mail 2 1

Concerto di Natale 2019 omaggio a “Federico Fellini”. A Cento anni dalla nascita nel 2020 concerto di Natale 2019


Concerto di Natale 2019 omaggio a “Federico Fellini”. Come da tradizione, torna a Terni il Concerto promosso e sostenuto dalla Fondazione Carit e organizzato dall’associazione Visioninmusica con il sostegno della Banca Popolare di Spoleto, un saldo e consolidato legame tra la Fondazione e la città all’insegna di eccellenti produzioni artistiche.

Concerto di Natale 2019 omaggio a “Federico Fellini”. Nel corso degli anni, infatti, prestigiose orchestre e solisti di rilievo internazionale si sono esibiti nella suggestiva cornice romanica della chiesa di San Francesco, arricchendo gli eventi culturali del periodo natalizio con un evento fra i più attesi e partecipati.

Quest’anno l’appuntamento sarà sabato 21 dicembre 2019, con un doppio concerto alle ore 17:00 e alle ore 21:00 – per far fronte alla straordinaria richiesta.

Protagonista sarà la Filarmonica Gioachino Rossini diretta da Federico Mondelci (in veste anche di sassofono solista) che interpreterà un intenso programma dedicato a Federico Fellini, di cui, nel 2020, ricorreranno i cento anni dalla nascita.

Il repertorio scritto da Nino Rota sarà preceduto dall’esecuzione di brani sacri e classici, tra cui l’Ave Maria, che una certa tradizione ha voluto attribuire al compositore cinquecentesco Giulio Caccini, tre sinfonie rossiniane

(Il signor Bruschino, La Cenerentola e Il barbiere di Siviglia), per esaltare l’orchestra nel suo repertorio più rappresentativo, e la Pastorale dal Concerto fatto per la notte di Natale di Arcangelo Corelli.

L’omaggio a Fellini e al cinema sarà però il vero protagonista della seconda parte del concerto e anche dell’intera serata:

Federico Mondelci ha realizzato per l’occasione una suite orchestrale con l’intento di ripercorre la carriera cinematografica del grande regista riminese, soffermandosi sulle colonne sonore di alcune tra le sue più celebri pellicole (Amarcord, La strada, La dolce vita e 8 ½).

La simbiosi che alle volte si instaura tra regista e compositore ha trovato in Fellini e Rota due magnifici interpreti, che possono essere a buon diritto presi da modello e riferimento, pensando ad altri grandi binomi che li hanno seguiti: Sergio Leone ed Ennio Morricone, Steven Spielberg e John Williams.

Il tributo al cinema sarà infine integrato anche da altri capolavori composti da Rota, e affidati però ad altri registi, come Il gattopardo di Luchino Visconti e Il Padrino di Francis Ford Coppola.

ore 17.00 INGRESSO LIBERO con prenotazione obbligatoria**

ore 21.00 INGRESSO LIBERO (fino a esaurimento posti)

È possibile effettuare la prenotazione obbligatoria dei posti dal 9 al 13 dicembre telefonando allo +39 0744 432714 dalle 10.00 alle 12.00.

PROGRAMMA

GIULIO CACCINI (1551-1618)

Ave Maria (orchestrazione R. Granata)

GIOACHINO ROSSINI (1792-1868)

Il signor Bruschino – Sinfonia

La Cenerentola – Sinfonia

Il barbiere di Siviglia – Sinfonia  

ARCANGELO CORELLI (1653-1713)

Pastorale dal Concerto fatto per la notte di Natale

NINO ROTA (1911-1979)

Film Suite per sassofono e orchestra (arrangiamento R. Granata)

“Omaggio a Fellini nel centesimo anniversario della nascita”

Prova d’orchestra

Amarcord

Rocco e i suoi fratelli

I clowns

La strada

Il Gattopardo

Il Padrino

La dolce vita

Otto e mezzo

Sabato 21 dicembre 2019

ore 17:00 e ore 21:00*

Chiesa di San Francesco

Piazza S. Francesco, 12 – Terni

Associazione Visioninmusica

tel. +39 0744 432714 – cell. +39 333 2020747

info@visioninmusica.com – www.visioninmusica.com

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

www.elisabettacastiglioni.it/

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/roma-casa-del-cinema-furio-scarpelli/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-san-genesio-con-i-ridikulus/

mail 1

Capodanno per famiglie con i Redikulus al Teatro San Genesio 

Quinto anno consecutivo, a Roma, dell’evento “Capodanno per famiglie” della Compagnia Teatrale I RIDIKULUS.
L’unico vero e originale evento di capodanno a teatro con i bambini!

Dopo il grande successo del capodanno 2015, 2016, e il trionfo del 2017 e 2018, anche quest’anno il 31 dicembre si terrà lo spettacolo per famiglie, dove i bambini assieme ai loro genitori rideranno con la magia del teatro e aspetteranno il 2020 assieme agli attori con spettacolo, balli, giochi, divertimento, pandoro, panettone e spumante per tutti!

Lo spettacolo di questo capodanno è “Un Natale tira l’altro” scritto e diretto da Antonio Losito e Veronica Liberale. In scena, assieme agli autori, c’è Massimo De Giorgio e Simone Giaccaglia.

Anche quest’anno la location per il “Capodanno per famiglie” sarà presso il Teatro San Genesio, sito in Via Podgora, 1 (Piazza Mazzini – Metro A “Lepanto”) a Roma.

mail 2SINOSSI DELLO SPETTACOLO:

“UN NATALE TIRA L’ALTRO”

La principessa dei ghiacci accompagnata dai suoi aiutanti, due simpatici e stravaganti pinguini, ha compiuto un lungo viaggio dalla Lapponia per raccontare una storia ricca di mistero, di colpi di scena e di magia.

