Umberto Stefanelli Photographer. Un attimo di distrazione regalato alla vita

Umberto Stefanelli Photographer. Un attimo di distrazione regalato alla vita BRESCIANI VISUAL ART – Via dei Bresciani, 20 dal 18 marzo al 30 aprile 2021


Umberto Stefanelli “Un attimo di distrazione regalato alla vita”. “Il mondo s’è fermato. Un attimo di distrazione che c’è stato quasi fatale.

Umberto Stefanelli “Un attimo di distrazione regalato alla vita”. Tanti buoni propositi ed altrettante pessime incertezze.

In questo scenario distopico la fotografia è una compagna che rilassa ed arricchisce l’anima”.

Inaugura il prossimo giovedì 18 marzo dalle ore 17 alle 20, “Un attimo di distrazione regalato alla vita”, la mostra fotografica di Umberto Stefanelli alla Galleria romana “Bresciani Visual Art” in Via dei Bresciani 20.

Quaranta immagini scattate tra Bhutan, Giappone, Tibet, Hong Kong, Mongolia, Nepal, Azerbaigian, Panama, Colombia, solo per citarne alcuni, che sono al tempo stesso appunti di viaggio, divagazioni mentali di un tempo che fu, fantasie oniriche dove la semplicità rincorre la poesia.

In quest’assenza, gli scatti fotografici di Umberto Stefanelli non mirano a riprodurre il viaggio o a raccontarlo, ma lo creano: rappresentano il mezzo che ha l’artista per narrare di un tempo che è apparso a tutti noi sospeso, fatto di incertezze e nuove riflessioni, un’occasione per ridefinire spazi personali e trovare una via di uscita, che consenta alla mente di valicare gli angusti spazi nei quali siamo stati relegati, per immaginare insieme una possibilità di riscatto e di nuovo inizio.

Un’esplorazione visiva che si sofferma sui volti, sugli orizzonti, sul concetto di limite; fatta di rivelazioni, risvegli, disturbi ossessivo-compulsivi, balocchi, pagine di eros gastronomico.

Vittorie, sconfitte, muri bianchi, ego da contenere, ermetismo, soldati e dediche fotografiche. Nocciola negli occhi, parole nelle mani.

Umberto Stefanelli Photographer. Un attimo di distrazione regalato alla vita
Umberto Stefanelli Photographer. Un attimo di distrazione regalato alla vita

 “Perché quando un sogno da bambino m’attraversa all’improvviso la strada, la mia Musa cristallizza nel labirinto della memoria, quell’attimo di distrazione regalato alla vita”.

Cresciuto artisticamente a New York, dopo avere esposto in tutto il mondo, le sue opere sono conservate nel Polaroid International Museum U.S.A.,

Nel Museo Nazionale della Fotografia di Brescia,nella Galleria Civica di Modena,nel CIFA – Centro Italiano della Fotografia d’Autore,nel Museo della Fotografia di Lishui – Cina,nello Shanghai Duolun Museum Of Modern Art

Edin altre collezioni pubbliche e private, nazionali ed internazionali, Umberto Stefanelli torna a Roma per presentare presso lo Spazio espositivo “Bresciani Visual Art”, un originale ed insolito progetto fotografico in cui gli scatti in gran parte inediti, rappresentano un dialogo tra il fotografo ed il fruitore delle immagini.

La location è tra le più esclusive e di nicchia: una deliziosa e curatissima Galleria situata in via dei Bresciani, nel Rione Ponte, a due passi da Piazza Farnese.

Umberto Stefanelli sarà inoltre protagonista con un inedito e straordinario progetto fotografico sulla Nord Corea che verrà presentato a luglio, in occasione di “Roma Fotografia 2021 Freedom”, la più importante rassegna romana dedicata all’arte fotografica che coinvolgerà tra maggio e dicembre 2021 le più importanti Gallerie e spazi pubblici e privati della Capitale.

“Un attimo di distrazione regalato alla vita”

Umberto Stefanelli Photographer

Bresciani Visual Art

Via dei Bresciani, 20 Roma infoline 3429857662

Vernissage giovedì 18 marzo dalle 17 alle 20

dal 18 marzo – 30 aprile 2021

dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 20 e su appuntamento

Curatore – Ufficio stampa e comunicazione Stella Maresca Riccardi

Project Manager Sergio Emiliano

Progetto Grafico Lucilla Cenciarelli

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/03/andrea-montemurro-convegno-associazione-nazionale-musicisti/

https://www.unfotografoinprimafila.it/donatella-pandimiglio-la-voce-del-silenzio/

Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.

Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici. Apertura a primavera


Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici. Una nuova certificazione per la formazione

Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici. Nuovi pet sitter appena sfornati e davvero speciali. La nascita dell’”officina zooantropologica”

Il progetto “work in progress” per sostenere la difesa del Pianeta

L’ora più buia, si dice, è quella prima dell’alba.

Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.
Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.

E in questo momento in cui tutti siamo provati per ciò che l’umanità sta subendo, forse la cosa più intelligente da fare è aggrapparsi a ciò che ci fa semplicemente stare bene.

Alle persone che contano, ai luoghi “dell’anima” che ci restituiscono energia e benessere.  Baubeach®, la prima spiaggia per cani ad essere nata in Italia oltre 20 anni fa, è uno di questi, per i cani e per le persone che hanno a cuore il loro benessere.

Quest’anno l’Associazione che gestisce questo piccolo paradiso canino, regala a tutti gli umani e ai loro amici a 4 zampe una prospettiva ricca di energia positiva, progetti sempre più motivanti e la riapertura anticipata. 

Probabilmente già dagli inizi di aprile, tempo e situazione Covid permettendo, si riapriranno infatti i battenti della spiaggia di Maccarese in cui Natura, Esseri Umani ed Animali convivono armoniosamente e in allegria.

Per rendere più veloce l’ingresso in spiaggia e rispettare al meglio le normative in materia di pericoli di assembramento, l’Associazione ha attivato il pre-tesseramento, in modo da poter evitare le file e ottenere degli interessanti bonus.

