Merini nonostante il manicomio, e il suo disagio viene da lontano.

A dodici anni la casa milanese in cui vive è distrutta dalle bombe, sfolla a Vercelli, torna a piedi a Milano, ricomincia da zero, cifra della sua esistenza.

La mia Alda, l’Alda che i lettori amano/leggono/postano, non molla mai. Nel libro, che è anche il mio primo saggio, c’è Alda Merini che dopo una sessantina di elettroshock ricomincia a scrivere.

Ci sono le sue telefonate notturne e i messaggi nelle segreterie: «Siete tutti fuori a divertirvi e mi avete lasciato sola».

Le sue opere. I suoi: «Ti denuncio!». Il suo corpo segnato dalle cure, dal tempo, dalla poesia, esempio perfetto, oggi, contro il body shaming.

Con una ventina di testimonianze inedite e un testo di Sua Eminenza il Cardinale Gianfranco Ravasi, che era il suo consigliere spirituale”.

L’AUTORE: Annarita Briganti è giornalista culturale per «Repubblica» e «Donna Moderna», scrittrice, tra­duttrice.

Per Cairo sono usciti i suoi tre romanzi: Non chiedermi come sei nata (2014, vincitore del Premio Comoinrosa Opera Prima, poi divenuto uno spettacolo teatrale scritto dall’autrice), L’a­more è una favola (2015) e Quello che non sappia­mo (2018).

Libreria Tomo Via degli Etruschi, 4 – Roma

Ufficio Stampa – Ennio Salomone

Cell. 346.6142314 – E-mail: salomone.ennio@gmail.com

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/off-off-theatre-lenigma-dellamore/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/auditorium-parco-della-musica-street-magic?fbclid=IwAR2trbfI1c5b2yEwro2pybhOPh0lPNOgVui9NzbwdoWE-8Ug3wZBaSrxu2s

AndreaSatta fotodiAgneseErmacora


Teatro Villa Pamphilj. Presentazione del nuovo libro di Andrea Satta “Pise e Pata”


Teatro Villa Pamphilj il libro di Andrea Satta. Dialoghi tra bambini sulle cose del mondo al Teatro Villa Pamphilj

Teatro Villa Pamphilj il libro di Andrea Satta. Illustrazioni di Giacomo Agnello Modica, Introduzione di Paolo Siani, edito da Rrose Sélavy

Teatro Villa Pamphilj il libro di Andrea Satta. Domenica 3 novembre ore 11.30 – ingresso libero Teatro Villa Pamphilj

Andrea Satta è pediatra, cantante (con il gruppo Tetes de Bois) e scrittore.

Pise e Pata sono due bambini curiosi, attenti, sensibili, molto simpatici. E sono anche i bambini e le bambine che Andrea Satta incontra ogni giorno nel suo ambulatorio romano.

“Tutti i dialoghi tra Pise e Pata sono tratti da spunti e ragionamenti di bambini realmente ascoltati e riportati con autenticità”.

In questi dialoghi, pieni di meraviglia, di stupore, di riflessioni serie e battute spiritose, lo sguardo dei bambini aiuta anche noi adulti ad osservare con più attenzione il mondo (la scuola, la famiglia, l’amicizia) per come è e per come vorremmo che fosse.

Sono dialoghi che contengono delle micro storie, con molte domande (gli inevitabili e utili “perché?”) e con tante risposte, fatte di desideri, sorrisi, emozioni, sogni.

ANDREA SATTA

Andrea Satta è il cantante dei Têtes de Bois e, ogni giorno, fa il pediatra nella periferia romana.

Questo mondo di cose concrete, bellissime, a volte difficili, gli ha consentito di mantenere un rapporto con la vita reale che ne caratterizza l’opera e la fantasia.

Nasce in una famiglia numerosa, soprattutto di sorelle. La casa della sua infanzia affaccia sul deposito dei tram.

La mamma gli legge come favola della buonanotte “I promessi sposi”.

Il padre, sardo e scampato al campo di concentramento nazista, è professore di francese (a lui Andrea dedicherà lo spettacolo teatrale La fisarmonica verde, 2018).

A 8 anni viene selezionato per lo Zecchino d’Oro, ma la sobrietà familiare fa naufragare il progetto. Ripiega sul ciclismo e la geografia.

Nel frattempo matura una grande passione per i poeti e gli chansonnier francesi, in particolare per Leo Ferré, studia canto, si iscrive a Medicina e nel 1992 fonda i Tetes de Bois.

A partire dalla sua passione per la bicicletta, Andrea Satta ha messo a punto il primo eco spettacolo al mondo sulle due ruote alimentato a pedali, il “Palco a Pedali”.