E’ una favola che racchiude in se le più belle leggende e fiabe di natale.

I suoi ricordi evocano la storia di un ricco e cinico giocattolaio. E’ un uomo che pensa solo a vendere i suoi giocattoli e guadagnare tanti soldi.

Il suo fidato e simpatico assistente Rudolph, è costretto ad assecondare i capricci del suo titolare, compreso quello di rimanere a lavorare la notte di Natale.

Quella notte, la nostra principessa dei Ghiacci interverrà a favore di Rudolph complicando la vita al nostro giocattolaio

Quell’evento scatenerà una serie di avvenimenti che porteranno il cinico giocattolaio, a donare i giocattoli ai bambini più bisognosi.

E se il nostro protagonista si trasferisse al polo nord e decidesse di dedicare la sua vita agli altri? Un’ originale e inedita leggenda sulla nascita del mito di Babbo Natale, dei suoi simboli e dei luoghi a lui legati.

Per info e prenotazioni potete chiamare al numero 334.7475332 (anche servizio whatsapp) o inviare una mail a teatro.ridikulus@gmail.com

Biglietto unico 40,00 euro – Prenotazione obbligatoria

 Programma dello “SPECIALE CAPODANNO” delle ore 22.00:

– ore 21.15:   ARRIVO IN TEATRO
– ore 22.00:   INIZIO DELLO SPETTACOLO
                        “UN NATALE TIRA L’ALTRO”
– ore 23.15:   FOTO CON I PERSONAGGI
– ore 23.30:   PANDORO e PANETTONE PER TUTTI!
– ore 23.55:   INIZIO COUNTDOWN PER LA MEZZANOTTE;
– ore 00.00:   SPUMANTE… BRINDISI con GLI ATTORI e… AUGURI!
– ore 00.10:   BALLI DI GRUPPO e ANIMAZIONE
– ore 01.00:   SALUTI e BALLI!

ANCHE QUEST’ANNO IL NOSTRO CAPODANNO RADDOPPIA!!!!

Chi non potesse essere presente all’evento della mezzanotte potrà vedere lo spettacolo alle ore 19.00, con una “REPLICA STRAORDINARIA” a grandissima richiesta!!

Potrete venire a teatro e ridere con tutta la famiglia anche prima del classico cenone. Un’occasione UNICA!

Programma della “REPLICA STRAORDINARIA” delle ore 19.00

– ore 18.00:  ARRIVO IN TEATRO
– ore 18.10:  “BABY APERITIVO” con patatine, arachidi, salatini, pop                               corn e bibite per tutta la famiglia!
– ore 18:15:   Saluti, musica e foto con due personaggi a sorpresa!
–  ore 19.00:  INIZIO DELLO SPETTACOLO
                       “UN NATALE TIRA L’ALTRO”
– ore 20.15:   SALUTI e BALLI

Costo della “REPLICA STRAORDINARIA” delle ore 19.00:

biglietto unico 25,00 euro.

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/qualcosa-in-comune-un-grande-successo-al-teatro-tirso-de-molina

https://unfotografoinprimafila.it/roma-casa-del-cinema-furio-scarpelli/

mail 1
furio scarpelli mostra 6

Furio Scarpelli, pennello, china e macchina da scrivere alla Casa del Cinema in collaborazione con Romics

Per celebrare i 100 anni dalla nascita del grande sceneggiatore, lunedì 16 dicembre alla Casa del Cinema di Roma, in collaborazione con Romics, una giornata di eventi e proiezioni e l’inaugurazione della grande mostra che rivela e racconta il Furio Scarpelli Disegnatore

Una giornata di celebrazioni alla Casa del Cinema di Roma per rendere omaggio e raccontare una grandissima figura del cinema italiano, Furio Scarpelli.

Gli appuntamenti di lunedì 16 dicembre: dalle ore 16:00 la proiezione del film Ballando Ballando di Ettore Scola, in collaborazione con La Cineteca Nazionale.

furio scarpelliUn capolavoro del 1983 che racconta mezzo secolo di storia tra musica, sguardi e atmosfere uniche

Alle 18:00 l’imperdibile incontro che coinvolgerà registi, attori, personaggi del mondo della cultura e dell’arte che hanno lavorato con lui e amato le sue opere

L’inaugurazione di una originale mostra, in collaborazione con Romics, che rivela e racconta il Furio Scarpelli disegnatore, illustratore e fumettista.

La Mostra, dal titolo Furio Scarpelli: Pennello, China E Macchina Da Scrivere.

Un affascinante percorso, in quattro sezioni, che narra di una passione e di un’instancabile attività che ha percorso tutta la vita di Furio Scarpelli, il disegno

Una mostra antologica tra storici fumetti, ritratti, vignette satiriche e sceneggiature disegnate, che rivela il talento inedito dello sceneggiatore.furio scarpelli mostra 4

Passando anche per l’inedito progetto, come sempre accompagnato da illustrazioni, firmato insieme ad Age e a Monicelli nel 1967. Casa del Cinema.

Un soggetto per un film dal titolo Big Deal on the Moon, una sorta di seguito ideale ai Soliti ignoti, in cui i protagonisti si uniscono per tentare l’impresa che li riscatti e li renda immortali

Raggiungere la Luna; una storia che anticipava di qualche anno lo sbarco di Armstrong e Aldrin.

Romics con questa mostra ha voluto fortemente portare alla luce un patrimonio quasi del tutto inedito con un lavoro coordinato dal figlio Giacomo Scarpelli, Sabrina Perucca, Direttore Artistico di Romics e in collaborazione con Gallucci Editore.