Questo il link per attivarlo: https://www.hellogest.com/preregistration/baubeach/edit

Ai fini di rispetto e adeguamento alle misure anti – Covid19 adottate dall’Associazione è inoltre obbligatorio compilare e stampare il modulo di autocertificazione in data di accesso in spiaggia.

Il documento e la richiesta di iscrizione sono scaricabili al seguente link: https://www.baubeach.net/come-funziona/scheda-di-iscrizione-e-autodichiarazione.html

Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.
Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.

Intanto, nell’ambito della Formazione, ci sono importanti novità, descritte anche sul sito ufficiale della struttura, www.baubeach.net:

La nuova Certificazione UNI ISO 29993 rilasciata dall’Intertek, Ente di Certificazione accreditato da Accredia per questa Certificazione, che certifica l’Associazione che gestisce il Baubeach® relativamente alla Progettazione ed erogazione di corsi di formazione nel campo della cinofilia adattato a contesti turistico ricreativi e del benessere della persona.

Baubeach® E’ la prima struttura che in Italia ha acquisito questa importante Certificazione.

Una pagina dedicata ai Pet Caretaker IHOA® appena qualificati, con il riconoscimento dell’AICS Cinofilia, ovvero Pet sitter “evoluti”, formati e in grado di poter assicurare un’assistenza professionale e garantita nella serietà e attenzione dalla Associazione stessa:

https://www.baubeach.net/formazione/registro-nazionale-dei-pet-caretaker-ihoa%C2%AE.html.

Una pagina dedicata all’Officina Zooantropologica, luogo virtuale dove si raccolgono gli studi etologici di persone che sono alla ricerca di un miglioramento della qualità della relazione tra l’umana specie e le altre, in particolare con il Cane.

Leggendo queste pagine, si potrà forse apprendere qualcosa in più, ma soprattutto riflettere sul grande valore di questa relazione.

È possibile inoltre sottoporre alla segreteria formativa nuovi scritti sull’argomento che verranno vagliati ed eventualmente pubblicati. Info qui:

https://baubeach.net/formazione/officine-zooatropologiche.html

Un’intera sezione dedicata alla Formazione, con i vari Corsi proposti, illustrati nei dettagli al seguente link: https://www.baubeach.net/formazione/corsi-proposti.html

Il senso di tutte queste iniziative, legate fortemente alla grande sete di conoscenza e rispetto nei confronti delle altre Specie viventi che l’Associazione coltiva da anni, è quello di “fare rete”, di unire intelligenze e iniziative e persone che hanno l’aspirazione di cambiare (in meglio) il mondo.

A tale avviso è in cantiere la preparazione di una Mostra Permanente di Installazioni a cura dell’artista Karen Thomas, da sempre unita al lavoro di Patrizia Daffinà, Presidente della Associazione, dal titolo inequivocabile: “ORA O MAI PIU’”. 

Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.
Baubeach® la spiaggia per cani liberi e felici.

Un percorso ispirato dall’urgenza di recupero e salvaguardia di questo Pianeta in cui gli “oggetti di scena” sono vecchi ombrelloni da mare rivisitati dalle mani dell’Artista, trasformati in Opere d’Arte che segneranno il viale di accesso alla spiaggia.

I colori dell’infinito amore per la Natura, per il Mare e le Sue Creature e per ogni individuo vivente, saranno il respiro di questo percorso, di cui a breve verranno comunicati i contenuti.

Baubeach si trova a Maccarese, in via Praia a Mare snc – guardando il mare a sinistra dello Stabilimento Rambla, all’inizio del Lungomare a sud dell’abitato di Maccarese.

Sito ufficiale: https://www.baubeach.net/

INFOLINE: +39 349 2696461 – info@baubeach.it

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

http://www.elisabettacastiglioni.it/

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/03/palazzo-colonna-con-lux-area-center/

https://www.unfotografoinprimafila.it/donatella-pandimiglio-la-voce-del-silenzio/

Donatella Pandimiglio “La voce del silenzio”.

La nota e poliedrica artista Donatella Pandimiglio ha realizzato il toccante videoclip in cui interpreta il brano “La voce del silenzio” composto da Mogol, Elio Isola e Paolo Limiti.


Donatella Pandimiglio “La voce del silenzio”. Il video è diretto da Saria Cipollitti, figlia d’arte del regista Gabriele Cipollitti.

Donatella Pandimiglio “La voce del silenzio”. L’iniziativa scaturisce dall’urgenza avvertita dalla stessa Pandimiglio di voler rompere l’assordante silenzio dei teatri vuoti, in questo momento storico dove per tutti gli artisti è impossibile esprimere la propria anima dai palcoscenici.

Donatella Pandimiglio “La voce del silenzio”.
Donatella Pandimiglio

Si grida forte al mondo intero la voglia di tornare a vedere calcati i palchi nazionali, facendo rinascere il meraviglioso e magico scambio emozionale dello spettacolo dal vivo con il pubblico.

Il video è stato girato nel Teatro dell’Unione di Viterbo, grazie alla collaborazione del Sindaco Giovanni Arena che ha accolto immediatamente con entusiasmo la proposta. Una location storica di altissima qualità.

Realizzato nell’arco di un mese tra le difficoltà del momento, con una troupe che vede, per la prima volta, il figlio di Donatella Filippo Antognielli come fotografo di scena.

Sottolinea la Pandimiglio: “Premesso che questo brano lo amo fin dalla prima volta che lo ascoltai da bambina e fin da allora sognavo di interpretarlo, è arrivato il giorno in cui ho deciso di inserirlo in un mio recital dal titolo Be Italian, dedicato in particolare alla canzone italiana, mettendo in luce dei veri gioielli musicali tra cui proprio questo.

La cosa che mi venne in mente e che suggerii al mio arrangiatore, fu quella di far partire il brano solo con un vocalizzo proprio perché per me il senso forte doveva essere quello di una voce sola che arrivasse dal silenzio, per poi entrare nel vivo del brano”.

Il videoclip mostra che il web, già casa abituale dei creativi del pop e dei giovani in gran parte, sia un modo fantastico di comunicare e sostanzialmente nuovo anche per personaggi di “nicchia” come Donatella Pandimiglio, trovando il giusto mix tra il mezzo (videoclip) e il modo (video creativo/descrittivo/ mini storia tra teatro e cinema) di raccontare forti emozioni, arrivando così ad un pubblico vasto ed eterogeneo.