Per la prima volta in assoluto l’energia elettrica che illumina il palco e lo fa suonare è generata da 128 spettatori volontari, che con le loro biciclette agganciate a uno speciale cavalletto collegato a una dinamo, pedalano per tutta la durata dello spettacolo.

Semplicemente pedalando producono l’energia necessaria per sostenere l’intero concerto.

E’ ideatore e direttore artistico di “Stradarolo – Festival Internazionale di Arte su strada”.

Assieme ai Têtes de Bois è stato premiato con la Targa Tenco 2002 (come interprete con “Ferré, l’amore e la rivolta), nel 2007 con “Avanti Pop”, un disco ed un tour sul mondo del lavoro e nel 2015 con “Extra”, le canzoni di Léo Ferré riarrangiate e tradotte in italiano.

Con i Tetes de Bois ha inciso i seguenti dischi:

E anche se non fosse amore (1994), Pezzi di ricambio (1997), Ferré, l’amore e la rivolta (2002), Pace e male (2004), Avanti pop (2007), Goodbike (2010), Mai di moda (2012, raccolta uscita in occasione del ventennale della band), Extra (2014).

Nel 2010 dalla canzone “Alfonsina e la bici” è stato realizzato un videoclip diretto da Agostino Ferrente con il montaggio e la fotografia del videomaker Paolo Scarfò, che ha come interpreti l’astrofisica Margherita Hack e il rapper Militant A (Assalti Frontali).

Il videoclip ha vinto il premio speciale al P.I.V.I (Premio Italiano Videoclip Indipendente) 2010.

Sempre con i Tetes de Bois, nel 2009 ha fatto parte del cast e della colonna sonora del film Le ombre rosse di Citto Maselli.

Di nuovo sul grande schermo nel 2011, con la sua band è autore delle musiche e interprete del film Passannante (regia di Sergio Colabona) e nel 2012 cura la colonna sonora del film “Non mi avete convinto.

Pietro Ingrao, un eretico” di Filippo Vendemmiati, presentato al festival di Venezia nelle Giornate degli autori.

Nel 2011 fa parte del cast della trasmissione televisivaFratelli e sorelle d’Italia” condotta da Veronica Pivetti, in onda su La7.

E’ stato inviato al Giro d’Italia e al Tour de France per il Manifesto e L’Unità (dove aveva anche una rubrica settimanale, “Dio è morto”).

Teatro Villa Pamphilj

Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 – P.zza S. Pancrazio 9/a, 00152 ROMA 

Orario segreteria: dal martedì alla domenica dalle 10,00 alle 18,00

Info e prenotazioni teatro: tel. 06 5814176  dal martedì alla domenica –promozione@teatrovillapamphilj.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/web2016/it/blog/adriano-benedetto/l%E2%80%99evento-degli-eventi-roberto-bolle-and-friends-alle-terme-caracalla%C2%A0

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-golden-a-capodanno-tutti-da-me/

Emanuele Pecoraro

Grande successo di vendite il nuovo libro di Emanuele Pecoraro “Arte e Storia dell’Alto Molise”


Ottimo riscontro di vendite per l’ultima fatica editoriale di Emanuele Pecoraro Arte e Storia dell’Alto Molise.

A pochi mesi dall’uscita di “Arte e storia dell’Alto Molise”, il volume del giornalista e regista Emanuele Pecoraro è già in ristampa.

Il Molise è terra di rara bellezza: è uno scrigno prezioso di storia, civiltà, archeologia, tradizioni, per molti ancora tutto da scoprire e da valorizzare.

Uno scenario sorprendente di testimonianze di civiltà preistorica, di parchi archeologici, di villaggi e fortificazioni dei “fieri” Sanniti.

Mai dimenticare la propria identità, le proprie origini, le lotte, la dura fatica dei contadini, l’emigrazione, il riscatto.

Riferimenti e riflessioni da non trascurare per andare avanti, con la consapevolezza del passato, ma con lo sguardo decisamente rivolto alle possibilità di crescita del presente per il futuro.

E in questo crede Emanuele Pecoraro quando scrive “Arte e storia dell’Alto Molise”, edito da Lithos, proponendo un viaggio millenario nel cuore del Molise.

Dal neolitico ai nostri giorni alla scoperta di siti archeologici, beni artistici, amplificando un territorio che va conosciuto a fondo e finalmente apprezzato come merita.

E come in un sorprendente documentario, considerando anche che Emanuele è un regista, appaiono: il teatro sannitico di Pietrabbondante, le domus romane di Canneto e Roccavivara.