Casa del cinema ha accolto con grande entusiasmo il progetto e ospiterà la Mostra fino al 16 gennaio 2020 presso le Sale Sergio Amidei e Cesare Zavattini.

furio scarpelli mostra 3La mostra sarà ufficialmente inaugurata il 16 dicembre, giorno in cui si terrà inoltre presso la Sala Deluxe imperdibile incontro per omaggiare la straordinaria figura di Furio Scarpelli.

Alla Casa del Cinema Interverranno Giacomo Scarpelli, Francesco Martinotti, Leone Pompucci, Carlo Gallucci, Sabrina Perucca e il Direttore della Casa del Cinema Giorgio Gosetti.

Furio Scarpelli è stato un artista del pennello e della macchina da scrivere.

Per chi ha amato il suo cinema, per chi ama il fumetto e l’illustrazione la mostra rappresenta un’imperdibile occasione di immergersi nell’opera di una figura imprescindibile della cultura italiana.

UFFICIO STAMPA Romics: Maurizio Quattrini +39 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/festa-di-roma-2020-carmen-consoli-al-circo-massimo

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-villa-pamphilj-effetto-terra/

Senza titolo 1 4

Rassegna “Science Fiction” Effetto Terra Teatro Villa Pamphilj


Lezione spettacolo al Teatro Pamphilj a cura di Effetto Joule con la partecipazione di Andrea Motroni

Teatro Villa Pamphilj “Effetto Terra”. Il 29 ottobre 2018, quando è iniziato il lavoro su Effetto Terra, in un solo giorno a Roma sono caduti 131 alberi.

Teatro Villa Pamphilj “Effetto Terra”. Da allora molti eventi simili e peggiori si sono susseguiti Un evento eccezionale che denuncia un violento cambiamento climatico in atto.

Al centro di tutto è l’energia, come la utilizziamo, come la sprechiamo, e l’impatto che la sola nostra presenza, e le nostre azioni, anche inconsapevoli, hanno sul pianeta.

Per sostenere il nostro stile di vita ci vorrebbero tre pianeti, non lo stile di vita del vicino di casa che si comporta male e non fa la differenziata, ma proprio il nostro.

E’ una cosa che riguarda non gli altri ma noi, noi che pensiamo in linea di massima di stare molto attenti, di comportarci bene.

Chi lo dice? La nostra impronta ecologica, che misura quanto consumiamo e qual è la nostra richiesta energetica, che ci dice in che giorno e mese dell’anno, seguendo proprio il nostro stile di vita, finiremo le risorse della terra.

Il problema siamo noi, il sistema economico in cui viviamo, la nostra scarsa se non nulla capacità di interpretare che viviamo al di sopra delle possibilità del pianeta.

Teatro Villa Pamphilj. Un pianeta che si agita e si ribella e anche nel quotidiano comincia a dare dei segnali.

Andrea Motroni, agrometeorologo esperto in fenomeni di desertificazione e responsabile dell’educazione ambientale per l’Arpa Sardegna racconta, e spiega, come questo cambiamento climatico sta avvenendo, quali sono le cause e cosa possiamo fare porre un freno.

“Siamo un gruppo di persone provenienti da diverse ere ed aree del mondo dello spettacolo e ci siamo incontrati lavorando nel giardino di un teatro,

non perché condannati a prestare ore di servizio sociale, ma perché il teatro, in cui ognuno per conto suo svolgeva il suo ruolo professionale, si trova all’interno di un parco.

Meglio resistere e costruire insieme che da soli, ci siamo detti, e abbiamo unito due compagnie teatrali, Malalingua e TiConZero, e un altro po’ di forze in un progetto nuovo.

Tendenzialmente perseguiamo produzione di spettacoli, formazione, divulgazione culturale e creazione di comunità.

Il teatro è il nostro strumento.”  Effetto Joule è costituito da: Valerio Bucci, Anna Maria Piccoli, Valeriano Solfiti, Emiliano Valente, Maria Zamponi ed Enrico Ferraro. www.effettojoule.it

TEATRO VILLA PAMPHILJ

Domenica 15 dicembre ore 11:30 ingresso 3 €

Teatro Villa Pamphilj

Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 – P.zza S. Pancrazio 9/a,  00152 ROMA 

Orario segreteria: dal martedì alla domenica  dalle 10,00 alle 1700

Info e prenotazioni teatro: tel. 06 5814176  dal martedì alla domenica

promozione@teatrovillapamphilj.it

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/festa-di-roma-2020-carmen-consoli-al-circo-massimo?fbclid=IwAR2RqCKj8gRvGB7HRrr1xO1YeNg-rAHN6JgMcazUIz7xnaXVALEjrFp40s0

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-tor-bella-monaca-sacra-famiglia/

Senza titolo 1 4
Sacra Famiglia 05

Teatro Tor Bella Monaca “Sacra famiglia”. 12-14 dicembre, ore 21.00 La Sacra famiglia di Nunzio Caponio


Teatro Tor Bella Monaca “Sacra famiglia”. Un uomo, tracciato dalla sigla clinica di DPTS’ (Disturbo Post-Traumatico da Stress), fa ritorno alla casa natìa.

Teatro Tor Bella Monaca “Sacra famiglia”. La missione in Iraq ha impresso dei segni indelebili sulla sua esistenza.

Teatro Tor Bella Monaca “Sacra famiglia”. Al suo rimpatrio ritrova una casa vuota e la presenza incombente dei genitori.

Il figlio incarna l’arcano del folle, colui che si inabissa in un magma scuro dove i valori e i rapporti sociali sono drasticamente diversi da quelli ambìti dai suoi genitori.

Un percorso che lo porta a trovarsi in una profonda crisi d’identità e carenza affettiva frutto di una depersonalizzazione in balia di una sempre più incalzante mercificazione del sé.