Link video

Info

canale you tube: DONATELLA PANDIMIGLIO OFFICIAL

Facebook/Instagram DONATELLA PANDIMIGLIO  

CREDITI VIDEO

Titolo

LA VOCE DEL SILENZIO (Mogol-E.Isola-P.Limiti)

Artista

DONATELLA PANDIMIGLIO

Regia

SARIA CIPOLLITTI

Fotografia e Montaggio

ENNIO DOTTI

Arrangiatore

ROBERTO GORI

Assistente Regia

MATTEO MONTALTO

Operatore di ripresa

FABRIZIO PUDDA

Aiuto Operatore

PAOLO CODATO

Foto di scena

FILIPPO ANTOGNIELLI

Un Ringraziamento speciale al

COMUNE DI VITERBO

nella persona del

Sindaco Sig. GIOVANNI ARENA

per la concessione delle riprese presso il

TEATRO DELL’UNIONE

Si Ringrazia Assessore alla CULTURA

Sig. MARCO DE CAROLIS

Si Ringrazia per

ATCL Lazio Andrea Maurizi (Responsabile Organizzativo)

Simona Mainella (Organizzazione)

Responsabile Tecnico Teatro

GIOVANNI DI MASCOLO

ASSOCIAZIONE CULTURALE EUROPA MUSICA

Service

AUDIOTIME SRL

Tecnico Luci

ANDREA ROSSI

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/01/comune-di-delia-primo-sportello-c-i-s-m-i-t/

https://www.unfotografoinprimafila.it/sfida-a-dubai-ermes-gasparini-contro-gli-strongman-internazionali/

Francesco Petretti Presidente Fondazione Bioparco di Roma.

Francesco Petretti. Dichiarazione del Presidente della Fondazione Bioparco di Roma sulle cose da fare


Francesco Petretti Presidente Fondazione Bioparco di Roma. “Abbiamo tante cose da fare, con al primo posto l’impegno per migliorare le condizioni di vita e il benessere dei 1200 ospiti del Bioparco.

Francesco Petretti Presidente Fondazione Bioparco di Roma. Sono esemplari che da generazioni vivono con gli uomini: non esiste l’otaria o l’elefante, ma l’otaria Boomer e l’elefante Sofia, con un rapporto affezionato con chi se ne prende quotidianamente cura.

Francesco Petretti Presidente Fondazione Bioparco di Roma.
Francesco Petretti Presidente Fondazione Bioparco di Roma.

Impensabile liberarli in natura: non sarebbero in grado di sopravvivere.

Prendersi cura di loro significa quindi non trasferirli altrove, ma impiegare le risorse messe a disposizione dal Comune di Roma e le competenze tecniche dello staff di veterinari e keeper per rendere migliore possibile la vita di animali preziosi, fra cui tanti recuperati da sequestri e condizioni di malessere come la tigre bianca Gladio, l’elefantessa Lakshmi o i tre orsi albanesi Mary, Sam e Gianni”.

Questo il commento del neo Presidente Francesco Petretti, biologo, che, alla guida del nuovo Consiglio di Amministrazione composto da Andrea Ciannavei, Nicola Costa, Chiara Grasso e Edoarda Sanci, affronta con la fiducia della Sindaca Raggi e di Roma Capitale la sfida di migliorare un luogo speciale per Roma e non solo.

“Il Bioparco – sottolinea Petretti – assolve a quattro funzioni di fondamentale importanza per tutelare la biodiversità e migliorare il nostro rapporto con la natura:

Custodire animali in via di estinzione, favorire la ricerca scientifica su aspetti veterinari ed etologici, educare il pubblico all’amore nei confronti degli animali e dell’ambiente e offrire a tanti cittadini – per ora romani e del Lazio – la possibilità fruire all’aperto in sicurezza di uno spazio gestito per gli animali e gli uomini”.

Fondazione Bioparco di Roma

image001

Viale del Giardino Zoologico, 20 – 00197 Roma

Telefono. 06.3608211 – fax: 06.3207389

www.bioparco.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/01/comune-di-delia-primo-sportello-c-i-s-m-i-t/

https://www.unfotografoinprimafila.it/sfida-a-dubai-ermes-gasparini-contro-gli-strongman-internazionali/

Sfida a Dubai Ermes Gasparini contro gli Strongman Internazionali.

Sfida a Dubai Ermes Gasparini contro gli Strongman Internazionali. A braccio di ferro contro la pandemia


Sfida a Dubai Ermes Gasparini contro gli Strongman Internazionali. Preparazione in lockdown per l’atleta quattro volte campione mondiale di armwrestling  

Sfida a Dubai Ermes Gasparini contro gli Strongman Internazionali. Se vuoi una cosa devi lottare.

Con queste parole il protagonista di Over the Top Lincoln Hawk, interpretato da Sylverster Stallone, incoraggiava il figlio prima di una sfida a braccio di ferro con alcuni coetanei in una delle scene cult del film diretto da Menahem Golan nel 1987. 

Che non sia soltanto una questione di forza, lo ribadisce l’imprenditore Massimo Naim, appassionato di armwrestling (lotta con le braccia), da quest’anno manager del quattro volte campione mondiale di questa disciplina sportiva.

Il ventisettenne veronese Ermes Gasparini che dal 25 febbraio si trova a Dubai per fronteggiarsi con campioni internazionali tra i quali Larry Wheels – uno degli strongman più forti al mondo – e Vitaly Laletin, altro grande campione. 

Da Dubai” – spiega Naim – “ci sposteremo ad Istanbul per incontrare Engin Terzi (assoluto leader dell’armwrestling nel mondo. Un incontro molto atteso da entrambi.

E’ stato proprio Terzi a definire Ermes Gasparini il nuovo John Brezenk, uno degli uomini più forti da circa 30 anni.

Ermes, oltre ad essere un grande campione, si può definire un predestinato a diventare uno tra i più forti sul globo.