Gli insediamenti medioevali di Salcito e quelli della rupe di Pietracupa, il castello Sanfelice di Bagnoli del Trigno, le chiese molisane, ricche di tesori artistici, la fiaccolata e i suoni antichi delle campane di Agnone.

I riti apotropaici di Fossalto, nonché le oltre cinquemila opere della pittrice Elena Ciamarra, custodite nel castello di Torella del Sannio.

Il pregevole saggio, impreziosito dalle autorevoli prefazioni del regista e produttore cinematografico Pierfrancesco Campanella e della Professoressa dell’Università della Tuscia Emanuela De Blasio.

Il libro è stato presentato in anteprima proprio a Bagnoli del Trigno, terra d’origine dello scrittore, durante un affollato corso, indetto dall’Ordine dei Giornalisti del Molise, nella sala convegni del Santuario della Madonna di Fatima.

Alla conferenza di presentazione del volume, moderato da Anna Maria Salina, hanno preso parte:

la Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Molise Pina Petta, il Consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Vincenzo Cimino, la scrittrice e giornalista Gioconda Marinelli, il Sindaco di Bagnoli del Trigno Angelo Camele, il parroco don Mauro Di Domenico, il giornalista Leonardo Cammarano, che gestisce le attività culturali della Casa Museo “Elena Ciamarra” di Torella del Sannio e il Presidente dell’Associazione dei giovani volontari bagnolesi Emanuele Ianiero.

Particolarmente apprezzato dal pubblico presente in sala è stato l’intervento della scrittrice Gioconda Marinelli che con queste parole ha commentato l’ultimo libro del giornalista molisano:

“Emanuele Pecoraro riscrive con passione pagine di storia, di luoghi, aggiungendo suggestioni ed emozioni a documenti inediti e foto, per “vendicare della sua solitudine”, come fece Francesco Jovine nel suo ‘Viaggio in Molise’.

Il Molise una terra che ha bisogno di essere amata e non lasciata sola.

Dice il regista Pierfrancesco Campanella, nella prefazione al volume, che Emanuele Pecoraro è ‘una persona ricca di interessi e di curiosità, soprattutto per il mondo dell’arte e della cultura e non finisce mai di stupire’: ed è proprio così!

La professoressa Emanuela De Blasio afferma che il pregio di ‘Arte e storia dell’Alto Molise’ sta nelle preziose informazioni riportate e nella serietà della ricerca delle fonti, ma soprattutto si percepisce che è frutto dell’interesse che Emanuele ha sempre coltivato per la storia e per l’arte in generale.

 Ma in questo caso si percepisce ancora di più questa passione perché legata al territorio molisano a noi così caro’.

Il testo è quindi una occasione preziosa per Emanuele Pecoraro e per tutti coloro che hanno affollato la sala, giornalisti e non.

Il giornalismo culturale legato al territorio, è fonte di conoscenza e approfondimento di valori, di storia, di contenuti che arricchiscono e fanno riflettere.

E questo conta, che la cultura dovunque e sempre, continui il suo cammino, soprattutto oggi, in un mondo pieno di falsità, cinismo e superficialità”.

Il volume è strutturato in tre sezioni: nella prima sono stati esaminati siti archeologici e capolavori artistici disseminati nell’alto Molise.

La seconda parte è completamente dedicata a Bagnoli del Trigno.

Nella sezione conclusiva, ricca di documenti inediti e di ricerche antropologiche, sono stati approfonditi tanti aspetti della vita quotidiana:

Dalle scritture private della dote matrimoniale a una raccolta di temi di una scuola elementare del 1937, passando per un interessantissimo rapporto del delegato di Pubblica Sicurezza al Pretore sulla prima rivoluzione delle donne in Italia, che proprio a Bagnoli del Trigno si organizzarono, contro il potere costituito, incendiando il Municipio.

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-7-zadriskie-pont-di-marco-zadra/

https://www.buonaseraroma.it/web2016/it/blog/adriano-benedetto/teatro-marconi-va-scena-%E2%80%9Cuscita-d%E2%80%99emergenza%E2%80%9D?fbclid=IwAR1IlRK-bcjnq1cqjkendONtwG0-Pm8pRXaGt-mVyxdGNLmqNGPcqjEwt0Y

Senza titolo 1

Tiziana Rocca, il suo libro “Il Segreto del Successo”. Sarà presentato durante la Festa del Cinema di Roma.

Il libro di Tiziana Rocca dal titolo “Il Segreto del Successo”, edito da Sperling & Kupfer.