“L’esposizione dei figli a violenti conflitti con i genitori – sottolinea l’autore e interprete Nunzio Caponio, autore di oltre 20 drammaturgie teatrali – li rende vulnerabili all’insorgenza della sintomatologia da stress post-traumatico.

E’ dimostrato che traumi avvenuti in periodi sensibili nello sviluppo neurobiologico, tendono ad avere conseguenze a lungo termine e aumentano significativamente il rischio di gravi disturbi fisici e psicologici in età adulta.

Gli altri, in particolare gli adulti, sono visti come poco affidabili e dal comportamento imprevedibile, quindi i bambini e gli adolescenti svilupperanno sentimenti di sfiducia, sospettosità, problemi nell’intimità, isolamento sociale e convinzioni che dovranno proteggersi da soli, perché nessun altro lo farà”.

Sacra Famiglia, testo potente che analizza al microscopio il tessuto familiare, strappa l’abito che veste il concetto di famiglia, e lontano da false certezze, mette a nudo individui che dichiarando il loro inganno alla vita trovano il coraggio di redimersi dalla menzogna.

giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 ore 21

di e con Nunzio Caponio
costumi Marco Nateri
disegno luci Mattia Di Mauro
drammaturgia sonora Nunzio Caponio

Sardegna Teatro

BIGLIETTI
intero 10,50 Euro
ridotto 8,50 Euro
giovani 7,00 Euro
invalidità 5,00 Euro
diversamente abili 2,50 Euro
prezzo speciale GIFT CARD 7,50 Euro

info e prenotazioni 06/2010579
promozione@teatrotorbellamonaca.it

Teatro Tor Bella Monaca

Via Bruno Cirino angolo Via Duilio Cambellotti

Prenotazioni: tel 06 2010579 

Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30

Ufficio promozione: ore 10-13.30 e 14.30-19

promozione@teatrotorbellamonaca.it

www.teatrotorbellamonaca.itwww.teatriincomune.roma.it

Ufficio stampa: Brizzi comunicazione

Cecilia Brizzi c.brizzi@brizzicomunicazione.it –  Tel 06 39038091 – 39030347 334 1854405

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-garbatella-eresia-romana-dark-rock-e-lo-schiaccianoci

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-quirino-i-tesori-del-cuore/

Senza titolo 1 3

Tragedia greca di Sofocle Antigone al Nuovo Teatro San Paolo


 Si tiene al Nuovo Teatro San Paolo, venerdì 20 dicembre alle 20.30 il debutto di Antigone, tragedia greca diretta da Margherita Patti.

Interpretato da Umberto Bianchi, Mariagabriella Chinè, Marcello Cirillo, Kevin Di Sole, Matteo Martinelli, Gioele Rotini, Michelle Rizzo e la partecipazione straordinaria di Lina Bernardi. 

Lo spettacolo, prodotto da Sperimentiamo srl è un progetto realizzato con il finanziamento di Roma Capitale – Municipio VIII, ad ingresso completamente gratuito.

Eteocle e Polinice, fratelli di Antigone, sono uccisi reciprocamente alle porte di Tebe.

Il re Creonte, zio dei defunti, ordina che dei due solo Eteocle verrà sepolto, in quanto è battuto per la città. Antigone non sopporta l’idea e di nascosto seppellisce Polinice.

Colta sul fatto, viene portata davanti al re, il quale ordina che verrà rinchiusa viva in una caverna sotterranea.

La donna non mostra cedimenti, anzi, afferma davanti alle leggi degli Dei sono più importanti delle leggi degli uomini.

Inizia così la celebre tragedia di Sofocle, con una traduzione fedele al testo originale che mette in risalto la grandezza dell’opera.

La regia di Margherita Patti fa rivivere la forza del teatro greco in uno spettacolo di altissimo valore artistico, con un cast di attori professionisti impreziosito anche dalla presenza dell’attrice di fama internazionale Lina Bernardi.

Una regia che ricorda come il teatro abbia da sempre avuto una veste etica e il morale che gli ha permesso di influenzare l’uomo e la società in generale; in particolare in quest’opera, dove la legge dello Stato viene messa a confronto con la legge morale dell’uomo e del suo istinto.

Che valore assumere mettere in scena una tragedia dell’antica Grecia al giorno d’oggi?

Per gli uomini della politica andare a teatro era un atto destinato a valorizzare il benessere umano, un impegno pubblico di primaria importanza attraverso il quale misurare la propria vita attuando un processo di immedesimazione che li liberava dalle pulsioni negative (la catarsi aristotelica).

Crediamo molto nella potenza dell’Antigone, soprattutto se diretta ai giovani, perché l’animo umano dopo i secoli è ancora in grado di stupirsi per le stesse vicende, provare tristezza per gli stessi dolori, emozionarsi con le stesse parole.

Le tematiche sono sempre attuali: il desiderio di emancipazione femminile, di giustizia, di sentirsi uomo e non numero all’interno di un potere statale.

L’amore infine per i propri cari e il bisogno di una legge morale che guidi le decisioni di chi ci governa.

Una Produzione di Sperimentiamo srl

INGRESSO GRATUITO

Informazioni

www.sperimentiamo.it – ​​3334080635 – 0645435985 – info@sperimentiamo.i

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-garbatella-eresia-romana-dark-rock-e-lo-schiaccianoci

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-quirino-i-tesori-del-cuore/

Senza titolo 1 3
Teatro Quirino

Quando una notte a Teatro ti riempie l’anima “I Tesori del Cuore” al Teatro Quirino


Teatro Quirino “I Tesori del Cuore”. Roma, dicembre 2019 – Scoprire, amare e imparare a convivere con la diversità in modo creativo, originale e intelligente.