Ragazzo semplice e molto umile, Ermes riesce a trasformarsi nel campione che è non appena appoggia il gomito sul tavolo da braccio di ferro”. 

In linea con gli altri paesi europei, la passione per questa disciplina si sta facendo largo da poco più di una ventina d’anni anche in Italia grazie all’impegno sul territorio di numerosi club sportivi e team preparatori stanziati a livello regionale. 

Sfida a Dubai Ermes Gasparini contro gli Strongman Internazionali.
Sfida a Dubai Ermes Gasparini contro gli Strongman Internazionali.

L’armwrestling” – sottolinea il manager – “è da considerarsi un vero e proprio sport, sia per la serietà negli allenamenti, che per l’attenzione da parte dei team preparatori”

Non è solo una questione di bicipiti, quindi. Il braccio di ferro è una attività completa in cui un occorrono intelligenza, strategia e rispetto delle regole.

In Italia sta pian piano prendendo piede sulla scia del grande successo in USA ed Est Europa, dando il via al passaggio da goliardico ed amichevole gioco da bar a disciplina sportiva come boxe o altri sport da combattimento. 

Gli incontri” – chiosa Naim – “si articolano in campionati regionali, nazionali, internazionali e mondiali.

In ogni regione italiana sono presenti Team con centinaia gli iscritti e si giudicano numerosi campionati, sia a livello locale che nazionale.

Il mio desiderio è quello di far conoscere appieno questa disciplina anche nel nostro Paese, creando una nuova realtà”.

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/01/comune-di-delia-primo-sportello-c-i-s-m-i-t/

https://www.unfotografoinprimafila.it/premio-bindi-per-la-canzone-dautore-2021/

Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021.

Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021. La finale a Santa Margherita Ligure il 10 luglio


Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021. E’ online il bando di concorso per la 17a edizione del Premio Bindi di Santa Margherita Ligure (Genova), uno dei più importanti concorsi italiani dedicati alla canzone d’autore, intitolato a Umberto Bindi.

Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021. Umberto Bindi cantautore genovese di grande raffinatezza scomparso nel 2002, autore di canzoni come Arrivederci, Il nostro concerto, Il mio mondo, La musica è finita, Io e il mare. Il bando è disponibile su www.premiobindi.com

Il concorso è riservato a singoli o band che compongano le proprie canzoni.

Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021.
Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021.

Fra tutti gli iscritti, una commissione interna all’organizzazione selezionerà i finalisti (al massimo otto) che si confronteranno di fronte ad una prestigiosa giuria composta da musicisti, giornalisti e addetti ai lavori.

La finale è in programma sabato 10 luglio 2021 (salvo impedimenti dovuti a disposizioni relative all’emergenza sanitaria).

I finalisti dovranno eseguire quattro canzoni, tre proprie e una cover di Umberto Bindi scelta con la direzione artistica del Premio.

Al vincitore assoluto andrà la Targa Premio Bindi e una borsa di studio in denaro, ma fra i finalisti verranno assegnate anche la Targa “Giorgio Calabrese” al miglior autore, la Targa “Migliore canzone”, scelta in base ai canoni radiofonici e la Targa “Beppe Quirici” al miglior arrangiamento.

Premio Bindi per la canzone d’Autore 2021. Altri premi potranno aggiungersi nei prossimi mesi.

L’iscrizione è gratuita e deve essere effettuata entro e non oltre il 1° maggio 2021 esclusivamente tramite il form presente sul sito www.premiobindi.com nell’apposita sezione. Sul sito è disponibile anche il bando completo del concorso.

Il Premio Bindi si avvale della direzione artistica di Zibba ed è organizzato dall’Associazione Le Muse Novae. È sostenuto dal contributo del Comune di Santa Margherita Ligure, dalla Regione Liguria e di SIAE.

Le scorse edizioni del Premio sono state vinte da Lomè (2005), Federico Sirianni (2006), Chiara Morucci (2007), Paola Angeli (2008), Piji (2009), Roberto Amadè (2010), Zibba (2011), Fabrizio Casalino (2012), Equ (2013), Cristina Nico (2014), Gabriella Martinelli (2015), Mirkoeilcane (2016), Roberta Giallo (2017), Lisbona (2018), Micaela Tempesta (2019), Luca Guidi (2020).

Per maggiori informazioni:

Associazione Culturale Le Muse Novae: Tel 0185-311603 – www.premiobindi.com – info@premiobindi.com

ufficio stampa: Monferr’Autore

monferrautore@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/03/01/comune-di-delia-primo-sportello-c-i-s-m-i-t/

https://www.unfotografoinprimafila.it/premio-andrea-parodi-contest-europeo-di-world-music/

“Premio Andrea Parodi” Contest Europeo di World Music.

“Premio Andrea Parodi” Contest Europeo di World Music. Le finali si terranno a Cagliari in autunno


“Premio Andrea Parodi” Contest Europeo di World Music. Le finali della 13° edizione saranno programmate non appena possibile.

“Premio Andrea Parodi” Contest Europeo di World Music. È online il bando di concorso della 14a edizione del Premio Andrea Parodi, l’unico contest europeo riservato alla world music.

Le finali si terranno a Cagliari in autunno, mentre quelle della 13a edizione del Premio, sospese nei mesi scorsi in conseguenza dell’emergenza sanitaria, saranno recuperate non appena possibile.

Il nuovo bando è disponibile su www. fondazioneandreaparodi.it ed è aperto ad artisti di tutto il mondo. L’iscrizione è gratuita, mentre la scadenza è prevista per il 31 maggio 2021.

Le domande di iscrizione dovranno essere inviate tramite il format presente su www.fondazioneandreaparodi.it (per informazioni: fondazione.andreaparodi@gmail.com ).

“Premio Andrea Parodi” Contest Europeo di World Music.
“Premio Andrea Parodi” Contest Europeo di World Music.

Dovranno contenere:

– 2 brani (2 file mp3, provini o registrazioni live o realizzazioni definitive, anche già edite; indicare con quale dei due brani si intende gareggiare); i brani non possono essere solo strumentali e devono essere identificativi di un intero progetto artistico che rientri nei canoni della world music.

Testi ed eventuali traduzioni in italiano dei due brani;

Curriculum artistico del concorrente (singolo o gruppo).