Tiziana Rocca, il suo libro “Il Segreto del Successo”. Domenica 20 ottobre alle ore 17:00, sarà presentato il libro di Tiziana Rocca dal titolo “Il Segreto del Successo – Come costruire una comunicazione vincente

Tiziana Rocca, il suo libro “Il Segreto del Successo”. L’appuntamento, che si terrà presso lo Spazio Roma Lazio Film Commission – AUDITORIUMARTE, sarà moderato dalla conduttrice Rai Eleonora Daniele, con la presenza del Presidente della Fondazione Roma Lazio Film Commission, Luciano Sovena.

Tiziana Rocca, il suo libro “Il Segreto del Successo”. Il libro è un vero e proprio manuale per chi vuole intraprendere il percorso della comunicazione e l’organizzazione di eventi.

Dal budget alla location, dall’intrattenimento alla security, dal catering alle celebrities fino ad arrivare alla stampa e alla comunicazione digitale.

Gli eventi sono oggi lo strumento più efficace e creativo per promuovere un marchio e, in­sieme ai social media, rappresentano la forma più nuova di comunicazione.

Se un prodotto viene presentato direttamente al pubblico in una serata piacevolmente animata, in cui si può assistere a una performance insolita, sa­rà difficile dimenticarlo e i valori del brand verranno assorbiti e diffusi in modo facile e naturale.

Ma come distinguersi fra tante pro­poste, come costruire un evento originale che trasmetta la giusta immagine di un brand, un prodotto, un personaggio, un’impresa?

Tiziana Rocca, la più nota organizzatrice e produttrice italiana di eventi spiega – in questo libro ric­co di esempi, casi, suggerimenti pratici – le regole, le strategie, i segreti di una comunica­zione vincente, elaborati in venticinque anni di esperienza.

E svela a chi desidera avvici­narsi a questo mondo la ricetta infallibile per raggiungere i propri obiettivi: coltivare la pas­sione, accettare le sfide, imparare a pensare in grande.

Perché anche nei periodi difficili, quando le risorse sono scarse, le buone idee portano al successo.

Biografia:

Tiziana Rocca, napoletana, vive a Roma. È titolare della Agnus Dei Tiziana Rocca Pro­duction, società specializzata nell’ideazione e organizzazione di eventi.

E’ direttrice del festival Filming Italy, organizzato annual­mente a Los Angeles per promuovere il cinema italiano, e del Premio delle Nazioni.

Dallo scorso anno ha realizzato con gran successo la I Edizione del Filming Italy Sardegna Festival ideando anche il premio collaterale alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia dal titolo “Filming Italy Best Movie Award”.

Ha diretto, inoltre, per cin­que anni il Taormina FilmFest. ed è membro della British Academy Circle of Film and Television Arts.

Ha ricevuto numerosi pre­mi e riconoscimenti, tra i quali il Dominam Ordinis Sancti Gregorii Magni dello Stato Pontificio.

Ha pubblicato Feste, cene, cocktail (2004), Come fare le Pubbliche Relazioni (2006, tradotto anche in inglese), Il libro della comu­nicazione (2007), Mamma dalla A alla T (2009, tradotto anche in inglese), Pubbliche Relazio­ni 2.0 (2013) e La tua vita è un evento. Vivila al meglio (2014).

Ufficio stampa:
Licia Gargiulo
T.: 389 966 6566 E.: licia.gargiulo@gmail.com

Francesca Polici
T.: 329 0478786 E.: francesca.polici@gmail.com

Leggia nche:

https://unfotografoinprimafila.it/week-end-con-i-rinoceronti-al-bioparco-di-roma/

https://unfotografoinprimafila.it/vallerano-secondo-weeek-end-dedicato-al-frutto-dop-la-castagna/

Flaminio Boni

Flaminio Boni presenta i libri Recensioni Teatrali – Vol. III e IV #unpostoinprimafila al Teatro Trastevere

Teatro Trastevere, Flaminio Boni presenta “Happy Hour con l’Autore”. Ingresso libero

Teatro Trastevere, Flaminio Boni presenta “Happy Hour con l’Autore”. Domenica 13 ottobre 2019 alle ore 21.00 Flaminio Boni presenterà i libri Recensioni Teatrali – Vol. III e IV al Teatro Trastevere all’interno di un evento creato ad hoc.

Flaminio Boni, conosciuto ed apprezzato critico teatrale, opera come ufficio stampa su Roma per Teatri e Compagnie teatrali.

I suoi volumi costituiscono una sorta di annuario in cui sono raccolte le migliori recensioni teatrali delle stagioni 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018. 

Questa sarà anche l’occasione per presentare in anteprima il suo quarto volume con gli spettacoli della stagione 2018/2019.

Happy Hour con l’autore si propone di avvicinare appassionati di teatro e addetti ai lavori tramite un piacevole incontro tra una chiacchiera e un bicchiere di vino.