Debutta in prima assoluta sul palco del Teatro Quirino di Roma sabato 14 dicembre “I Tesori del Cuore” uno spettacolo ideato dalla violinista Anyla Kraja e scritto a due mani da Alen Xhafa e Angela Ceruti.

Lo spettacolo è promosso e prodotto dall’associazione culturale NAM ART, con il patrocinio dell’ambasciata della Repubblica d’Albania in Italia, e con la partecipazione di artisti e interpreti internazionali.

La coreografa e étoile Diana Ferrara, Fausto Di Cesare al pianoforte, Alen Xhafa attore, i danzatori dell’Astra Roma Ballet, il light designer Pino Quini, per la regia di Angela Ceruti e con la partecipazione straordinaria dell’attore Livio Beshir.

LOCANDINA Spettacolo Copia“I Tesori del Cuore” uno spettacolo dove la diversità diventa bellezza, e unisce sullo stesso palco quattro linguaggi artistici, ma differenti tra loro: la musica da camera, la danza, la parola ed infine la luce.

Un inedito percorso artistico ideato da Anyla Kraja, dove nel caso di C. Debussy si tratterà di un vero e proprio adattamento, che vedrà la musica da camera tradotta in movimento corporeo con le coreografie di Diana Ferrara per trasmettere un linguaggio elitario ad un pubblico sempre più vasto.

Anyla Kraja è una musicista di fama internazionale che ha sempre messo la sua arte al servizio di cause sociali, diventando un’ambasciatrice nel sostegno delle campagne dell’organizzazione FAO delle Nazioni Unite per l’alimentazione.

Attraverso l’esecuzione di J.S.Bach, C.Debussy, G.Faurè, J.Massenet, F.Chopin, J. Williams e di F. Liszt invita gli spettatori a seguire il cuore e a scoprire i suoi tesori.

“Sette danzatori, un violino e un pianoforte (a quattro mani) e un attore daranno vita ad una performance magica – racconta Anyla Kraja, musicista ed ideatrice dello spettacolo.

 Un flusso di vibrazioni che vedrà la partecipazione straordinaria di amici e colleghi di prestigio e al tempo stesso un’opportunità per dare spazio a giovani promesse alle quali affidare un’eredità artistica e spirituale.

 “I messaggi di cui «I tesori del cuore» è portatore sono rivelatori di una ricerca spirituale rispettosa di tutte le cornici che l’essere umano nel suo eterno cercare sceglie di volta in volta – sottolinea Angela Ceruti, regista dello spettacolo.

Perché « I tesori del cuore » ? Perché il cuore viene pesato, non per guadagnarsi l’aldilà ma per riconoscergli il miracolo di cui è capace.

Il cuore viene scandagliato nel suo essere colmo di gioia, nel suo essere trafitto con la freccia dell’amore, nel suo aprirsi alla condivisione e alla sacralità della vita.

«I tesori del cuore» è un’avventura ed una scoperta squisitamente personale che ci auguriamo possa continuare ed arricchirsi ben oltre questo nostro fugace incontro.”

Teatro Quirino

Via delle Vergini, 07

ore 21:00

Roma

I biglietti sono disponibili in biglietteria al Teatro Quirino oppure on-line su teatroquirino.it

Prezzi da 22€, 30€ e 17€ (ridotti)

 Per info e approfondimenti (contatti non autorizzati alla pubblicazione)

Giuseppe GIULIO

Communication & Digital PR

I Tesori del Cuore

 M: + 39 3341553320

MAIL: ggiulio.press@gmail.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-garbatella-eresia-romana-dark-rock-e-lo-schiaccianoci?fbclid=IwAR2P-a8DFkgg8LQ2nnCpiFv502VSQAnNdpK1YwMaDY33k_Si8DTvlR_eMCw

https://unfotografoinprimafila.it/off-off-theatre-ismael-in-viaggio-dalla-siria/

Teatro Quirino
OffOff Theatre Ismael 2

Nogu Teatro presenta Ismael In viaggio dalla Siria all’Off/Off Theatre


Ismael, In viaggio dalla Siria, spettacolo scritto e interpretato da Massimiliano Frateschi, per la regia di Graziano Piazza, in scena all’OffOff Theatre, il 17 e il 18 dicembre, racconta la vera storia di un ragazzo scappato da Damasco, ora rifugiato in chissà quale paese europeo, nel momento del suo passaggio a Roma.

Ismael è un ragazzo di 30 anni scappato dalla Siria.

Dopo essere stato perseguito politicamente senza ragione, cacciato dalla sua città natale, rinchiuso in un carcere, dopo aver attraversato due continenti da nomade e perso le tracce della sua famiglia e del fratello Adnan, con cui ha condiviso la reclusione, Ismael si trova all’ufficio per gli immigrati a Roma.

Ismael è un ragazzo iperattivo, molto magro e sorridente nonostante il suo bagaglio emotivo.

Ha imparato a parlare italiano da bambino, romano per la precisione (chiaramente sempre mantenendo un forte accento arabo) perché la madre, probabilmente morta mentre Ismael era in viaggio verso la terra promessa, cercava di lasciare ai suoi figli un’ancora di salvezza verso un mondo non troppo lontano e forse più accogliente.

Quando Ismael arriva a Roma, difronte alle due o tre persone del comitato di accoglienza dell’ufficio immigrazioni, risponde alle domande e si lascia scivolare nei ricordi raccontando tutta la sua storia.

NOTE dell’autore Massimiliano Frateschi

C’è un’energia in Ismael, diversa da quelle di tutti gli altri esseri umani, perché quello che ha passato, che ci racconta quanto possa essere scontato per il mondo questo abominio della guerra e del razzismo politico, lui l’ha vissuto con una normalità serafica, o almeno così ci vuole far credere.