Tra tutte le iscrizioni una Commissione artistica selezionerà, in maniera anonima, fra i cinque e i dieci finalisti, che si fronteggeranno davanti a una Giuria Tecnica (composta da addetti ai lavori, autori, musicisti, poeti, scrittori e cantautori) e a una Giuria Critica (giornalisti e critici musicali). Entrambe le giurie, come negli scorsi anni, saranno composte da autorevoli esponenti del settore.

Sono previsti diversi bonus per il vincitore, fra cui una serie di concerti e di partecipazioni ad alcuni festival partner del Parodi nel 2022. Oltre a questo, avrà diritto a una borsa di studio di 2.500 euro.

Al vincitore del premio della critica andrà invece la realizzazione professionale del videoclip del brano in concorso, a spese della Fondazione Andrea Parodi.

Ricordiamo che i finalisti della 13a edizione sono: Alessio Arena (Campania/Catalogna); Ars Nova Napoli (Campania); Eleonora Bordonaro (Sicilia); Elena D`Ascenzo (Abruzzo); Kalascima (Salento); Abramo Laye Senè & Gaalgui World Music Band (Senegal/Sicilia); Maria Mazzotta (Salento); Danilo Ruggero (Sicilia); Stefania Secci Rosa e Bruno Chaveiro (Sardegna/Portogallo); Still Life (Catalogna).

La manifestazione è organizzata dalla Fondazione Andrea Parodi e si avvale della direzione artistica di Elena Ledda.

È nata per omaggiare un grande artista come Andrea Parodi, passato dal pop d’autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e di rielaborazione delle radici, grazie al quale è diventato un riferimento internazionale della world music, collaborando fra l’altro con artisti come Al Di Meola e Noa.

A vincere nel 2019 è stato un gruppo multietnico, la Fanfara Station, composto da musicisti provenienti da Tunisia, Usa e Italia.

Le precedenti edizioni sono state vinte nel 2018 da La Maschera (Campania), nel 2017 da Daniela Pes (Sardegna), nel 2016 dai Pupi di Surfaro (Sicilia), nel 2015 da Giuliano Gabriele Ensemble (Lazio), nel 2014 da Flo (Campania), nel 2013 da Unavantaluna (Sicilia), nel 2012 da Elsa Martin (Friuli), nel 2011 da Elva Lutza (Sardegna), nel 2010 dalla Compagnia Triskele (Sicilia), nel 2009 da Francesco Sossio (Puglia).

Per maggiori informazioni:

www.fondazioneandreaparodi.it

info@premioandreaparodi.it

fondazione.andreaparodi@gmail.com

ufficio stampa: Monferr’Autore

monferrautore@gmail.com

Leggi anche:

https://www.unfotografoinprimafila.it/classic-rock-happy-hundred-mensile-di-sprea-editori/

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/27/gimbo-come-luomo-della-luna/

Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca.

Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca. La “case history” di Charteritaly dimostra che gli Italiani hanno voglia di fuggire in mare per isolarsi dal rischio di assembramento



Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca
. Sembra totalmente rispettosa delle normative di distanziamento e propositiva nella scelta di godersi a qualunque costo una sana e “isolata” vacanza la scelta di molti Italiani che hanno già pensato alla propria estate.


Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca
. L’opzione per una fuga in Barca a Vela o Catamarano cabinato, comprensivo di skipper per destinazioni comunque italiane o verso paesi limitrofi alla nostra Penisola è il sintomo di una scelta ben precisa e in totale sicurezza.

Come dimostrano i dati registrati dalle prenotazioni effettuate sul sito “Charteritaly”, primo motore di ricerca comparato per il noleggio di imbarcazioni, la crescita delle richieste si sta, già dalle ultime settimane, triplicando rispetto ai tempi precedenti alla pandemia.

A esporre questi dati è Claudio Fiorentino, già chairman di “Velasquez”, società specializzata in Vacanze in Barca a Vela e fondatore del nuovo sito nato da una start up finanziata parzialmente dal Ministero dello Sviluppo economico.

Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca.
Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca.

“Se molti nostri connazionali hanno negli anni scorsi scelto questa tipologia di vacanza per passare serenamente la propria estate magari in compagnia di amici – afferma il CEO – ora la richiesta si è triplicata non solo per l’esigenza istintiva di evadere all’isolamento obbligato dalla pandemia, ma anche perché attraverso “Charteritaly” viene data per la prima volta l’opportunità di confrontare prezzi, tipologie di imbarcazione e personalizzazione degli itinerari prescelti.

Abbiamo voluto democratizzare il sistema di vacanza in barca per proporre in totale sicurezza (sia sanitaria che assicurativa) molteplici opportunità di spostamento.

Già dalle prime settimane della messa online del nostro portale abbiamo registrato una tendenza sempre maggiore di soddisfazione delle esigenze personali, e questo semplicemente per aver lanciato in rete un’offerta che include anche consigli di viaggio comportamentali e turistici.

Il nostro obiettivo è quello di creare un servizio alla portata di tutti e, viste le premesse, ci aspettiamo un ulteriore boom nei prossimi mesi.”

Al momento le mete più gettonate sembrano essere Le Eolie, la Sardegna nord, Toscana e la Costiera Amalfitana, il tipo di imbarcazioni prescelte per navigare e spostarsi, soprattutto nel mar Mediterraneo Catamarani e Barche a Vela, il target di utenza appartiene maggiormente alla generazione 35/50 e la durata della vacanza oscilla tra 1 e 2 settimane.

Charteritaly ricorda infine che tutte le barche presenti sul portale sono sanificate secondo il protocollo emesso dal Ministero della Salute.

Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca.
Estate 2021. Boom di prenotazioni in barca.

Per maggiori informazioni è possibile scrivere alla mail sailing@charteritaly.it

Il sito ufficiale è https://www.charteritaly.it/

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.ithttp://www.elisabettacastiglioni.it/

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/25/teatro-vascello-letture-a-puntate-del-romanzo/

https://www.unfotografoinprimafila.it/classic-rock-happy-hundred-mensile-di-sprea-editori/

Classic Rock! Happy Hundred mensile di Sprea Editori .