Il libro

Flaminio Boni, principalmente attivo in territorio romano, ma con frequenti incursioni in giro per l’Italia, soprattutto a Milano, è particolarmente apprezzato e stimato per la sensibilità, l’intelligenza e il senso critico animato dalla passione per il teatro di cui è attento osservatore.

Il suo sguardo sul teatro è scrupoloso e riesce a cogliere le diverse sfumature di ogni spettacolo, sapendo metterne in risalto non soli i punti deboli, ma anche quelli di forza grazie alla sua capacità di saper guardare e ascoltare.

Nato come un omaggio al Teatro, il libro è divenuto un ottimo manuale a cui fare riferimento quando si cercano informazioni su di uno spettacolo, offrendo anche interessanti spunti di riflessione.

Un libro per chi ama il Teatro e uno strumento di valutazione e confronto per gli addetti ai lavori.

 Flaminio Boni, laureato in Lettere e Filosofia, ha all’attivo la pubblicazione di un saggio, articoli e recensioni su varie riviste specializzate: inoltre è titolare del sito www.flaminioboni.it

Un Posto In Prima Fila nel quale pubblica recensioni, interviste e comunicati stampa.

Alla sua attività di critico teatrale ha affiancato prima quella di Content Editor e Social Media Manager per artisti, Compagnie e Teatri, poi, dal 2016 anche quella di Ufficio Stampa per il teatro.

Ha creato e gestito la sezione Teatro per diverse realtà Social. Si è occupato di Teatro anche in radio.

 Contatti dell’autore:

Facebook https://www.facebook.com/flaminioboniteatro/
Instagram un posto in prima fila
Twitter @flaminioboni

Youtube Flaminio Boni

I quattro libri sono già disponibili su Amazon ai seguenti link:

Volume I

Volume II

Volume III

Volume IV
https://www.amazon.it/Recensioni-Teatrali-IV-Flaminio-Boni/dp/1693120755/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=recensioni+teatrali+flaminio+boni&qid=1569142003&s=books&sr=1-1

Teatro Trastevere e Flaminio Boni

presentano

Happy Hour con l’autore

Presentazione dei libri Recensioni Teatrali vol. III e IV

13 ottobre 2019

ore 21.00

Ingresso libero

 Teatro Trastevere

via Jacopa de’Settesoli 3, 00153

Ufficio Stampa Vania Lai

vanialai1975@gmail.com 3388940447

contatti: 065814004

info@teatrotrastevere.it

www.teatrotrastevere.it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-biblioteca-quarticciolo-lumik-teatro-debutta-con-cervus/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-porta-portese-presenta-sfigato-tra-le-donne/

IMGP1667

Grazia Di Michele presenta il suo libro “Apollonia” al Napoli Expò Art Polis, l’incontro sarà moderato Carla Miro giornalista e Daniela Wollmann curatric dell’evento.

A seguire showcase della cantautrice in occasione dell’uscita in contemporanea del suo nuovo album SANTE BAMBOLE PUTTANE (Incipit Records / Egea Music)

Un evento in collaborazione con LDR, la radio del sociale, da anni impegnata in attività socio-culturali, aggregando attraverso la musica e sensibilizzando l’opinione pubblica attraverso programmi dedicati alle malattie rare, alla violenza sulle donne, alla disabilità, al bullismo, all’uso di droghe…

Info su http://www.radioldr.eu/

Grazia Di Michele prosegue il suo tour italiano relativo al suo primo romanzo APOLLONIA (Castelvecchi) ed al nuovo album discografico SANTE BAMBOLE PUTTANE (Incipit Records / Egea Music).

Lunedì 23 settembre, alle ore 17:30, la cantautrice sarà ospite del PAN, Palazzo delle Arti di Napoli, per presentare il doppio progetto, tutto orientato al femminile, nell’ambito della V^ edizione del Napoli Expò Art Polis.

L’incontro verrà moderato da Carla Miro e Daniela Wollmann, curatrice dell’Expo sull’arte mediterranea.

A seguire, l’artista si esibirà in un breve showcase musicale interpretando alcuni dei brani sulle storie di donne tratti dal suo ultimo disco.

L’incontro avviene all’indomani del suo debutto teatrale tratto dall’omonimo lavoro discografico, in scena all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 22 settembre:

Uno spettacolo, scritto a quattro mani con la sorella Joanna e che porterà in tour insieme all’attrice Maria Rosaria Omaggio, incentrato su storie, narrate e cantate, di “donne che attraversano il mondo come ombre cui è negato ogni diritto di esistere davvero.

Donne su cui gli uomini a volte proiettano le proprie fantasie, ignorando e negando la loro essenza”.