Forse però i suoi sentimenti e il suo cuore hanno davvero bisogno di un abbraccio mancato. Il suo continuo e ridondante intercalare romano alleggerisce il tono dei discorsi che in realtà sono cruenti e violenti e il suo sorriso spiazzante fa passare per leggero ciò che non lo è.

Questa storia è stata scritta per un mio caro amico siriano, scappato da Damasco e rifugiato tutt’ora in qualche parte dell’Europa

Quando ho conosciuto Adnan (che nella storia sostituisco con il nome di Ismael dando al suo vero nome un personaggio secondario e non presente ma principale come quello del fratello) ho trovato una persona estremamente sensibile e acculturata, con degli studi universitari alle spalle e un talento naturale nelle lingue e nelle interazioni sociali.

Un ragazzo positivo ma con tanta di quella vita dentro il cuore da lasciarti pensare anche quando i suoi occhi sorridono come se nulla fosse. Gli ho chiesto la sua storia… e sono qui per raccontarvela.

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€;

Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

Info e Prenotazioni: +39 06.89239515 – offofftheatre.biglietteria@gmail.com

SITO: http://off-offtheatre.com/ – FB: https://www.facebook.com/OffOffTheatreRoma/ – IG: https://www.instagram.com/offofftheatre/?hl=it

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona
Carla: carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
FB: https://www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/ – IG: https://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona/?hl=it

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-argot-studio-presenta-sciaboletta/

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-golden-va-in-scena-sketches-party

invito Slam

Il Sea-Ty Peacoat nuovo capo icomico di pregio della Slam presenta Marcello Lippi

 Slam shop Roma, Via del Corso  90, 11 dicembre, ore 15.00-17.00

 Slam, il brand genovese di abbigliamento per la vela nato dalla passione per il mare, chiude nella Città Eterna i festeggiamenti per il traguardo dei 40 anni con un fuoriclasse senza tempo come Marcello Lippi, testimonial 2019.

Un grande evento con Marcello Lippi, ex CT della nazionale italiana Campione del Mondo nel 2006

Lippi sarà testimonial Slam per la stagione SS19.

Ospite d’eccezione dello store romano di Via del Corso per incontrare i propri fan e presentare uno dei capi di punta della collezione invernale, il nuovo SEA-TY Peacoat.

Un appuntamento imperdibile per il pubblico romano.

l’11 dicembre dalle 15.00 alle 17.00, potrà ammirare in anteprima, il nuovo peacoat, realizzato in lana water repellent, studiato con un gilet staccabile con cappuccio.

Capo iconico della linea Sailing, che propone giacche in un materiale monoatomico come il graphene, noto per avere la stessa resistenza del diamante e la flessibilità della plastica.

Il nuovo SEA-TY Peacoat è anche un ottimo conduttore termico, antistatico, antibatterico e di rapida asciugatura.

Amante del mare e della vela, Marcello Lippi è legato all’azienda genovese anche per il suo ruolo di presidente di Insuperabili, la Onlus, sostenuta da Slam, che attraverso lo sport restituisce il sorriso ai ragazzi con difficoltà psicofisiche.

L’associazione guarda alle disabilità mettendo al centro tutta la bellezza e la forza dello sport per abbattere le barriere, unire culture e linguaggi, rendere liberi e trasmettere il meglio dei valori dell’uomo.

La vela, dunque, diventa uno strumento non solo di socializzazione e divertimento ma anche un mezzo per puntare a un miglioramento psico-fisico.

Performance, grinta, passione e innovazione sono per Slam le parole d’ordine per affrontare il mare, le giornate in barca o a terra.

Ufficio stampa evento romano Slam: brizzi comunicazione

Cecilia Brizzi c.brizzi@brizzicomunicazione.it

Tel 0639038091-0639030347-3341854405

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/evento/premio-con-il-sole-sul-viso

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-argot-studio-presenta-sciaboletta/

invito Slam
foto di chiara calabrò 1024x682

Teatro Argot Studio presenta “Sciaboletta”. Sciaboletta la piccola storia di un piccolo Re


Teatro Argot Studio presenta “Sciaboletta”. Il sesto appuntamento della stagione ARGOTNAUTICHE – Cronache dal mondo sommerso, vede in scena dal 13 al 15 dicembre

Teatro Argot Studio presenta “Sciaboletta”. Un giovane ma già affermato talento della scena under 35 italiana: l’attore e drammaturgo Alessandro Blasioli scrive, dirige e interpreta Sciaboletta.

Spettacolo vincitore del “Premio Giurie” Direction Under 30 – 2018 del Teatro Sociale Gualtieri e “Miglior Testo” al Festival ShortLab di Roma 2018.

Un monologo ironico e dissacrante sulla fuga del re Vittorio Emanuele III in seguito all’armistizio con gli Alleati, durante la Seconda Guerra Mondiale.

“9 settembre” 43, 5.30 del mattino: una colonna di 40 auto nere sta valicando gli Appennini

lungo Via Tiburtina, direzione Abruzzo; in testa alla colonna una Fiat 2800 grigio-verde con i vetri oscurati e le bandierine italiane poste sopra i fanali anteriori.”

Inizia così la fuga di Re Vittorio Emanuele Ferdinando Maria Gennaro di Savoia a seguito della dichiarazione d’Armistizio proclamata dal Generale americano Eisenhower.

Districandosi nella notte fra i selvaggi paesaggi abruzzesi, Re Vittorio Emanuele III troverà non pochi problemi lungo la via per la salvezza: i presidi tedeschi, le bande di paese e l’ombra di Mussolini, che oscura la figura sovrana al punto da farla andare in escandescenza in una invettiva antifascista quanto mai attuale.