Classic Rock! Happy Hundred mensile di Sprea Editori festeggia i suoi primi 100 numeri ed esce con un volume da collezione


Classic Rock! Happy Hundred mensile di Sprea Editori . Un comple-numero speciale per il mensile di musica più venduto in Italia che con oltre 10000 copie al mese si conferma in testa alle vendite delle riviste di settore.

Classic Rock! Happy Hundred mensile di Sprea Editori . Il 26 febbraio 2021 “Classic rock” festeggerà infatti i suoi primi 100 numeri, uscendo in edicola con un volume da collezione rivestito da una preziosa copertina in stile glam-rock con testata placcata in oro a caldo e restyling grafico.

Ma ad incuriosire gli appassionati del settore saranno, come sempre, i contenuti, a partire dalla selezione dei 100 dischi rock della nostra vita scelti dalle più prestigiose firme della rivista e dal percorso a ritroso crono-storico, attraverso le 100 copertine, che ne ha illustrato l’evoluzione in crescendo.

Era il dicembre 2012 quando uscì il primo numero di “Classic Rock Lifestyle”, nato da un’intuizione dell’editore Luca Sprea che voleva offrire ai lettori una versione italiana di “Classic Rock” UK.

Un’idea vincente che raggiunse immediatamente più di 20.000 lettori.

Classic Rock! Happy Hundred mensile di Sprea Editori .
Classic Rock! Happy Hundred mensile di Sprea Editori .

Dal numero 5 divenne, anticipando i tempi, la prima rivista italiana interattiva, associando al magazine una app che permetteva inquadrando alcune parti del giornale, di vivificarne l’essenza attraverso video di concerti, interviste e approfondimenti vari.

Dal numero 22 la direzione, da Alessandro Agnoli (che passò al ruolo di amministratore delegato), fu affidata a Francesco Coniglio che ne italianizzò la redazione dando spazi ai giornalisti più esperti e accreditati sull’argomento e lanciando nuove sfide, come quella dell’ascolto del rock su vinile, che aprì la porta alla pubblicazione di un’altra rivista ad esso totalmente dedicata, “Vinile”.

«Credere nella carta stampata oggi – dichiara Luca Sprea – è la vera sfida. Il mercato dell’edicola soffre molto a causa del web ed è impensabile fronteggiare questa situazione rimanendo fermi. L’evoluzione impone di produrre un contenuto di qualità sempre più alta e di offrire al lettore qualcosa che non possa trovare altrove.

La nostra ricetta?

Abbiamo scoperto che, se ci divertiamo a realizzare i nostri giornali, questo divertimento passa per osmosi anche attraverso la macchina da stampa e arriva fino ai lettori! 

Ed è forse solo questo l’unico segreto del successo della nostra casa editrice, che invece di ritirarsi dalla scena continua a investire sulla carta stampata, sia in termini di creazione di nuovi prodotti editoriali che in forza lavoro, assumendo nuovi giovani».

«Il giornale ha da sempre avuto un taglio intellettuale e molto “alto” – continua il CEO Alessandro Agnoli – Nel corso degli anni non si è piegato alla tendenza dilagante, presente anche tra i giornali musicali, di privilegiare le immagini ai contenuti testuali.

Il merito va sicuramente anche al lavoro del direttore, Francesco Coniglio, che proprio nell’editoriale di questo numero speciale di Classic Rock firma un interessante un excursus letterario sulla musica.

Grazie anche alla creazione del sito stonemusic.it che fa da cappello a tutte le testate musicali del gruppo, Classic Rock ha avuto una importante evoluzione multimediale integrando in grande armonia carta e web».

Il numero speciale del centenario sarà in edicola dal 26 febbraio p.v. al costo di 5,90 euro; tra gli approfondimenti, ci saranno speciali dedicati a Brian May e Roger Taylor per i 50 anni dei Queen, a 2 Siouxsie and the Banshees, ai King Crimson, agli Strawbs e a molti altri….

“Classic Rock”

Editore: Sprea – https://sprea.it/

Amministratore Delegato: Alessandro Agnoli

Direttore editoriale: Francesco Coniglio

Capo redattore: Maurizio Becker

Progetto grafico: Massimiliano D’Affronto

Per informazioni:

Giulia Sprea – Responsabile marketing Sprea SpA

+39 348 0831390 – giulia@sprea.it

Ufficio stampa lancio “Classic Rock 100”: Elisabetta Castiglioni

+393284112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/24/food-social-night-iii-edizione/

https://www.unfotografoinprimafila.it/tuscia-sport-leisure-studios-a-cielo-aperto/

Michel Nyman nuovo streaming della sua opera,

Michel Nyman nuovo streaming della sua opera. Dal 24 febbraio nuovo streaming dell’opera di Michel Nyman


Michel Nyman nuovo streaming della sua opera. “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”

Michel Nyman nuovo streaming della sua opera, per la prima volta un’opera lirica sarà trasmessa in versione VR 360, che permette di seguire lo spettacolo con una straordinaria visuale, come se lo spettatore fosse al centro del palcoscenico.

Dato il grandissimo successo dello streaming dello scorso 13 febbraio, che ha avuto 7471 visualizzazioni nei vari canali social, si è deciso di riproporre l’opera di Michel Nyman, tratta dall’omonimo testo in cui il famoso neurologo Oliver Sacks racconta un raro caso di “agnosia visiva” da lui curato.

Michel Nyman nuovo streaming della sua opera,
Fabio_Maestri

In quest’occasione lo spettacolo sarà trasmesso in una nuova versione.In alternativa al primo video “normale” si potrà infatti scegliere un secondo video, che offre la possibilità di seguire la rappresentazione in versione VR 360.

Spostando il mouse del pc o girando lo smartphone, si potrà cambiare il punto di vista e godere così dell’intero spettacolo con una personale regia dal centro del palcoscenico, grazie alla ripresa a 360° che viene messa a disposizione.

È la prima volta in Italia che questa tecnologia sarà utilizzata per lo streaming di un’opera lirica.