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

PAN – Palazzo delle Arti di Napoli

Palazzo Roccella – via dei Mille 60 Napoli (NA

Coordinamento comunicazione e ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 06 3225044 – +39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Ufficio stampa CASTELVECCHI EDITORE:

Stefania Gaggini – ufficiostampa@castelvecchieditore.com – +39 389 961 6132

Angelo Bernacchia – angelobernacchia@castelvecchieditore.com – +39 377 124 4333

Etichetta Discografica e Distribuzione: EGEA MUSIC

Promo stampa: Giuseppe Cavaglieri

giuseppe@egeamusic.com – +39 393 878 9359

PROMO RADIO TV: KezzMe! LTD

Bruno.l@kezzme.com – +39 349 5807878

 Management e Digital PR Grazia Di Michele: Nicola Cirillo per Slow Music

info@slowmusic.org  – +39 3299788791

mail 1 1IL LIBRO

Nata difettosa, settimina, continuamente malata, Apollonia cresce in un piccolo paese del Sud in una famiglia di imprenditori della seta. Contrariamente ai suoi fratelli è gracile, ha gli occhi scuri di una zingara e ha il dono della visione. Le sue previsioni sono spesso catastrofiche.

E’ lei che con disarmante innocenza svela in pubblico la doppia vita del padre, che predice una gravidanza difficile della madre, la morte di un collaboratore della famiglia e un imminente disastro economico.

Gode persino di qualche giorno di venerazione, quando nell’acqua del mare, suo malgrado, trova due occhi verdi che la folla attribuisce alla statua di Santa Pallida, rinvenuta anni prima ma senza occhi. Sempre lei di notte, sonnambula, resuscita e libera gli animali imbalsamati dal nonno.

Si guadagna una posizione da reclusa, affidata alle cure di una domestica premurosa, Alfonsina, che la cresce a carne di cavallo e malocchi, riconoscendone però la santità.

Esce solo per recarsi a scuola o – spinta dalla sorella Rosalba, che vuole ampliare e sfruttare le sue doti – per frequentare Donna Augusta, la temuta medium del paese.

Rosalba, sana di corpo e di testa, è la prescelta della famiglia e presto le sue qualità la portano ad essere prima ballerina al San Carlo, mentre il fratello Vanni abbraccia la protesta proletaria in pieno conflitto con le posizioni della famiglia.

Ultima nata in casa è Pietra, unica sopravvissuta a un parto gemellare, cresce nell’indifferenza della madre, depressa dopo averla messa al mondo, e assimila il gergo sgrammaticato di Alfonsina.

Apollonia deve vedersela con i pregiudizi del paese, col busto di ferro per correggere la sua schiena, con gli zigomi da zingara, con le sue febbri improvvise, e la salute troppo precaria, le gambe troppo gracili, i denti troppo fragili.

Con la bellezza luminosa di Rosalba.

Con una madre depressa e un padre assente, con una domestica invadente e un fratello irrisolto.

Ma cresce nella verità, riconosce l’amore dove manca e dove abbonda. E si innamora di un ragazzo “chiacchierato” in cui riesce infine a rispecchiarsi.

mail 3L’ALBUM

Nel suo nuovo album la compositrice ed interprete racconta la storia di 10 donne non famose, bambine, adolescenti e mature che attraversano il mondo, la nostra stessa vita, come ombre cui è negato ogni diritto di esistere davvero; donne su cui gli uomini a volte proiettano le proprie fantasie, ignorando e negando la loro identità.

C’è Lora, una vita trascorsa in vetrina ad Amsterdam con il rimpianto di un amore;

Amina, pronta per partire verso una nuova vita da migrante; Irina, artista di strada perduta in città disumane; Helen, ispirata dalla suora protagonista di “Dead man walking”; Sonia, una casalinga che subisce i soprusi di un marito violento…

Sono storie di una estrema attualità e intimità che condiscono di neorealismo un album dalle sonorità più ricercate.

Ad accompagnare Grazia ci sono i suoi fedeli musicisti che la accompagnano nei concerti europei (Andy Bartolucci, Marco Siniscalco, Fabiano Lelli).

Ricordando anche altri collaboratori storici, come Fabrizio Puglisi, Filippo De Laura, Marco Valerio Cecilia, Claudio Bartolucci, Saverio Capo, Antonello Sorrentino, Francesco Sciarretta, Andrea Leali e Daniela Iezzi.

Patrizio Fariselli con il suo pianoforte e la sua energia è l’ospite di Lora, brano scelto come primo singolo, mentre la ballata folk Apollonia ispira anche la storia della giovane protagonista del romanzo dall’omonimo titolo, scritto con garbo, ritmo, sentimento e poetiche introspezioni autobiografiche.