La storia è nota: il vecchio Re 74enne fugge verso la salvezza. Avrebbe potuto evitare la disfatta un comportamento più reale da parte dell’anziano Sovrano?

Con intelligente ironia, un linguaggio incalzante derivato dalla Commedia dell’Arte e pirotecnici giochi di luce, Sciaboletta tira fendenti e pone domande a una società che pare stia entrando – ancora una volta – in un’epoca nazionalista e di malcelato odio del diverso, andando a raccogliere e riportare gli insegnamenti del nostro passato.

Teatro Argot Studio

Via Natale Del Grande, 27| 00153 Roma

Tel. 06/5898111

facebook.com/argotstudio

instagram.com/teatroargotstudio

P.IVA: 08154421005 | C.F. 06932070581

Orario spettacoli:

dal martedì al sabato ore 20.30

domenica ore 17.30

Biglietti:

15€ intero, 10€ ridotto, 8€ studenti

Info e prenotazioni:

info@teatroargotstudio.com

www.teatroargotstudio.com

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/teatro-garbatella-non-ci-resta-che-ridere?fbclid=IwAR25igW1tcFJc8LV98gcwzXIgbxRFR2jNX9GyZCb5YiEdgX_Dd8KRKZhTyg

https://unfotografoinprimafila.it/auditorium-parco-della-musica-harry-potter/

Teatro ariette

Il Teatro delle Ariette torna a Roma al Teatro Biblioteca Quarticciolo con lo spettacolo, con cena, “Tutto quello che so del grano”

Al Teatro Biblioteca Quarticciolo, dall’11 al 14 dicembre alle ore 21, torna il Teatro delle Ariette con lo spettacolo, con cena, Tutto quello che so del grano con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi e Stefano Pasquini, regia Stefano Pasquini.

Teatro Quarticciolo “Tutto quello che so del grano”. Una focaccia, una lettera, un uomo e una donna, che vivono insieme da più di trent’anni, coltivano la terra, allevano animali e fanno teatro: questi i soggetti dello spettacolo.

Teatro Quarticciolo “Tutto quello che so del grano”. Forse la sera prima hanno litigato. Per questo l’uomo si sveglia presto e impasta una focaccia per lei, con la farina del grano che hanno coltivato.

È da venticinque anni che seminano il grano insieme, così lui decide, nelle pause, tra una lievitazione e l’altra, di scriverle una lettera, una sorta di testamento, per dirle tutto quello che sa del grano, tutto quello che crede di avere imparato o pensa di avere capito.

Scrive per lei, perché è un’attrice, per regalarle un monologo così bello da vincere tutti i premi e avere un grande successo, perché lei possa leggere e dire le sue parole di fronte agli spettatori e lui possa, nascosto tra loro, ascoltarle, pronunciate dalla sua voce, ogni sera, per sempre.

L’intenso racconto del proprio vissuto tra crisi e rinascite, del teatro che si radica alla terra e alle sue leggi, diventa condivisione di un’idea di storia come inizio, del cibo come relazione umana, esperienza dei riti della civiltà contadina, che possono rivivere oggi nel rito del teatro.

“Tutto quello che so del grano è uno spettacolo a forma di imbuto.

Quando arrivi al collo dell’imbuto, se vuoi passare di là, devi fare i conti con quello che sei, con la materia di cui sei fatto.

E io voglio passare di là, attraversare il buio di questo presente e arrivare nell’aperto, in quel posto dove sbocciano i fiori a non finire, per immaginare un altro mondo, un futuro possibile, luminoso, fosse anche tra 2781 anni.

Tutto quello che so del grano è fatto di pochi, semplici elementi.

Una lettera. Una focaccia. Un uomo e una donna. La campagna e il teatro.  Tutto quello che so può essere niente.

E il grano? Alle soglie dei sessant’anni, qualcosa devo pure avere imparato, qualcosa devo sapere, e questo qualcosa non posso tenerlo per me, perché faccio teatro … perché …

Tutto quello che so del grano è appena nato.

Non so se dopo questo spettacolo ne faremo un altro. Non è certo questo il momento di pensarci.

Eppure ci penso. Ogni spettacolo è sempre l’ultimo.

Tu pensi che sia eccitante fare uno spettacolo. Hai ragione, ma la creazione è anche fatica … alla fine ti senti svuotato … sei pieno di dubbi … di domande … Capirai quello che vogliamo dire?

Questo sforzo serve a qualcosa? Cosa penserai di noi?

Forse che il grano non interessa più nessuno … e forse neanche il teatro … eppure continuiamo a nutrirci di pane … e tu, spero, verrai a teatro … in fondo … tutto il mio teatro … non è altro che una lunga lettera … indirizzata a un unico destinatario … lo spettatore.

Tu scrivi ancora delle lettere? Io sì, ogni tanto … tu a chi scrivi? Se io dovessi scrivere una lettera … oggi … la scriverei a te.”

Cena (in piedi): focacce con formaggi, salumi e verdure… e vino!

Spettacolo per 50 persone a sera.