Lo spettacolo, registrato al Teatro Secci di Terni, è stato accolto con straordinario interesse dal pubblico ed ha avuto ottime recensioni su alcune delle più importanti riviste musicali italiane.

Michel Nyman nuovo streaming della sua opera,
Michel Nyman

Nyman stesso ha espresso la massima ammirazione per questa realizzazione della sua opera.

I protagonisti dell’opera, eseguita nella versione originale inglese con sottotitoli in italiano, sono tre cantanti che si sono già esibiti in importanti teatri e festival in Italia e all’estero: il soprano Elisa Cenni, il tenore Roberto Jachini Virgili e il basso Federico Benetti.

L’Ensemble In Canto (Anna Chulkina e Andrea Cortesi violini, Gianfranco Borrelli viola, Michele Chiapperino e Mattia Geracitano violoncelli, Marzia Castronovo arpa, Silvia Paparelli pianoforte) e il diretto Fabio Maestri sonointerpretibennoti e apprezzati nel campo della musica moderna e contemporanea della musica dei nostri giorni.

In particolare Maestri ha al suo attivo una lunga serie di prime esecuzioni nei più importanti cartelloni del settore e ha già diretto con successo altre composizioni di Nyman.

La regia e l’impianto scenico sono di Carlo Fiorini.

Lo spettacolo è una coproduzione tra OperaInCanto di Terni, Nuova Consonanza e Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma.

Lo streaming – la cui durata è di circa un’ora -inizierà mercoledì 24 febbraio 2021 alle 21.00 e proseguirà fino a mercoledì 3 marzo sui canali youtube e facebook di OperaInCanto e di Nuova Consonanza.

Youtube:

OperaInCanto:

https://www.youtube.com/channel/UCzeSfdOdWW6IY9z7mBGAdQQ

Nuova Consonanza:

https://www.youtube.com/c/nuovaconsonanzalive

Pagine Facebook:

https://www.facebook.com/Associazione-InCanto-1412885585601023/

https://www.facebook.com/nuova.consonanza

Ufficio stampa di OperaInCanto:

Mauro Mariani – m.mariani.roma@gmail.com – cell. 335 5725816

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/24/food-social-night-iii-edizione/

https://www.unfotografoinprimafila.it/tuscia-sport-leisure-studios-a-cielo-aperto/

Tuscia Sport & Leisure "studios a cielo aperto".

Tuscia Sport & Leisure “studios a cielo aperto”. Ecco il nuovo turismo: sportivo, esperienziale e sostenibile.


Tuscia Sport & Leisure “studios a cielo aperto”. I viaggi naturalistici negli studios a cielo aperto della Tuscia.

Tuscia Sport & Leisure “studios a cielo aperto”. Da Monicelli a Comencini, da Sorrentino a George Clooney, oltre 300 km di Cinema, Arte, Mitologia e Letteratura da vivere in bici, a cavallo e a piedi.

Tuscia Sport & Leisure "studios a cielo aperto".
Tuscia Sport & Leisure “studios a cielo aperto”.

Sono tra gli “studios a cielo aperto” più usati d’Italia e non solo, in grado di ispirare generazioni di registi italiani e stranieri e percorribili in bici, a piedi e a cavallo.

Si tratta dei percorsi dedicati e rilanciati dalla Camera di Commercio di Viterbo con il progetto Tuscia Sport & Leisure (www.tusciasport.it)

Un’occasione per riscoprire il turismo sportivo e green, sostenibile e lento, percorrendo i grandi set naturalistici e storici di film d’autore come “L’Armata Brancaleone” di Mario Monicelli girato a Viterbo, Vitorchiano, Valentano e Canino, il “Pinocchio” di Luigi Comencini, “Il vigile” di Luigi Zampa e “La Strada” di Federico Fellini ma anche di serie tv e kolossal stranieri tra cui “Catch-22”, con George Clooney, “The Young Pope” di Sorrentino e “I Medici”, che hanno scelto come set Villa Lante, Sutri e Viterbo.

Sono le nuove frontiere del turismo ai tempi del Covid.

Un turismo sportivo, esperienziale e sostenibile, da vivere in bici, a piedi o a cavallo, che si fa forte di nuovi slanci e nuovi stimoli, dopo 12 mesi di pandemia e nuovi bisogni.

Tuscia Sport & Leisure "studios a cielo aperto".
Tuscia Sport & Leisure “studios a cielo aperto”.

Non solo Cinema.

In vista della primavera, per rilanciare e valorizzare il patrimonio naturalistico, artistico, culturale e tradizionale italiano, attraverso un turismo sostenibile, Tuscia Sport, promosso dalla Camera di Commercio di Viterbo.

Riporta all’attenzione circa 30 percorsi per altrettanti viaggi tematici tra le bellezze del territorio: oltre 300 km per una full immersion esperienziale, un tuffo negli odori, nei sapori e nei colori.

Viaggiando nel tempo e nello spazio, tra arte, letteratura e mitologia, alla ricerca di antiche visioni e di tempi sospesi, si offrono così a nuove scoperte, l’Italia di Dante.

A 700 anni dalla sua morte, i paesaggi narrati da Goethe in “Viaggio in Italia” al lago di Vico, Sutri e le necropoli e gli scorci che hanno ispirato Pirandello nel suo “Rondone e Rondinella”, a Soriano nel Cimino.

Tra i percorsi disponibili: il sentiero che conduce dal borgo di Vitorchiano, che ospita l’unico Moai esistente fuori dall’Isola di Pasqua, fino a Bomarzo, attraversando il Monumento Naturale di Corviano.

Le cascate del Martelluzzo, la Riserva Naturale Monte Casoli e il Parco dei Mostri.

Si prosegue con il secondo sentiero da Soriano nel Cimino a Cura di Vetralla.

Lungo il percorso si attraversa la Faggeta del Monte Cimino recentemente annoverata come Patrimonio dell’umanità.

Il terzo sentiero conduce l’escursionista dai Monti Cimini fino alle pendici del Monte Palanzana, attraversando la Riserva Naturale Regionale dell’Arcionello.

Si prosegue ancora con il percorso che collega il centro abitato di Vejano con Blera, dove è possibile vedere il Ponte del Diavolo, di origine romana.