Napoli Expò Art Polis Transiti di arte mediterranea
5^edizione- Mille colori, la città dell’accoglienza

a cura di DANIELA WOLLMANN

Info e contatti: Daniela Wollmann – danielawolmann08@gmail.com – cell. +39 335 8789202 Associazione CreativiATTIVI/rivoluzionART – rivoluzionart@gmail.com

Ufficio  Stampa:  Francesca  Panico  –  francescapanico.art@libero.it – cell.+39 348 3452978

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-marconi-a-a-a-maschio-amante-transavanguardia-cerca-donna-onesta-scopo-relazione/

https://unfotografoinprimafila.it/simone-cristicchi-moni-ovadia-e-tosca-al-premio-andrea-parodi/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-golden-va-in-scena-luomo-ideale/

La strega spiaggiata

Il nuovo avvincente thriller di Niky Marcelli “La strega spiaggiata” alla Libreria Mondadori.

Conduce l’incontro Roberta Beta, Sarà presente l’autore Niky Marcelli, giovedì 19 settembre 2019 ore 18,00.

Brani dal romanzo interpretati da Vincenzo Bocciarelli

Segue buffet con le torte di Stefano Crialesi

Niky Marcelli, uno tra gli scrittori d’avventura più interessanti del panorama letterario, torna ad indossare nuovamente i panni del “giallista” il suo precedente thriller L’Ultimo Swing, del 2013.

Aveva “bruciato” quattro edizioni nei primi quattro mesi e arriva in libreria con “La Strega Spiaggiata”, edito per i tipi di Santelli Editore, che vede protagonista un nuovo interessante personaggio.

La detective Anna Bonoli, detta la Lince, ex ispettore di polizia con uno stile di vita un po’ borderline e una certa inclinazione verso il gin.

Il romanzo, ambientato in una Cesenatico invernale, gelida e piovosa, prende le mosse dal ritrovamento sulla spiaggia, la mattina dopo Halloween, del cadavere di una giovane vestita da strega.

Si tratta di una liceale, Martina Magnani e per il piemme non ci sono dubbi: ad ucciderla è stato un senzatetto senegalese sorpreso a dormire a poca distanza dalla vittima, con accanto la sua borsetta.

Il movente è palese: omicidio a scopo di rapina dopo un probabile tentativo di violenza.

Ma per la Lince i conti non tornano.

Nonostante il magistrato le vieti espressamente di interessarsi al caso, decide di investigare in parallelo con gli ex colleghi, scoprendo che Martina non era affatto una sprovveduta liceale e la sua morte nasconde in realtà molte ombre.

Libreria Mondadori – via Piave 18 Roma

Niky Marcelli

La Strega Spiaggiata

Santelli Editore

297 pagine

€ 11.90

www.santellieditore.it

www.nikymarcelli.com

Leggi anche

https://unfotografoinprimafila.it/i-cameristi-del-maggio-musicale-fiorentino-presentano-effetto-mozart/

https://unfotografoinprimafila.it/biennale-di-venezia-2019-76-mostra-internazionale-darte-cinematografica/

NIKYMARCELLI

Senza titolo 1 1

Ai Giardini di Castel Sant’Angelo presentazione del libro Il karma in un paio di scarpe di Orietta Cicchinelli

TUGA Edizioni & TONY LUPETTI, Interverranno: l’Autrice e la giornalista Loredana Marinaccio, Gianluca Galletti & Tony Lupetti

Con la partecipazione straordinaria di Cinzia Mascoli & Stefano Jacurti

Il romanzo Il karma in un paio di scarpe della giornalista e scrittrice Orietta Cicchinelli sarà presentato il 9 luglio ore 19,30 nella suggestiva cornice dei Giardini di Castel Sant’Angelo nell’ambito della storica rassegna Letture d’Estate.

Nel libro scorre la storia di Antonio da Nocera, nato povero in una famiglia numerosa, ragazzino vivace, caparbio e desideroso di riscatto in una terra avara con i suoi figli.Cattura

Una vita vissuta intensamente alla massima velocità, che s’intreccia con personaggi ai limiti del surreale, negli anni delle guerre di camorra tra cutoliani e nuovi camorristi, in cui Antonio si ritrova a combattere una guerra non sua.

E tutto a causa di un paio di scarpe…

Dopo il successo del romanzo Hijo de Puta-La parabola di un legionario e del racconto La madre (la cui seconda edizione è appena uscita per Tuga edizioni).

Orietta Cicchinelli ci consegna un’altra emozionante storia su un microcosmo di varia umanità.