Crediti

Teatro delle Ariette

Tutto quello che so del grano

di Paola Berselli e Stefano Pasquini
con Paola Berselli, Maurizio FerraresieStefano Pasquini

regia Stefano Pasquini
scenografia e costumi Teatro delle Ariette | luci e audio Massimo Nardinocchi| video Stefano Massari | segreteria organizzativa Irene Bartolini| comunicazione e ufficio stampa Raffaella Ilari

Teatro Biblioteca Quarticciolo Via Ostuni 8 – Roma

Direzione artistica Veronica Cruciani

Info e prenotazioni tel  06 69426222 – 0669426277 promozione@teatrobibliotecaquarticciolo.it

Botteghino feriali ore 18-21.30, festivi ore 16-18.30

Biglietto unico con cena: 20€

Acquisto on line  http://www.biglietto.it/newacquisto/titoli.asp?ide=1802

www.teatrobibliotecaquarticciolo.itwww.teatriincomune.roma.it

banner piccolo ema

 

Leggi anche:

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-bublioteca-quarticciolo-polvere/

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-golden-presenta-doppio-misto/

Orchestra Italiana del Cinema

L’orchestra Italiana del Cinema dal vivo con “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” in concerto.

Un’esperienza unica che vede l’orchestra italiana del cinema eseguire dal vivo l’intera colonna sonora in sincronia con le immagini e i dialoghi del filmall’Auditorium Parco della Musica.

Biglietti in vendita presso le biglietterie dei teatri o sul sito  www.ticketone.it

La serie di concerti di film di Harry Potter ritorna all’all’Auditorium Parco della Musica di Roma con “Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban” in concerto il 29 e 30 dicembre.

Diretta da Timothy Henty , l’Orchestra Italiana del Cinema eseguirà queste magiche partiture dal vivo durante la proiezione del film che sarà riprodotto in alta definizione su uno schermo di 12 metri.

Il tour mondiale della serie di concerti cinematografici di Harry Potter è stato lanciato nel 2016 da Cine Concerts e Warner Bros.

Consumer Products per celebrare i film di Harry Potter.

Dalla prima mondiale di Harry Potter e la Pietra Filosofale in concerto a giugno 2016, oltre 1,3 milioni di persone hanno apprezzato questa magica esperienza da JK Rowling’s Wizarding World, con oltre novecento spettacoli in più di 48 paesi del Mondo.

Le date italiane sono prodotte da Marco Patrignani e Forum Music Village; i concerti di Milano godono del patrocinio del Consolato Britannico; quelli di Roma dell’Ambasciata Britannica in Italia.

Orchestra Italiana del Cinema 3In Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, è il terzo anno a Hogwarts per Harry, Ron ed Hermione. All’Auditorium Parco della Musica

Qui incontrano il prigioniero fuggito Sirius Black e imparano a maneggiare un Ippogrifo mezzo cavallo / mezza aquila, rispondi il mutevole Boggart e padroneggiare l’arte della Divinazione.

Harry deve anche resistere ai Dissennatori che succhiano l’anima, superare in astuzia un pericoloso lupo mannaro e affrontare la verità su Sirius e il suo rapporto con Harry ei suoi genitori.

Conquistando una nomination all’Oscar per la colonna sonora, la musica affascinante e magistrale composta da John Williams è diventata una celebrità classica, evocando bellissimi leit-motive che accompagnano le avventure di Harry Potter e dei suoi amici nel loro magico viaggio.

In Harry Potter e il Calice di Fuoco, Harry entra misteriosamente nel Torneo Tremaghi, una gara stimata da diverse scuole di magia in cui affronta un drago, demoni d’acqua e un labirinto incantato che lo tiene nella stretta morsa di Lord Voldemort.

Harry, Ron ed Hermione lasciano l’infanzia per sempre e affrontano sfide oltre la loro immaginazione.

Vincitore sia dell’International Film Music Critics AWARD (IFMCA) sia l’ASCAP Film and Television Music Award per la colonna sonora.

Il ricco affresco musicale composto da Patrick Doyle (Brave, Hamlet, Sense and Sensibility ) ha messo nuove tendenze emozionali con restrizioni melodiche più scure nel mentre Harry Potter, Ron ed Hermione affrontano queste nuove avventure.

Justin Freer , Presidente di CineConcerts e produttore / direttore della serie di concerti di Harry Potter, spiega: “La serie di film di Harry Potter è un fenomeno culturale irripetibile che continua una deliziare milioni di fan in tutto il mondo.

È con grande piacere che portiamo per la prima volta ai fan di sperimentare i premiati brani musicali suonati dal vivo da un’orchestra sinfonica, il tutto mentre il film è proiettato contemporaneamente sul grande schermo.

Brady Beaubien di CineConcerts e Concert Producer per la serie di concerti di Harry Potter ha aggiunto: “Harry Potter è sinonimo di entusiasmo in tutto il mondo ed è fantastico scoprire che esegue questa incredibile musica con il film completo, il pubblico apprezzi di elenco nel suo mondo magico”.

Per maggiori informazioni su The Harry Potter Film Concert Series, visitare il sito

Auditorium Parco della Musica
Viale Pietro de Coubertin 30 – 00196 Roma

www.harrypotterinconcert.com

ORCHESTRA ITALIANA DEL CINEMA

Ufficio stampa

Elisabetta Castiglioni

+39 328 4112014 – info@elisabettacastiglioni.it

Social media marketing

Agenzia digitale XPLACE –

+39071 7821713 – www.xplacecompany.com

CineConcerts

Andrew P. Alderete
(818) 859-7500 – andrew@cineconcerts.com

Prodotti di consumo Warner Bros

Stephanie Clark

818-954-7308 – stephanie.clark@warnerbros.com

ORCHESTRA ITALIANA DEL CINEMA

Presidente: Marco Patrignani

Leggi anche:

https://www.buonaseraroma.it/roma2020/it/teatro/grande-successo-e-tanti-applausi-per-lomaggio-a-pino-pascali-alloff-off-theatre?fbclid=IwAR333JfT4sFKa1q_fxdKN4VXkJGfKeCpMk2zTJvEPi1qUdqs06PGNSzdHoE

https://unfotografoinprimafila.it/teatro-bublioteca-quarticciolo-polvere/