Il percorso dei castelli è molto panoramico, toccando luoghi suggestivi come il Borgo Fantasma di Celleno e il Paese delle favole di Sant’Angelo di Roccalvecce.

Gli ultimi percorsi si caratterizzano per la loro ricchezza di reperti archeologici come il Parco Marturanum e la Valle del Tevere.

Itinerari per trekking, biking, running e turismo equestre disponibili su www.tusciasport.it

Ufficio Stampa PROMOTUSCIA Marta Volterra marta.volterra@gmail.com340.96.900.12
Matteo Glendeningmatteo.glendening@gmail.com391.13.70.631

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/23/rossella-seno-pura-come-una-bestemmia-2/

https://www.unfotografoinprimafila.it/francesco-de-gregori-i-testi-la-storia-delle-canzoni/

Verticale l’album di debutto di Roberto Lobbe Procaccini

Verticale l’album di debutto di Roberto Lobbe Procaccini compositore, direttore d’orchestra, produttore artistico.

Musicista al fianco di Max Gazzè, Carmen Consoli, Paola Turci, The Niro, Otto Ohm, Bandabardò e molti altri


“Verticale” di Roberto Lobbe Procaccini. Verticale’è un algoritmo emotivo di intelligenza musicaleMax Gazzè.

“Verticale” di Roberto Lobbe Procaccini. Un ambiente sonoro confortevole con il desiderio di sorprendere chi ascolta Peppe Vessicchio.

Verticale l’album di debutto di Roberto Lobbe Procaccini
Verticale l’album di debutto di Roberto Lobbe Procaccini

Una realtà distonica fatta di illusioni, speranze, sensi di colpa e amori perduti.

Un lavoro che ti fa entrare in un mondo di fantasia in punta di piediMassimiliano Bruno

C’è un pizzico delle sue dita, del suo tocco, della sua sensibilità dietro alla produzione di un’intera generazione di artisti e cantautori italiani come produttore artistico, musicista, direttore d’orchestra, ma anche come compositore e autore di colonne sonore per cinema e teatro.

Max Gazzè, Carmen Consoli, Paola Turci, The Niro, Otto Ohm, Bandabardò, Arnoldo Foà, Massimiliano Bruno, Sergio Rubini: sono solo alcuni degli artisti che l’hanno voluto al loro fianco.

Il 22 febbraio 2021 Roberto Lobbe Procaccini debutta per FM Records con il suo primo album, Verticale: un percorso musicale nel tempo e del tempo, registrato lungo tutta la penisola, in un viaggio tra Roma, Catania, Lucca e Perugia, in un anno che ha cambiato il tempo stesso e la nostra percezione di esso.

Definito “algoritmo emotivo di intelligenza musicale” da Max Gazzè, “un ambiente sonoro confortevole con il desiderio di sorprendere” da Peppe Vessicchio e “un lavoro che ti fa entrare in un mondo di fantasia in punta di piedi”.

Massimiliano Bruno, Verticale è un percorso in 7 brani per scandire le tappe di un viaggio in profondità alla ricerca di se stessi, cercando risposte al rapporto che ognuno di noi ha col tempo, vissuto e da vivere.

“L’esigenza di guardarmi allo specchio e di definirmi è stato l’impulso principale che mi ha spinto a scrivere”, afferma Roberto. “Il bisogno di fermarsi, guardarsi indietro per poter capire meglio in che direzione guardare in avanti.

Avevo il bisogno di raccontarmi, e l’ho fatto con lo strumento più potente che avessi a disposizione, ossia la musica.

Mai come in questo percorso è stata per me così viva, intensa e alla fine terapeutica.

Avevo bisogno di confrontarmi e uscire dalle abituali zone di conforto.

Avevo bisogno di archi veri per trovare l’equilibrio con il mondo sintetico, avevo bisogno di batterie acustiche per trovarlo con l’elettronica”.

Ad accompagnare Verticale è il videoclip di Closer To Your Heart, diretto da Andrea Centrella e prodotto da Fingerframe.

Il video racconta il percorso parallelo di un uomo e di una giovane donna (interpretati da Massimiliano Vado ed Elena Balestri), uniti a distanza dal filo rosso del tempo; mentre quello dell’uomo volge al termine, quello della donna offre una nuova opportunità per riscattare la propria identità.

Ambientato in scenari futuristici e post-apocalittici, il videoclip è stato girato in siti di archeologia industriale come l’Ex Centrale Elettrica di Fiumicino (che presto verrà riconvertito dal Comune in Auditorium) e naturale come Torre Flavia a Ladispoli (che a breve sarà oggetto di restaurazione e consolidamento da parte del Comune).

Cresciuto tra influenze musicali molto diverse, l’approccio alla musica di Roberto Lobbe Procaccini è sempre stato ricco di tante sfaccettature.

Compositore eclettico, cerca di far convivere differenti anime all’interno della propria musica, contaminando la sua scrittura con elementi apparentemente distanti e in continua ricerca di equilibrio: la melodia minimale all’interno di un suono poderoso, la tessitura orchestrale legata ad elementi post-rock, la solitudine pianistica attraversata da un’elettronica cupa.

Diplomato presso il Berklee College of Music di Boston, Lobbe ha scritto negli anni numerose colonne sonore per cinema e teatro per Arnoldo Foà, Massimiliano Bruno, Alessio Maria Federici, Michele Massimo Tarantini, Claudio Insegno e Maurizio Panici.

Musiche per spot pubblicitari, per installazioni artistiche, oltre a collaborare a vario titolo con numerosi artisti del panorama musicale italiano tra cui Marco Mengoni, Max Gazzè, Carmen Consoli, Paola Turci, Patty Pravo, Otto Ohm, Bandabardò, Marina Rei, Zero Assoluto, The Niro e molti altri.

Ufficio Stampa HF4 www.hf4.it
Marta Volterra marta.volterra@hf4.it 340.96.900.12
Matteo Glendening matteo.glendening@hf4.it 391.13.70.631

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/2021/02/20/le-lotte-e-lutopia-1968-1970/

https://www.unfotografoinprimafila.it/teatro-vascello-facciamo-luce-sul-teatro/