Protagonista dell’opera è Antonio, classe 1960, ex camorrista che sarà presente alla serata.

«Antonio aveva letto il mio libro Hijo de puta-La parabola di un legionario e mi disse di avere una bella storia da raccontare. Così iniziò a snocciolare i suoi ricordi che richiamavano fatti di cronaca lontani da me, fatti noti e meno noti.

Senza indagare troppo su vicende di malavita organizzata e dintorni ho voluto concentrarmi sull’uomo e sui suoi trascorsi. M’incuriosiva. Dunque posso senz’altro affermare che questo non è un libro inchiesta né vuol essere uno studio sul fenomeno camorra.

Non è un libro verità, ma è solo lo sguardo sul mondo di un personaggio particolare, il più silenzioso socio del club di biliardo gestito da mio fratello, un uomo che aveva bisogno di raccontarsi».Cattura

Così l’autrice.

Durante la presentazione interverranno: Loredana Marinaccio, giornalista di lungo corso, l’attrice Cinzia Mascoli e il regista e autore Stefano Jacurti che leggeranno brani scelti dai libri della Cicchinelli; gli editori Tony Lupetti e Gianluca Galletti e altri ospiti.

Il karma in un paio di scarpe è il 2° romanzo della giornalista Orietta Cicchinelli, responsabile del servizio Cultura e Spettacoli di Metro Roma, e già autrice del libro Hijo de Puta-La parabola di un legionario e del racconto La madre, dedicato al poeta e sceneggiatore Vincenzo Cerami, col quale la scrittrice era unita da un profondo legame.

La madre (uscito nell’aprile 2015 per NED) è stato da poco rieditato da Tuga edizioni.

La copertina de Il karma in un paio di scarpe è un disegno originale di Gianfranco Esposito (aka Sinistro.

L’opera è stata selezionata tra tante proposte, dopo un interessante contest organizzato da Tuga Edizioni.

Il karma in un paio di scarpe e La madre sono reperibili su Ibs, da Mondadori Bookstore del Centro Commerciale Aura e nelle migliori librerie.

Per info:Cattura

338.8622341

oriettacicchinelli@gmail.com

Pagina Facebook: oriettacicchinelli

TUGA Edizioni – Gianluca Galletti

via degli Scaloni, 2 -00062 Bracciano (RM)

Tel. +39 328 9626254

info@tugaedizioni.com

www.facebook.com/TugaEdizioni

www.tugaedizioni.com

https://unfotografoinprimafila.it/alle-terrazze-teatro-festival-arrivano-i-saldi-shopping-di-risate-con-scqr-e-dado/

https://unfotografoinprimafila.it/concorso-di-miss-italia-prima-tappa-miss-sorriso-lazio-vinta-da-chiara-filippi/

Senza titolo 1 1

Il Buio dellanima

La Magnolia narrativa comunica che sta uscendo in tutte le librerie ed in Internet il libro di Mario Cartelli “Il buio dell’Anima”

BIOGRAFIA: 

Fotografo con la passione della lettura e della scrittura, opera nel campo del sociale, riportando, su carta fotografica, i contrasti, la quotidianità e uno spaccato della nostra società in continua evoluzione.

L’autore afferma che questo è l’unico modo che ha per identificare e comprendere le emozioni e gli stati d’animo degli esseri umani.

SINOSSI

Marco è un modesto rappresentante di commercio, che a sessant’anni riscopre l’amore e divide la sua vita con Valentina, tra i disagi e le paure della crisi economica attuale.

Dopo mesi di sacrifici e rinunce, si concedono una serata in pizzeria che sconvolgerà entrambi. Un’aggressione per furto e l’inizio di violenza sessuale uccideranno Valentina, rompendo per sempre l’equilibrio interiore di Marco.

La paura e la rabbia contro una società che non è in grado di tutelare la sicurezza di tutti fanno emergere il rancore sopito in un soggetto fino ad allora remissivo e tranquillo, che passerà dall’essere vittima a diventare un carnefice senza scrupoli.

ESTRATTO

Quanto mi manchi amore mio, sei stata ai margini dei miei pensieri in questi ultimi mesi, non perché ti avessi dimenticata, ma perché non volevo coinvolgere il tuo ricordo, così pulito, nel fango in cui sono caduto.

STRILLO

La rabbia, la frustrazione e l’incredulità erano una girandola di emozioni incontrollabili.  Mario Cartelli

AUTORE: Mario Cartelli

TITOLO: IL BUIO DELL’ANIMA

© 2019 – Il Seme Bianco

COLLANA: Magnolia, Narrativa

ISBN: 9788833611433

PAGINE: 152

PREZZO: 14,90euro

Il Buio dellanima